Skin ADV
Mercoledì 24 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 

MAGAZINE


LANDSCAPE



06 Giugno 2018, 18.17

Eco del Perlasca

Progetto «Alimentatore»

di Enrico Fatiga
In vista della presentazione di un progetto, per capire meglio che cosa fosse questo progetto e come il laboratorio viene visto nella continuità, ho intervistato degli insegnanti

Il progetto è quello definito "Alimentatore", che sarebbe stato presentato il 25 maggio.
E' stato realizzato dalla classe 4a Telecomunicazioni con il professor Alberto Caracciolo, referente di laboratorio, e i professori Carmelo Palamara e Dario Abastanotti, docenti di teoria.
A questo proposito li ho intervistati per capire meglio di cosa si tratti e come il laboratorio viene visto nella quotidianità.

La mia prima domanda è: cos’è il laboratorio?

PROF. PALAMARA:
«Il laboratorio é quella parte che ci proponiamo di affrontare dopo aver studiato delle determinate informazioni teoriche.

È il modo di mettere in pratica quello che abbiamo studiato. Quindi rendere la teoria non più fine a se stessa, ma indispensabile per poter produrre e costruire qualcosa. [...]
É quello che ci si propone di fare in questo laboratorio di elettronica e telecomunicazioni. [...]
Abbiamo bisogno di conoscere le leggi dell'elettrotecnica, le leggi dell'elettronica, anche l'informatica.

Ecco che tutto questo studio teorico che fine a se stesso può non sembrare importante, é indispensabile per la realizzazione di un progetto».


Il professore poi, per concludere, mi riporta un esempio calzante questo argomento «Se al microcontrollore non diciamo cosa fare non farà mai nulla. Ecco quindi che é indispensabile conoscere l'informatica per poter realizzare un programma del microcontrollore».

PROF. CARACCIOLO:   
«Nello specifico per quanto riguarda questo laboratorio, l'idea é quella di renderlo funzionale[...]. Io lavoro con Carmelo, facendo T.P.S. e Sistemi, e con Dario in telecomunicazioni[...]
I progetti nascono proprio dalla sinergia dei tre laboratori, che gestisco io[...].
Ci sono stati questi acquisti, sempre nell'ottica di rendere funzionale il laboratorio».


Il professore sta parlando del nuovo materiale di quest’anno. Bisogna dire che fino a poco tempo fa, il laboratorio a livello di materiale da utilizzare era molto povero, ma negli ultimi tempi, le cose sono un po’ cambiate:
«Tutto nel lavoro di sinergia, per creare qualcosa che sia spendibile nuovamente all'interno; se io faccio un progetto con la quarta é finalizzato alla terza che verrà.[...]».

Andando avanti formula un concetto che fa capire molto bene cos’è il laboratorio:
«Qui, il laboratorio, é una commissione fra chimica, fisica, elettrotecnica, elettronica, sistemi, quindi c'è la parte di informatica, e le telecomunicazioni, la parte delle reti[...]. Al quarto hai già acquisito delle competenze e puoi iniziare a produrre[...]».

Costruire qualcosa nell’ottica della classe futura (dei ragazzi che verranno i prossimi anni in questo laboratorio): «Questo é stato possibile grazie al lavoro con entrambi i docenti che gestiscono le tre parti teoriche. Oltre al fatto dell'amministrazione che ci ha permesso comunque di avere per adesso questo[...]».

Riguardo al progetto fatto con la quarta?

PROF. CARACCIOLO:    
«Per la parte degli alimentatori ho pensato... Piuttosto che comprarli e spendere cinque,  seicento euro per alimentatore da banco, per i banchi che abbiamo in laboratorio, noi con 50 euro ne potevamo fare sei.
Il progetto nello specifico nasce da un'esigenza personale [...].
Nel 2014 [...] comunque novizio, non avevo nulla [...]. Io non ho uno stipendio infinito e non ho la possibilità di avere a casa un laboratorio come quello che abbiamo qui. Dovevo fare qualcosa per simulare a casa la lezione che vi facevo al terzo anno»
(a noi ragazzi dell’attuale 5IT sez. Telecomunicazioni).

«[...] Io mi sono creato un piccolo laboratorio con il riciclo di tante cose che avevano buttato sia in questo istituto sia in altri: vecchi pc, alcuni fohn, ferro da stiro, con televisioni rotte...
La prima cosa che ho creato per me è stato un alimentatore da banco [...].
In questo progetto, con la quarta, è stato implementato con un percorso fatto al terzo anno e finito quasi alla fine del quarto anno: con un Arduino aggiunto per la visualizzazione da display e il controllo da PC»
.

Poi, riassumendo tutto il discorso: «La base è un alimentatore di un computer in disuso opportunamente modificato. Non è che lo prendi, lo smonti e lo utilizzi, non si può fare.
Ecco. Il progetto nasce da quello: da un’esigenza strettamente personale di 4 anni fa, di avere un laboratorio a casa per poter improntare le lezioni per voi (studenti).
Non avevo 500 euro a disposizione e l’ho dovuto creare io l’alimentatore. Nel tempo l’ho modificato e l’ho migliorato. Quest’anno l’ho proposto alla quarta e l’hanno realizzato».


Dopo di che sono andato dai ragazzi della 4a Telecomunicazioni


Per rompere un po’ il ghiaccio, partiamo con una domanda molto semplice. Preferite la pratica o la teoria?

A questa domanda senza pensarci c’è stato un generale: «Pratica!», anche se poi un ragazzo ha affermato di preferire la teoria: «Io preferisco ragionare sulle cose [...]».

Mi potete dire gli elementi di teoria e quelli di pratica rispetto al lavoro che avete fatto (alimentatore)? Cosa avete fatto ad arrivare al ‘prodotto finito’?

S.: «Di teoria non è che abbiamo fatto molto [...] Non è che voglio sminuirla - la teoria -...».
Andando avanti mi spiega meglio ciò che voleva comunicare dicendo che la teoria utilizzata non era vasta, quindi non “era tanta”.

G: «La teoria per programmare Arduino dovevi saperla [...] Ci si aiutava a vicenda e poi è certo che chi doveva programmare con Arduino doveva sapere la teoria meglio degli altri[...].
Poi beh... io che dovevo assemblare l’alimentatore non dovevo sapere la teoria così bene».


Qual’è la differenza per voi tra qualcosa di funzionante, quindi utilizzabile in un futuro, e qualcosa come un semplice circuito per prendere soltanto un voto?

D: «Mi è piaciuto di più fare il progetto perchè vedi qualcosa che poi funziona e puoi utilizzarlo. Sulla breadboard alla fine è sempre la stessa cosa: monti il circuito e poi lo smonti... e basta, è finito».

A.: «Non ci dà soddisfazioni» riferito al semplice circuito su breadboard

T.: «Beh... L’alimentatore resta... Un circuito – su breadboard- la lezione dopo non lo si fa neanche più».

Avete bruciato qualche alimentatore?

E: «Si..»
A questa risposta c’è stata una risata collettiva che ha coinvolto sia me sia i professori...

D: «Dai, racconta la tua esperienza!» esortando il suo compagno di classe a parlare

E.: «No beh... si era bruciata la scheda di un alimentatore... ed è esplosa»

Il perchè?


Z.: «I fusibili» qualcuno suggerisce dal fondo dell’aula

PROF. CARACCIOLO: «Qualcuno dice che è stata alimentata male...»
F.: «Voci di corridoio...».

E con questo simpatico aneddoto e con un’ultima risata generale mi sono congedato con la classe e con i professori.

Intervista a cura di Enrico Fatiga detto Fatta

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/05/2018 07:00:00
Progetto «Innat», venerdì la presentazione
Un progetto dedicato alla salvaguardia degli insetti quello che verrà presentato questo venerdì, 18 maggio, a Serle


16/12/2015 08:00:00
My first Job 2.0 Visto il buon esito della prima edizione, viene riproposto il progetto di tirocini formativi all’estero per giovani dai 18 ai 27 anni diplomati, laureati e iscritti in corso all'università, allargato stavolta a tutta la Valle Sabbia

10/01/2012 09:00:00
Insegnanti di sostegno qualificati? No grazie Il progetto del Ministero per la riconversione degli insegnanti sovrannumerari non tiene conto della qualificazione degli insegnanti di sostegno. Chi ne fa le spese sono sempre gli utenti finali.

06/02/2016 09:11:00
A proposito della redazione Perlasca Da qualche settimana è al lavoro fra Idro e Vobarno un gruppo di ragazzi dell'Istituto Superiore di Valle Sabbia. Cosa stanno facendo, in poche parole, ce lo spiega Daniel. Il frutto di questo impegno lo troverete spesso sulle pagine di Vallesabbianews


08/08/2014 09:50:00
Progetto sperimentale Teatro e Disabilità La Cooperativa CoGeSS ha dato il via ad un progetto sperimentare di laboratorio teatrale rivolto a persone con importante grado di disabilità



Altre da Eco del Perlasca
20/10/2018

Con la testa e con il cuore si va ovunque

Trecentocinquanta studenti del Perlasca hanno incontrato in aula magna Giusy Versace, per capire che nulla può fermare i loro sogni, se li perseguono con la giusta determinazione. Un incontro organizzato da Raffmetal (1)

30/06/2018

Alla maturità col go-kart

Curiosa la “tesina” proposta da uno studente dello Scientifico al Perlasca: un kart fuoristrada che si è costruito tutto da solo utilizzando materiali di recupero (5)

10/06/2018

L'amicizia come antidoto

L’adolescenza è quel tratto dell’età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato infantile a quello dell’individuo adulto

08/06/2018

«Io penso che tu creda che lei sappia»

Interessante conferenza quella sulla logica matematica tenuta dal professor Bruno Codenotti all'Istituto Perlasca

06/06/2018

Porta a porta anche in classe, per un mondo più pulito

È fondamentale imparare a riciclare fin da piccoli per poter, in futuro, vivere su un Pianeta meno inquinato

05/06/2018

Essere felici costa? Ad Andrea no

Chiunque può pensare di se stesso ciò che vuole, ma che si voglia ammettere o meno, siamo esseri umani e tutti abbiamo delle debolezze, delle fragilità, dunque nessuno è perfett...

23/05/2018

Cos'è la moda?

La moda è un comportamento variabile nel tempo che riguarda i modi di vivere, le usanze e l’abbigliamento

22/05/2018

Finalisti nazionali

Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"

19/05/2018

Donne, fra botte e violenze psicologiche

La violenza: parola brutta che porta con se un odio smisurato! Violenza fisica, violenza psicologica e quelle che ne soffrono di più al giorno d'oggi sono proprio le donne



18/05/2018

1AG, a Punta Larici con Luca

Forza fisica ma anche di volontà, affetto, amicizia, fatica, bellezza, e sorrisi

Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia