Skin ADV
Giovedì 18 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Limonaia a Torri del Benaco

Limonaia a Torri del Benaco

di Paolo Capelli



16.07.2019 Odolo Valsabbia

16.07.2019 Vestone Provaglio VS

16.07.2019 Bione

16.07.2019 Vestone Villanuova s/C

16.07.2019 Odolo Lavenone

17.07.2019 Vobarno

17.07.2019 Casto

16.07.2019 Val del Chiese Storo

18.07.2019 Serle

16.07.2019 Agnosine






30 Settembre 2018, 08.28

Blog - Genitori e figli

Ritratto di un cyberbullo

di Giuseppe Maiolo
Quando si guarda allo specchio il cyberbullo vede la sua immagine enorme, potente, dotata di forza e sicurezza...

..Lo è, o almeno appare, ma sovente è per compensazione perché al di fuori del territorio virtuale è invece debole e fragile, non di rado vittima di aggressioni, agnello braccato dai lupi cattivi.
In rete il bullo digitale si trasforma in “angelo vendicatore” o almeno assume questo ruolo per esercitare un potere che nella realtà non possiede.

Si vendica di chi gli ha fatto subire torti, o li ha inflitti a qualcuno che gli è caro.
Il mezzo, ovvero la rete e quel piccolo, potentissimo aggeggio che sta nel palmo di una mano e può sfilare dalla tasca quando vuole, lo trasforma, gli fa cambiare sembianze, lo fa sentire invincibile e in grado di fare qualsiasi cosa senza esporsi troppo, senza doversi coprire il volto o mascherare.
Garantito dall’anonimato, colpisce duro, a volte ferisce a morte, soprattutto se si allea con altri bulli e ne condivide il piacere della persecuzione. È convinto che le sue aggressioni in internet siano motivate dalle sofferenze patite e dal fatto che i colpevoli sono rimasti impuniti.

Ma c’è anche il cyberbullo che assume questo ruolo perché vuole potere e controllo.
Sapere che attorno a lui, ad osservare le sue imprese, ci sono ammiratori, sostenitori e complici che vedono e non parlano, lo rassicura e lo fa sentire “potente”.

Poi c’è il bullo digitale che offende e aggredisce per noia e per passatempo. Non ha un motivo specifico.
Fa un po’ come quei ragazzi che una volta si “divertivano” a lanciare i sassi dal cavalcavia. Non c’era mai una ragione precisa, se non quella di vedere cosa poteva succedere e quanta adrenalina entrava in circolo.

Il ogni caso il cyberbullo ha sempre la consapevolezza che può raggiungere la sua vittima in ogni luogo e in qualsiasi momento perché non ha bisogno di cercarla o aspettarla da qualche parte.
Non deve faticare a inseguire la sua preda e braccarla di nascosto come nel bullismo reale. Sa che può colpirla quando ne ha voglia, senza spostarsi, rimanendo tranquillo davanti ad un display che, come una finestra aperta, gli dice dove si trova chi vuole colpire. Da quella postazione controlla e lancia le sue frecce avvelenate. Sa che il suo bersaglio è sempre nel mirino perché ha un telefonino acceso ed è sotto tiro h24 perché iperconnesso.

Al cyberbullo non serve la forza fisica e neppure una particolare energia. Non ha bisogno di fare qualcosa di particolare per mostrarsi al mondo e farsi bello, capace, importante.
Gli basta una piccola pressione dei pollici e ha un’infinità di spettatori che lo ammira e gli rimanda le conferme che non ha avuto da nessuno e quell’attenzione che ha sempre cercato, senza la quale non è potuto diventare sicuro e forte.

Di solito non è uno stupido, il bullo digitale, anzi è bravo, competente, tecnologico. Forse anche lì si considera in eccesso, un po’ troppo sicuro di muoversi in rete immaginandosi in totale anonimato mentre non sa esattamente che nel web si lasciano tracce dappertutto.
È però forte perché sa camuffarsi e assumere altre sembianze, clonare la sua immagine in tanti altri avatar che lo duplicano senza farlo riconoscere e, allo stesso tempo, gli sottraggono remore morali e sensi di colpa, dispiacere e vergogna.

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia delle età della vita – Università di Trento
www.officina-benessere.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche


Altre da Genitori e Figli
15/07/2019

Gli adolescenti, l'estate, l'amore

L’estate, per tutti è sinonimo di vacanza e di svago, di vita all’aria aperta. Per gli adolescenti ancora di più 

08/07/2019

Se un adolescente mente

Inventarsi una storia o farsi un film e mentire alla grande, in adolescenza ci sta. Eccome! Perché, come dice Gustavo P. Charmet, “I ragazzi che sostengono di dire sempre la verità ci devono preoccupare”

01/07/2019

I fatti di Bibbiano. Dalla violenza alla violenza?

Quando un amico e collega, qualche sera fa mi segnala la notizia appena diffusa dalle agenzie di stampa sui fatti di Bibbiano in provincia di Reggio Emilia, la mia reazione non è solo di sorpresa ma di totale sconcerto (1)

24/06/2019

WhatsApp, adescamento e pedopornografia

Stiamo perdendo la percezione del rischio. I bambini e gli adolescenti ne hanno poca o niente, ma questo è fisiologico. Gli adulti, invece, se poco competenti sulle nuove tecnologie digitali, sembrano sottovalutare i pericoli provenienti anche dall’utilizzo di un sistema di messaggistica come quello di WhatsApp, considerato sicuro

16/06/2019

Educare al fallimento

Tempo di bilanci per la scuola. Ma anche tempo di sofferenze per chi si aspettava risultati diversi, per chi ha debiti formativi da recuperare o addirittura viene bocciato.

10/06/2019

La disperazione infinita di Noa

Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

03/06/2019

Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore

“La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

27/05/2019

Che bello lo sballo!

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

20/05/2019

Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti

Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.

07/05/2019

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza

Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia