Skin ADV
Lunedì 22 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
I colori di Burano

I colori di Burano

by Nicole



20.10.2018 Valsabbia

21.10.2018 Gavardo

21.10.2018 Capovalle Roè Volciano Valsabbia

20.10.2018 Anfo

20.10.2018 Idro Valsabbia

20.10.2018 Bagolino

22.10.2018 Roè Volciano

21.10.2018 Gavardo

22.10.2018 Gavardo Vallio Terme

21.10.2018 Vobarno



30 Settembre 2018, 08.28

Blog - Genitori e figli

Ritratto di un cyberbullo

di Giuseppe Maiolo
Quando si guarda allo specchio il cyberbullo vede la sua immagine enorme, potente, dotata di forza e sicurezza...

..Lo è, o almeno appare, ma sovente è per compensazione perché al di fuori del territorio virtuale è invece debole e fragile, non di rado vittima di aggressioni, agnello braccato dai lupi cattivi.
In rete il bullo digitale si trasforma in “angelo vendicatore” o almeno assume questo ruolo per esercitare un potere che nella realtà non possiede.

Si vendica di chi gli ha fatto subire torti, o li ha inflitti a qualcuno che gli è caro.
Il mezzo, ovvero la rete e quel piccolo, potentissimo aggeggio che sta nel palmo di una mano e può sfilare dalla tasca quando vuole, lo trasforma, gli fa cambiare sembianze, lo fa sentire invincibile e in grado di fare qualsiasi cosa senza esporsi troppo, senza doversi coprire il volto o mascherare.
Garantito dall’anonimato, colpisce duro, a volte ferisce a morte, soprattutto se si allea con altri bulli e ne condivide il piacere della persecuzione. È convinto che le sue aggressioni in internet siano motivate dalle sofferenze patite e dal fatto che i colpevoli sono rimasti impuniti.

Ma c’è anche il cyberbullo che assume questo ruolo perché vuole potere e controllo.
Sapere che attorno a lui, ad osservare le sue imprese, ci sono ammiratori, sostenitori e complici che vedono e non parlano, lo rassicura e lo fa sentire “potente”.

Poi c’è il bullo digitale che offende e aggredisce per noia e per passatempo. Non ha un motivo specifico.
Fa un po’ come quei ragazzi che una volta si “divertivano” a lanciare i sassi dal cavalcavia. Non c’era mai una ragione precisa, se non quella di vedere cosa poteva succedere e quanta adrenalina entrava in circolo.

Il ogni caso il cyberbullo ha sempre la consapevolezza che può raggiungere la sua vittima in ogni luogo e in qualsiasi momento perché non ha bisogno di cercarla o aspettarla da qualche parte.
Non deve faticare a inseguire la sua preda e braccarla di nascosto come nel bullismo reale. Sa che può colpirla quando ne ha voglia, senza spostarsi, rimanendo tranquillo davanti ad un display che, come una finestra aperta, gli dice dove si trova chi vuole colpire. Da quella postazione controlla e lancia le sue frecce avvelenate. Sa che il suo bersaglio è sempre nel mirino perché ha un telefonino acceso ed è sotto tiro h24 perché iperconnesso.

Al cyberbullo non serve la forza fisica e neppure una particolare energia. Non ha bisogno di fare qualcosa di particolare per mostrarsi al mondo e farsi bello, capace, importante.
Gli basta una piccola pressione dei pollici e ha un’infinità di spettatori che lo ammira e gli rimanda le conferme che non ha avuto da nessuno e quell’attenzione che ha sempre cercato, senza la quale non è potuto diventare sicuro e forte.

Di solito non è uno stupido, il bullo digitale, anzi è bravo, competente, tecnologico. Forse anche lì si considera in eccesso, un po’ troppo sicuro di muoversi in rete immaginandosi in totale anonimato mentre non sa esattamente che nel web si lasciano tracce dappertutto.
È però forte perché sa camuffarsi e assumere altre sembianze, clonare la sua immagine in tanti altri avatar che lo duplicano senza farlo riconoscere e, allo stesso tempo, gli sottraggono remore morali e sensi di colpa, dispiacere e vergogna.

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia delle età della vita – Università di Trento
www.officina-benessere.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche


Altre da Genitori e Figli
21/10/2018

La pedofilia on line

Tutto cambia, nel bene e nel male. Ora la pedofilia si è trasferita in Internet e i pedofili on line sono la nuova frontiera della depravazione sessuale

14/10/2018

Castrazione chimica per la pedofilia? Inutile

Ogni qualvolta accadono violenze sessuali sui bambini o di stupri sui minori come il recente caso della studentessa asiatica violentata a Firenze qualche settimana fa, torna fuori da parte di personaggi pubblici o politici l’idea della castrazione chimica come soluzione

07/10/2018

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


23/09/2018

Giovani e senso del limite

Le biografie personali che negli ultimi fatti di cronaca hanno visto protagonisti adolescenti che hanno perso la vita, necessitano di tutto il nostro rispetto e mai di un giudizio (1)

14/09/2018

Blackout. Il gioco mortale dei teenager

Un’ennesima tragedia si compie tra i giovani e sconvolge perché scopri che si muore per “gioco”. È una pratica occulta e già conosciuta tra i giovani, inebriante ed eccitante, per qualche verso erotica, che ora la rete sta diffondendo e che negli Stati Uniti ha già fatto numerose vittime 

09/09/2018

Scuola e famiglia ai blocchi di partenza

Pronti via, fra attese e speranze. Ma com'è cambiato nel tempo il rapporto fra le famiglie e la scuola? Ce ne parla oggi Giuseppe Maiolo


02/09/2018

La famiglia liquida

La famiglia del terzo millennio è passata attraverso varie mutazioni e ora coniuga una grande quantità di relazioni diverse che danno vita a complesse variabili sia della genitorialità che dell’educazione (1)

26/08/2018

Bullismo e disimpegno morale

Di bulli ce ne sono tanti. Troppi sicuramente e distribuiti un po’ dappertutto, non solo nei luoghi tradizionali come la scuola o il parco pubblico, e ora il web, dove è più facile spargere i semi dell’intolleranza e della violenza


19/08/2018

Le bulle

Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...

12/08/2018

I giovani e l'incertezza

Nel libro “La società dell’incertezza” Zigmunt Bauman sosteneva che la società contemporanea, conquistata la liberta individuale, ora è destinata all’incertezza...

Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia