Skin ADV
Martedì 10 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Dicembre in Gaver

Dicembre in Gaver

di Gianpaolo Capelli



09.12.2019 Bagolino

09.12.2019

09.12.2019

09.12.2019 Vestone

09.12.2019 Sabbio Chiese Provaglio VS Valsabbia

09.12.2019 Pertica Bassa Valsabbia

09.12.2019 Valtrompia

08.12.2019

09.12.2019 Vestone

09.12.2019 Bagolino






24 Giugno 2019, 06.27
Roè Volciano
Dossier: A spasso nel tempo 3

Il Gobbo di Gazzane (e di Salò!)

di red.
Gli alunni si sono recati in Duomo, a Salò, per poter conoscere “personalmente” il gobbo di Gazzane...

Costui viveva, sul finire del XV secolo in una piccola e povera famiglia ed era l'unico, debole e malaticcio figliolo; si chiamava Mometto e, per la sua gobba sulla schiena, veniva chiamato da tutti il Gobbetto.
Sua madre, che gli voleva un mondo di bene, morì quando lui aveva solo 6 anni e la nuova moglie del padre non dimostrò per il figlio lo stesso affetto.

Del resto neppure Mometto si mostrava collaborativo nei confronti della donna e, anzi, invece di aiutarla, trascorreva il tempo per strada e nei campi, a divertirsi.
I coetanei, però, lo deridevano, soprattutto quando riceveva per la sua disobbedienza tante bastonate dalla matrigna.

Fu mandato presto a lavorare presso un contadino avaro e senza cuore perché portasse al pascolo le sue pecore.
Capitò però un giorno che, affaticato, Mometto si addormentasse e gli animali entrassero in un seminato e si rimpizzassero... Immaginate la rabbia del padrone del campo, che con furore urlò al ragazzo che si sarebbe tenuto le pecore del suo padrone.
Mometto si spaventò a tal punto che, per paura delle conseguenze della sua distrazione e della reazione che avrebbero potuto avere il padre ed il padrone, decise di non tornare a casa.

Prese allora a camminare lungo un sentiero che portava a Salò, singhiozzando per la disperazione.
Una donna, che percorreva la stessa strada dietro di lui, sentì il suo pianto e, per consolarlo, lo invitò a casa sua per cena e gli preparò poi un piccolo letto per ospitarlo per la notte.

Mometto piacque anche al marito della donna che, essendo falegname, decise di ospitarlo per un po' nella propria casa per insegnargli l'arte del suo mestiere.
Mometto trascorse con la nuova famiglia giorni sereni ed ebbe l'occasione anche di rivedere il padre, al quale promise che avrebbe mandato i suoi primi guadagni.

Intanto, in quegli anni, a Salò,
si stava costruendo il Duomo, la cui prima pietra fu posata il 7 ottobre del 1453.
Mometto era ormai divenuto un artigiano provetto, instancabile e d'un inesauribile buon umore e, chiamato a lavorare presso la fabbrica della chiesa, era benvoluto da tutti.
In particolare, aveva stretto amicizia con un giovane scalpellino, con cui trascorreva anche le domeniche in piacevoli passeggiate.

I lavori di costruzione erano nel frattempo quasi conclusi e Mometto, chiamato ora da tutti affettuosamente il Gobbo del Duomo, aiutava spesso gli altri operai appoggiando sulla propria gobbetta il carico dei loro attrezzi.
Una sera, il giovane stava trasportando sulla propria schiena una cassetta di chiodi che occorrevano per fermare una trave, prima di smettere i lavori della giornata.

Sul ponteggio, però, un'assicella si mosse
...Mometto fece per trattenerla ma dallo slancio precipitò nel vuoto.
Il giovane non sopravvisse alla caduta e i lavoratori che avevano assistito alla scena, dopo che il parroco ebbe dato benedizione alla salma, se ne andarono tristi a casa.

Il più disperato era però il giovane amico scalpellino, che si pose da allora a lavorare un blocco di pietra che aveva a casa sua, bagnandolo con le sue lacrime e accarezzandolo.
Lo scolpì come ricordava di aver visto per l'ultima volta Mometto, curvo con la cassetta sulla schiena.

Ecco, ora, tra le opere d'arte nel Duomo, c'è ancora il Gobbo di Salò.

Entrando in chiesa, date un'occhiata alla parete di sinistra, e troverete una scultura che ricorda il povero Mometto.

E sulla facciata del Duomo, cercate la croce che lo ricorda...è difficile vederla, ma i ragazzi ci sono riusciti!


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/06/2019 07:15:00
Casa Busi e l'acqua miracolosa Chi non ricorda quella splendida casa di fronte al centro sportivo a Gazzane? Ecco, lì ci abita Don Renato, che così ha raccontato agli studenti...

29/10/2018 11:06:00
Rapina in Villa a Gazzane di Preseglie Un banda di rapinatori ha fatto irruzione in casa di un imprenditore a Gazzane di Preseglie. Modi bruschi e minacce di morte: se ne sono andati con un consistente bottino

07/03/2015 07:17:00
A Gazzane con «Soffio di terra» Camminata in rosa a Gazzane di Preseglie nel primo pomeriggio di questa domenica. Partenza in paese, meta il Visello. Partecipazione libera, adatto a tutti


04/12/2019 08:08:00
Alla scoperta del Cotonificio - parte 1° Anche quest'anno, le classi seconde della Scuola Media F. Odorici, insieme ai ragazzi del CSE dei Tormini, hanno iniziato il loro percorso di conoscenza del territorio attraverso il laboratorio "A spasso nel tempo"

16/11/2006 00:00:00
Preseglie, fedeli in cerca di un tempio Chiesa chiusa a Gazzane di Preseglie: la causa è il terremoto... e la parrocchia non ha più voce. A lanciare questa sorta di allarme è don Franco Sorelli, parroco a Gazzane da 12 anni ma nativo della un tempo 'nemica' Preseglie...



Altre da Roè Volciano
08/12/2019

Come barche controcorrente

Questa sera - 8 dicembre - a Roè Volciano andrà in scena l’esito del laboratorio di lettura interpretata condotto dall’attrice Francesca Garioni. Entrata libera


16/11/2019

Roè, premiate le eccellenze scolastiche e sportive

Otto menzioni d’onore per gli sportivi locali e dieci borse di studio per gli studenti meritevoli, conferite dall’Amministrazione comunale di Roè Volciano per premiare l’impegno nello sport e nella formazione


15/11/2019

Alla corte dei Legnanesi

Anche un valsabbino nel gruppo dei Legnanesi, la popolarissima compagnia dialettale che fa sempre il pieno in tutti i teatri

13/11/2019

Due Bike a MelaVerde

Anche i fondatori della Due Bike, il “bike store” che apre ai Tormini di Roè Volciano, fra i protagonisti della puntata di Melaverde che andrà in onda su Canale 5 domenica prossima

08/11/2019

Leggere la bellezza

Una serata di musica e parole quella proposta questo venerdì sera nell’auditorium comunale di Roè Volciano dall’associazione Nonsolo8marzo con il patrocinio dell’amministrazione comunale

07/11/2019

Le azioni del cuore, per una cura condivisa

Questo venerdì nella sala conferenze della Casa di riposo di Roè Volciano un incontro dedicato alla cura con la psicologa Sandra Vincenzi e la dott.ssa Michela Speziani

04/11/2019

Via con 900 euro di vestiti

Il furto a Villanuova sul Clisi, ai danni di un negozio di articoli sportivi. Eluso il sistema antitaccheggio, non le indagini da parte degli agenti della Locale. Individuata infatti la responsabile, una donna di Roè

04/11/2019

Yoga, movimento e inclusione. Il lavoro di Marco e Vanessa

Marco Ferrari dell’associazione Garda Yoga e Vanessa Gabusi raccontano del percorso che li vede collaborare con creatività nel raggiungimento di obiettivi importanti

02/11/2019

Ci risiamo

Ancora un gesto di inciviltà e disprezzo per l’ambiente quello documentato da un nostro lettore sulla via per il Monte Covolo


28/10/2019

L'idromassaggio nel bosco

Ancora un abbandono di rifiuti sul monte Covolo, già oggetto di numerose segnalazioni. Questo quello in cui si è imbattuto oggi un nostro lettore

Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia