Skin ADV
Mercoledì 23 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Narcisi

Narcisi

by Claudio



21.05.2018 Gavardo

22.05.2018

21.05.2018 Anfo

21.05.2018 Bione

21.05.2018 Vestone Lavenone

22.05.2018 Bagolino

22.05.2018 Idro Vobarno Valsabbia

21.05.2018 Vobarno

21.05.2018 Lavenone

22.05.2018 Casto






09 Febbraio 2018, 19.11
Serle Valsabbia
L'opinione

Bresciaoggi vs Serle

di Ubaldo Vallini
Si arricchisce di nuove puntate la diatriba innescata fra il quotidiano bresciano, il sindaco e la comunità serlese

«Serle un paese di pistoleri» aveva titolato in prima pagina Bresciaoggi.
Una frase virgolettata che ha innescato una polemica fra il quotidiano e il sindaco di Serle, Poalo Bonvicini.

Quel che ne pensavamo a questo riguardo l’abbiamo già scritto nei giorni scorsi, fornendo ampiamente i dati necessari per approfondire le nostre deduzioni.

Sembrava quella solo una brutta pagina di giornalismo, invece, mercoledì scorso, ecco Bresciaoggi tornare nuovamente su Serle e a tutta pagina titolare «Il sindaco ce lo dica e staremo lontani» frase attribuita al popolare psichiatra, scrittore e sociologi Paolo Crepet il quale, incalzato dalle domande della giornalista bresciana Magda Biglia, spara a zero (verbalmente si intende) soprattutto contro il sindaco reo, a suo dire, di affermare che a Serle «è lecito sparare e che per un ladro vige la corda al collo».

Questa volta Bonvicini non si è rivolto a Bresciaoggi
, ma direttamente a Crepet, affermando ciò che fin dalla prima sentenza pronunciata su Mirco Franzoni ha sempre sostenuto e cioè che è giusto che la giustizia faccia il suo corso secondo quanto previsto dalle leggi dello Stato.

Crepet ha risposto così:

«Egregio signor sindaco, dott. Paolo Bonvicini, ho ricevuto la sua mail nella quale esprimeva amarezza per ciò che è stato riportato sul quotidiano BresciaOggi e attribuitomi.
Vorrei innanzitutto chiarire che non è mia intenzione in alcun modo, ne’ direttamente ne’ indirettamente, attribuire a lei e alla sua amministrazione alcuna nota critica sulle vicende di cui in cronaca, ma mi sono solo posto degli interrogativi legittimi.

Mi è stato raccontato di una comunità arroccata attorno al reo dell’omicidio, ma sono ben contento di venire da lei a sapere che non è così e che lei e la sua amministrazione siete di parere diverso.

Nella mia intervista ho voluto fare un ragionamento generale sul pericolo che stiamo correndo -parlo della nostra comunità- quando si perde il rapporto tra ciò è lecito e ciò che lecito non potrà mai essere, ovvero privare della vita un essere umano.

Ho detto e ribadisco che su questo, soprattutto oggi, occorre pretendere la massima chiarezza e la totale mancanza di ambiguità da parte di tutti i cittadini e di chi li rappresenta.
Non ho mai pensato che “difendersi da se’” accresca il grado della nostra civiltà, ma la fa sprofondare nel buio della storia più abbietta dell’umanità.

Se questo mio pensiero è stato in qualche modo frainteso e mal riportato, me ne dissocio totalmente.
Se le mie parole riportate sono sembrate offensive, ribadisco che non era certo mia intenzione e me ne rammarico, anche perché ciò sposta l’attenzione dal problema principale: ovvero che ogni cittadino è uguale davanti alla legge.

Con questo spero che il mio pensiero sia stato chiarito da ogni equivoco e mala-interpretazione.
Molto cordialmente,
Paolo Crepet».


Nonostante la campagna ormai scatenata di Bresciaoggi
tenda ad accreditare il fatto che a Serle tutti ritengono che Mirco abbia fatto bene a sparare a un ladro, questo non è vero.

Di più: lo stesso Mirco Franzoni non ha mai voluto affermare nulla del genere, limitandosi a raccontare la sua versione e ad accettare le conseguenze del suo gesto.
Chi gli è stato vicino, l’ha fatto per solidarietà umana, come si fa con i familiari e gli amici, soprattutto quando questi sbagliano. Non certo con l’intenzione di giustificare un omicidio o di affermare che bisogna prendere a fucilate i ladri.

Insomma: un’altra pagina di pessimo giornalismo, che sicuramente farà vendere a Bresciaoggi più copie, a discapito della sua autorevolezza, su questo non abbiamo dubbi.

Attenzione però: oggi è toccata a Serle e al suo sindaco, ma se modalità di "far sensazione" e di rialzare le sorti di un quotidiano è questa, domani certo toccherà ad altri.
Su questa questione gli amministratori bresciani tutti dovrebbero fermarsi un attimo a riflettere.

Spero che i lettori si attrezzino alla svelta e riescano a capire quali sono i giornali migliori e per trovare il modo di premiarli.
Altrimenti chi fa disinformazione, alla fine avrà sempre più ragione.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75153 - 10/02/2018 13:48:52 (Giacomino) Sono molti
di questi tempi i cosidetti organi di stampa che fanno disinformazione sapendo cosa fanno, preoccupati solo di sbattere in evidenza notizie di cronaca più o meno sensazionali.un buon giornale unitamente al compito di fare informazione si deve sentire anche impegnato a fare perchè no formazione, a lungo andare il gossip allontana gli elettori



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/12/2017 10:51:00
A Serle tutti con Mirco Grande attesa ieri a Serle per il verdetto della Corte d'Appello di Brescia per la vicenda giudiziaria di Mirco Franzoni, che trova la vicinanza di quasi tutti i compaesani


19/05/2017 07:44:00
Serle: rinvio a giudizio per Mirco Franzoni Nuovo capitolo nella triste vicenda che risale a dicembre del 2013 quando, dopo una colluttazione, venne ucciso a Serle con un colpo di fucile Eduard Ndoj, ladro di origini albanesi

14/12/2017 10:47:00
Condanna a 9 anni e 4 mesi per Mirco Franzoni Questa la sentenza di primo grado per il 33enne di Serle che uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro entrato nell’abitazione del fratello. Riconosciute le attenuanti

16/12/2017 12:03:00
Vicinanza a Mirco e alla sua famiglia Passata l’onda mediatica dei giorni scorsi, l’Amministrazione comunale di Serle dice la sua in merito alla sentenza di primo grado su Mirco Franzoni

01/03/2014 09:16:00
Una colletta per Mirko Un sostegno alle spese legali di Mirko Franzoni, il 29enne di Serle finito nei guai per aver ucciso un ladro che poco prima gli era entrato in casa, arriva dalla provincia di Lecco



Altre da Serle
22/05/2018

«Bat Night» sull'Altopiano

C’è tempo fino a domani, mercoledì 23 maggio, per iscriversi alla passeggiata nei boschi dedicata alla scoperta dei pipistrelli nell’ambito del progetto Sativa 2.0

19/05/2018

Accoglienza, tra luoghi comuni e realtà

Questo il tema dibattuto in città lo scorso 10 maggio, in un incontro pubblico organizzato dalla rete dei progetti Sprar del territorio bresciano

17/05/2018

Cambio della guardia

Dopo 18 anni, il maestro Bernardo Zanola lascia la presidenza della Proloco di Serle. Gli subentra il giovanissimo Marco Tonni


16/05/2018

Monumento Naturale Altopiano di Cariadeghe, come stanno le cose

Pubblichiamo la lettera inviata dal sindaco di Serle, Paolo Bonvicini, per far chiarezza circa il futuro dell’Altopiano di Cariadeghe a seguito della riforma regionale del 2016 sulla gestione delle aree protette, fra e quali rientra l'Altopiano serlese in quanto Monumento Naturale

16/05/2018

Progetto «Innat», venerdì la presentazione

Un progetto dedicato alla salvaguardia degli insetti quello che verrà presentato questo venerdì, 18 maggio, a Serle


15/05/2018

Quattro passi in Cariadeghe

C’è tempo fino a questo giovedì per iscriversi all’evento naturalistico organizzato per sabato 19 maggio sull’Altopiano di Cariadeghe nell’ambito del progetto Sativa 2.0 



13/05/2018

A Serle la primavera è di cultura

Il Comune valsabbino aderisce nei mesi di maggio e giugno a diverse iniziative culturali aperte a tutti

04/05/2018

Arrivati i primi rifugiati con lo Sprar

Sono arrivati la scorsa settimana i primi sei titolari di protezione internazionale destinati al progetto Sprar a Serle

02/05/2018

«Voci nella notte dell'Altopiano»

Questo venerdì, 4 maggio, una bella opportunità per appassionati e curiosi di osservare e conoscere meglio le creature della notte che popolano l'Altopiano di Cariadeghe

26/04/2018

La melodia vincente delle «Bianche Note»

Lo scorso sabato la corale degli alunni delle scuole primaria e secondaria di Serle, diretta dal maestro Cesare Maffei, ha ottenuto il primo posto alla rassegna provinciale “Cori di classe 2018”. Al secondo posto gli alunni delle quinte della primaria di Roè Volciano

Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia