25 Dicembre 2019, 07.00
Provincia
Presepi

Rivivere la Natività nella quotidianità

di Emilia Nicoli

A San Gallo di Botticino il Museo Etnografico diventa presepio vivente. Appuntamento con la sacra rappresentazione del “Castelliere ai Cap” nei pomeriggi del 25 e 26 dicembre e 1, 5 e 6 gennaio


Il presepio vivente di San Gallo si ripropone per l'ottava edizione, dopo aver vinto nel 2015, nel 2016 e nel 2017 il primo premio del concorso presepi, indetto dal Movimento Cristiano Lavoratori.

La sacra rappresentazione del “Castelliere ai Cap”
assume anche un significato particolare perchè è il Museo etnografico che prende vita con tutti gli strumenti di lavoro tipici della tradizione locale e della civiltà contadina.

Una quarantina di figuranti, provenienti da paesi diversi, sono impegnati a far rivivere la natività nella quotidianità della vita sociale, domestica o lavorativa d'altri tempi, in quel clima di solidale convivenza che caratterizzava la vita umile e schietta delle nostre contrade.

Faranno da corona alla Sacra Famiglia i figuranti intenti allo svolgimento dei lavori tradizionali o scomparsi quali: il “molèta”, la bachicoltrice,lo spazzacamino, le lavandaie, il taglialegna, il canestraio, gli sgranatori  e la “sgarzina” oltre al falegname, al fabbro, al cantiniere e alla massaia. Le scene saranno animate anche da gruppi di bambini che faranno rivivere l'emozione dei giochi di una volta. Il presepe viene proposto in un ambiente di rara suggestione; tra strutture rinascimentali, un'autentica grotta realizzata tra i massi della montagna e vedute paesaggistiche che spaziano dal monte Maddalena alla pianura, dal lago di Garda agli Appennini.

Si propone un coinvolgimento nella storia della salvezza attraverso la riscoperta della semplicità , dei veri valori e di un Vangelo che parla il dialetto.

Si segnala la partecipazione di vari gruppi musicali: il fisarmonicista Umberto Quadri, le bande di Rezzato e Botticino, gli zampognari e i cantori diretti dal maestro Francesco Lazzarini .

Gli appuntamenti per rivivere la magia della Natività nel presepio sono fissati nei giorni 25 e 26 dicembre 2019, 1, 5 e 6 gennaio 2020, dalle ore 17 alle 19, presso “Il Castelliere ai Cap”, in via Maddalena 5 a San Gallo di Botticino.

E' stata inoltre programmata per il 26 dicembre alle 17,30 una celebrazione eucaristica presso la chiesa della Trinità, seguita da una fiaccolata con visita al presepio vivente.

Per i visitatori sono previsti il parcheggio in località Trinità e il percorso a piedi lungo via Maddalena.





Vedi anche
02/01/2015 15:21:00

Il Museo Etnografico diventa presepio vivente A San Gallo di Botticino rivive la Natività nella quotidianità della vita sociale, domestica o lavorativa d’altri tempi

03/01/2013 10:30:00

Il primo presepio vivente del Castelliere Domenica l'ultima occasione per visitare il presepio vivente allestito presso "Il Castelliere ai Cap" a S. Gallo di Botticino, tra suggestivi percorsi paesaggistici e antiche strutture rinascimentali.

04/01/2020 08:00:00

Non doloso l'incendio al Presepio vivente Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri di Nuvolento all’origine dell’incendio al Presepio vivente di Nuvolera non ci sarebbe alcun dolo, ma l’imprudenza e la distrazione di un gruppo di minorenni

08/01/2013 16:22:00

Presepi, ultime ore Ancora per due domeniche sarà possibile visitare il presepio dell'oratorio di San Gallo di Botticino

15/12/2016 14:34:00

Presepio vivente «Aspettando Gesù» Il piccolo borgo di Navono di Pertica Alta sabato pomeriggio farà da cornice a un presepio vivente, in uno scenario rurale d'inizio Novecento, con la rappresentazione di antichi mestieri



Altre da Provincia
12/07/2020

«Gli infiniti mondi», una nuova stagione al Teatro Sociale

E' stata presentata ieri – venerdì -al Teatro Sociale la stagione 2020/2021 del CTB di Brescia, che vedrà protagonisti di una proposta di alto livello culturale i maggiori nomi del teatro nazionale

11/07/2020

Nubifragio, i danni di vento e grandine

La violenta tempesta che si è abbattuta nel bresciano oggi pomeriggio ha provocato numerosi danni, alcuni anche in Valle Sabbia

11/07/2020

Falso invalido, denunciato

Scoperto dai Carabinieri di Gavardo a seguito di una lite scoppiata in un bar del paese, un 57enne di Flero deve ora rispondere di truffa aggravata ai danni dell'Inps

11/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Ecco gli appuntamenti di questo fine settimana tra Valle Sabbia, Garda e provincia

10/07/2020

Acque&Terre Festival, il cartellone completo

Svelato il programma completo della rassegna estiva di oncerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago: 11 appuntamenti fra luglio e agosto in 8 paesi

09/07/2020

Anziani e disabili soli, l'appello: «Permettete ai parenti le visite»

Il gruppo “Connettere Salute” lancia un appello tramite lettera aperta indirizzata ai vertici della Regione Lombardia per chiedere l'immediata revisione della delibera di giunta che tuttora impedisce ai familiari di fare visita agli ospiti delle strutture

09/07/2020

«Ciak in Lombardia», la Regione sul set

L'assessore regionale al Turismo Lara Magoni introduce un bando per selezionare progetti audiovisivi che valorizzino l'immagine della Lombardia che si rialza dopo l'emergenza coronavirus. Iscrizioni aperte dal 15 luglio

09/07/2020

Svelata la ricerca del 2018

Dopo ben due anni di mistero lo studio sul depuratore del Garda redatto nel 2018 dall'Università di Brescia su commissione di Acque Bresciane è stato reso pubblico. Il commento del sindaco di Montichiari Marco Togni

09/07/2020

Comitato Gaia, una petizione online per fermare il progetto

Lanciata su Change.org all'inizio della settimana, la petizione del Comitato ambientalista di Gavardo ha già raccolto diverse centinaia di firme per bloccare il progetto del maxi depuratore del Garda sul fiume Chiese

08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”