Skin ADV
Giovedì 21 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Ariosa

Ariosa

di Attilio Zontini



20.03.2019 Villanuova s/C

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vobarno

20.03.2019 Sabbio Chiese

19.03.2019 Vestone

19.03.2019 Gavardo

19.03.2019 Preseglie

19.03.2019 Pertica Bassa Casto Pertica Alta

19.03.2019 Vestone

20.03.2019 Vobarno Valsabbia






31 Dicembre 2018, 08.04
Salò
Cronache

Le rubano il «cell», ma nessuno interviene

di val.
Il racconto di una 19enne di Salò alla quale in una discolteca della zona hanno scippato il telefonino: «Mi sono rivolta ai bodyguard indicando chi era stato, ma quelli hanno solo fatto finta di occuparsene»

L’episodio risale alle prime ore del mattino della notte fra venerdì e sabato scorso.
Elisa (il nome è di fantasia, il resto no), 19enne residente a Salò, era uscita un attimo nella zona dedicata ai fumatori, all’esterno dei locali, ma sempre un’area di pertinenza della discoteca.

Questa la sua testimonianza:
«Stavo rientrando col telefonino in mano e ho incontrato un gruppo di ragazzini che mi sono passati accanto – ci ha detto -. Me ne sono accorta solo dopo pochi passi che il telefonino non c’era più: potevano essere stati solo loro.

Subito mi sono rivolta al bodyguard
che ha fermato quel gruppo di ragazzini, ha semplicemente chiesto loro se avessero preso quel cellulare e basta. Ovviamente quelli gli hanno detto di non e tutto è finito lì. Non mi è restato altro da fare che, il giorno dopo, recarmi in caserma a Salò a sporgere denuncia».

«Così però non va bene – conclude Elisa -. Se il bodyguard li avesse perquisiti, quei ragazzi, sono convinta che il cellulare sarebbe saltato fuori. In questo modo invece credo che quei ragazzini, sentendosi impuniti, possano continuare a fare anche di peggio».

Fin qui il racconto, che porta ad alcune considerazioni.
I Carabinieri salodiani ora faranno quel che possono. Difficile però a questo punto che quel telefonino possa essere recuperato ed impossibile che possano stabilire chi si è reso responsabile del furto.

Ma quel bodyguard ha agito regolarmente?

Sì, nel senso che non avrebbe avuto la facoltà di perquisire quei ragazzi.

No perché di fronte ad un’indicazione così precisa, chi si occupa di servizio di vigilanza in un locale aperto al pubblico, avrebbe dovuto bloccarli e chiamare i carabinieri: i militari sì avrebbero proceduto alla perquisizione, forse anche al recupero del maltolto.

Certamente i carabinieri avrebbero proceduto all’identificazione degli elementi di una potenziale “baby gang”: e dai oggi e dai domani, quei ragazzini che si muovono a frotte combinando guai, se non “attenzionati” a dovere, domani possono diventare pericolose bande di delinquenti.

E’ successo così in molte altre occasioni, anche nella nostra provincia, con gruppo di ragazzini dediti al furto e al taglieggiamento: conta poco che fossero italianissimi, di origine straniera o a gruppi misti, si sono fermati solo quando i carabinieri sono riusciti a coinvolgere le loro famiglie, oppure a raccogliere elementi sufficienti per portarli davanti a un giudice del Tribunale dei minori.

L’esuberanza adolescenziale ha bisogno di “paletti” e subito, perché non possa trasformarsi in devianza criminale.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78984 - 31/12/2018 09:02:27 (Giacomino) Ragazzini?
ai miei tempi dopo i dieci anni se ci avessero ancora chiamati così ci saremmo pure offesi.


ID78985 - 31/12/2018 09:12:27 (Iva) Il mondo è cambiato
Ormai i ragazzi non hanno più regole, bisogna invertire la rotta, fenomeni di bullismo, di furti, di parolacce, una volta i genitori erano i primi ad intervenire oggi li coprono e questo è il risultato, nessun insegnamento e protezione assoluta , ma due sberle forse erano meglio, anche se sono per la non violenza, delle volte le meritano e forse imparano a rispettare gli altri e a non rubare.


ID78986 - 31/12/2018 09:47:08 (Tc) ...
Do' pesadede nel cul e un po de scopasu'...sarebbe la cura migliore, per alcuni elementi,c'e' chi pensa non serva a nulla se non a peggiorare la situazione,c'e' chi pensa che non bisogna usare questi arcaici e antichi metodi correttivi,c'e' chi pensa che il genitore deve istruire i propri figli facendo capir loro dove sbagliano parlando,discutendo,ma nessuno pensa a come si e' finiti in queste situazioni...i figli spesso lasciati allo sbando sin da piccoli,genitori che non sono a casa per lavoro,figli sballottati dai nonni sin da piccoli,i quli non educano,ma viziano,scuole non piu' all'altezza di un educazione,anzi se solo ci prova,rischia denunce da parte di quei genitori iperprotettivi nel mezzo ci metto anche la chiesa,si,anche lei...Gesu' da piccolo prese il suo tanto quando fece qualcosa,i preti una volta se non ti vedevano a messa/catechismo ti venivan a cercar...


ID78987 - 31/12/2018 09:51:25 (Tc) ...
son tutte cose che formano un EDUCAZIONE e bisogna partire da quando il figlio si tira sulle proprie gambe ed inizia a parlare...poi c'e' il confronto con le altre etnie,anche questa 'mescolanza'anche se e' una brutta parola da usare,non ha di certo giovato ai sani arcaici principi della nostra societa' di un tempo,ormai sparita...ma c'è' ancora chi pensa che la soluzione a tutto questo sia il semplice 'parlare'...


ID78988 - 31/12/2018 10:21:56 (Venturellimario)
Ci sono SEMPRE stati i bulli, SEMPRE, solo che una volta ci si “arrangiava” ha le vecchie risse al Medison, bei tempi, Gavardo Prevalle Maderno.Ora solo piagnucolare, il risalto dato dai media....Due papine dagli amici, una volta c’erano quelli veri, non quelli “virtuali” e dopo una bevuta tutti a casa


ID78989 - 31/12/2018 10:32:18 (Tc) Venturellimario
vero anche questo,una volta gli amici veri c'erano...una volta ci si arrangiava...di quei tempi ne facevamo parte...ma questi anagraficamente sono 'nostri' figli...cos'e' che e' mancato per finire cosi?...La risposta dovrebbe darla quella generazione di cui io,te e molti altri ne facciamo parte...non abbiamo scuse,noi o molti di noi siam venuti su a pa' e scopasu' e cesa...i nostri figli...a coccole e telefonini,poi ci han messo del loro,logico,ma se non li si corregge adess,come sa dis...ora o mai piu' e aiuto!


ID78990 - 31/12/2018 12:18:30 (roberto74) Senza nulla togliere...
Al furto, se vai in discoteca balla e divertiti senza girare con il tel in mano, come spesso accade. Posto che vai, ragazzine con i telefoni in mano che trovi. Manco fossero amministratori delegati di una multinazionale.


ID78994 - 31/12/2018 15:20:36 (ALCOLICASTO)
secondo me una controllatina la potevano dare i buttafuori.


ID78995 - 31/12/2018 16:12:02 (roberto74) Alcolicasto ..
Non possono. Punto. La legge lo vieta. Possono farlo solo le forze dell'ordine.


ID78996 - 31/12/2018 16:45:18 (Jongrapewine)
generazione ferragnez. ... teste vuote sempre connessi al nulla. I prossimi nasceranno col telefonino già incorporato nel palmo della mano . lobotomizzati e con una friggitrice al posto del cervello


ID78997 - 31/12/2018 17:32:50 (ducatimonsterclub) Bastava uno squillo
Era sufficiente prendere i ragazzini portarli in disparte e far suonare il cellulare della ragazza se guarda caso suonava una cinquina a chi lo tirava fuori era plausibile e stop


ID78999 - 31/12/2018 18:39:45 (Tc) ducatimonsterclub
vero,ma i gnari ie' mia semi...lo avevano sicuramente già silenziato o spento...


ID79000 - 31/12/2018 19:27:23 (madfrog)
Potevano almeno trattenerli fino all'arrivo delle forze dell'ordine comunque ...


ID79001 - 31/12/2018 20:00:33 (Denis66) ,,,,
Grandi buttafuori....paisi


ID79002 - 31/12/2018 20:49:18 (madfrog)
se c'è da fare andare le mani contro qualcuno di più debole non si tirano certo indietro ... invece con la babygang con la lama invece .. ( :


ID79008 - 01/01/2019 21:20:37 (Tc) madfrog
tu sai che questi sono da babygang con la lama facile? Li conosci?...


ID79014 - 02/01/2019 12:20:36 (dome) Informazione disinformata
Al giornalista un consiglio: prima di scrivere, impari a documentarsi eviterebbe di scrivere articoli al limite della diffamazione.1. la ragazza non aveva idea di chi gli ha rubato il telefonino (neanche se il ragazzo/i fossero di colore)2. i ragazzi sono stati fermati solo in via ipotetica e su sospetti, non forniti dalla ragazza, quindi abbiamo fermato solo dei sospetti senza, alcuna testimonianza diretta.3. il telefonino stato rubato direttamente dalle mani dalla ragazza, come da sua dichiarazione.Un po' di accortezza sarebbe meglio, sia da parte della ragazza e del giornalista.


ID79017 - 02/01/2019 12:31:50 (dome) Disinformata
Al giornalista un consiglio: prima di scrivere, impari a documentarsi eviterebbe di scrivere articoli al limite della diffamazione.1. la ragazza non aveva idea di chi gli ha rubato il telefonino (neanche se il ragazzo/i fossero di colore)2. i ragazzi sono stati fermati solo in via ipotetica e su sospetti, non forniti dalla ragazza, quindi abbiamo fermato solo dei sospetti senza, alcuna testimonianza diretta.3. il telefonino stato rubato direttamente dalle mani dalla ragazza, come da sua dichiarazione.Un po' di accortezza sarebbe meglio, sia da parte della ragazza e del giornalista.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/04/2010 09:28:00
Deruba una polacca, finisce in manette Si tratta di un 25enne di Nuvolento. Il furto è avvenuto al Plaza di Roè. L'uomo è stato identificato dai carabinieri grazie alle telecamere del circuito interno.

04/12/2014 07:00:00
Preso il presunto aggressore Avrebbe un nome e un volto l'uomo che nella notte fra sabato e domenica scorsa ha brutalmente violentato una giovane donna valsabbina fuori dal Plaza di Roè Volciano. Dopo il riconoscimento è stato rinchiuso a Canton Mombello


26/02/2013 16:30:00
Furto, resistenza e minaccia Sorpreso dai Carabinieri dopo un furto di gasolio, un quarantenne di Vobarno non trova niente di meglio che spintonare i militari e minacciarli di morte mentre lo portano in caserma

02/02/2015 16:22:00
Un buco alla Fine del Mondo Furto in discoteca a Gavardo. I responsabili sono stati acciuffati dai Carabinieri della Compagnia di Salò mentre ancora avevano le mani nella “marmellata”

04/08/2010 07:00:00
Presi con le mani nel sacco Stavano caricando ancora un tombino sul cassone, quando i carabinieri li hanno fermati. Per due vobarnesi sono così scattate le manette.



Altre da Salò
20/03/2019

Giuseppe Zanardelli e il Lago di Garda

È il tema della mostra che verrà allestita nel fine settimana, presso il Municipio di Salò, in occasione delle Giornate FAI di Primavera. Esposte, in molti casi per la prima volta, importanti testimonianze storiche 

18/03/2019

Ora e sempre Resistenza

E’ stata ufficializzata sabato scorso all’Osteria Centro sociale “i Pini” di Salò la nascita della “Rete 25aprile… sempre” che mette insieme le forze antifasciste di Garda e di Valle Sabbia
(3)

15/03/2019

Storie e leggende del lago di Garda

L’Ateneo di Salò propone ai bambini dai 7 agli 11 anni un laboratorio teatrale condotto da Manuel Renga, con l’intento di avvicinare i giovanissimi al teatro, ma anche alla lettura e alla cultura in generale 

15/03/2019

Salò e le Comunali

Egregio direttore, le scriviamo questa lettera spinti dalla necessità che i salodiani conoscano cosa succede sopra le loro teste... (2)

14/03/2019

Luca Martini parla dei Centri Antiviolenza

La rete di associazioni femminili che quotidianamente aiuta nel concreto le donne vittime di violenza, raccontata nei libri dell’autore mantovano, sarà al centro dell’incontro in programma questa sera a Salò 



12/03/2019

Speziani stacca il pass per il meeting nazionale

L’atleta del circolo Canottaggio gruppo Volontari del Garda di Salò vince il terzo posto al trofeo Montù di Pusiano e accede alla finale nazionale (1)

11/03/2019

Riconoscimenti al capogruppo di Vallio Terme e a un alpino di Odolo

Un premio alla carriera per Sergio Berardi, da 25 anni alla guida delle Penne nere valliesi, e a Bortolo Gazzaroli per l’attività di solidarietà portata avanti (1)

11/03/2019

Alpini, altruismo e cura dell'ambiente

Nell’annuale assemblea dei delegati, svoltasi domenica a Vesio di Tremosine, il presidente Sergio Poinelli ha presentato il resoconto del suo primo anno alla guida degli Alpini della “Monte Suello”

08/03/2019

Penne nere in assemblea

Gli alpini della “Monte Suello” si ritroveranno domenica a Vesio di Tremosine per l’annuale assemblea dei delegati: il presidente Poinelli traccerà il bilancio del suo primo anno alla guida delle Penne nere gardesane e valsabbine

01/03/2019

«Sulla strada dai molti cammini»

Oggi pomeriggio a Salò presso il Palazzo della Cultura la presentazione degli atti del convegno salodiano dedicato a Luciano Silveri

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia