Skin ADV
Domenica 18 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Vicini a Venezia

Vicini a Venezia

by Vanna



17.11.2018 Barghe Valsabbia

16.11.2018 Valsabbia Provincia

16.11.2018 Agnosine

16.11.2018 Storo

16.11.2018 Anfo Valsabbia

16.11.2018 Villanuova s/C Garda

16.11.2018 Val del Chiese Storo

16.11.2018

17.11.2018 Preseglie Valsabbia

17.11.2018 Valsabbia



19 Agosto 2015, 09.31
Provincia
BLOG - Eppur si muove

All'assassino piace la televisione

di Leretico
Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

La connessione mi è balenata quando ho notato la sicurezza, la spocchia, la facilità con cui il pachistano Muhammad Adnan si faceva intervistare dai giornalisti di Teletutto prima di essere individuato e accusato dell’omicidio di Francesco Seramondi e di sua moglie in complicità con Singh Sarbjit, di origine indiana.
La stessa sicurezza spocchia e facilità l’avevo notate a suo tempo in Sabrina Misseri durante le sue interviste alle varie televisioni nazionali prima del suo arresto.

In entrambi i casi, dicevo, la televisione è stata protagonista: ha partecipato alle indagini, ha intervistato i presunti assassini quando ancora nessuno sospettava di loro, a parte gli inquirenti evidentemente.
Si è detto da più parti che ad Avetrana si fosse realizzato lo scambio perfetto tra mondo televisivo e mondo reale, che i protagonisti si fossero immersi in un “Truman show”, tragico negli effetti per la vittima e paradossale per le assassine condannate due volte: la prima a tornare nella vita reale, la seconda a rispondere a giudici molto concreti e convinti della loro colpevolezza.

Anche a Brescia mi è sembrato di vedere lo stesso tremendo “Truman show”: due uomini stranieri che tornano tranquillamente a casa dopo un duplice omicidio, non senza che uno dei due ritorni sulla scena del delitto per controllare la situazione, confermando il più classico dei luoghi comuni che recita di cercare l’assassino tra gli spettatori curiosi che si affollano intorno alla scena del crimine.

Successivamente l’intervista a Teletutto rilasciata da Muhammad Adnan, deve essere stata una tentazione irresistibile per chi, come dicevo prima, confonde la vita reale con quella virtuale della televisione.
Ma l’elemento che veramente fa la differenza, tralasciando la sua capacità disinvolta di tenere la scena, è l’assenza assoluta in lui di vergogna.

Lo spiega bene Marco Belpoliti nel suo libro intitolato “Senza Vergogna” (2010), quando chiama a testimone la psicoanalista Anna Maria Pandolfi per rinforzare il concetto che il sentimento della vergogna, così come l’abbiamo conosciuto, sarebbe scomparso.
Nell’era della televisione e della rete delle reti, in cui “dominano voyeurismo ed esibizionismo”, specchi di un “narcisismo fragile e povero”, “l’essere visti e conosciuti o anche solo guardati, quale che sia il prezzo che per ciò si paga, sembra essere l’unico rimedio a un pericolo vissuto di non valore o addirittura appunto di non esistenza”.

La vergogna della società contemporanea sarebbe quindi una “vergogna amorale”, di superficie, legata all’etica del successo, al conformismo di fondo che tende paradossalmente all’omologazione, mentre in superficie c’è l’inno ipocrita e inconsistente al valore dell’individuo.

Il valore della vergogna, connesso al valore della comunità in cui l’individuo esprime se stesso e in cui trova di fatto la sua dimensione, sarebbe irrimediabilmente perduto.
E questa perdita ci consegnerebbe una società senza vergogna, una società che tende all’atomismo, una società che preme sempre più per lo sfaldamento di ogni legame, di ogni nesso.

Insieme alla vergogna c’è sempre il senso di colpa, ma i due sentimenti vanno in direzione opposta: “il senso di colpa è qualcosa che si sviluppa dentro di sé ma è diretto verso l’esterno” e si manifesta sotto forma di scuse, “il senso di vergogna nasce dalla consapevolezza dello sguardo degli altri ed è diretto verso l’interno, verso il sé”.

Ecco perché per Belpoliti la vergogna scompare quando si cancella “l’altro” e con lui perde consistenza quella comunità che guardando, appunto, fa nascere nell’individuo il genuino sentimento di vergogna.
La prevalenza della società dell’immagine diventa segno della scomparsa del concetto dell’altro, del prossimo, della responsabilità verso un altro essere umano semplicemente perché egli esiste.

Essendo la vergogna strettamente legata all’universo linguistico, nel mondo contemporaneo fatto di immagini di Instagram e di Facebook, di Internet e della televisione non c’è più spazio per le emozioni complesse come la vergogna, ma solo campo libero per l’appiattimento emotivo.
Quando poi si perde anche il senso di colpa, scompare completamente l’individuo ed appaiono al suo posto, moltiplicati all’infinito da tutti i media, i loschi figuri di Brescia, le assassine di Avetrana.

Forse è questo il destino che ci è riservato, che le immagini da cui siamo continuamente bombardati riescano a sostituirsi definitivamente al nostro pensiero e alle nostre emozioni, privandoci di quell’umanità che ci dovrebbe distinguere dagli assassini i quali non sanno né cosa sia la vergogna tantomeno cosa sia il senso di colpa.

Leretico

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID60308 - 19/08/2015 12:45:50 (Dru) È molto interessante questo articolo dell'amico Leretico
sono completamente avulso da questo mondo di cose, infatti non conosco i soggetti di queste storie che stai raccontando e gli elementi che le hanno prodotte, ma leggo del significato che le comprende. L'immagine non esiste in verità, esiste come astrazione della verità. Se io mi vedo in uno specchio la verità è "io mi vedo in uno specchio", l'astrazione della verità di questa proposizione, come identità di dire e detto, è "io", "mi vedo" e "lo specchio", si che l'immagine si fa vera nell'astrazione della verità, e nella verità. Se l'immagine si fa vera nella verità, allora l'immagine è immagine della verità, se l'immagine si fa vera nell'astrazione della verità, alloral'immagine non è più della verità, ma è immagine dell'immagine della verità.


ID60309 - 19/08/2015 12:53:02 (Dru) L'immagine non esiste in verità
perché in verità l'immagine è sua astrazione. Se l'immagine esistesse in verità, significherebbe che non potrebbe esistere la sua verità se non come immagine, si che il regressus sarebbe ad indefinitum.


ID60310 - 19/08/2015 13:06:05 (Dru) Ora l'assassinio.
l'assassinio è proprio del credere nell'immagine, credere nell'immagine significa pensare di poter uccidere la verità, significa essere nichilisti. L'immagine nella verità non esiste se non come astrazione della verità, come sua parte, ma i simulacri della verità sono proprio la sua astrazione che diventa la verità: l'immagine non esiste, ma esiste il credere nell'immagine, eccome, questa è la fede, dove per fede non intendo solo quella cristiana, forma, appunto, di quella più ampia fede in cui essa è contenuta. La fede cristiana crede che "ciò che non appaia" (verità di ciò che non appare) appaia in luce, ma non per come vorremmo che sia ,ma per come è (immagine): l'immagine si fa realtà e la realtà scema, per un mondo ultraterreno più reale e vero del mondo in luce.


ID60311 - 19/08/2015 13:09:44 (Dru) Insomma
vi metto in guardia dal vero assassinio, che non è presupposto dalla televisione, la televisione è una conseguenza insignificante, un'immagine appunto.


ID60312 - 19/08/2015 13:52:13 (Tc) ...
Tutta questa tecnologia ci sta rimbambendo tutti...


ID60313 - 19/08/2015 14:22:55 (sonia.c) non toccherò l'argomento dell'assassino narcisista..
la vergogna..non parte anche da un principio di "presa di coscienza dell'errore" con conseguente ,pentimento?..oggi la tv e internet hanno davvero "spersonalizzato " la realtà! come potremmo sennò , mangiare davanti alla tv ? io non credo che per i nostri nonni fosse la stessa cosa! leggevano il giornale..e quelle parole e scarne immagini gli restavano dentro. non avevano l'impatto emotivo troppo crudo che porta chiudere..ci riflettevano sopra..elaboravano ,come si dice..adesso spegnamo ,in un nanosecondo,il clik della tv e della sensibilità..la televisione è una conseguenza NON insignificante..indietro non si torna certo! ma deve essere sempre una comoda scusa per non imparare a "gestire"? almeno dentro di noi? sii tu il cambiamento che desideri negli altri..GRAZIE al grande Leretico! a


ID60315 - 19/08/2015 19:00:46 (Dru) Che Leretico ti piaccia Ubaldo
Non significa che debba essere allora piacere anche alle cose che davvero contano... ad esempio, le cose che davvero contano, dell'argomento trattato, sono scritte dai miei commenti e nei miei commenti, ma scommetto che non ti piacciono è non le metteresti in prima pagina. Ma è sa questo che si misura chi ha gli argomenti che davvero contano. Scommetto che nemmeno tu leggi noNovella20p0, vero? Il mio prossimo articolo lo voglio al primo posro :-(


ID60316 - 19/08/2015 19:08:56 (Dru) Mi sono appena svegliato
.. dicevo:che Leretico ti piaccia Ubaldo non significa che debba essere allora piacevole anche alle cose che davvero contano... ad esempio, le cose che davvero contano, dell'argomento trattato, sono scritte dai miei commenti e nei miei commenti, ma scommetto che non ti piacciono e non le metteresti in prima pagina. Ma è da questo che si misura chi ha gli argomenti che davvero contano. Scommetto che nemmeno tu leggi noNovella2000, vero? Il mio prossimo articolo lo voglio al primo posto


ID60317 - 19/08/2015 19:09:28 (Dru) Mi sono appena svegliato
.. dicevo:che Leretico ti piaccia Ubaldo non significa che debba essere allora piacevole anche alle cose che davvero contano... ad esempio, le cose che davvero contano, dell'argomento trattato, sono scritte dai miei commenti e nei miei commenti, ma scommetto che non ti piacciono e non le metteresti in prima pagina. Ma è da questo che si misura chi ha gli argomenti che davvero contano. Scommetto che nemmeno tu leggi noNovella2000, vero? Il mio prossimo articolo lo voglio al primo posto :-(



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/05/2018 08:30:00
La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...

02/03/2016 11:15:00
Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...

28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno


13/02/2018 08:56:00
La condizione del fachiro e i cercatori di merda E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico




Altre da Provincia
17/11/2018

Sindrome italiana, «gli stati d'animo sono contagiosi»

Ha debuttato martedì al Teatro Santa Chiara la nuova produzione CTB, un progetto di MitiPretese scritto da Lucia Calamaro. Uno spettacolo profondo e divertente, delicato e drammatico allo stesso tempo


16/11/2018

Un Sì per l'acqua pubblica

Gentile direttore, approfitto di questa rubrica per parlare di acqua pubblica dato che questa domenica tutti noi saremo chiamati alle urne...
(7)

15/11/2018

Acqua pubblica, domenica si va alle urne

Dopo tanti incontri informativi e dibattiti sul tema, per i bresciani è giunto il momento di esprimersi sulla futura gestione – esclusivamente pubblica o con la partecipazione di soggetti privati - del servizio idrico integrato  

14/11/2018

Illuminazione da smart city

Anche 22 Comuni della Valle Sabbia fra i beneficiari dello stanziamento di Regione Lombardia del bando Lumen per rinnovare l’illuminazione pubblica (4)

12/11/2018

Agenzie di lavoro, crollo della domanda

Brusca e inattesa frenata a Brescia per la richiesta di lavoratori in somministrazione. Nel terzo trimestre del 2018, infatti, la domanda è crollata del 26% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. (2)

11/11/2018

Piccolo grande Tonali

Delle rondinelle è punto fermo e giocatore di spicco. Ricorda Pirlo per movenze e silhouette, e sembra possa ripercorrerne le orme. Lui è Sandro Tonali da Lodi, numero 4 del Brescia e dell’Under 21

09/11/2018

«Donne per le donne», suona la Women Wind Orchestra

Nel gruppo musicale “in rosa” anche diverse musiciste provenienti dalle bande musicali della Valle Sabbia. Un concerto a sostegno di una causa molto importante 

09/11/2018

«Sguardi», il presente, la realtà e il futuro

Ecco il programma presentato dalla Cooperativa “Il Calabrone”. Tre importanti ed interessanti incontri per capire meglio la realtà ed interrogarci sul futuro 

07/11/2018

Teatro, circo e letteratura con il Ctb

Tre appuntamenti culturali da non perdere, in città, promossi rispettivamente da Università Cattolica di Brescia e Teatro Laboratorio in collaborazione con il Centro Teatrale Bresciano

02/11/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia