Skin ADV
Venerdì 23 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




22.02.2018 Vallio Terme Giudicarie

21.02.2018 Giudicarie

21.02.2018 Idro Vobarno Sabbio Chiese Villanuova s/C Garda

22.02.2018 Valsabbia Muscoline

21.02.2018 Vobarno Valsabbia

21.02.2018 Gavardo

22.02.2018 Gavardo

21.02.2018 Preseglie

21.02.2018 Preseglie

21.02.2018 Gavardo






12 Settembre 2017, 07.44
Serle Valsabbia
Richiedenti asilo

Serle riparte con lo Sprar

di red.
L'Amministrazione comunale di Serle ha deciso di attivare un progetto "Sprar" in luogo del "Cas" ancora presente in via Panoramica. Ne abbiamo parlato col sindaco Bonvicini

Salvo proroghe è scaduto ieri, 11 settembre, il termine utile per i soggetti del Terzo settore per presentare al comune di Serle la propria disponibilità a co-progettare ed attuare un progetto Sprar, acronimo che sta per “Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati”, che nel caso del Comune dell’Altopiano significa accogliere non in modo continuativo 10 rifugiati politici a partire dal prossimo mese di gennaio e fino alla fine del 2020.

Il Sistema Sprar prevede la realizzazione di un’ “accoglienza integrata” che pone l’ente locale primo e diretto responsabile di un progetto che deve prevedere “misure di informazione, accompagnamento, assistenza ed orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico”.

Ben oltre, quindi, la sola distribuzione di vitto e alloggio e oco più prevista dai Cas (Centri di accoglienza straordinaria).
Per intenderci e sempre rimanendo sui fatti serlesi, la struttura attivata in via Panoramica dalla Società Medica è un Cas, è in capo totalmente al soggetto privato Società Medica srl, che riceve dal ministero i famosi 35 € giorno per richiedente ospitato e con i quali dovrebbe mantenere gli ospiti.
Struttura che verrà di fatto chiusa proprio grazie all’attivazione dello Sprar da parte dell’Amministrazione comunale.

Il comune di Serle con delibera di Giunta e successivo avviso pubblico ha avviato l’iter che porterà all’attuazione di questo progetto che porterebbe in sé notevoli vantaggi.
Abbiamo chiesto al sindaco di Serle, Paolo Bonvicini, di spiegarci il senso e i motivi di tale scelta.

Perché il progetto Sprar ?
Il progetto Sprar prevede un coinvolgimento diretto dell’ente locale in particolare nell’aspetto di controllo e di rendicontazione economica dei fondi ministeriali destinati allo stesso, cosa che non avviene nel caso del CAS di via Panoramica. Con il bando si procede poi alla selezione di un ente del terzo settore in possesso di comprovata esperienza nell’accoglienza e di rigidi requisiti riguardanti la sfera della condotta morale.
Come amministrazione, anche a seguito di quanto avvenuto nel corso dell’estate, ci sentiamo in dovere di fare questo passo che porta in sé diversi vantaggi a tutela e sviluppo della comunità locale ed anche dei rifugiati che verranno accolti.

Quali sono questi vantaggi?
Oltre al già citato aspetto di controllo e di rendicontazione del contributo erogato dal ministero il comune potrà avvalersi della cosiddetta “clausola di salvaguardia” ovvero avrà la garanzia che non verranno inviati dalla Prefettura, nel territorio comunale, ulteriori rifugiati oltre a quelli previsti dalla quota di ripartizione del 2,5% ogni 1000 abitanti come da accordi tra ANCI e Ministero dell’Interno.
Nel nostro caso aderendo come singolo comune tale quota è di 10 posti.

Avremo così la certezza e la garanzia che nel nostro comune non verranno attivati nuovi e ulteriori progetti, né Cas per l’intera durata del progetto quindi sino al 2020.
Mette quindi al riparo il comune da possibili nuove attivazioni di strutture di accoglienza da parte di soggetti privati, elemento che nelle condizioni in cui eravamo fino a ieri non era possibile escludere.
Tale “clausola di salvaguardia” è applicabile solo ed esclusivamente aderendo ad un progetto Sprar.

E la struttura già attiva di via Panoramica?
Quella struttura nel momento in cui inizierà il progetto Sprar verrà chiusa e i richiedenti verranno trasferiti in altre strutture site in altri paesi. Ciò sarà reso possibile proprio grazie alla “clausola di salvaguardia” che il comune intende far valere grazie all’attivazione dello Sprar. A quel punto nel comune rimarranno solo i 10 rifugiati del progetto Sprar.

Il comune di Serle ha individuato per la realizzazione del progetto due propri locali, si tratta di casa Boifava, sita vicino alla piazza Boifava e il piano primo di Villa Brivio, come mai questa scelta?

Premesso che delle strutture andavano individuate per l’attuazione del progetto, ma la scelta è caduta su queste ultime perché entrambe le strutture necessitano di sistemazione/ristrutturazione ed ammodernamento.

Un’altra opportunità che è prevista nel progetto Sprar, infatti, è quella di impiegare parte del contributo ministeriale destinato al progetto per la sistemazione/ristrutturazione di immobili comunali impiegati per l’accoglienza, da realizzarsi prima dell’ingresso degli ospiti.

Nel caso nostro i due immobili individuati necessitano entrambi di tali interventi che verranno sistemati e resi agibili.
Inoltre l’immobile “Casa Boifava” si trova proprio tra il comune e l’oratorio quindi crediamo in una posizione ottimale per l’attuarsi di un sereno processo d’integrazione.
Discorso simile per il primo piano di Villa Brivio prossima al centro sportivo di frazione Villa, il cui piano terra ridiverrà presto sede del custode dell’area, e quindi a contatto con realtà sportive locali, che auspichiamo sapranno applicare i principi di condivisione e rispetto dell’altro insiti nell’educazione sportiva.

Finiti i tre anni cosa succede agli immobili?
Finiti i 3 anni di progetto Sprar, quindi a questo punto siamo nel 2020, l’amministrazione che verrà potrà decidere di riutilizzare gli immobili per un nuovo progetto Sprar oppure di utilizzarli per altri fini come alloggi popolari, centri culturali, ecc, in ogni caso avremo due immobili, uno ad oggi inagibile, l’altro in precarie condizioni che verranno ristrutturati, resi agibili e messi a disposizione della comunità.

Ci sono altri vantaggi che porta in sé il Progetto Sprar?
Un altro, diciamo così, aspetto positivo è che i rifugiati che vi accederanno avranno già tutti ottenuto lo status di rifugiato, sono stati quindi identificati e riconosciuti come tali dall’apposita commissione giudicatrice attivata dalla Questura. Ricordo che invece gli ospiti di via

Panoramica e in generale chi soggiorna nei Cas sono per la maggiore profughi sbarcati da poco in Italia ed ancora in attesa di riconoscimento della richiesta di asilo. Avremo quindi la garanzia di ospitare persone che ne hanno realmente bisogno.

In sintesi?
1) Maggior controllo e rendicontazione economica da parte del comune.
2) Vera accoglienza con un progetto che mira ad una reale integrazione, inclusione.
3)Attuazione del progetto da parte di soggetti del terzo settore con comprovata esperienza epossesso di rigidi requisiti, che dovranno collaborare con l’amministrazione.
4) Attivazione della clausola di salvaguardia ovvero “10 posti e basta” da qui a fine progetto.
5) Contributi da parte del ministero per la sistemazione/ristrutturazione degli immobili comunali.

.in foto: fronte e retro dell'immobile da ristrutturare "Casa Boifava", vicino all'omonima piazza.



Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/12/2017 08:00:00
Finanziamento per progetto Sprar C’è anche il Comune di Serle fra i beneficiari dei contributi assegnati dal ministero dell’Interno per i progetti di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati presentati nell’ambito della rete Sprar

17/10/2017 08:00:00
«Migrazioni e Accoglienza» Si terrà nella serata di giovedì, 19 ottobre, presso il teatro dell’oratorio l’incontro organizzato dal Comune di Serle sul tema dell’accoglienza. Verrà presentato anche il progetto Sprar

06/04/2017 09:53:00
La «clausola di salvaguardia» funziona Almeno per Roè Volciano, uno dei pochi paesi valsabbini che ha accettato di costituire un Sprar per l'accoglienza dei profughi secondo i dettami della Prefettura

15/07/2017 08:27:00
Parola al sindaco Paolo Bonvicini, sindaco di Serle, dopo aver inviato nel residence l'agente della Locale vi si è recato in prima persona: «C'erano più di trenta brande occupate - ha detto -. Non capisco perchè la prefettura, anche a noi che siamo disponibili all'accoglienza, ci dice una cosa e poi ne permette un'altra» 

21/10/2017 13:00:00
«Migrazioni e accoglienza», una serata per informarsi Un pubblico poco numeroso ma molto attento ha partecipato, lo scorso giovedì sera, all’incontro sul tema dei richiedenti asilo organizzato a Serle. I relatori hanno fatto chiarezza sui tanti punti che spesso creano confusione



Altre da Serle
22/02/2018

Al via il Raduno Speleologico Lombardo

Questo fine settimana, sabato 24 e domenica 25 febbraio, il Comune di Serle ospiterà il Raduno Speleologico Regionale Lombardo. In programma la presentazione di lavori e video degli speleologi e l'assemblea della Federazione Speleologica Lombarda

17/02/2018

Quattro Comuni ai blocchi di partenza

Tra lunedì 19 e sabato 24 febbraio, in Valle Sabbia, i Comuni di Vallio Terme, Vobarno, Paitone e Serle abbracceranno la sfida del “porta a porta”

15/02/2018

Sativa, un corso sul piano di sviluppo rurale

Nell’ambito dell’azione 3 del progetto Sativa 2.0 il Comune di Serle, in collaborazione con la Cooperativa Eliante, organizza nelle giornate di martedì 20 e mercoledì 21 febbraio un corso di presentazione e approfondimento del vigente piano di sviluppo rurale

09/02/2018

Bresciaoggi vs Serle

Si arricchisce di nuove puntate la diatriba innescata fra il quotidiano bresciano, il sindaco e la comunità serlese (1)

04/02/2018

Titoli ad effetto... boomerang

Non possiamo stare zitti, se vogliamo essere interpreti di ciò che avviene su un territorio come la Valle Sabbia, di fronte ad un modo becero di fare giornalismo, da dove meno te lo aspetti. Il caso di Serle e di Bresciaoggi
(3)

31/01/2018

«Ciacolada al ciàr de lüna»

La camminata notturna non competitiva sui sentieri dell’Altopiano di Cariadeghe è in programma per questo sabato, 3 febbraio, con partenza dal rifugio degli Alpini

23/01/2018

Pratiche online, nuovi servizi 24h

Per i comuni di Agnosine, Barghe, Bione, Preseglie, Serle e Treviso Bresciano è attiva la modulistica telematica dei procedimenti demografici (2)

16/01/2018

Incontri e distribuzione kit

Continuano nei diversi Comuni della Valle Sabbia gli incontri informativi per la popolazione e la distribuzione del materiale per l’avvio della raccolta porta a porta dei rifiuti

16/01/2018

Sativa, parte il corso di tree climbing

Nell’ambito dell’azione 3 del progetto Sativa 2.0. il Comune di Serle organizza un corso per l’abilitazione alla potatura in quota su fune. Obiettivo il rafforzamento della capacity building della comunità locale

12/01/2018

Sativa, pubblicate le graduatorie

Sono state rese note le graduatorie definitive delle aziende risultate aggiudicatarie dalle procedure di selezione pubblica dell’azione 1 di Sativa 2.0., il progetto volto a valorizzare le potenzialità del territorio locale

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia