Skin ADV
Lunedì 24 Aprile 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




Benaco al centro

Benaco al centro

di Cristina Pellizzoni



23.04.2017 Casto Vallio Terme Capovalle

22.04.2017 Vobarno

23.04.2017 Mura

22.04.2017 Vestone

22.04.2017 Bagolino

24.04.2017 Casto Vallio Terme Capovalle

23.04.2017 Casto

22.04.2017 Bagolino

22.04.2017 Treviso Bs

22.04.2017 Vestone Valsabbia



08 Novembre 2013, 09.07
Salò
Presentazione libri

La «strana Repubblica» secondo Chiarini

di Fabio Borghese
Sabato pomeriggio a Salò la presentazione del nuovo libro di Roberto Chiarini "Alle origini di una strana Repubblica - Perché la cultura è di sinistra e il paese è di destra"

 

Questo sabato 9 novembre, alle 17 presso la Sala dei Provveditori del palazzo comunale di Salò, nella magnifica cornice del golfo salodiano, verrĂ  presentato il libro di Roberto Chiarini “Alle origini di una strana Repubblica - PerchĂ© la cultura è di sinistra e il paese è di destra”, dove interverranno l’autore e il giornalista Enrico Mirani.

Agli albori della Seconda Repubblica era radicata la convinzione di vivere una svolta epocale: dopo la "democrazia bloccata" sarebbe arrivata la "democrazia dell'alternanza", dopo la "repubblica dei partiti" la "repubblica dei cittadini". Così non è stato. A vent'anni di distanza scopriamo che la democrazia non si è affatto compiuta, che la corruzione non è stata debellata, che la crescita si è addirittura rivoltata in recessione.

Cosa non ha funzionato? Per rispondere a questa domanda - sostiene Roberto Chiarini - è utile tornare alle origini della Repubblica, alla ricerca di quei tratti genetici che, se nell'immediato hanno consentito di creare dal nulla le basi di una democrazia industriale di massa, nel lungo periodo ne hanno fatto emergere gravi disfunzioni.

Il libro si sofferma sulla nascita della nostra democrazia, mettendone in evidenza alcuni tratti originali. Primo: manca da sempre un "accordo sui fondamenti", per cui il gioco politico si sviluppa costretto tra due opzioni delegittimanti estreme, l'antifascismo e l'anticomunismo. Secondo: destra e sinistra sono state (a diverso titolo e con modalità differenti) sì protagoniste, ma incapaci di avanzare una propria candidatura autonoma alla guida del Paese. Terzo: resiste nel tempo una difficoltà strutturale a risolvere la stridente asimmetria esistente tra "paese reale" e "paese legale".

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID37590 - 08/11/2013 10:54:02 (Aldo Vaglia)
Si possono trovare anche altre cause nei tratti genetici che contraddistinguono l'italiano medio, ma gia' nel titolo c'e' la risposta per capire molti perche'. Il titolo puo' essere anche cosi' tradotto: la destra governa senza cultura, la sinistra non ha cultura di governo. E continuando: e' possibile mantenersi a livelli di sviluppo decenti se manca la cultura? Come si sopperisce alla mancanza di strategia economica e politica dei due sistemi liberisti o solidaristici se quelli che li dovrebbero rappresentare non hanno nemmeno la cultura di conoscerli? Nel modo piu' semplice che sia dato alle democrazie prive di cultura: il populismo. E da cosa e' meglio rappresentato il populismo se non dalle tifoserie e dai valori contrapposti? Inter contro Milan, Fascisti contro Comunisti, Papisti contro Laici, Ecologisti contro Produttori?...


ID37618 - 09/11/2013 10:03:42 (Leretico) Cosa non ha funzionato
Fino al 1989 l'Italia uscita dalla guerra aveva vissuto in una democrazia bloccata, cioè in una non democrazia. Al suo interno destra e sinistra fecevano la loro politica cibandosi di ideologia e opportunismo italico. Questa dinamica che da entrambe le parti era portata avanti sullo stile dei frontalieri esposti alle invasioni barbariche, era dettata per lo più dalla logica del "prendi finché ce n'è, tanto se non lo facciamo noi lo faranno gli altri". Nessuna idea di nazione, solo quella di famiglia leggermente allargata ai "clientes". Così dall'89 in poi abbiamo continuato con lo stesso schema, finanziando la nostra psudo-democrazia col debito pubblico. L'idea di democrazia per noi è un virus di cui abbiamo sviluppato gli anticorpi da molto tempo. I sintomi sono la violenza fisica e verbale, la corruzione materiale e la doppiezza nei discorsi e nelle manifestazioni pubbliche. Alla domanda su cosa non ha funzionato


ID37621 - 09/11/2013 10:14:52 (Leretico) continua
bisognerebbe aggiungere quella del perché non ha funzionato. Sostanzialmente si potrebbe rispondere con l'esempio, che sempre Dru mi ripete, su quel signore che accompagna una bella ragazza a teatro. Se egli l'accompagna con l'intenzione di godere dello spettacolo, l'andare a teatro assume un significato completamente diverso da quello che avrebbe se le intenzioni di quel signore fossero invece di godere con la ragazza in altro modo dopo lo spettacolo. Tradotto: la democrazia non funziona in Italia perché si dice di volerla ma in fondo si vuole un'altra cosa. In Italia si vuole gestire il potere non a favore dell'intera comunità, ma solo e sempre a vantaggio della famiglia allargata. Gli altri si arrangino. E si crede che l'alternanza, cioè il mangiare alla tavola imbandita una volta per uno, dia senso alla democrazia. Tutto ciò fa solo ingrassare i soliti noti, di nascosto coalizzati in grandi intese, senza nessun vantaggio per il paese.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/03/2017 15:05:00
Rizzo e «La Repubblica dei brocchi» Il giornalista del Corriere sarà ospite questo sabato sera a Bione per la presentazione del suo ultimo libro sul declino della classe dirigente italiana

17/10/2014 16:53:00
Viaggi e incontri Sarà presentato questo sabato pomeriggio nella sala consiliare di Roè Volciano il libro «Paesaggio con figure», viaggi e incontri 1984-2007 del giornalista Ferruccio Peroni, che racconta di incontri particolari durante i suoi viaggi

29/12/2013 08:33:00
«Echi d'anima» Oggi pomeriggio alle 16.30 nell'antica chiesa di San Barnaba in Bondo, la presentazione del libro di poesie di Ivana Magri con accompagnamento musicale

15/10/2010 09:00:00
«Miracoli di Valle Sabbia» Andrea Crescini indaga una nuova pagina di storia valsabbina. Sabato la presentazione del nuovo libro a Sopraponte di Gavardo.

29/11/2013 09:26:00
D’Annunzio «Il Priore in peccato di gola» Questo tardo pomeriggio nella Sala dei Provveditori del palazzo municipale di Salò la presentazione del libro di Pino Mongiello sul rapporto coltivato dal Vate fra cibo ed eros . A seguire delle dolci degustazioni



Altre da Salò
22/04/2017

SAT, il nuovo progetto musicale di Agostino Bellini

Questa domenica 23 aprile al “Ventiquattro” di Cunettone di Salò la presentazione del suo primo Ep “Life on Saturday at 1 pm”

21/04/2017

Camminando dove è nata la nostra Costituzione

La Sezione dell’Anpi di Salò organizza nella giornata del 25 Aprile due escursioni sui sentieri della Resistenza in Valle Sabbia nella zona delle Pertiche

21/04/2017

«Non leggo, ma lasciatemi scrivere»

VerrĂ  presentato mercoledì 26 aprile alle 20,30 all’Auditorim del Liceo Fermi di Salò, in via martiri delle Foibe 8, a cura del CTI di Salò e dell’Associazione Italiana Dislessia e dell’Infopoint Aid Garda-Vallesabbia, il libro "Demone Bianco" di Giacomo Cutrera

20/04/2017

Scatti in mostra

Sarà inaugurata questo sabato pomeriggio 22 aprile a Salò, presso la Domus del duomo, la mostra fotografica collettiva del Cine Foto Club Vallesabbia

19/04/2017

Latente

"Manifesto per un dadaismo ludico/lirico" è il titolo di una mostra dell'artista gardesano Albano Morandi allestita in questi giorni a Bucarest, fino al 20 maggio. Ce la descrive Ilaria Bignotti

18/04/2017

Nuova attribuzione per il crocifisso ligneo del duomo di Salò

SarĂ  presentato sabato pomeriggio nel duomo di Salò il nuovo libro di Sara Cavatorti sullo scultore Giovanni Teutonico ritenuto fino a pochi anni fa l'autore della splendida scultura lignea del crocifisso di Salò ora attribuita fra’ Paolo Moerich

17/04/2017

Soccorso nel torrente

E' stato recuperato dai vigili del fuoco salodiani un ragazzo di 16 anni che mentre stava giocando con degli amici è scivolato da un sentiero fin nel torrente della Madonna del Rio, poco sopra Salò 

09/04/2017

Non è sempre la stessa musica

Vi racconto una bella storia. C’era una volta, e c’è ancora, l’Orchestra sinfonica “Esagramma” di Milano, che da trent’anni gira il mondo portando la sua musica...

08/04/2017

104 primavere per Domenica

Tanti auguri a nonna Domenica, di Salò, che ha festeggiato le 104 primavere con le penne nere salodiane
(1)

06/04/2017

Accattonaggio, no grazie

Avanti tutta a Salò con la lotta all'accattonaggio, dove la Locale ha fermato e poi denunciato per resistenza a pubblico ufficiale un richiedente asilo che elemosinava a Barbarano, davanti ad un supermercato (6)

Eventi

<<Aprile 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia