Skin ADV
Martedì 18 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Rododendro nano

Rododendro nano

di Clementino Ferrari



16.06.2019 Villanuova s/C Prevalle

17.06.2019 Garda

16.06.2019 Casto

16.06.2019 Preseglie

17.06.2019 Gavardo Vallio Terme

16.06.2019 Gavardo Valsabbia

17.06.2019 Idro Vobarno Valsabbia

16.06.2019 Preseglie

16.06.2019 Vestone

17.06.2019 Vobarno



21 Aprile 2019, 07.14

Blog - Genitori e figli

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

di Giuseppe Maiolo
Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

E come li vedo smanettare uno accanto all’altro sul loro dispositivo appoggiati ad una ringhiera o in equilibrio sull’autobus, mi domando se sono online o offline. 
Mi rispondo immediatamente che questa distinzione non serve più, anche se conta spiegare la differenza tra questi due modi di essere.

Oggi, mi dico, non esiste più un mondo senza l’altro ma è importante far sapere loro che c’è un confine in mezzo.
Forse questa linea di demarcazione può apparire sottile e quasi inesistente, un po’ come la linea d’orizzonte sul mare che non ti fa vedere dove finisce l’acqua e inizia il cielo. Eppure ragazzi e bambini hanno bisogno di sapere che sono elementi diversi, contigui e vicini ma che non si sovrappongono mai, né si con-fondono.

Dobbiamo dirglielo apertamente e farglielo capire.
Gli adulti hanno il dovere di indicare la differenza tra il reale e il virtuale e spesso agli insegnanti suggerisco di provare a preparare una lezione su questi due spazi paralleli.
Perché, a mio parere, è fondamentale fare in modo che la loro identità non si costruisca solo su quel “sé sociale” che oggi imperversa.

Molti infatti, formano la propria identità sulla base dei consensi che ricevono dai post e dalle infinite immagini che pubblicano in continuazione sui social.
Credono di poter essere sicuri più hanno like sui loro profili. Qualcuno, a volte, lo diventa anche. Ma parecchi costruiscono una facciata e una poderosa maschera che si sovrappone a tutto.

Quando se ne accorgono si sentono naufragare.
Allora mi capita di incontrarli perché mi chiedono aiuto e li trovo appesantiti da una dose notevole di sofferenza. Isolati e impauriti, con la tendenza a sentirsi esclusi, senza peraltro esserlo veramente, questi adolescenti iperconnessi confusi e disorientati, ammettono di sentirsi sotto stress, di avere grandi difficoltà a mantenere attiva l’attenzione ed essere incapaci di concentrarsi con lucidità su quello che fanno.

Più di tutto preoccupa quel “sé sociale” che si alimenta della dipendenza dai “like”.
Perché è ormai chiaro che il meccanismo della ricompensa psicologica attivato dal “mi piace” funziona come potente approvazione sociale e alimenta in modo compulsivo il bisogno di replicare l’esperienza piacevole dell’approvazione.

Allora mentre prevale un “falso sé” si sviluppa la dipendenza da Internet, dai social e dall’idea di essere socialmente importanti.
Dipendenza che non è per nulla diversa da quella derivante dall’assunzione di sostanze psicoattive come l’alcol e le droghe. Così non va sottovalutato il rischio crescente delle tecno-dipendenze, ma devono essere riconosciuti precocemente quei segnali di allarme che possono annunciarle.

Ad esempio, non deve essere trascurato un aumento crescente del tempo trascorso online, la perdita del sonno notturno e la diminuzione di interesse per la vita offline, a cui si aggiungono eccessivi sbalzi di umore e un visibile peggioramento del rendimento scolastico.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/05/2018 10:30:00
Regolare e proteggere i minori I pollicini, cioè i nuovi adolescenti che scrivono sullo smartphone con due pollici, per motivi biologici culturali ed evolutivi sono dentro un flusso continuo di cambiamenti e mutazioni fisiche, mentali, relazionali, affettive.

03/06/2019 10:50:00
Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore “La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

18/04/2018 07:00:00
Discorsi diretti, genitori in ascolto Questo mercoledì sera a Gavardo il terzo incontro della serie “Discorsi diretti. Genitori e figli in cammino” con protagonisti una trentina di adolescenti gavardesi


20/05/2019 08:58:00
Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.



Altre da Genitori e Figli
16/06/2019

Educare al fallimento

Tempo di bilanci per la scuola. Ma anche tempo di sofferenze per chi si aspettava risultati diversi, per chi ha debiti formativi da recuperare o addirittura viene bocciato.

10/06/2019

La disperazione infinita di Noa

Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

03/06/2019

Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore

“La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

27/05/2019

Che bello lo sballo!

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

20/05/2019

Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti

Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.

07/05/2019

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza

Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

29/04/2019

OMS, linee guida per l'infanzia

Non è una novità dire che la tecnologia avanzata di questo nuovo millennio sta condizionando il benessere psicofisico soprattutto dei bambini. A rimarcare questi aspetti, per certi versi preoccupanti, sono uscite da qualche giorno le linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità dedicate all’infanzia tra 0 e 5 anni.

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente  (1)

01/04/2019

Intervista ad Alberto Pellai

Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, questo lunedì sera alle ore 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale, per il ciclo Genitori in Formazione, affronterà il tema scottante della preadolescenza, epoca complessa e difficile sia per i figli che per i genitori. Gli abbiamo chiesto di anticiparci il suo intervento

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia