23 Maggio 2020, 09.04
Provincia
Aib

Liquidità, a Brescia Sistema Moda e micro-piccole imprese i più in difficoltà

di Redazione

A evidenziarlo è una recente indagine sul credito effettuata dall’Ufficio Studi e Ricerche di AIB insieme al Settore Sviluppo d’Impresa ed Economia (area Credito, Finanza e Fisco), che ha coinvolto quasi 200 imprese associate


In questo momento, dove il tessuto industriale si trova ad affrontare importanti sfide, le aziende del territorio Bresciano segnalano con crescente preoccupazione difficoltà nell’accesso al credito. Il momento storico risulta particolarmente critico per le micro e piccole imprese e soprattutto con riferimento al settore moda.

AIB ha prontamente posto in essere una serie di iniziative concrete per poter intercettare e provare a sollecitare il sistema bancario con riferimento ad eventuali criticità.
Tra queste si evidenzia un periodico monitoraggio di alcuni elementi chiave, attraverso un’indagine per misurare costantemente la qualità del dialogo tra il sistema industriale e il mondo bancario.

L’ultima edizione dell’indagine, condotta su quasi 200 imprese associate, dall’Ufficio Studi e Ricerche dell’Associazione Industriale Bresciana insieme al Settore Sviluppo d’Impresa ed Economia (area Credito, Finanza e Fisco), è stata presentata giovedì pomeriggio, in occasione del Tavolo del Credito, momento di importante confronto tra i vertici di AIB e i rappresentanti dei principali istituti bancari bresciani.

In tale occasione si sono condivise alcune analisi andamentali, anche con riferimento all’efficacia dei provvedimenti governativi Cura Italia e Liquidità, che confermano i livelli di eccellenza espressi dal territorio bresciano nella situazione ante covid-19.

In particolare, sin dal mese di ottobre 2018, era in atto una dinamica di contrazione dello stock di credito alle imprese bresciane, che si è protratto fino al mese di gennaio 2020 (-3,8% nei prestiti – esclusi PCT e sofferenze – all’industria). Significativo era stato anche il progressivo sgonfiamento della massa di NPL gravanti sul sistema creditizio locale, a seguito delle consistenti operazioni di cartolarizzazione attuate negli ultimi anni: a dicembre 2019 le sofferenze nell’industria bresciana erano scese a 318 milioni di euro, contro un picco, in termini assoluti, di quasi 1,2 miliardi raggiunto nel settembre 2015.  Il rapporto tra sofferenze e prestiti, per quanto attiene l’industria, è calato dal 10,0% (settembre 2015) al 3,1% (dicembre 2019). La velocità di formazione delle nuove sofferenze confermava un trend in continua diminuzione, a riprova dell’accresciuta qualità del credito.

L’indagine condotta, invece, ha voluto provare a raccogliere le previsioni delle aziende circa il fabbisogno di liquidità nel brevissimo termine (3 mesi), misurate su una scala da 1 (minimo) a 5 (massimo). I risultati ottenuti vedono il Sistema Moda esprimere il valore più alto (3,8), seguito da Trasporti (3,0), Metalmeccanica (3,0), Chimico, gomma, plastica (3,0), mentre la media provinciale si attesta a un valore di circa 2,9. A livello dimensionale soffrono soprattutto le micro (3,1), piccole (2,9) e medie imprese (2,9). Le attese circa i ritardi e/o gli insoluti di entità rilevante (superiori al 20%), vedono ancora le aziende del Sistema Moda lanciare i segnali più allarmanti (3,5). Seguono i Trasporti (2,8), Chimico, gomma, plastica (2,5), mentre sul piano dimensionale sono nuovamente le microimprese a segnare i maggiori problemi (2,4). La media provinciale, in questo caso, è pari a 2,2.

“Al tavolo del Credito abbiamo portato quanto emerso, non solo dall’indagine, ma soprattutto dall’importante attività di supporto alle aziende che ci ha visti coinvolti in questi mesi – spiega Paolo Streparava, delegato di AIB a Credito, Finanza e Fisco –. Il dialogo continuo con le associate ci consente di evidenziare quali siano gli elementi critici su cui occorre un’azione decisa. Insieme al Presidente Pasini, al Vice Presidente Baronchelli, abbiamo chiesto senso di responsabilità e collaborazione per permettere all’imprenditoria bresciana di continuare ad esprimere i livelli di eccellenza che ha saputo dimostrare nel passato. È, infatti, importante utilizzare le misure di liquidità volute dal Governo in modo efficace nel breve, e cercare più ampie soluzioni di collaborazione, per agire sull’economia reale, con una visione di ampio respiro temporale. Ci siamo perciò accordati affinché il tavolo del Credito diventi un momento di incontro periodico, con focus sia operativi che strategici”.



Vedi anche
07/03/2020 08:00:00

Emergenza Covid-19, le misure di Ubi Banca Ubi Banca è pronta a concedere moratoria alle aziende colpite dalle conseguenze della diffusione del coronavirus

29/04/2020 09:20:00

Confermate 10mila pratiche di garanzie da Ubi Banca I clienti sono stati informati dallo stesso istituto e in queste ore la banca sta già provvedendo all’erogazione dei crediti mentre continua a raccogliere ulteriori richieste

27/04/2020 09:46:00

Pronto Emergenza in prima linea Per l’emergenza coronavirus oltre che l’impegno dalla sede di Agnosine è stato chiesto l’impiego di un’ambulanza a Bergamo e Trenzano e di volontari al check point del Civile a Brescia

20/03/2020 10:20:00

Ubi Banca per gli ospedali di Brescia e Bergamo Il Gruppo Ubi Banca sostiene con 5 milioni di euro di erogazioni liberali istituzioni sanitarie e centri di ricerca direttamente impegnati nella gestione della crisi

23/03/2020 08:00:00

A Brescia continuano i controlli Nel weekend appena trascorso sono state ben 180 le persone denunciate dai Carabinieri perché violavano le prescrizioni relative al Covid-19, circolando senza un valido motivo



Altre da Provincia
07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque

07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

05/07/2020

Brescia e Bergamo Capitali della cultura, un'occasione anche per la valle

Un emendamento al decreto Rilancio ha già assegnato il titolo per il 2023 in abbinamento alle due città: un’occasione di rilancio non solo per i capoluoghi ma anche per le loro province

04/07/2020

In Lombardia la prima edizione della «Festa delle montagne»

Domenica 5 luglio si celebra la prima edizione della 'Giornata regionale per le montagne lombarde', istituita da Regione Lombardia per promuovere e valorizzare i territori montani

03/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Dopo questo periodo di pausa riprendono, con le dovute misure di sicurezza, gli appuntamenti estivi. Torna “Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone” che cercherà di farvi compagnia e segnalarvi gli appuntamenti principali dell'estate

03/07/2020

Furto al minimarket, denunciati

Due ragazzini sono stati identificati dai Carabinieri di Nuvolento e denunciati dopo aver rubato l'incasso di un supermercato a Paitone. I genitori hanno ringraziato i militari per il loro operato

02/07/2020

Anche questa estate c'è Acque&Terre Festival

Con tutte le limitazioni del caso, torna anche questa estate la rassegna di concerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago, giunta alla sedicesima edizione. Ecco i primi due appuntamenti

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

30/06/2020

Mascherina ancora per due settimane

In Lombardia obbligo di mascherina fino al 14 luglio. Dal 10 luglio via libera a calcetto e discoteche. Fontana: “Fa caldo ma parere dei virologi è mantenere precauzioni”

26/06/2020

Fondazione Aib, Loretta Forelli è il nuovo presidente

L’imprenditrice bresciana, già alla guida del Settore Metallurgia, Siderurgia e Mineraria di AIB, succede nel ruolo a Paola Artioli. Fondazione Aib si occupa di tutte le attività formative promosse, a più livelli, dall’Associazione Industriale Bresciana