06 Marzo 2018, 08.00
Salò Valsabbia Garda
Penne nere

«Zaino a terra» per Micoli

di Cesare Fumana

Alla conclusione del terzo mandato alla guida degli alpini della “Monte Suello”, il presidente Romano Micoli lascia la presidenza della sezione Ana di Salò. Lo abbiamo intervistato


L’assemblea degli alpini della “Monte Suello” di domenica prossima, 11 marzo, a Salò, sarà l’ultima nella quale Romano Micoli presenterà la relazione annuale in veste di presidente. Micoli, infatti, alla conclusione del terzo triennio di presidenza e alla soglia dei 76 anni, ha deciso di mettere lo “zaino a terra”, come dicono gli alpini, e lasciare ad altri la guida delle Penne nere gardesane e valsabbine.
Lo abbiamo incontrato per tracciare un bilancio di questa esperienza.

Presidente, com’è stato stare alla guida della sezione “Monte Suello” in questi nove anni?
«Sono stato onorato di rappresentare la sezione in tutte le manifestazioni ufficiali, ma oberato di tutta una serie di obblighi amministrativi per i quali ho dedicato l’80% del tempo».
«Negli ultimi anni – ci confessa Micoli – anche la nostra associazione è sempre più subissata da adempimenti burocratici, comunicazioni e compilazione di moduli richiesti dalle diverse amministrazioni pubbliche: anche fare volontariato diventa sempre più faticoso adesso».

Quali sono state le manifestazioni alpine che ricorda con più piacere?
«In ogni triennio c'è stata un'importante manifestazione di livello nazionale organizzata dalla nostra sezione: nel primo la staffetta di corsa in montagna a Bagolino, nel secondo il Premio nazionale Fedeltà alla montagna, sempre a Bagolino, e nel terzo anno il Raduno del secondo raggruppamento a Desenzano. Tutte manifestazioni ben riuscite».
«Inoltre – prosegue Micoli – in tutti questi anni, le nostre Adunate sezionali hanno presentato una serie di eventi che hanno coinvolto le comunità ospitanti e sono sempre state molto partecipate».

Quali sono state le attività solidali più significative portate avanti in questi anni?
«Sono molte. In termini numerici, quelle più importanti sono state le raccolte fondi per i terremotati: per l’Aquila abbiamo donato 150 mila euro, mentre per quelli del Centro Italia 90 mila. Questo è il frutto non solo delle donazioni dei gruppi alpini, ma anche di enti e associazioni che hanno voluto devolvere a noi le loro offerte perché erano sicuri che sarebbero state destinate a progetti concreti in favore delle popolazioni. E questo è sintomatico dell’apprezzamento riscosso dai nostri gruppi sul territorio».

E in termini di opere realizzate?
«In questi anni alcuni gruppi hanno inaugurato nuove sedi, come Tignale, Gardone Riviera e Sabbio Chiese, e gli alpini continuano a dedicare tempo alle loro sedie e ai loro rifugi, veri presidi per la montagna.
Sempre in termini di impegno i nostri volontari di Protezione Civile e dell’Antincendio boschivo dedicano all'incirca 6 mila ore all'anno alla protezione ambientale».

Qual è lo stato di salute della sezione?
«Negli ultimi anni c'è stato un ringiovanimento dei componenti del consiglio sezionale e anche dei capigruppo. Di contro, nell'arco di questi 9 anni, abbiamo perso circa 100 alpini all'anno, tra decessi e defezioni. Attualmente siamo 4.000 soci alpini e 1.100 soci aggregati (i cosiddetti “amici degli alpini”, ndr) e nella nostra sezione ci sono ancora 12 reduci della Seconda guerra mondiale».

«Nonostante l'invecchiamento dei soci – precisa il presidente – anche nell'ultimo anno gli alpini della “Monte Suello” hanno dedicato 60 mila ore di volontariato e 100 mila euro di donazioni e investimenti a favore della comunità. Siamo una delle prime sezioni in Italia per donazioni in rapporto al numero dei soci.
Va poi considerato che con la legge Fornero la maggior parte dei nostri soci ha prolungato la vita lavorativa di circa10 anni, quindi anche i “giovani” pensionati non ci sono più. Nonostante questo, i nostri gruppi tengono ancora».

E le attività sono ancora tante.
«Sì, e la sezione le deve coordinare: le attività con le scuole, il campo scuola, la Protezione civile, la gestione del rifugio di Campei de Sìma e altro. Questo richiede impegno da parte dei soci dei gruppi e dei volontari, a cui si aggiunge la parte burocratica di cui dicevo prima. Inoltre in questi anni come sezione abbiamo preso in carico alcune incombenze burocratiche dei gruppi, sia per avere la loro situazione sotto controllo, sia per alleviarli da queste incombenze».

E quindi che bilancio traccia di questa esperienza?
«È stata impegnativa, ma mi sono sempre trovato bene con gli alpini, perché ho avuto a che fare con gente perbene: gli alpini sono ancora un patrimonio di credibilità».

Una curiosità: c’è qualche differenza tra gli alpini della Valle Sabbia e quelli del Garda?
«Una differenza c’è: quelli della Valle Sabbia sono più campanilisti ma ne ammiro la laboriosità, mentre quelli del Garda sono più aperti, ma entrambi molto generosi».

Che sezione lascia al suo successore?
«Sicuramente una sezione in salute, ben organizzata, ma certamente chi mi succederà si troverà più in difficoltà rispetto a me, perché, purtroppo, si troverà con sempre meno soci e sempre più anziani».

E poi lei cosa farà?
«Gli alpini del mio gruppo di Desenzano mi han già chiesto di aiutarli a sistemare l’archivio, poi continuerò a dedicarmi alla scuola dell’infanzia di cui sono presidente, e infine potrò dedicare anche più tempo alla mia famiglia, che ho un po’ trascurato, andando a trovare più frequentemente i miei figli che vivono all’estero».

E siamo certi che per gli alpini della  “Monte Suello” ci sarà sempre.



Commenti:
ID75453 - 06/03/2018 13:50:01 - (Giacomino) - Grazie

Presidente sta per entrare nell'albo d'onore della "Montesuello" e dai nostri cuori non uscirà mai.

ID75458 - 06/03/2018 20:11:12 - (genpep) -

sei stato un grande presidente, il tuo successore avr un compito assai arduo per essere alla tua altezza. grazie di tutto

Aggiungi commento:
Vedi anche
09/03/2015 07:00:00

La «Monte Suello» conferma Romano Micoli Cala il numero dei soci ma non diminuisce l’attività degli alpini della sezione di Salò che ieri in assemblea hanno rinnovato i vertici del sodalizio che raggruppa le Penne nere gardesane e valsabbine

09/03/2018 09:43:00

Assemblea elettiva per la «Monte Suello» Saranno chiamati a eleggere il nuovo consiglio e il nuovo presidente gli Alpini gardesani e valsabbini della sezione salodiana in occasione dell’assemblea di quest’anno in calendario domenica a Salò

18/09/2017 07:00:00

Dagli Alpini la richiesta di un Servizio civile per i giovani Un saluto a tratti commosso quello pronunciato all’Adunata a San Felice dal presidente Micoli, che si appresta all’inizio del prossimo anno a lasciare la guida della “Monte Suello”

09/03/2009 00:00:00

Pasini passa la stecca a Micoli Si chiama Romano Micoli il nuovo presidente della “Monte Suello”. Prende il posto di Fabio Pasini che ha guidato le Penne nere gardesane e valsabbine per quindici anni.

13/06/2016 07:00:00

Adunata della «Monte Suello», Favero: «Una gran bella sezione!» Grande folla e una fiumana di Penne nere hanno invaso domenica mattina Salò per l’adunata sezionale della “Monte Suello” che festeggiava i 90 anni di fondazione. Video



Altre da Valsabbia
10/07/2020

Acque&Terre Festival, il cartellone completo

Svelato il programma completo della rassegna estiva di oncerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago: 11 appuntamenti fra luglio e agosto in 8 paesi

09/07/2020

Anziani e disabili soli, l'appello: «Permettete ai parenti le visite»

Il gruppo “Connettere Salute” lancia un appello tramite lettera aperta indirizzata ai vertici della Regione Lombardia per chiedere l'immediata revisione della delibera di giunta che tuttora impedisce ai familiari di fare visita agli ospiti delle strutture

09/07/2020

«Ciak in Lombardia», la Regione sul set

L'assessore regionale al Turismo Lara Magoni introduce un bando per selezionare progetti audiovisivi che valorizzino l'immagine della Lombardia che si rialza dopo l'emergenza coronavirus. Iscrizioni aperte dal 15 luglio

09/07/2020

Svelata la ricerca del 2018

Dopo ben due anni di mistero lo studio sul depuratore del Garda redatto nel 2018 dall'Università di Brescia su commissione di Acque Bresciane è stato reso pubblico. Il commento del sindaco di Montichiari Marco Togni

09/07/2020

Comitato Gaia, una petizione online per fermare il progetto

Lanciata su Change.org all'inizio della settimana, la petizione del Comitato ambientalista di Gavardo ha già raccolto diverse centinaia di firme per bloccare il progetto del maxi depuratore del Garda sul fiume Chiese

08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”

08/07/2020

Sanità, Girelli: «Un voto che vale una sfiducia a Gallera»

Approvata in consiglio regionale una mozione del Pd con primo firmatario il consigliere regionale valsabbino del Pd che chiede trasparenza sui fondi pubblici dati ai privati

08/07/2020

L'arte in Valle Sabbia: valutazioni critiche e nuove prospettive

Quarta e ultima puntata della serie dedicata all’arte e cultura nel bresciano a cura di Giovanni Baronchelli stavolta dedicata all’ambito artistico valsabbino moderno e contemporaneo
• VIDEO

07/07/2020

50 anni di Regione Lombardia

Il consigliere valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Cinquantesimo sia la festa di tutti lombardi, nella certezza assoluta che ci rialzeremo più forti di prima”

07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque