Skin ADV
Mercoledì 22 Febbraio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    

 
 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Primavera in anticipo

Primavera in anticipo

di Samuele Bianchi



20.02.2017 Villanuova s/C Roè Volciano

21.02.2017 Agnosine

20.02.2017 Bagolino Valsabbia

20.02.2017 Agnosine

21.02.2017 Valsabbia

21.02.2017 Vestone

21.02.2017 Pertica Alta

20.02.2017 Bione

21.02.2017 Vestone

20.02.2017 Giudicarie






22 Luglio 2016, 07.13

Genitori & Figli

Grooming: la pedofilia in Internet

di Giuseppe Maiolo
Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico

I pedofili, ormai, hanno abbandonato i giardinetti o i parchi dove una volta potevano attrarre i bambini o molestarli e si sono trasferiti da tempo sul web.
La rete offre più garanzie di anonimato e maggiori possibilità di attrarre con sicurezza bambini e adolescenti.

Un tempo per potersi appartare con un bambino il pedofilo si appostava in un luogo appartato e gli offriva le caramelle. Lo prendeva per la gola.
Ora la proposta più frequente e quella della ricarica telefonica.

Tempi diversi e strumenti differenti,
ma anche tecniche particolarmente pervasive ed efficaci, capaci di attrarre e convincere un minore a fidarsi delle lusinghe.
Perché di questo si tratta: catturare la fiducia di un fanciullo, maschio o femmina, che naviga e chatta con i suoi amici. Fargli credere di essere un coetaneo e con tenacia insistere nel dare di sé un’immagine di affidabilità che permetta al pedofilo di essere ritenuto come un amico a cui poter dire tutto e dal quale è possibile accettare ogni qualsiasi richiesta senza destare alcun sospetto.

Questo è in sostanza il grooming, ovvero l’abilità di un pedofilo di manipolare psicologicamente un minore attraverso un lungo periodo di conversazioni e contatti abilmente condotti e all’inizio per nulla invadenti e pericolosi.

Perché la parola inglese significa curare, cioè  prendersi cura.

Grooming letteralmente è lo strigliare o il pulire un cavallo e, per estensione, “tolettare” un animale domestico, carezzando e spazzolando il suo pelo per mantenerlo pulito e integro.
Ma con questa parola gli anglosassoni definiscono il comportamento ben noto di molte specie animali, che per istinto in coppia passano lunghi momenti a ripulirsi reciprocamente dei parassiti.

Se tra i primati il grooming è qualcosa di usuale e importante che regola la relazione, tra gli esseri umani è sinonimo ormai di pratica fatta di attenzione e vicinanza affettiva, ma non certo per  prendersi cura amorevole di un altro, quanto un comportamento finalizzato ad esercitare una forte ma lenta pressione psicologica.

Catturata la fiducia da parte di colui che vuole adescare
, il gioco è fatto e la vittima è in balia del suo carnefice.
E in particolare il minore catturato dall’abilità del pedofilo seducente, solitamente non riesce a rendersi conto di essere in mano ad un soggetto pericoloso perché, vissuto sempre in termini positivi, lo sconosciuto è tra i contatti come ”amico” e, come tale, viene considerato.

Qualche tempo fa per motivi professionali ho avuto modo di incontrare tre ragazze che tra i 12 e i 14 anni sono finite in una rete tesa da un pedofilo di 45 anni che, dopo un lungo periodo di innocenti conversazioni e senza rivelare la propria identità, le aveva portate a parlare sempre di più di cose intime e poi indotte a posare nude e realizzare per lui con una web cam una quantità di video hard.

Il ricco materiale pedopornografico ritrovato successivamente dalle autorità di polizia nel suo computer ha documentato in maniera sbalorditiva quanto le ragazzine fossero state ingannate e rese inoffensive dalla fiducia accordatagli.
Un adescamento che in media con ciascuna di esse si era protratto per più di un anno senza suscitare nelle ragazze adescate alcuna sensazione di pericolo, né tantomeno l’esigenza di informare un adulto di riferimento su quello che stava loro accadendo.

Giuseppe Maiolo
www.officina-benessere.it







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID67304 - 22/07/2016 19:09:15 (Tc) ...
Minori davanti a pc,con i genitori,parental control attivo,e usarlo solo per scuola,idem per il telefonino...se si vogliono incontrare e chiaccherare lo fanno fuori,all'aperto,si incontrano come una volta,a casa di uno dell'altro,nei campetti dell'oratorio,insomma sistemi di aggregazione non mancherebbero,perche' allora ''rimbambirsi'' dietro uno schermo...dipende ancora dai geniotori,buona parte...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/03/2016 08:50:00
Prostituzione minorile Sono emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori. Solo in questi casi si parla dei rischi che corrono i minori sulla rete. Cosa fanno e cosa devono fare gli adulti di riferimento?


01/03/2014 18:34:00
Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose

22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunità e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro

19/10/2015 07:31:00
Molestie e pedofilia: attrezzare i bambini Invitabile è lo sdegno di fronte ad un adulto che molesta i bambini. Eppure preziosa ed efficace la reazione di quella bambina undicenne che permette alle forze dell’ordine di acciuffare l’abusante



Altre da Genitori e Figli
20/02/2017

Il corpo dei nativi digitali

I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

10/02/2017

Se a un giovane manca l'idea di futuro

Da Pino Maiolo una riflessione, sull'onda dello sconcerto causato dalla lettera di Michele, il friulano che a trent'anni ha deciso di farla finita e che in queste ore sta rimbalzando sui giornali, in tv e sul web

23/01/2017

Cogliere il disagio in adolescenza

Durante l’adolescenza è importante stare attenti ai segnali che vengono inviati dai giovani come sbalzi di umore, pessimismo, isolamento relazionale. Anche se tristezza e pessimismo non vogliono dire depressione

31/12/2016

Senza biglietto

In cinque, non volevano pagare il biglietto dell'autobus. Li ha convinti un agente della Locale e alla fine i senza biglietto erano otto. E' successo a Barghe (14)

21/12/2016

Regalare tempo

I regali, si dice, sono un pensiero che si materializza soprattutto per ricordare che c’è qualcosa di affettivo che ci lega alla persona cui lo dedichiamo...

16/12/2016

Saper negoziare

I  conflitti di ogni tipo sono in crescita, quelli familiari ancora di più. Nonostante la rivoluzione tecnologica della comunicazione, sono aumentate le difficoltà comunicative e le incomprensioni.

21/11/2016

Indignamoci

Ogni giorno è un buon giorno per indignarsi! È lo slogan dell’Unicef per la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza celebrata domenica 20 novembre. Credo si debba condividere

24/10/2016

Smartphone sotto controllo

I giovani, ma anche i bambini usano ormai costantemente le nuove tecnologie, con estrema facilità e molta più velocità degli adulti. Non è un male di per sè, ma attenti alle dipendenze

26/09/2016

Ciberbulling

Del bullismo sappiamo tutto. O quasi. Il che non significa che siamo mediamente in grado di controllarlo. Quello che invece conosciamo  ancora troppo poco è il cyberbulling, cioè il bullismo virtuale che sta soppiantando quello reale


20/08/2016

Il Phubbing: una nuova forma di trascuratezza

A tutti sarà capitato almeno una volta di stare di fronte a una persona, amico o familiare, che mentre noi parliamo guarda il cellulare, risponde ad una mail o interagisce sul suo social (1)

Eventi

<<Febbraio 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia