Skin ADV
Martedì 20 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




19.02.2018 Valsabbia Giudicarie

18.02.2018 Villanuova s/C

20.02.2018 Vobarno Valsabbia

19.02.2018

18.02.2018

18.02.2018 Storo

19.02.2018 Storo

18.02.2018 Valsabbia

20.02.2018 Barghe

19.02.2018 Valsabbia Garda Provincia






29 Marzo 2017, 09.45
Provincia
Glocal

Gestione del servizio idrico, verso un referendum provinciale

di Valerio Corradi
Il 22 marzo il Comitato “Acqua Bene Comune” di Brescia ha avviato l’iter del referendum provinciale sulla gestione del servizio idrico. Perché un altro referendum dopo il 2011? Quali le ragioni dell’iniziativa? Cosa faranno i singoli comuni?

I problemi della carenza, dell’inquinamento e quindi della gestione delle risorse idriche sono, secondo l’ONU,  tra le sfide cruciali che l’intera umanità sarà chiamata ad affrontare nei prossimi decenni.

Manifestazioni della questione idrica ed echi dei dibattiti sul gestione della risorsa sono arrivati anche nel territorio valsabbino. Prima di tutto, pur essendo particolarmente ricca di risorse idriche, nel volgere di pochi anni, anche la Valle Sabbia ha sperimentato in maniera crescente gli effetti del problema della carenza d’acqua, anche in mesi diversi da quelli estivi. Anche in questa area ha iniziato così a svilupparsi una preoccupata attenzione verso il tema, non più inquadrabile solo nella rassicurante cornice di fenomeno “straordinario”.

Del resto a fronte di una crescente scarsità in partenza, si stima, a livello generale, che la domanda di acqua sia triplicata dal 1950 a oggi e si prevede che raddoppi entro il 2050. Da alcuni anni le questioni che ruotano intorno al tema “acqua” si sono moltiplicate e stanno guadagnando, a più livelli, un’attenzione crescente in ambito scientifico e nei dibattiti pubblici.

In alcuni settori sociali si è andata sviluppando una nuova sensibilità verso questa risorsa e appare sempre più difficile dirsi indifferenti nei confronti del destino dell’acqua e delle modalità della sua gestione, presente e futura. Ormai da più di due decenni, a partire dalle critiche rivolte alla riorganizzazione del servizio idrico prevista dalla legge “Galli” n. 36/94, l’acqua è stata messa al centro del dibattito pubblico nel quale si confrontano i sostenitori di tesi anche molto diversi. Il dibattito è sfociato in iniziative referendarie e in proposte legislative molto discusse.

L’ultimo referendum su scala nazionale, in ordine di tempo, si è tenuto nel 2011 con una larghissima vittoria del fronte contrario alla privatizzazione della gestione delle risorse idriche che totalizzò oltre il 95% dei consensi. Malgrado il chiaro orientamento dei votanti e una generale diffidenza verso gestioni private o privatistiche dell’acqua, poco è cambiato negli ultimi anni e la questione, di recente, si è riaperta.

Il 22 marzo scorso, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, il Comitato “Acqua Bene Comune - Coordinamento provinciale dei movimenti per l’acqua pubblica” di Brescia ha depositato presso la sede della Provincia di Brescia l’atto di costituzione del Comitato promotore del referendum provinciale sulla gestione pubblica e partecipata del servizio idrico integrato.

Obiettivo dell’iniziativa è arrivare a chiedere un parere diretto alla popolazione bresciana in merito alle recenti scelte sulla gestione del servizio idrico. La scelta contestata è quella di affidare ad un’unica società “Acque Bresciane Srl” la gestione trentennale delle reti idriche bresciane prevedendo, dopo il 2018, l’ingresso nel capitale societario di soci privati tramite una gara di livello Europeo.

Tra gli iter normativi possibili, il Comitato ha scelto quello che prevede di sottoporre a tutte le amministrazioni comunali bresciane un quesito referendario, ora in fase di elaborazione. Per rendere possibile una consultazione referendaria che coinvolga tutti i cittadini, è infatti necessario che deliberino a favore del referendum almeno 25 municipi della provincia che devono rappresentare almeno il 3% degli aventi diritto al voto.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71621 - 30/03/2017 21:39:17 (AQUAALMA) Mariano Mazzacani
La questione è abbastanza spinosa anche per la Valle Sabbia visto che è già stata protagonista più privatizzazione forzata, quando Valgas fu acquisita da A2A. IL referendum offre un'opportunità ai sindaci della Valle che tra l'altro, anche per quanto riguarda il ciclo dei rifiuti hanno deciso di intraprendere una via diversa, la via dell'IN-HOUSE. La battaglia dell'acqua è tutta politica e gli amministratori che difendono la Res Publica non dovrebbero mai alzare bandiera bianca davanti agli interessi pòrivati delle grandi multinazionali.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
05/01/2018 09:45:00
Il comitato chiede di fissare la consultazione A seguito del pronunciamento della Commissione di garanzia del 1 dicembre, che ha validato l’iniziativa referendaria sulla gestione dell’acqua pubblica, il Comitato promotore sollecita che venga fissata la data del referendum consultivo

01/10/2017 08:51:00
Obiettivo: referendum provinciale «Escludere il profitto dalla gestione dell’acqua» con un referendum provinciale. E’ l’obiettivo per cui si sta muovendo il Comitato Referendario Acqua Pubblica. Con ottime prospettive di poter votare la prossima primavera


06/01/2017 10:13:00
Aqua Alma Onlus, salvaguardare l'acqua «generatrice di vita» Nata come comitato contro la privatizzazione della gestione delle risorse idriche del comune di Prevalle, Aqua Alma è diventata da alcuni anni un’associazione onlus per la difesa dell’acqua come bene comune e risorsa indispensabile per la vita umana

06/12/2017 10:28:00
Un passo avanti verso il referendum La Commissione di garanzia, che si è riunita in data 1 dicembre, ha dichiarato ammissibile la richiesta di referendum consultivo provinciale presentata dal Comitato Referendario per l’Acqua Pubblica di Brescia

22/05/2009 00:00:00
Incontro su «Il valore etico dei beni comuni» Per ribadire la centralità dell’acqua rispetto la vita umana quale bene comune non mercificabile, il comitato “L’Acqua di Prevalle” organizza per questa sera un dibattito su “Il valore etico dei beni comuni”.



Altre da Provincia
19/02/2018

Il credito e la cooperazione in Valle Sabbia

Dopo l’Unità, l’Italia dovette adeguarsi ai Paesi occidentali più avanzati nell’industrializzazione, come la Germania, l’Inghilterra, la Francia...


19/02/2018

«Intrigo e amore»

Tre ore di spettacolo col fiato sospeso quello andato in scena al Teatro Sociale di Brescia a cura del Teatro Stabile di Genova 

17/02/2018

La Giornata del Gatto

Anche quest’anno nella giornata di oggi, 17 febbraio, si rende omaggio ai nostri amici felini. Nel pomeriggio, in città, sarà presente un gazebo di ENPA Brescia presso cui sarà possibile informarsi sulle attività dei volontari e sostenerle

16/02/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

14/02/2018

Il problema del radon

Un gas radioattivo tanto cancerogeno da essere considerato la seconda causa di tumore al polmone dopo il fumo. Vediamo qualche dato sulle situazioni di rischio e le misure preventive nei Comuni bresciani e in particolare in quelli valsabbini

13/02/2018

Buona la prima

Iniziata bene la prima giornata di ritorno del campionato per le giovanissime del Brescia calcio femminile dove milita la vestonese Alessandra Zanaglio (1)

13/02/2018

In galleria arrivano le lampade a led

Attraverso un project financing la Provincia sostituirà le vecchie lampade con oltre 10mila led in tutte le gallerie da lei gestite, comprese quelle valsabbine. Un risparmio importante sia in bolletta che nei costi di manutenzione (7)

12/02/2018

Ubriacarsi a Carnevale

Fatti eclatanti descritti da Pino Maiolo, con gli adolescenti protagonisti, sono avvenuti a Terlano, in Alto Adige. Ma non sono molto diversi da quelli di cui ci si lamenta da tempo anche a Bagolino o a Storo. Che sta succedendo? Aggiornamento ore 20:50
(5)

12/02/2018

Autostrada o Metrò

In merito alla percorribilità della Valtrompia, servita da un'unina strada da troppo tempo congestionata, in attesa di adeguate soluzioni, Carlo Sabatti, già presidente della Comunità montana che si occupa dell'impluvio del Mella, dice la sua
(3)

09/02/2018

Agriturismi in espansione

Sempre più imprenditori agricoli interessati ad aprire la loro azienda all'attività agrituristica. A Brescia un corso di Terranostra

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia