16 Febbraio 2020, 08.14
Eco del Perlasca

L'influenza dei social

di Luca Ferrari

I social sono ormai una parte integrante della nostra società: da WhatsApp a Facebook, da Snapchat a Instagram. Quasi tutti possediamo almeno una di queste applicazioni sopra elencate, ma ci siamo mai domandati veramente cosa possano causare se utilizzati scorrettamente?


Prima di introdurre l'argomento gradirei fare alcune premesse per chiarire meglio alcune questioni su questo articolo:

- la mia tesi sarà basata soprattutto su fattori personali ma, relativamente, su studi scientifici;
- questa critica non è generale, ma vuole sensibilizzare riguardo all'utilizzo e alla mentalità corretta con cui usufruire di questi potentissimi social.

Con l’avvento del nuovo millennio la tecnologia si è evoluta in maniera strabiliante: siamo passati da computer grandi quanto delle stanze a dei semplici e compatti telefoni tascabili. 
Inoltre, abbiamo rotto ogni barriera possibile nell’ambito della comunicazione: possiamo messaggiare in tempo (pressoché) reale con persone in ogni parte del globo.

"Spettacolare!", "Molto comodo!" starete pensando tutti quanti, e per molti versi concordo pienamente con voi; peccato che una (troppo) grande fetta di utenti usi e INTERPRETI male l'utilità dei mezzi comunicativi derivanti dagli smartphone!
Soprattutto gli adolescenti sono vittime di ciò che circola sul web: foto di modelli/e, celebrità, personaggi pubblici e molto altro…

Ora, gli effetti collaterali dipendono ovviamente di persona in persona, ma solitamente vengono travolti dal bisogno di attenzioni, rendendo la loro persona narcisista e, in alcuni casi, anche superba: questi sentimenti fanno postare foto molte volte provocanti che possono essere utilizzate per denigrare e bullizzare la persona in questione.

Insomma, c'è il rischio che un soggetto inizi ad avere dipendenza dall'attenzione, like, followers e fa dei social la sua principale ragione di felicità e gratificazione.

Nel secondo caso, data l'enorme sensibilità e fragilità della mente di alcuni individui, la vista di questi post/storie crea in loro un modello di bellezza/ricchezza/vita che suscita in loro un senso di disagio e non apprezzamento di quel che sono, sentendosi inferiori e, probabilmente, arrivando all'isolamento o addirittura alla depressione.

I fattori di rischio sono elevati, quindi è sempre meglio avere un occhio di riguardo su ciò che è affine all'Internet.
È quindi sempre raccomandato avere la supervisione di un genitore e, soprattutto, essere sempre cauti e non farsi assolutamente influenzare, dato che non è oro tutto ciò che luccica.

Luca Ferrari


Tag


Vedi anche
14/09/2013 09:00:00

Come cancellarsi da facebook e dagli altri social network? L'uovo settimanale di Federica Belleri ci parla di justdelete.me, un servizio web che conduce direttamente al link per potersi cancellare da 250 diversi social network, indicando per ciascuno il grado di difficoltà dell'intera operazione

18/03/2016 10:17:00

Flamer avvertiti Tempi duri per i diffamatori del web. Diventa reato anche farlo con il più popolare dei social, Facebook, in questo equiparato agli organi di stampa

27/08/2018 11:14:00

Cercasi grafico e social media manager La risorsa si occuperà della gestione della comunicazione del Progetto “Valli Resilienti”, sia a livello grafico che sul web e tramite i canali social. Candidature entro il prossimo 20 settembre 

03/05/2010 10:00:00

Social network: attenzione agli effetti collaterali Il Garante per la privacy ha predisposto una guida con dei consigli gli utenti dei social network sulla riservatezza dei dati personali.

30/03/2011 07:00:00

Social Card 2011 La social card è una carta di debito, sulla quale vengono accreditati 40 euro mensili. Disponibile solo nel caso si posseggano determinati requisiti di reddito.



Altre da Eco del Perlasca
27/05/2020

Camici ante Covid

Sono quelli forniti a gennaio da un’azienda valsabbina ai ragazzi dell’Itis Perlasca, perché potessero affrontare in piena sicurezza e comodità le attività di laboratorio

27/05/2020

Torneremo a ballare!

Articolo scritto in riferimento a quello condiviso con noi dalla nostra professoressa di italiano, di Diego Bianchi, pubblicato il 20 marzo “quando torneremo a ballare”.

22/05/2020

I videogiochi

I videogiochi hanno la fama di incitare la violenza e diminuiscono le capacità cognitive dei ragazzi? Dipende

02/05/2020

Emergenza e sciacalli

I problemi che affliggono la nostra nazione sono tanti, ma purtroppo c’è ancora qualcuno che punta il dito, al posto di collaborare, per racimolare due voti in più, vediamo chi

19/04/2020

L'UE ai tempi del Corona

Il virus sta danneggiando i guadagni della comunità europea, portando confusione e paura, ma come agiranno i nostri politici? Con egoismo o con voglia di cambiamento?

27/03/2020

L'uomo e il virus

Rinchiuso in casa da giorni penso a come tutto questo si stia evolvendo, alla nostra evoluzione, al cambiamento e al fatto che questa è la nostra era: l’era dell’uomo

04/03/2020

Pesci come chiavi

Le sardine stanno riscontrando un incredibile successo, ma cosa sono? Perché ottengono così tanta popolarità? Cosa c’entrano con la politica? Scopriamolo

18/02/2020

A scuola col geologo

Qualche tempo fa le classi terza, quarta e quinta del Liceo hanno seguito in aula magna una conferenza organizzata dall’ordine dei Geologi della Lombardia con il dottor Gianantonio Quassoli

12/02/2020

Il male c'è, ma non solo quello

Giovedì 16 gennaio gli studenti della sede di Idro hanno incontrato Don Aniello Manganiello, un uomo del fare, che da ormai vent’anni si batte giorno dopo giorno per combattere la camorra, sempre a favore dei più deboli

03/02/2020

Diamo voce al silenzio

Non diminuiscono, anche vicino a noi, gli episodi di violenza che coinvolgono il genere femminile. Un drammatico problema che viene affrontato anche a scuola