Skin ADV
Mercoledì 21 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




19.11.2018 Vestone Capovalle Valsabbia

20.11.2018 Casto Valsabbia

19.11.2018 Valsabbia Provincia

19.11.2018 Idro

19.11.2018 Vobarno

20.11.2018 Mura Valsabbia

19.11.2018 Casto Serle

19.11.2018 Villanuova s/C Provincia

19.11.2018 Provaglio VS

19.11.2018 Gavardo



19 Marzo 2012, 16.00

Lunedì 33

Bambini, adolescenti e Internet

di Donatella Cattarelli
Bambini in rete, fra opportunità e rischi: un approccio precoce ad un mondo non sempre e solo virtuale che va monitorato con attenzione.

In occasione della Giornata Mondiale del bambino e dell’adolescente del 19 novembre 2011, la Societ√† Italiana di Pediatria si √® trovata a discutere su uno dei temi pi√Ļ “caldi” di questo nuovo millennio: il rapporto con il web dei nostri figli con i suoi rischi e le sue opportunit√†.
Oggi il web è centrale, nelle possibilità come nelle problematiche.
La Rete offre enormi opportunità di comunicazione, per i bambini sani e per i bambini malati, per i bambini protagonisti e per quelli protagonisti sì, ma di cure e terapie.
Naturalmente la Rete ha anche i suoi “effetti collaterali” e presenta dei rischi: dal furto di identit√† al numero eccessivo di ore trascorse sul web, quindi seduti, con tutto ci√≤ che questo significa per l’epidemia di obesit√† in corso, fino ad arrivare ai drammatici casi di cronaca.
 
Una recente indagine condotta dalla rete EU Kids Online è stata realizzata su un campione di circa 25000 bambini e adolescenti di età compresa tra i 9 e i 16 anni che utilizzano Internet in 25 Paesi.
Dall’indagine √® emerso che l’et√† media del primo utilizzo di Internet √® 8 anni, che il 59% dei bambini e ragazzi hanno un profilo su social network, che il 30% dei bambini comunicano via Internet con sconosciuti e che solo il 24% dei genitori monitorano i siti visitati dai figli.
Per avere consigli e stimoli di riflessione per favorire un utilizzo consapevole e prevenire i principali rischi riporto un sunto dell’intervista, pubblicata sulla rivista Conoscere per Crescere, di Elisabetta Papuzza, psicologa, Area Minori e Nuovi Media Save the Children Italia.
 
“L’approccio al mondo dei nuovi media √® oggi quanto mai precoce e spesso caratterizzato da sorprendenti abilit√† tecniche dei pi√Ļ piccoli. Un mondo di relazioni e occasioni di apprendimento ma anche di pericoli, dall’adescamento alla dipendenza, soprattutto quando il mondo virtuale prevale su quello reale.
I ragazzi di oggi nascono e crescono insieme ad Internet e al cellulare, e i nuovi media fanno parte della loro quotidianità.
Iniziano fin da bambini, magari attraverso i videogiochi online e gi√† tra i preadolescenti questi strumenti diventano indispensabili, come un naturale prolungamento delle loro vite, in quanto soddisfano bisogni profondi e primari quali la comunicazione, la socializzazione, la conoscenza, anche l’affettivit√†; servono per sentire gli amici, rimanere sempre in contatto, condividere emozioni e ricordi, per “flirtare”.
 
Possedere un blog personale o appartenere ad un social network contribuisce a definire la propria identit√† e personalit√† sociale; il numero di contatti su Messenger, le caratteristiche del proprio profilo personale, i gruppi di interesse a cui si √® iscritti sono tutti elementi che definiscono il tipo di presenza e il proprio grado di “importanza” nella rete dei coetanei, nell’ambito di diritti umani fondamentali quali la partecipazione, il gioco, l’aggregazione, la libera espressione.
Internet permette di esplorare differenti aspetti della propria personalità, di provare emozioni e sentimenti molto forti e di sperimentare forme di partecipazione e di libertà di espressione che difficilmente il mondo adulto garantisce ai giovani negli spazi reali del vivere quotidiano.
La possibilit√† di far girare in Rete contenuti, prodotti attraverso cellulari o videocamere, rende la Rete ancora pi√Ļ interessante agli occhi dei ragazzi e consente loro di acquisire quella visibilit√† di cui, peraltro, sembra essi abbiano oggi incredibilmente bisogno. Il fatto di non vedersi e di non sentirsi direttamente, o di non entrare in contatto visivo, o anche di non conoscersi, abbassa la soglia di timidezze e inibizioni, per cui spesso nella comunicazione in Rete si raggiungono elevati livelli di confidenza e intimit√† e a volte, di seduttivit√†, proprio perch√© l’altro/a pu√≤ essere uno sconosciuto e come tale, liberamente immaginato e idealizzato.
 
I ragazzi tendono a percepire la rete come uno spazio molto privato e non si rendono conto che invece “navigare” significa frequentare una piazza virtuale di relazioni e contatti, e tutto questo non dovrebbe rimanere totalmente estraneo alla vista degli adulti di riferimento, cos√¨ come sarebbe opportuno che ogni genitore sia al corrente delle persone che i propri figli frequentano di solito e di come trascorrono il proprio tempo.
Tra i principali pericoli ci sono l’esposizione a contenuti violenti e non adatti, i videogiochi diseducativi, il contatto con adulti sconosciuti (adescamento), pubblicit√† ingannevoli, scorrette informazioni su ricerche scolastiche, diete, l’acquisizione (download) di musica o film coperti dal diritto d’autore, molestie o maltrattamenti da coetanei (cyber-bullismo), l’uso eccessivo di Internet/cellulare (dipendenza), la mancata tutela della propria privacy.
 
I genitori devono prima di tutto assicurarsi che l’utilizzo di tali strumenti tecnologici, nell’economia della giornata dei propri figli, non prevalga a scapito di spazi di aggregazione concreti, di attivit√† sociali, ricreative, sportive.
Non deve tanto preoccupare il fatto che i bambini e ragazzi usino Internet e cellulari, quanto piuttosto come li utilizzano, per soddisfare quali bisogni e in che misura rispetto al resto del loro tempo, delle loro relazioni sociali, delle loro attività.
√ą importante capire se ne fanno un utilizzo integrativo oppure sostitutivo, cio√® se Internet √® l’unico modo per stare insieme agli altri e condividere emozioni, oppure se i nostri figli hanno una vita sociale, se si sanno rapportare adeguatamente agli altri in una relazione diretta, se nel loro tempo libero riescono ad incontrarsi con gli amici, a fare sport, a curare interessi ed hobby, a studiare secondo le loro capacit√†, in quanto per crescere √® necessario sviluppare relazioni significative con persone vere, a cui legarsi affettivamente e apprendere e sperimentarsi concretamente all’interno di situazioni reali.
 
Il ruolo degli adulti in questo campo è cruciale.
Per un genitore questo significa occuparsi dell’educazione sentimentale dei propri figli anche rispetto ad Internet, per aiutarli a capire, ad esempio, quando si subisce il fascino di un incontro in Rete, o ci si sente offesi per il comportamento online di qualche amico, o turbati dalla visione di certe immagini, o influenzati da certe informazioni o opinioni.
L’utilizzo dei filtri parentali di controllo deve essere concordato e condiviso con i figli, oltre che monitorato nel tempo da parte dei genitori, con il corretto grado di attenzione rispetto alla crescita e all’et√† e mai considerato unico strumento di prevenzione.
Può essere utile scrivere insieme un regolamento e apporlo vicino al computer, come anche stilare un patto simile riguardo al cellulare e/o a eventuali videogiochi.
 
Tale accordo pu√≤ riguardare i tempi dell’utilizzo e il rispetto degli spazi e dei momenti propri e altrui (l’impatto sui pasti in famiglia, sullo studio, sul riposo, sulla vita sociale, ecc.).
Le regole possono inoltre riguardare il contenuto dei videogiochi, dei siti visitati; si pu√≤ per esempio stabilire che certi siti non possono essere visti, oppure solo in nostra presenza e riflettere insieme sulla natura dei contatti che il proprio figlio intrattiene in Rete o via SMS.”
Le riflessioni che possono derivare dalla lettura di questa intervista non ci devono tuttavia far dimenticare la meravigliosa opportunità offerta dal web: alfabetizzare tutti i bambini al web vuol dire aprire loro le porte del mondo.

Dr.ssa Donatella Cattarelli
Direttore Unità Operativa Pediatria e Neonatologia
Ospedale di Gavardo
Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/01/2015 11:54:00
Cyberbullismo, prevenirlo e affrontarlo Il tema dei ragazzi alle prese con le nuove tecnologie e il mondo virtuale √® al centro dell’incontro in programma gioved√¨ sera presso la biblioteca di Vobarno

17/11/2015 09:50:00
Adolescenti intrappolati nella rete √ą dedicato al tema adolescenti e internet, fra rischi e opportunit√†, l’incontro di gioved√¨ sera all’oratorio di Villanuova rivolto a insegnanti, educatori e genitori

22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunit√† e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

27/03/2015 09:22:00
Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet Oggi l’accesso alla rete √® sempre pi√Ļ facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


30/03/2011 08:00:00
Giovani e l’uso consapevole di Internet Una serata per conoscere la rete Internet, i rischi e le opportunit√† con esperti della Polizia Postale venerd√¨ 1 aprile alle 20.30 a Vobarno.



Altre da Salute
18/11/2018

Doppio traguardo alla maratona di New York

Una sfida nella sfida quella vissuta da Alex Zaninelli che, dopo aver superato un difficile periodo di malattia, ha partecipato alla mitica maratona della Grande Mela
(2)

13/11/2018

Elettrofisiologia e nuova Tac

Oltre 2 milioni di euro destinati da Regione Lombardia all’Ospedale di Gavardo nel piano di investimenti della sanit√† lombarda (3)

13/11/2018

Benessere Bimbo

Prende il via questo mercoledì 14 novembre presso le biblioteche un ciclo di incontri organizzati dal Sistema bibliotecario Nord Est bresciano in collaborazione con l'ASST del Garda sul benessere e la salute del bambino

07/11/2018

Lavori per la nuova Psichiatria

Aperto il cantiere per il nuovo reparto di Psichiatria al presidio ospedaliero di Gavardo dell'Asst del Garda

25/10/2018

¬ęGiovedInforma¬Ľ, scuola di assistenza famigliare

La vecchiaia, l’assistenza domiciliare, i disturbi della demenza, difficolt√† di linguaggio, fra gli argomenti del ciclo di incontro promossi dalla Fondazione La Memoria di Gavardo insieme ad altri enti (1)

11/10/2018

Massardi: ¬ęInterventi per pacemaker tornino a Gavardo¬Ľ

√ą la richiesta del consigliere regionale Massardi all’assessorato al Welfare di Regione Lombardia per ripristinare l’installazione del pacemaker nel nosocomio gavardese, interrotta nei mesi scorsi (3)

09/10/2018

Alitosi: ne soffre 1 italiano su 4

Il 25% degli italiani soffre di alitosi e in 6 casi su 10 il disturbo è causato da un problema a denti e gengive

09/10/2018

Morire avvelenati: non si può

Nel territorio bresciano si lotta tra la vita e la morte, ma pochi sembrano rendersi conto della gravità dell'epidemia di polmonite che ha colpito centinaia di residenti nell'ultimo mese (7)

08/10/2018

Un nuovo Gruppo di cammino

L’iniziativa dell’Ats Brescia prende il via questo marted√¨ anche a Vallio Terme con la collaborazione del Comune

07/10/2018

Incontro con la naturopata

Francesca Scalmana sarà presente domani Рlunedì 8 ottobre Рin Biblioteca a Sabbio Chiese per un incontro aperto a tutti sulla naturopatia 

Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia