Skin ADV
Mercoledì 21 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




19.02.2018 Valsabbia Giudicarie

20.02.2018 Vobarno Valsabbia

20.02.2018 Preseglie

20.02.2018 Barghe

20.02.2018 Vestone Gavardo Valsabbia

19.02.2018

19.02.2018 Storo

21.02.2018 Idro Vobarno Sabbio Chiese Villanuova s/C Garda

21.02.2018 Gavardo

19.02.2018 Valsabbia Garda Provincia






12 Febbraio 2018, 08.27
Provincia
Lettere

Autostrada o Metrò

di Carlo Sabatti
In merito alla percorribilità della Valtrompia, servita da un'unina strada da troppo tempo congestionata, in attesa di adeguate soluzioni, Carlo Sabatti, già presidente della Comunità montana che si occupa dell'impluvio del Mella, dice la sua

Stim. Direttore,

Quattro chilometri di raccordo autostradale per la Valtrompia  eufemisticamente, anzi surrealisticamente, la “stradina”di 4 chilometri e poco più, e mezzo, che - Deo adiuvante- chissà quando, si snoderà da San Virgilio di Concesio a Crocevia di Sarezzo, con svincolo per la città di Lumezzane, da oltre vent’anni è denominata pateticamente, futura “autostrada della Valtrompia” o anche raccordo autostradale della Valle del Mella, quasi come citazione letteraria.

Da pochi anni si parla anche della metropolitana di Valle, che ne sarebbe l’alternativa, in continuità con quella di Brescia, dalla Stocchetta a Gardone V.T.

Catapultato dalla gratificante esperienza dell’insegnamento e degli archivi bresciani, compresa l’alternativa esaltante nomina decennale come ispettore onorario per i beni artistici e storici della Valtrompia e della Valsabbia, con un buon tirocinio come consigliere comunale di Gardone V.t. e di Pezzaze, dove sono stato capogruppo della minoranza col 49% dei consensi, la notte del 27 novembre 1995 fui eletto presidente della Comunità Montana di Valle Trompia, la più importante delle cinque comunità montane bresciane, mantenendo l’ incarico solo fino al 15 dicembre 1997.

Per farla breve, nel corso del mio biennio presidenziale ho potuto agevolmente esaminare i progetti della cosiddetta “autostradina” e della metropolitana; c’era l’ipotesi che la prima, di una decina di chilometri , arrivasse fino alla località Rovedolo, a nord Inzino di Gardone V.T., sul confine con Marcheno; poi si addivenne, tra varie discussioni e contrasti, a prevedere il percorso da S. Vigilio Crocevia di Sarezzo, di soli 4 chilometri e mezzo, come detto sopra, prevalentemente in galleria, del costo stimato di 160 milioni assai meno delle tasse versate a Roma dalla Valtrompia nel corso di un semestre...

E’ da rilevare che la metropolitana scorrerebbe in parte sull’ alveo del Mella ed in parte al di sopra della strada 345 detta delle Tre Valli, all’altezza del secondo piano delle abitazioni, con un impatto ambientale che da molti con giuste ragioni era ed è considerato pericoloso, devastante.

All’indomani della mia elezione
, convocato del Sindaco di Brescia, “Matrinazzo degli Orzi” (ossia Giacomino Martinazzoli, avvocato onorevole), partecipai ad un convegno sulla viabilità bresciana.

Il mio intervento, ricordando l’epoca gloriosa del tram che dalla fine dell’ 800 agli anni cinquanta del ‘900 partiva da Porta Trento ed arrivava a Tavernole, mise in risalto l’ assoluta necessità del raccordo autostradale della Valtrompia, specificando che la metropolitana di Valle, verificatane l’effettiva fattibilità, non era comunque una priorità.

Allora conclusi dicendo che
, comunque, prima la Valle doveva avere la propria visibilità autostradale, alternativa alla tuttora trafficatissima strada 345, rimandando qualsiasi ipotesi di metropolitana, come voleva peraltro e vuole tuttora la stragrande maggioranza delle forze politiche valligiane di destra, centro e sinistra, che mirano veramente agli interessi della Valle.

Con una citazione letteraria alla Marquez
, il sindaco dell’inclita città volle bollare il mio intervento con l’espressione: “cent’anni di solitudine” pace e bene all’anima sua.

Nel mio biennio si è riusciti a realizzare il sottopassaggio di Carcina e ad approvare il progetto della “tangenzialina” di circa due chilometri che dal centro di Villa Carcina porta a S. Vigilio all’imbocco della strada che porta a Gussago; la predetta arteria, tra vari intoppi burocratici ed opposizioni anche preconcette, ha dato un notevole respiro, stimato attorno al 10%; proprio in questi giorni si sta migliorando l’ultimo tratto di detta strada, coprendo un torrentello e realizzando una rotatoria, a tutto vantaggio della viabilità interna, sgravando la Ss345.

Ebbene, “quattro gatti rabbiosi” novelli crociati,
politicamente del tutto ai margini della realtà locale, da oltre vent’anni vanno contrastando aspramente il modesto percorso parautostradale della Valle; si tratta di qualche verde sempre sulla breccia della lotta antica; di alcuni, pochi, nostalgici dell’epoca delle purghe staliniane, di un Sindaco mancato e di un trio di ambientalisti sessantottini, che comunque, testardamente, caparbiamente, puntigliosamente si oppongono al raccordo predetto.

Vorrei loro ricordare che negli ultimi 30 anni, grazie anche ai fumi dei mezzi pesanti e delle automobili, sono aumentate a livello esponenziale le malattie polmonari e i tumori, proprio per il ristagno dei predetti mezzi per le code che si riscontrano  tra Gardone V.t. a Brescia.

Mi dovrebbero spiegare come mai, partendo con l’autobus da San Colombano di Collio a 10 minuti alle 07, si arriva in città alle 08:29, quando non ci sono intoppi; da Inzino a Brescia per 14 km sia in corriera sia in automobile sono necessari 45 minuti!

Diversamente da quello che pensano i predetti “crociati”, il flusso veicolare non è diminuito e purtroppo l’inquinamento perdura; il punto più debole della loro opposizione preconcetta e assoluta (ossia non vogliono il raccordo a tutti i costi) è legato al fatto del percorso prevalentemente in galleria (che bellamente vogliono ignorare).

La Valle del Mella da secoli produttiva, merita almeno “una stradina” che favorisca la sua viabilità e la sua economia, oltre che la vita dei suoi operosissimi 120 mila abitanti.

Professor Carlo Sabatti - Gardone V.T.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75165 - 12/02/2018 15:33:11 (robvi) Sempre la solita mentalità:
C'è troppo traffico sulle strade, quindi costruiamo altre strade per farlo diminuire ! Da umile cittadino, e senza i titoli ed il curriculum dell'illustre autore dell'articolo, vorrei solo far notare che continuando a ragionare in questo modo, risolveremo si il problema del traffico, ma solo grazie al fatto che tra pochi anni saremo tutti morti soffocati. Possibile non capire che continuando a costruire strade, non si offre nessuna alternativa agli incolpevoli automobilisti che per andare da Collio a Brescia non hanno altra possibilità se non prendere l'automobile ? Possibile che da Concesio a Brescia non si possa andare in bicicletta (come fanno in tutto il nord europa con clima peggiore del nostro)? Faccio una proposta paradossale: se dovessero riservare una corsia della attuale strada agli autobus, in modo che da Inzino a Brescia, l'autobus impieghi 20 minuti fermate comprese e le automobili impieghino 2 ore, credete che la gente preferisca ancora l'automobile


ID75167 - 12/02/2018 16:20:03 (Giacomino) Sicuramente la Valle Trompia
merita una viabilità migliore e possiede i titoli per un salto di qualità in questo senso. ma si è menato per troppo tempo il can per l'aia e ancora non se ne vede la conclusione, c'è il serio rischio che tra dieci anni se ne stia ancora parlando. A questo punto l'ipotesi "metrò" non non è per niente peregrina come soluzione di trasporto da e per la città.


ID75189 - 14/02/2018 05:18:46 (doc)
Brescia, Concesio,Villa Carcina, Sarezzo, Gardone, Lumezzane sono ormai un tutt'uno, senza limiti dì continuità. Chi, come me, non ci vive ma è costretto a passarci ne ricava, incolonnato per ore una sensazione di rabbia e di disagio. Non O o O ma O e O. Diamine!!!!!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/10/2014 07:00:00
Rifiuti, riciclo, risorse Caro direttore, le sarei molto grato se dovesse pubblicare queste mie precisazioni. Credo sia il caso di dare risposte più precise riguardo ai commenti che si riferiscono all'articolo pubblicato su Valle Sabbia News il 16 ottobre

28/01/2018 08:00:00
In risposta al Comitato Gaia «Gent.mo Direttore, mi permetta di rispondere alle riflessioni del sig. Corrado Morettini, cittadino a me sconosciuto, in merito alla questione ambientale e di salute pubblica riguardante l’Azienda “Fonderie Mora S.p.A.»

11/11/2017 10:02:00
Contromano in autostrada Ha percorso una ventina di chilometri in autostrada contromano. L'hanno fermato gli agenti della Stradale di Salò, che hanno evitato il peggio mettendosi d'accordo coi camionisti


25/07/2014 07:03:00
Gambe corte «L'Entrata al Paese di Idro non è nel programma della Provincia. Chi mente? (mentire significa dividere ciò che è unito o unire ciò che è diviso). La Provincia o il Sindaco di Idro?»

08/07/2014 07:00:00
Auguri Direttore! Buon compleanno al direttore di Vallesabbianews e Valtrompianews che oggi, 8 luglio, spegne 53 candeline



Altre da Provincia
21/02/2018

Fonderie bresciane da record

L’indagine congiunturale Assofond a chiusura del 2017 ha analizzato la situazione dei comparti ghisa, non ferrosi e acciaio in termini di produzione e fatturato 

21/02/2018

«Il recupero della fucina del maglio»

Verrà presentato domani, giovedì 22 febbraio, a Brescia il volume «Il recupero della fucina del maglio. Archeologia industriale a Nuvolento» scritto da Gianfranco Cretti, che ha permesso allo storico edificio di rivivere

19/02/2018

Il credito e la cooperazione in Valle Sabbia

Dopo l’Unità, l’Italia dovette adeguarsi ai Paesi occidentali più avanzati nell’industrializzazione, come la Germania, l’Inghilterra, la Francia...


19/02/2018

«Intrigo e amore»

Tre ore di spettacolo col fiato sospeso quello andato in scena al Teatro Sociale di Brescia a cura del Teatro Stabile di Genova 

17/02/2018

La Giornata del Gatto

Anche quest’anno nella giornata di oggi, 17 febbraio, si rende omaggio ai nostri amici felini. Nel pomeriggio, in città, sarà presente un gazebo di ENPA Brescia presso cui sarà possibile informarsi sulle attività dei volontari e sostenerle

16/02/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

14/02/2018

Il problema del radon

Un gas radioattivo tanto cancerogeno da essere considerato la seconda causa di tumore al polmone dopo il fumo. Vediamo qualche dato sulle situazioni di rischio e le misure preventive nei Comuni bresciani e in particolare in quelli valsabbini

13/02/2018

Buona la prima

Iniziata bene la prima giornata di ritorno del campionato per le giovanissime del Brescia calcio femminile dove milita la vestonese Alessandra Zanaglio (1)

13/02/2018

In galleria arrivano le lampade a led

Attraverso un project financing la Provincia sostituirà le vecchie lampade con oltre 10mila led in tutte le gallerie da lei gestite, comprese quelle valsabbine. Un risparmio importante sia in bolletta che nei costi di manutenzione (7)

12/02/2018

Ubriacarsi a Carnevale

Fatti eclatanti descritti da Pino Maiolo, con gli adolescenti protagonisti, sono avvenuti a Terlano, in Alto Adige. Ma non sono molto diversi da quelli di cui ci si lamenta da tempo anche a Bagolino o a Storo. Che sta succedendo? Aggiornamento ore 20:50
(5)

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia