Skin ADV
Mercoledì 21 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




19.02.2018 Valsabbia Giudicarie

20.02.2018 Vobarno Valsabbia

20.02.2018 Barghe

19.02.2018

20.02.2018 Vestone Gavardo Valsabbia

20.02.2018 Preseglie

19.02.2018 Storo

19.02.2018 Valsabbia Garda Provincia

20.02.2018 Vobarno

19.02.2018 Sabbio Chiese Roè Volciano






09 Ottobre 2013, 08.22

Terza pagina

La pazza folla ci salverà

di LoStraniero
Nel mio articolo dal titolo "Il cacciatore cieco", pubblicato su queste pagine qualche settimana fa, affermavo che per prendere le decisioni giuste bisognerebbe prevedere il futuro...

L’uomo non è però capace di prevedere il futuro e perciò quando è costretto a decidere si comporta generalmente come un cacciatore che spara a casaccio.
 
Alcune organizzazioni, per attenuare l’incertezza derivante dalla crescente complessità di questo mondo in cui sono costrette a decidere e a operare, quando non si rivolgono ai maghi o ai guru di turno, interpellano i cosiddetti “esperti”.
La ricerca ha dimostrato che questi esperti non ne indovinano una. Questo perché anche gli esperti sono uomini e gli uomini non sono capaci di prevedere il futuro.
E’ un limite della natura.
 
Decidere a caso o decidere secondo gli esperti è la stessa cosa: le probabilità di successo sono le stesse, solo che gli esperti costano un sacco di soldi.
Infatti, nei bilanci di queste organizzazioni, le spese di consulenza rappresentano una percentuale sempre più alta sul totale della spesa, anche quando non nascondono tangenti.
Gli esperti sono capaci solo di elaborare informazioni, non di prevedere il futuro.
 
E allora cosa possiamo fare?
Dobbiamo arrenderci di fronte alla necessità di dover decidere in condizioni d’incertezza senza alcun ausilio? Dobbiamo sparare alla cieca?
Forse un aiuto esiste: affidarci alla “intelligenza della folla”.
Le ricerche hanno dimostrato che esiste una specie di saggezza collettiva in grado di produrre decisioni migliori di quelle generate da piccoli gruppi di specialisti.
 
A questa strategia è stato assegnato il nome di “Crowdsourcing” e il giornalista americano James Surowiecki ci ha scritto un libro dal titolo “La saggezza delle folle”.
In sostanza, dato un problema complesso, sulla sua soluzione si decide di interpellare un gran numero di persone tramite le nuove tecnologie informatiche (Internet e altre reti).
La soluzione indicata dalla maggioranza delle persone interpellata è migliore di quella proveniente dal gruppo di esperti.
 
Spesso le persone facenti parte del gruppo di esperti s’influenzano a vicenda e perciò non è vero che le opinioni sono indipendenti le une dalle altre, mentre quelle provenienti dalla “folla” sono libere.
 
James Surowiecki cita il caso del sommergibile statunitense Scorpion che nel 1968 scomparve nell’Atlantico settentrionale.
In casi del genere si forma un gruppo di esperti e lo si fa ragionare sulle varie ipotesi per la ricerca del sottomarino scomparso, ma l’ufficiale John Craven seguì un metodo diverso.
Interpellò singolarmente un gran numero di persone di mare su vari scenari da lui elaborati, senza che queste persone potessero discutere insieme sugli scenari proposti.
 
Dall’analisi delle risposte riuscì a localizzare molto da vicino la zona in cui era finito il sommergibile.
Un altro esempio di questa strategia è Wikipedia, ma ce ne sono molti altri nei quali molte persone non esperte vincono su poche persone esperte: insomma la quantità vince sulla qualità.
 
A me la pazza folla è simpatica perché è capace di trovare soluzioni che si rivelano molto più geniali ed efficaci di quelle dei costosi e sussiegosi pseudo esperti professoroni.
 
LoStraniero
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID36760 - 09/10/2013 13:44:53 (Aldo Vaglia)
Conoscevo l'intellettuale collettivo di Gramsci, e la Psicologia delle Folle di Gustave Le Bon che delle folle ha questa opinione: "...le folle non sono in alcun modo illuminate dalla luce della ragione...per il solo fatto di appartenere ad una folla l'uomo scende di parecchi gradini la scala della civilta' diventando un istintivo, un primitivo, un barbaro..." Gramsci e Le Bon esprimono concetti diametralmente opposti. Ben venga anche 'la saggezza delle folle' se ci aiuta a prendere corrette decisioni.


ID36764 - 09/10/2013 16:35:30 (LoStraniero) Per Aldo
Qui la folla è intesa in un'accezione diversa. Qui ogni elemento interpellato esprime la sua personale opinione, non è influenzato dagli altri. C'è una moltitudine di opinioni distinte. Solo che sono tante, tantissime, insomma una folla. Questo è possibile grazie alla moderna tecnologia. La folla di Gramsci e di Le Bon è invece bestiale, è sobillata da agitatori sociali.


ID36774 - 09/10/2013 23:23:09 (Dru) Solo alcuni spunti
Prevedere il futuro considera possibile l'impossibile o negabile l'innegabile significato delle cose che si vorrebbe previste o così semplicemente viste.Se le cose le vediamo come libere di poter essere previste, così come il loro non poter essere previste, allora o la quantità ( la folla) o la qualità (gli esperti) si contendono il senso di questo dominio su di esse. Ma è questo senso che va riconsiderato e non semplicemente gli attori che se lo contendono.


ID36776 - 09/10/2013 23:46:36 (Dru) Noi crediamo...
...di poter prevedere o al contrario di non poterlo fare, certezza,incertezza, tutto, nulla e tutte le determinazioni, perché di queste crediamo il loro divenire l'altro da sé, credere il divenire altro da ciò che in origine è è credere nel nulla, è credere nell'indeterminata determinazione, nichilismo, questo indipendentemente da ogni concetto che si vorrebbe eccentrico al nichilismo stesso: volere dunque non è essere. Allora quando Lostraniero accenna al decidere o al scegliere, è nel solco di questo pensiero che si muove e qui sta l'origine di tutto ciò che pensiamo sulla previsione.


ID36811 - 11/10/2013 11:37:59 (sonia.c) la pazza folla?
si! è straordinario internet nel suo utilizzo positivo ( quello che tendiamo a sottovalutare nel pattume imperante!) le corbellerie viaggiano alla velocità dei (bit? si dice cosi?) ma anche l'intelligenza ..sarà anche poca, ma c'è! prima" era sicuramente più difficile ...ciaooooo


ID36812 - 11/10/2013 12:50:14 (LoStraniero) Per sonia
Ciao sonia, col mio articolo ho voluto solo segnalare una tendenza dei nostri tempi dovuta allo sviluppo della tecnologia.Se si consulta Wikipedia alla voce Crowdsourcing si tronvano indicazioni utili per aggiornarsi. D'altronde quanti forum intorno ad argomenti specifici esistono oggi in Internet dove si possono conoscere opinioni e punti di vista diversi della cosiddetta pazza folla? Dobbiamo prendere atto che le cose cambiano. Il mondo non è solo quello che abbiamo nella nostra testa.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/09/2013 07:21:00
Il cacciatore cieco Ognuno di noi, nel corso della vita, prende decisioni. E' costretto a prendere decisioni. Anche il decidere di non decidere è una decisione

19/11/2013 07:58:00
La ballata dei vigliacchi «Qualche tempo fa è stato pubblicato su queste pagine un mio articolo dal titolo “Flagelli d’Italia”. Ebbene: c'è dell'altro...»

14/10/2015 08:52:00
Il cattivo gusto del cacapensieri di turno Qualche tempo fa mi colpì una polemica, che trovò spazio in queste pagine, legata all’installazione di un logo metallico di generose dimensioni al centro di una rotatoria stradale, o rotonda, in quel di Storo

24/11/2012 08:12:00
Da Vanvera a Zonzo Lettore, tu sei un tipo curioso, altrimenti non saresti qui a leggere queste righe. Allora approfitto per raccontarti un sogno che ho fatto qualche notte fa. Uno dei pochi che sono riuscito a ricordare...

02/11/2011 08:00:00
Comandante Vigili, parola al sindaco Il sindaco di Gavardo Emanuele Vezzola ci scrive in merito all'articolo «Confronto serrato» da noi pubblicato su queste pagine. E precisa.




Altre da Terza Pagina
20/02/2018

L'Età del Rame nel Basso Chiese

C’è anche un po’ di Valsabbia nella mostra che sarà inaugurata giovedì 22 febbraio a Calvisano, nella Bassa Bresciana

19/02/2018

Il credito e la cooperazione in Valle Sabbia

Dopo l’Unità, l’Italia dovette adeguarsi ai Paesi occidentali più avanzati nell’industrializzazione, come la Germania, l’Inghilterra, la Francia...


17/02/2018

«La psicanalisi non è una psicoterapia»

Poco partecipato ma estremamente interessante il terzo incontro del ciclo “Il ritorno di Freud” che si è svolto lo scorso giovedì, 15 febbraio, in biblioteca a Vobarno

16/02/2018

Ciao partigiano Spinetti

Saranno celebrati questo lunedì alle 15 a Paitone i funerali di Mario Spinetti, scomparso all’età di 99 anni. Mario è un eroe della Resistenza. Riportiamo uno scritto di Massimo Mattei, che l’aveva intervistato quindici anni fa

14/02/2018

A Vobarno la Giornata del Ricordo

In occasione della celebrazione della Giornata del Ricordo è in programma per questo venerdì, 16 febbraio, presso la Biblioteca di Vobarno una narrazione teatrale a cura di Laura Mantovi

13/02/2018

Migranti e migrazioni

L’ultimo appuntamento a Gavardo della rassegna “Fabula mundi” ha trattato il tema delle migrazioni, delle cause, delle soluzioni fin qui adottate e delle prospettive future

11/02/2018

Carnevale ricchezza della comunità

All’inaugurazione della mostra dedicata al Carnevale di Bagolino organizzata dall’associazione artistica culturale Eridio a Ponte Caffaro un excursus e una riflessione sull’importante festa della comunità bagossa

11/02/2018

A giorni alterni

Esistono nella vita di ognuno di noi dei valori fondanti, ai quali mai dovremmo sottrarci. Non si è fedeli un mese si e un mese no, non si è credenti a semestri e non si é onesti a giorni alterni, così come non si è solidali solo d’estate invece che d’inverno. O lo siamo sempre o non lo siamo mai (1)

08/02/2018

Dalla memoria della Shoah al ricordo delle Foibe

In occasione del Giorno del Ricordo domani, venerdì 9 febbraio, a Vestone andrà in scena l’evento teatrale “Il grimaldello della memoria” con Pino Casamassima e Bruno Noris

07/02/2018

Il mondo del carnevale bagosso racchiuso in una mostra

Sarà inaugurata questo sabato 10 febbraio a Ponte Caffaro una mostra dedicata al carnevale di Bagolino e alle sue tradizioni organizzata dall'Associazione artistica culturale Eridio

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia