Skin ADV
Venerdì 19 Gennaio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Salamandra

Salamandra

di Carla Dusi



17.01.2018 Sabbio Chiese

17.01.2018 Barghe

17.01.2018 Barghe

18.01.2018 Vestone Valtrompia

17.01.2018

17.01.2018 Gavardo

18.01.2018 Valsabbia

18.01.2018 Valsabbia Provincia

17.01.2018 Gavardo

18.01.2018 Gavardo






22 Luglio 2016, 07.13

Genitori & Figli

Grooming: la pedofilia in Internet

di Giuseppe Maiolo
Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico

I pedofili, ormai, hanno abbandonato i giardinetti o i parchi dove una volta potevano attrarre i bambini o molestarli e si sono trasferiti da tempo sul web.
La rete offre più garanzie di anonimato e maggiori possibilità di attrarre con sicurezza bambini e adolescenti.

Un tempo per potersi appartare con un bambino il pedofilo si appostava in un luogo appartato e gli offriva le caramelle. Lo prendeva per la gola.
Ora la proposta più frequente e quella della ricarica telefonica.

Tempi diversi e strumenti differenti,
ma anche tecniche particolarmente pervasive ed efficaci, capaci di attrarre e convincere un minore a fidarsi delle lusinghe.
Perché di questo si tratta: catturare la fiducia di un fanciullo, maschio o femmina, che naviga e chatta con i suoi amici. Fargli credere di essere un coetaneo e con tenacia insistere nel dare di sé un’immagine di affidabilità che permetta al pedofilo di essere ritenuto come un amico a cui poter dire tutto e dal quale è possibile accettare ogni qualsiasi richiesta senza destare alcun sospetto.

Questo è in sostanza il grooming, ovvero l’abilità di un pedofilo di manipolare psicologicamente un minore attraverso un lungo periodo di conversazioni e contatti abilmente condotti e all’inizio per nulla invadenti e pericolosi.

Perché la parola inglese significa curare, cioè  prendersi cura.

Grooming letteralmente è lo strigliare o il pulire un cavallo e, per estensione, “tolettare” un animale domestico, carezzando e spazzolando il suo pelo per mantenerlo pulito e integro.
Ma con questa parola gli anglosassoni definiscono il comportamento ben noto di molte specie animali, che per istinto in coppia passano lunghi momenti a ripulirsi reciprocamente dei parassiti.

Se tra i primati il grooming è qualcosa di usuale e importante che regola la relazione, tra gli esseri umani è sinonimo ormai di pratica fatta di attenzione e vicinanza affettiva, ma non certo per  prendersi cura amorevole di un altro, quanto un comportamento finalizzato ad esercitare una forte ma lenta pressione psicologica.

Catturata la fiducia da parte di colui che vuole adescare
, il gioco è fatto e la vittima è in balia del suo carnefice.
E in particolare il minore catturato dall’abilità del pedofilo seducente, solitamente non riesce a rendersi conto di essere in mano ad un soggetto pericoloso perché, vissuto sempre in termini positivi, lo sconosciuto è tra i contatti come ”amico” e, come tale, viene considerato.

Qualche tempo fa per motivi professionali ho avuto modo di incontrare tre ragazze che tra i 12 e i 14 anni sono finite in una rete tesa da un pedofilo di 45 anni che, dopo un lungo periodo di innocenti conversazioni e senza rivelare la propria identità, le aveva portate a parlare sempre di più di cose intime e poi indotte a posare nude e realizzare per lui con una web cam una quantità di video hard.

Il ricco materiale pedopornografico ritrovato successivamente dalle autorità di polizia nel suo computer ha documentato in maniera sbalorditiva quanto le ragazzine fossero state ingannate e rese inoffensive dalla fiducia accordatagli.
Un adescamento che in media con ciascuna di esse si era protratto per più di un anno senza suscitare nelle ragazze adescate alcuna sensazione di pericolo, né tantomeno l’esigenza di informare un adulto di riferimento su quello che stava loro accadendo.

Giuseppe Maiolo
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID67304 - 22/07/2016 19:09:15 (Tc) ...
Minori davanti a pc,con i genitori,parental control attivo,e usarlo solo per scuola,idem per il telefonino...se si vogliono incontrare e chiaccherare lo fanno fuori,all'aperto,si incontrano come una volta,a casa di uno dell'altro,nei campetti dell'oratorio,insomma sistemi di aggregazione non mancherebbero,perche' allora ''rimbambirsi'' dietro uno schermo...dipende ancora dai geniotori,buona parte...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/03/2016 08:50:00
Prostituzione minorile Sono emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori. Solo in questi casi si parla dei rischi che corrono i minori sulla rete. Cosa fanno e cosa devono fare gli adulti di riferimento?


01/03/2014 18:34:00
Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose

22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunità e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro

19/10/2015 07:31:00
Molestie e pedofilia: attrezzare i bambini Invitabile è lo sdegno di fronte ad un adulto che molesta i bambini. Eppure preziosa ed efficace la reazione di quella bambina undicenne che permette alle forze dell’ordine di acciuffare l’abusante



Altre da Genitori e Figli
08/11/2017

Inganna il maiale: un nuovo bullismo in rete

Si tratta di un "gioco" che non adrebbe per nulla chiamato tale e che arriva a provocare devastazione psicologica nelle vittime
(1)

23/10/2017

Imparare Internet per educare i figli

Internet è una realtà preziosa, ormai insostituibile. Da quando, agli inizi degli anni novanta del secolo scorso, Internet è diventata una “rete” di connessioni diffusa e utilizzata a livello globale la nostra realtà è cambiata radicalmente

08/10/2017

Adolescenza e depressione

Flavia Bustreo: «La depressione è una minaccia sottovalutata nel mondo moderno, soprattutto verso le fasce più deboli della popolazione, fra cui donne dopo la gravidanza e gli adolescenti» (1)

25/09/2017

La paura di diventar grandi

Crescere o non crescere, questo è il dilemma. Parafrasando Amleto, potrebbe essere l’interrogativo che si pongono i Millenials, cioè tutta quella generazione che è nata con l’esplosione di Internet ed è cresciuta con la tecnologia digitale

19/09/2017

Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa

Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

04/09/2017

Meno stress per il rientro dalle vacanze!

Settembre è per tutti il mese della ripresa. Ognuno riprende la vita di prima dopo le vacanze estive, il tempo lungo del giorno, l’ozio e la distensione. C’è chi ritorna al lavoro e che inizia la scuola

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

25/07/2017

Bulli e bulle per me pari sono

Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente

08/06/2017

A proposito di Balena blu

L’allarme è virale, come si dice ora nel tempo digitale. E’ bastato un servizio decisamente inquietante per mettere in angoscia genitori e educatori, infuocare gli animi di preoccupazione e far gridare all’emergenza

Eventi

<<Gennaio 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia