Skin ADV
Giovedì 27 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




MAGAZINE


LANDSCAPE


Gallipoli

Gallipoli

di Beatrice Folini



26.06.2019 Gavardo

25.06.2019 Pertica Bassa Bione Bagolino Pertica Alta

26.06.2019 Gavardo Valsabbia

25.06.2019 Gavardo

25.06.2019 Salò Garda

26.06.2019 Valsabbia

25.06.2019 Valsabbia Valtrompia Provincia

26.06.2019 Agnosine

25.06.2019 Valsabbia Garda

25.06.2019 Sabbio Chiese



10 Giugno 2018, 15.44

Calcio

L'Italia e i «figli della Dea»

di Luca Rota
L’Atalanta e il suo inesauribile vivaio hanno sempre rifornito il calcio italiano di pedine importanti. Non è un caso se da sempre un gran numero di giocatori poi rivelatisi campioni, ha mosso i primi passi in quel settore giovanile

L’altra sera in Italia - Olanda
, erano tantissimi gli uomini in campo ed in panchina, cresciuti nelle giovanili orobiche, o che vestono attualmente il nerazzurro bergamasco.

Partendo dall’altra metà campo, trovavamo in divisa orange l’inesauribile Hateboer ed il mastino/metronomo De Roon; di fronte a loro nella mediana azzurra Cristante, gioiello dell’ultima annata nerazzurra, promesso sposo romanista e l’ex capitano Bonaventura, nel finale sostituito da Baselli, ora cuore granata, ma in precedenza altro figliol prodigo di Zingonia.

Stessa storia spostandosi sulla fascia destra, dove operava Zappacosta, ora al Chelsea ed in precedenza al Torino, ma sempre proveniente da Bergamo.

In difesa non ha giocato Caldara, titolare nelle precedenti uscite, da poco passato alla Juve, ma pilastro della difesa di Gasperini dell’ultimo biennio. Se fossero stati convocabili avremmo visto sulle corsie laterali Spinazzola (anch’esso volato a Torino), Conti (ora al Milan) ed in mezzo Gagliardini (all’Inter).

Nella scorsa gestione ha vestito azzurro Petagna, centravanti sempre al servizio dei compagni di reparto, e con molta probabilità vestiranno azzurro tanti altri profili provenienti dalla giovanili nerazzurre.

Quando si dice lavorare bene e far crescere i giovani. Perché non esiste altro modo di creare cicli vincenti; bisogna saper attendere, dare fiducia e soprattutto non pretendere tutto e subito.

Menzione a parte meritano gli altri uomini che grazie alla Dea giocheranno il Mondiale (Freuler, Kessie), nonché gli altri nazionali (Ilicic, Gomez, Berisha) che in Russia non andranno, ma che avrebbero certamente meritato di andarci.

Aspettando di vedere con quali altri giovani - oltre ai già lanciati Mancini e Barrow - saprà stupirci ai nastri di partenza della A, sempre senza nulla togliere agli altri eccellenti vivai dei nostri campionati, sembra che quello che l’Italia ha con i “figli della Dea”, sia un legame decisamente forte.

Speriamo si dimostri indissolubile.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID76343 - 10/06/2018 16:32:15 (bernardofreddi)
Non sarebbe ora di seppellire l'assurda (e spesso purtroppo violenta) rivalità calcistica fra Brescia e Bergamo, due terre che per il resto hanno pressoché tutto in comune, abitate da due popoli che hanno lavorato, combattuto e sofferto insieme per secoli??



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/06/2018 15:48:00
Il vivaio del Calciochiese si affida a Simone Susio Il quotato tecnico gavardese rientra nel sodalizio storese dove sarà responsabile tecnico del vivaio biancazzurro

13/03/2018 10:56:00
Rispetto per tutti, paura di nessuno! Anche contro l’Atalanta, le giovani leonesse del Brescia calcio femminile (categ. Giovanissime regionali) hanno dimostrato una grinta straordinaria

19/02/2019 10:00:00
La nuova meglio gioventù Da anni ormai si parla di riforma del calcio italiano, svecchiamento, ripartenza e valorizzazione dei giovani. Da anni se ne parla, ma nessuno l’ha ancora messa in atto 

29/11/2018 08:35:00
Cittadella Un tempo c’era il Piacenza con la sua politica del made in Italy e molti erano i vivai meritevoli di lode, con quelli di Atalanta, Torino e Roma da sempre in prima fila nello sfornare ottimi campioni futuri

20/06/2008 00:00:00
Calcio in favore dell’Anffas Sport e solidarietà. All’insegna di questo motto nella serata delle finali del torneo notturno di calcio «I tre de Paitù» l’Assessore allo Sport Guglielmo Del Rio ha inserito una partita tra le ex rondinelle e una rappresentanza di alpini del posto.



Altre da Sport
25/06/2019

Pioggia di medaglie

È quella ottenuta a Corgeno dalla squadra giovanile di canottaggio della Canottieri Garda Salò. Dodici atleti sul podio della terza regata regionale D’Aloja  (1)

24/06/2019

Tutto pronto per la Ivars Tre Campanili

La mezza maratona di corsa in montagna organizzata dalla Libertas Vallesabbia si disputerà domenica 7 luglio. Ecco tutte le informazioni utili 

24/06/2019

Filippo Cavagnini, terzo posto nel Kumite Under 12

Il prestigioso titolo il giovanissimo atleta dell’Asd Garda Karate Team l’ha ottenuto all’Austrian Junior Open 2019 a Salisburgo

22/06/2019

Polisportiva Caffarese e SSD Bagolino, presente e futuro insieme

Si è concluso sabato 25 maggio a Bagolino il sesto anno del Progetto di avvicinamento allo sport “La Cultura dello Sport per i Nostri giovani” proposto da ASD Polisportiva Caffarese e SSD Bagolino agli alunni dei rispettivi plessi scolastici 

22/06/2019

Trofeo «Pietro Micca» per il 120° di fondazione

Un po’ meno partecipata di quanto ci si aspettasse la terza prova di Campionato Italiano Individuale disputata a Graglia, organizzata dall’associazione “Pietro Micca” di Biella nel suo anniversario di fondazione

19/06/2019

Santa Maria del Giogo e il Monte Rodondone

Mentre i “colleghi” del Gruppo Avanzato salivano al Monte Guglielmo, i giovanissimi alpinisti del Gruppo Base del CAI Vestone raggiungevano il monte Rodondone, tra Val Camonica e Val Trompia

18/06/2019

Esti Barghe terza ai nazionali

Il team valsabbino conclude alla grande la stagione con un terzo posto alle finali nazionali di Rimini. Ora un po’ di riposo in vista del ritorno sul campo a settembre (1)

18/06/2019

Da Cimmo al Monte Guglielmo

Meta dell’ultima escursione degli alpinisti del Gruppo Avanzato del CAI di Vestone è stata la “montagna dei Bresciani”, con partenza da Cimmo, frazione sopra Tavernole 

18/06/2019

Come scegliere le scarpe per il trail running ideali

Quando si parla di sport perfetti per il nostro benessere psicofisico non si può non prendere in considerazione il trail running

17/06/2019

Frapporti prima al Trofeo Città di Prato

Dopo una fuga, la stradista e pistard di Lavenone si impone nello sprint finale della gara Donne Elite nella città toscana
(2)

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia