Skin ADV
Sabato 18 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




16.08.2018 Roè Volciano

16.08.2018 Val del Chiese Storo

17.08.2018 Vestone

17.08.2018 Idro Bagolino Anfo

17.08.2018 Bagolino

16.08.2018 Bagolino Val del Chiese Storo

16.08.2018 Idro Treviso Bs Capovalle

17.08.2018 Vestone

17.08.2018

16.08.2018 Garda



09 Agosto 2018, 08.45
Serle
Dispersa a Serle

«Cariadeghe non è il triangolo delle Bermuda»

di c.f.
Smontato anche l’ultima tenda della Protezione civile ma nel fine settimana altri volontari proseguiranno le ricerche. Intanto il sindaco Paolo Bonvicini rassicura sulla sicurezza dell’altopiano

Dopo il presidio ufficiale di forze dell’ordine, Vigili del fuoco e Soccorso alpino, durato dal 19 luglio, giorno della scomparsa della piccola Iuschra, fino al 29, da lunedì anche la Protezione civile ha levato le tende.

Ma le ricerche non si fermano, nella consapevolezza che la ragazzina non può essere sparita nel nulla. Per questo anche in questi giorni, gruppi spontanei e di volontari percorrono i sentieri dell’Altopiano sperando di trovare un segno del passaggio di Iuschra.

I volontari della Protezione civile di Serle torneranno sull'altipiano con le loro tende nei fine settimana e il giorno di Ferragosto.

Dopo settimane che Serle è rimasto sulle prima pagine dei giornali e sulle televisioni nazionali e locali, il sindaco Paolo Bonvicini, sollecitato anche da diversi concittadini, ha voluto rassicurare in merito alla sicurezza dell’altopiano di Cariadeghe per gli escursionisti e visitatori, diffondendo la seguente nota.


«L’Altopiano di Cariadeghe e il carso bresciano in generale non possono essere considerati una sorta di “triangolo delle Bermuda” dove chi vi arrivi possa rischiare di “venir inghiottito o risucchiato” come in una sorta di “buco nero”.

Sono innumerevoli le famiglie con bambini, le scolaresche ed i gruppi che ogni anno raggiungono l’altopiano principalmente per finalità ricreative, escursionistiche o didattiche, attratti e affascinati dalla bellezza dei luoghi visitati, che valutano con apprezzamento e soddisfazione.

Alcuni riferimenti a singolari episodi del passato
, che avrebbero visto disperdersi nei boschi serlesi alcune persone, hanno una natura, una storia ed una caratteristica completamente differente rispetto alla vicenda della piccola Iuschra, con la quale non possono certamente venir paragonati.

Possiamo perciò dire che mai prima d’ora un solo bambino si sia disperso nell’altopiano di Cariadeghe.

Certamente il dibattito, in questi giorni, rimane forte sul se sia stato buona cosa portare un gruppo di ragazzi disabili e la piccola Iuschra, aventi determinate e particolari caratteristiche, nel nostro paese e se non sia il caso in futuro di dotarli di dispositivi gps così da poterli rintracciare agevolmente in caso di fuga.
Su questi aspetti non vogliamo esprimerci non avendo la competenza per farlo ed anche per rispetto delle persone coinvolte nella vicenda e per l’inchiesta in corso.

Ci permettiamo, tuttavia,
di dire, per quel che ci è dato comprendere, che probabilmente ogni luogo e contesto, con questi bambini, possa divenire un potenziale scenario di pericolo e di rischio. La zona dove il gruppo campeggiava è certamente tranquilla, con prato verde ed area pic-nic. Nei pressi vi sono parcheggi, bar e alcune case. Si trova nelle aree “di prima accoglienza” dell’altopiano poste ai margini o in conclusione della strada asfaltata principale che sale nel luogo. Anche il tragitto di un chilometro che la piccola ha, quasi certamente, percorso prima di disperdere ogni traccia è una strada sterrata agro-silvo-pastorale a tratti impervia ma non certo un pericoloso sentiero.

Indubbiamente a fianco di queste zone più sicure vi è il bosco con diversi sentieri ma anche con tutte le insidie tipiche di un qualsiasi territorio boscato e con l’aggiunta della presenza di molteplici cavità carsiche, queste si peculiarità dell’Altopiano di Cariadeghe. Anche tali buchi, tuttavia, non si trovano nell’immediata vicinanza della zona pic-nic e i più sono distanti anche dalle strade agro- silvo-pastorali.

Tutto ciò era doveroso sottolinearlo per ridisegnare un’immagine dell’ altopiano di Cariadeghe più equilibrata e realistica di quella che in taluni casi è stata diffusa nei giorni delle ricerche».

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID77128 - 09/08/2018 12:27:01 (Tc)
E se non fosse piu' li a Serle? Se fosse stata rapita? Se non la si trova ,bisognerebbbe seguir altre piste,almeno tentare...


ID77132 - 09/08/2018 15:10:27 (ibisco) Ma scusi
Non le sorge il dubbio che lo stiano gia' facendo?


ID77133 - 09/08/2018 17:36:08 (Tc) ibisco...
Probabile,ma non si sa niente in merito,si sa solo che si continua a cercare a Serle...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/07/2018 06:12:00
Ripartono le ricerche, ecco come vengono organizzate Nemmeno gli elicotteri e i droni dotati di sensori termici sono riusciti nella notte ad individuare la presenza di Iuschra, la ragazzina di 12 anni, autistica, dispersa a Cariadeghe. E l’angoscia cresce

24/07/2018 06:50:00
Oggi scade il termine per le ricerche La macchina dei soccorsi ieri ha perlustrato 190 ettari di bosco, cento cavità carsiche asciutte e cinque laghetti, senza trovar traccia di Iuschra. Che però non puo essere morta. Non a Cariadeghe

29/07/2018 08:02:00
Niente più blocchi stradali Dopo dieci giorni di ricerche, la macchina dei soccorsi viene "rimodulata" e diventa presidio: per oggi ancora coi Vigili del fuoco, da lunedì con la Protezione civile di Serle. L’appello del papà di Iushra

22/07/2018 07:16:00
In corsa contro il tempo Ormai siamo al quarto giorno di ricerche e di Iuschra ancora nessuna traccia, salvo sporadiche segnalazioni che alla prova dei fatti si sono rivelate inconsistenti. Basta volontari, al momento, a Serle ce ne sono anche troppi.
Aggiornamento ore 16


20/07/2018 06:20:00
Come un ago in un pagliaio Le ricerche della ragazzina rese difficili dall'estensione, dalla particolare conformazione del territorio e dalle sue stesse condizioni: impaurita, potrebbe decidere di nascondersi ovunque




Altre da Serle
17/08/2018

«Tre dé a San Bartolomé»

Comincia questo venerdì con una camminata non competitiva una delle manifestazioni più attese dell’estate serlese presso l’ex monastero di San Pietro in Monte, organizzata dall’U.S. Serle (2)

15/08/2018

Quell'inaugurazione non s'ha da fare

Il percorso “Cariadeghe Bike Experience” ha sollevato un vespaio di polemiche a Serle, con la contrarietà di una frangia di cacciatori e un appello delle associazioni a soprassedere per il momento all’iniziativa. Così l’inaugurazione è stata annullata (3)

15/08/2018

Aspettando le Memorie di Terra

Sarà come da tradizione quasi interamente dedicata al teatro, la seconda parte di Acque e Terre Festival, che da fine agosto a metà settembre conclude la quattordicesima edizione della rassegna

14/08/2018

Iushra, ripartite le ricerche

A dare nuovo impulso, sembra, le indicazioni arrivate da un sensitivo inglese

08/08/2018

Torna la notte astronomica letteraria

È in programma per domani, giovedì 9 agosto, sull’Altopiano di Cariadeghe una serata di osservazione guidata delle stelle accompagnata da alcune letture a tema 

07/08/2018

Leva civica, un'opportunità per i giovani

Hanno aderito al bando regionale anche alcuni Comuni valsabbini. Ecco i posti disponibili e le modalità di partecipazione  (1)

06/08/2018

Il percorso Mtb mette in allarme i cacciatori

Si sono presentati in 60 in municipio a Serle, per lo più cacciatori, preoccupati dalla locandina che indicava l’inaugurazione di un nuovo percorso ciclabile sull'altopiano di Cariadeghe. Le rassicurazioni del sindaco

05/08/2018

«Non smettete di cercarla»

Questo l’appello lanciato ieri in un presidio in piazza dal papà della piccola Iushra, svanita nel nulla sull’Altopiano di Cariadeghe lo scorso 19 luglio durante una gita  

03/08/2018

Aspettando l'alba

Saranno i musicisti del Mascoulisse Quartet ad intrattenere con dell’ottima musica chi salirà al Monastero di San Pietro in Monte, a Serle, per questa bella iniziativa estiva 



30/07/2018

Uno sguardo su Serle in fotografia

C’è tempo fino al 20 agosto per partecipare con la propria opera al concorso fotografico indetto dal Comune di Serle in collaborazione con la Commissione Cultura e l’Ecomuseo del Botticino per promuovere e valorizzare il territorio 

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia