Skin ADV
Venerdì 21 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




19.09.2018 Val del Chiese

19.09.2018 Salò

19.09.2018 Lavenone

21.09.2018 Gavardo Valsabbia

20.09.2018 Barghe

19.09.2018 Casto

19.09.2018 Gavardo Valsabbia

20.09.2018 Idro Vestone Agnosine Vallio Terme Prevalle Salò Valsabbia Garda

20.09.2018 Gavardo

21.09.2018 Gavardo



23 Giugno 2018, 08.00
Provincia
AIB

Assofond, fatturato in crescita e boom dell'export

di Redazione
In occasione dell'Assemblea Annuale di Anepla tenutasi ieri, 22 giugno, a Brescia, l’Associazione Italiana Fonderie ha fatto il punto sull'andamento del comparto e presentato il primo Rapporto di sostenibilità

Un comparto in salute, che archivia un 2017 positivo sia in termini di produzione sia di fatturato e che guarda al futuro con ottimismo, nella consapevolezza non solo di essere un settore fondamentale per l'industria manifatturiera italiana ed europea, ma anche di svolgere un ruolo chiave per il riciclo e il riuso di materiali che altrimenti finirebbero in discarica o dispersi nell'ambiente.
 
È questo, in sintesi, il quadro di riferimento in cui si muove l'industria di fonderia italiana, che si è riunita ieri, 22 giugno, in occasione dell'assemblea annuale di Assofond, l'Associazione Italiana Fonderie, svoltasi a Brescia negli stabilimenti IVECO.
 
«La produzione nel 2017 ha registrato volumi importanti – ha dichiarato il presidente Assofond Roberto Ariotti – e i primi mesi del 2018 sembrano confermare la tendenza positiva. La fonderia italiana nel 2017 è stata la prima per crescita nell'area euro grazie in particolare alle esportazioni, che pesano ormai per il 64% del nostro fatturato e dimostrano senza timore di smentita che il nostro settore rappresenta una delle eccellenze dell'export italiano».
 
Che l'industria fusoria italiana rappresenti un anello strategico per la manifattura europea risulta evidente proprio dalla crescita esponenziale dell'export: se le esportazioni della manifattura italiana complessivamente intesa sono cresciute del 12% fra il 2010 e il 2017, quelle dei prodotti di fonderia hanno avuto una performance decisamente più elevata, con un'espansione, in termini di volumi, superiore al +30%.
 
«I meccanismi di concorrenza e libero mercato durante gli anni della crisi hanno dato una spinta importante al nostro settore per migliorare costantemente – prosegue Ariotti, che avverte: introdurre meccanismi protezionisti o pensare addirittura di mettere in discussione l'adesione all'euro significherebbe bloccare un percorso di crescita consolidato.
 
I nostri sono prodotti ad alto valore aggiunto, non commodity: esportiamo innanzitutto know-how e tecnologia che tutto il mondo ci invidia e che dobbiamo poter continuare a proporre sui mercati internazionali in un contesto di libero scambio garantito dalla forza dell'euro e del mercato unico europeo».
 
L'assemblea annuale di Assofond è stata anche occasione per presentare il primo rapporto di sostenibilità del comparto: un lavoro che ha scandagliato in profondità la realtà delle fonderie italiane, dal quale sono emerse evidenze non scontate circa il ruolo che queste imprese ricoprono nell'ambito di un'economia di tipo circolare, grazie anche all'impegno sempre più consistente per la riduzione dell'impatto ambientale delle attività di produzione.
 
«La sostenibilità non è un vezzo, o una moda: la crescita della popolazione mondiale impone a tutti di ripensare le nostre abitudini per non distruggere il pianeta. Il nostro settore – conclude Ariotti – da sempre mette in pratica un meccanismo di economia circolare molto avanzato: è grazie alle fonderie e alla loro tecnologia, infatti, che buona parte dei materiali metallici giunti a "fine vita" può essere riciclata e riutilizzata per realizzare nuovi prodotti. Con questo primo Rapporto di sostenibilità abbiamo deciso di iniziare a raccontare una realtà che non da oggi, ma da sempre, dà un contributo importante per sviluppare un sistema economico capace di rigenerarsi autonomamente risparmiando risorse, salvaguardando l'ambiente e garantendo un futuro sostenibile alle prossime generazioni».
 
Secondo i dati presenti nel Rapporto di Sostenibilità di Assofond, nel 2015 le fonderie hanno destinato a interventi di riduzione dell'impatto ambientale il 28,5% del totale degli investimenti realizzati: un dato nettamente superiore a quello fatto registrare dal settore manifatturiero nel suo complesso (2%) e anche da quello del settore siderurgico (4,1%).
 
Gli investimenti compiuti hanno permesso alle fonderie di sviluppare tecnologie in grado di accrescere l'utilizzo di materiali di recupero come materia prima per tutti i tipi di forno fusorio – per le fonderie con forni elettrici, in particolare, la percentuale di rottami utilizzata è passata dal 60% del 2003 al 75% del 2015 – mentre sono calate drasticamente le emissioni di polveri nell'atmosfera (-65% dal 2003) e la produzione di rifiuti per tonnellate di getti prodotti (-26,6% dal 2000 al 2015).
 
Emblematico, per illustrare la capacità di riuso delle fonderie, è il caso delle terre esauste: se a livello generale la loro produzione è calata del 37% dal 2000 al 2015, particolarmente significativo è il fatto che il 95% delle terre esauste prodotte in fonderia viene riutilizzato come materia prima, in sostituzione di sabbie e terre provenienti da attività estrattive, annullando praticamente il ricorso allo smaltimento in discarica.
 
L'utilizzo di sistemi sempre più efficienti, infine, ha permesso di ottenere importanti riduzioni anche nei consumi di acqua: il 95% delle acque prelevate, utilizzate per il raffreddamento degli impianti produttivi, è infatti riciclata all'interno di circuiti di recupero.
 
«La sostenibilità ambientale è un aspetto molto importante per le fonderie, ma non l'unico: anche gli altri due assi della sostenibilità – quello economico e quello sociale – raccontano molto del nostro settore. Siamo per lo più PMI familiari – conclude Ariotti – e questo ci garantisce due importanti vantaggi: riusciamo a sostenere da soli il nostro business con una buona capacità di autofinanziamento e siamo profondamente radicati nel territorio in cui vivono i nostri imprenditori. Questo significa che portiamo lavoro e sviluppo, garantendo posti di lavoro stabili: il 96% degli addetti di fonderia in Italia è assunto a tempo indeterminato, un dato ben più alto della media nazionale».

In foto l'assemblea annuale Anepla in sala Beretta
 
  
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/04/2010 08:40:00
Italia 2020: tecnologie meccaniche o turismo? Il tema sarà affrontato in occasione dell'Assemblea di Assofond in programma a Montichiari per questo venerdì

21/02/2018 12:00:00
Fonderie bresciane da record L’indagine congiunturale Assofond a chiusura del 2017 ha analizzato la situazione dei comparti ghisa, non ferrosi e acciaio in termini di produzione e fatturato 

13/03/2015 14:34:00
Numeri importanti per il Csi bresciano Bilancio ma non solo. L’assemblea dei soci rappresenta un importante momento di incontro tra i vertici del Csi e il mondo delle società sportive, utile per fare il punto sull’economia del comitato ma anche per analizzare il cammino sportivo dell’associazione

13/03/2018 07:59:00
Analisi Arpa su Fonderie Mora, la replica «Gli argomenti avanzati dall’Ats sono del tutto superficiali, fuorvianti e contraddittori» così nei giorni scorsi Legambiente, Medicina Democratica e Gaia

05/07/2008 00:00:00
Venerdì l'incontro con il sottosegretario Molgora Si è tenuto venerdì sera nella sala consigliare del municipio di Agnosine un incontro tra gli imprenditori del comparto manigliero della Valle Sabbia e il sottosegretario all’Economia e alle Finanze, Daniele Molgora.



Altre da Provincia
20/09/2018

Coltelli artigianali in mostra al Maglio

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio questa domenica, 23 settembre, il Maglio di Nuvolento ospiterà l’esposizione dei coltellinai del nord Italia e la forgiatura delle lame battute a mano 

15/09/2018

Tre Valli in coro a Barghe

La rassegna corale che riunisce idealmente Valtrompia, Valsabbia e Valcamonica conclude il suo primo ciclo questa sera – sabato 15 settembre – presso la Parrocchiale di Barghe 

15/09/2018

A Preseglie la prima campanella

Il centro valsabbino ha ospitato l'inaugurazione dell'anno scolastico provinciale


12/09/2018

Competenze e profili 4.0 nella nuova indagine retributiva

La ricerca, curata dall’Ufficio Studi e Ricerche di Aib, sarà presentata domani – giovedì 13 settembre – nella sala Beretta di Aib a Brescia

11/09/2018

Export bresciano, 4,5 miliardi tra aprile e giugno

È quanto emerge dai dati Istat al secondo trimestre 2018 elaborati dall’Ufficio Studi e Ricerche AIB e dal Servizio Studi della Camera di Commercio 

10/09/2018

Speciale corsi 2018

Vallesabbianews propone alle associazioni sportive e culturali del territorio uno spazio dedicato alla pubblicizzazione dei nuovi corsi. Ecco come


10/09/2018

Un canto d'amore alla Terra

Arianna Scommegna torna ad Acque e Terre Festival con il reading “Un albero di trenta piani”. L’appuntamento è per domani, 11 settembre, a Nuvolento

06/09/2018

Valsabbia, semestrale ok

Il Consiglio di Amministrazione di Banca Valsabbina ha approvato la situazione patrimoniale ed economica semestrale al 30 giugno 2018, che mostra tutti i principali risultati economici in miglioramento

05/09/2018

Edizione numero otto

Assistenza sociale e socio-sanitaria, tutela e valorizzazione del patrimonio artistico storico e ambientale, azioni culturali ed istruzione. Il 13 settembre in Comunità montana per saperne di più

04/09/2018

Al Ducos una passeggiata «vittoriana»

Questo venerdì, 7 settembre, in città una passeggiata notturna a lume di candela dedicata a spiritismo, medium e morte nell’età vittoriana


Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia