Skin ADV
Venerdì 27 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






28 Marzo 2018, 09.05

Blog - Maestro John

Sei Grande, Grande, Grande

di John Comini
Martedì mattina sono andato al Teatro Grande, insieme alle classi terze della scuola Primaria di Prevalle. C’erano anche i simpatici bambini di Villanuova. Già vedere i miei “ex” alunni che mi salutavano dalle finestre, è stata un’emozione fortissima…

E anche riabbracciare alcune “ex” colleghe, mandare baci e abbracci… Sono salito su uno dei pullman che ha portato gli splendidi bambini delle classi terze a Brescia, per assistere all’opera “Carmen, la stella del circo di Siviglia” tratta dal capolavoro di Bizet. Da alcuni anni, anche grazie all’entusiasmo della maestra Raffaella Polini, le scuole aderiscono al progetto “Opera Domani”, per conoscere la bellezza della musica.

Gli alunni preparano nei mesi precedenti il materiale di accompagnamento  e le canzoni da cantare insieme ai cantanti dell’Opera. Le mie “ex” classi due anni fa avevano assistito ad una coinvolgente edizione della “Turandot” di Puccini. La musica è un linguaggio universale, ti apre il cuore, è l’armonia dell’anima, è la cosa che più si avvicina all’amore. La musica è un concentrato di emozioni, è come il vento. Come scrisse Beethoven, la musica vale tutte le filosofie del mondo.

Forse qualcuno – io per primo - potrebbe pensare che l’Opera lirica sia una zuppa, una cosa vecchia e piena di polvere. Ma assistendo alle opere rivolte ai bambini, scoprirà che si tratta di uno spettacolo multimediale: insieme alla musica che fa da colonna sonora, si possono trovare le parole (sul libretto), il gesto teatrale. E poi ci sono le musiche, le scenografie, le luci, la dorata e magica bellezza del Teatro Grande, che da solo merita il viaggio.

Grazie all’opera, tra l’altro, si parla la lingua italiana in ogni parte del pianeta. Grazie a Rossini, Bellini, Donizetti, Verdi e Puccini, l’arte italiana è conosciuta nell’universo, come il parmigiano reggiano e la pizza!
 
Prima di partire la maestra Francesca mi ha colorato di rosso il mio nasone da Cyrano, perché tutti (bambini e maestre) dovevano interpretare i clown, perché la “Carmen” era ambientata in un grande e coloratissimo tendone da circo.
 
Tutti avevano bandierine giallo-rosse della Spagna (ahi, mi ricordano il Real, prossimo avversario della mia Juve… ), papillon, cappellini con pompon e guanti bianchi. Tutti erano emozionati ed hanno assistito alla splendida esecuzione dell’orchestra, diretta da un maestro davvero eccellente. Che poi era una ragazza, di nome Azzurra, dai capelli fluenti. Ogni tanto si girava per coinvolgere platea e galleria e dirigere con energia i bambini che cantavano:
 
“Con la guardia quando è pronta
ci sappiamo accompagnar…
Tromba, a suonare sii pronta,
tataratatatatata!”
 
Gli interpreti hanno eseguito i brani musicali in modo davvero accattivante, all’interno di una scenografia molto bella e “magica”. Ho trovato posto su di un palchetto, come i nobili di un tempo, insieme ad alcune alunne brave e simpatiche. In quel teatro strapieno di bambini e ragazzi, mi ha colpito il silenzio incredibile durante tutti i passaggi della storia, l’attenzione per non perdere neppure un istante di quella magia.

Davvero la musica fa miracoli. I bambini, preparati in precedenza dalle maestre, conoscevano perfettamente la storia di José che, appena arrivato al Circo Siviglia, lavora come guardiano. Inizialmente si innamora di Micaela, l’assistente del lanciatore di coltelli. Ma sopraggiunge Carmen con altri gitani per fare le prove del suo numero di ballo e magia. Carmen lancia un fiore magico a José, il quale rimane incantato da questa donna misteriosa ed affascinante. Durante lo spettacolo Carmen è colpita dalla bellezza e dal fascino di Escamillo, l’uomo d’acciaio, che mostra la sua forza sollevando diversi pesi. 
 
“Toreador, attento toreador!
Lui è il più forte dei matador
Non ha timore in cor.
Lui sempre tutto può, Toreador!”
 
Escamillo le confessa il suo amore. Carmen scopre, dalla lettura delle carte, di essere prossima alla morte, e si convince di non poterla evitare. Si accende poi un duello per amore tra Escamillo e José. Il giorno dopo, al centro della pista, tutto è pronto per lo spettacolo. Si vedono trapezisti, lanciatori di coltelli, fachiri, giocolieri, ballerine, una bravissima acrobata che sale su di una corda, facendo piroette strabilianti. E giù applausi scroscianti. Il pubblico acclama Escamillo, che prima di iniziare dedica all’amata alcune parole d’amore. José è tra il pubblico, accecato dalla gelosia. Attira Carmen la gitana fuori dal tendone per convincerla a tornare con lui. Lei non accetta, lui la rincorre. José la spinge dentro la scatola magica e vi infila una grande sciabola. Si sente un urlo: tutti accorrono, José viene legato e portato via. Nel silenzio generale, si apre la scatola e… dentro non c’è nessuno!
 
Quel finale mi ha fatto riflettere sulla violenza verso le donne… purtroppo ogni giorno l’amore possessivo arriva a conclusioni tragiche. Quando impareremo a rispettarci l’un l’altro? E l’opera lirica, anche se “antica”, può suscitare anche discussioni su questi problemi, che sono insiti nell’animo umano.
 
Finale con applausi scroscianti, una vera standing ovation! Uno ad uno i protagonisti si sono presentati alla ribalta, ricevendo applausi ed urla di entusiasmo, manco fossimo a The Voice! E pensare che quando “Carmen” andò in scena la prima volta a Parigi, nel lontano 1875, fu un insuccesso: il pubblico non era pronto per quella musica prorompente e sincera. Ma nel corso degli anni Carmen ha ottenuto un successo senza precedenti ed oggi è la seconda opera lirica più rappresentata al mondo.
 
Siamo tornati a scuola allegri ed affamati. A casa, nonostante fossero le 13.30, ho trovato la mia dolce metà (facciamo un terzo… ) che mi attendeva con un’eccellente pastasciutta, musica per la mia pancia.
 
Cosa vuoi di più dalla vita?
 
Maestro John 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/01/2018 10:00:00
Valore assoluto Chi era don Lorenzo Milani? Perché, a cinquant’anni dalla morte, ci si continua ad interrogare sulla sua vita, sulla sua opera educativa?

08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

11/02/2018 09:52:00
A carnevale ogni «squola» vale È carnevale. E allora voglio ricordare con il sorriso le mie colleghe (e colleghi) della mitica scuola di Prevalle, citando uno scritto che avevo letto in pizzeria, tempo fa, mescolandolo con il saluto che avevamo fatto al Dirigente ora in pensione. Non metto i nomi, ma chi c’era si riconoscerà. Allegria!

01/04/2018 09:40:00
E ti vengo a cercare La fede. O ce l’hai o non ce l’hai. Non c’è niente da fare. A me l’ha regalata mia mamma. Ma conosco un sacco di belle persone che non credono in Dio…

04/03/2018 09:42:00
Una terra promessa Si vota. Dopo mesi di campagna elettorale. Da quando sono bambino sento “siamo in campagna elettorale”…



Altre da Maestro John
25/04/2018

Ricordati di me

Il 25 aprile noi bambini eravamo contenti perché si stava a casa da scuola. Io leggevo sui muri i manifesti, con tanto di tricolore (2)

22/04/2018

Questione di feeling

Oggi vorrei fare un elogio a tutte le donne che ho conosciuto nella mia vita. Sono sempre stato beato tra le donne. Sarà perché sono ricco, ho il fisico scultoreo e una profonda intelligenza? Mah… (1)

19/04/2018

Auguri, don Giovanni Arrigotti!

Oggi compie 82 anni un sacerdote che ha fortemente inciso nella formazione di molti gavardesi. Sono stati pochi gli anni che don Giovanni è rimasto in paese, ma sono bastati per incidere profondamente nelle scelte di molti giovani, e in particolare seminare a larghe mani in campo missionario. Da un suo libro di ricordi…

15/04/2018

Che domenica «bestiale»

Una passeggiata sulla Via Romana, la strada che collega Gavardo a Villanuova. È un paradiso terrestre, che ti fa dimenticare le cattiverie dei potenti (2)

08/04/2018

Le tasche piene di sassi

Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

01/04/2018

E ti vengo a cercare

La fede. O ce l’hai o non ce l’hai. Non c’è niente da fare. A me l’ha regalata mia mamma. Ma conosco un sacco di belle persone che non credono in Dio… (1)

25/03/2018

E intanto il tempo se ne va

Questa mattina mi sono svegliato più presto del solito. Guardo la sveglia: sono già le 7?! Ah già, c’è l’ora legale. Rimango nel letto a pensare.

18/03/2018

Tema: Il mio papà

Svolgimento. Il mio papà si chiama Luigi. È nato nel 1913. Suo padre Angelo aveva fatto un bel po’ di debiti e sua madre Margherita era stata imbrogliata dai fratelli nelle divisioni dell’eredità... (2)

11/03/2018

Come neve

La mia amica Mari mi ha raccontato una storia bellissima e commovente. C’è un uomo, si chiama Natalino. È nato in un paese del lago. È un bambino di quattro anni quando rimane orfano. È stato messo in un collegio, dove le suore lo trattano bene. Conosce una ragazza molto giovane…

04/03/2018

Una terra promessa

Si vota. Dopo mesi di campagna elettorale. Da quando sono bambino sento “siamo in campagna elettorale”… (1)

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia