Skin ADV
Mercoledì 26 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Gallipoli

Gallipoli

di Beatrice Folini



24.06.2019 Valsabbia Provincia

25.06.2019 Pertica Bassa Bione Bagolino Pertica Alta

26.06.2019 Gavardo Valsabbia

25.06.2019 Gavardo

26.06.2019 Gavardo

24.06.2019 Val del Chiese

24.06.2019

24.06.2019 Roè Volciano

24.06.2019 Gavardo Valtenesi

25.06.2019 Salò Garda



08 Gennaio 2019, 08.05
Prevalle Valsabbia Muscoline
Giustizia

Niente prescrizione

di red.
Alla famiglia di Sara Comaglio, la giovane morta per incidente stradale al sottopasso di Prevalle sette anni fa, Anas ha versato circa 400mila euro. Il processo sulle responsabilità arriverà comunque a conclusione: udienza il prossimo 21 gennaio

Dal Giornale di Brescia

Il processo arriverà ad una conclusione. Se con l’assoluzione o una condanna è impossibile da sapere.
Di certo l’ultimo atto non farà rima con prescrizione.

Doppia svolta.

Sette anni dopo il tragico incidente stradale che si è portato via la 22enne Sara Comaglio, la famiglia della giovane morta nel tunnel di Prevalle lungo la 45bis potrà avere giustizia.
Un passo avanti importante in una vicenda processuale che nel 2015 poteva concludersi con un nulla di fatto se il gip Lorenzo Benini avesse accolto la richiesta di archiviazione presentata dalla Procura.

La madre della vittima si era opposta, il giudice le ha dato ragione e il sostituto procuratore Corinna Carrara, subentrata ad un collega che ha lasciato Brescia, ha ora fatto segnare una doppia svolta.
La prima è il risarcimento che la famiglia Comaglio è riuscita ad ottenere e la seconda è quella che ha portato ad evitare la prescrizione.

Lo schianto.

Era il 22 maggio 2012 quando la ragazza, agente di Polizia locale a Gussago, tradita da un’enorme pozzanghera nel sottopasso poco prima dell’uscita di Prevalle perse il controllo dell’auto finendo contro un’altra vettura che arrivava dal senso opposto.
Morì sul colpo.

Viaggiava a velocità entro i limiti e furono le condizioni dell’asfalto, completamente allagato, a provocare l’incidente.
Il sistema delle pompe idrovore quella sera era andato infatti in tilt dopo un temporale e chi sarebbe dovuto intervenire e non lo ha fatto era a conoscenza del guasto.

In aula.

A dibattimento - udienza fissata il 21 gennaio - è finito un solo imputato, Matteo C., all’epoca responsabile territoriale dell’Anas, ente addetto alla manutenzione di quel tratto di 45bis.
Il dirigente è accusato di omicidio colposo, reato che il sostituto procuratore Corinna Carrara ha reso più pesante, contestando anche l’aggravante della violazione delle norme sulla circolazionestradale.

Elemento che impedisce così che il processo si chiuda con la prescrizione.
Sarebbe stato un epilogo inaccettabile per la famiglia della 22enne Sara Comaglio che ha dovuto già attendere quasi sette anni per ottenere un risarcimento da parte di Anas.

L’Ente nazionale per le strade, che già aveva risarcito una donna rimasta ferita nel 2011 in un incidente avvenuto nello stesso tunnel e per le stesse ragioni che hanno provocato lo schianto in cui è morta Sara, ha versato solo nei mesi scorsi un indennizzo alla madre della ragazza che si era costituita parte civile e che ora non è più coinvolta nel processo. L’assegno ammonta a circa 400 mila euro.

La madre.

«Una cifra che non mi ridarà mia figlia. Con quei soldi voglio dare la vita ad altre persone. Sto già lavorando ad alcuni progetti» è il commento di Maria Luisa Massardi, la madre di Sara Comaglio, da sempre in prima linea per ottenere giustizia e verità.

«Grazie al pubblico ministero Carrara che ha impostato il processo così come me lo ero immaginato, sono tornata a credere nella giustizia e sono convinta che il dibattimento si chiuderà con una condanna.
Ho avuto davvero paura - aggiunge la donna - che tutto si concludesse con la prescrizione e non l’avrei mai accettato».

di Andrea Cittadini
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID79090 - 09/01/2019 16:43:09 (m.luisa) La morte di uno può dare la vita ad altri.
Sono riconoscente a tutti gli automobilisti che transitando al Sottopasso mi hanno sostenuto nei giorni in cui esponevo la "protesta", a quelli che ricordano Sara, a quelli la cui vita è stata lasciata e a chi ha lottato con me. Trasformare la morte in vita x altre persone è il mio impegno oltre a quello che continuo a perseguire di chiedere sempre più Sicurezza Stradale. Grazie Ubaldo.M. luisa x Sara Comaglio


ID79097 - 09/01/2019 19:41:28 (ariatredici)
Grazie alla Sig.ra M.Luisa che trasforma il suo grande dolore in opere di vita per altri!!E grazie anche perché si batte per la sicurezza di tutti.Questa è troppo spesso trascurata!


ID79104 - 09/01/2019 21:14:35 (genpep)
M. Luisa, hai lottato come una leonessa per ottenere giustizia. l'hai fatto per la tua Sara, ma soprattutto per la sicurezza di tutti. grazie



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/01/2014 07:00:00
Sottopasso di Prevalle, interviene l'Anas A venti mesi dal tragico incidente in cui perse la vita Sara Comaglio, l'Anas appalta i lavori per rendere più sicuro quel tratto di 45Bis


21/05/2014 07:40:00
Ancora Domani, 22 maggio, saranno trascorsi due anni dalla morte di Sara Comaglio. La sua vita è schizzata via sulla strada invasa dall'acqua al sottopasso di Prevalle. La giustizia non ha ancora deciso il perchè. Da poco sono cominciati i lavori per mettere in sicurezza quel tratto si strada. E la mamma di Sara ci scrive


08/02/2015 12:00:00
Supplemento d'indagine Il gip Lorenzo Benini ha accolto l'opposizione della mamma di Sara Comaglio alla richiesta di archiviazione per l'incidente mortale sotto il cavalcavia di Prevalle dando

22/09/2012 07:52:00
Anas o agricoltori? La parola al Prefetto Il tema è l'allagamento della 45bis all'altezza del sottopasso di Prevalle. Un fenomeno che il 22 maggio scorso ha ucciso una giovane di Muscoline, Sara Comaglio.

21/05/2015 07:00:00
Sara, tre anni dopo Sono trascorsi tre anni dalla tragica notte dell’incidente che al sottopasso di Prevalle si portò via Sara Comaglio, 22enne di Muscoline. Una tragedia ancora in attesa di giustizia




Altre da Prevalle
21/06/2019

Al via la «Tre Giache Team Fest»

Con l’arrivo dell’estate, come da tradizione, il motoclub Tre Giache Team organizza a Prevalle una grande festa all’insegna di sport, musica e divertimento

16/06/2019

Identificata

Il corpo ritrovato senza vita giovedì scorso nel cassone della Centrale idroelettrica dei Maressi a Prevalle è  di una 37enne di Villanuova sul Clisi

15/06/2019

Resta il giallo

Ancora nulla sull’identità della donna ritrovata morta nella Centrale di Via dei Maressi. Alcune segnalazioni di scomparsa non sono risultate quelle giuste

14/06/2019

Senza nome

Ancora sconosciuta l'identità della donna ritrovata alla centrale idroelettrica di via Dei Marassi a Prevalle. Il cadavere è stato ricomposto nel Centro di medicina legale di Brescia. Fra le ipotesi la disgrazia oppure il gesto deliberato


13/06/2019

Rinvenuto cadavere alla centrale idroelettrica

Il corpo senza vita di una donna è stato ritrovato questa mattina nella zona di spurgo della centrale idroelettrica a Prevalle

09/06/2019

Riscoprire l'anima di una contrada: Bassina

Quando Prevalle aveva un centro pulsante di commerci e attività. Oggi alle 17 la presentazione del libro curato dall’associazione culturale “I Giorni”

06/06/2019

Addio a Paride Ferraboli, marinaio e pittore, ultimo reduce prevallese

Si è spento al termine di una lunga e sorridente esistenza Paride Ferraboli, presidente onorario dell’Associazione ex Combattenti e Reduci di Prevalle ed apprezzato pittore.

01/06/2019

Festa della Repubblica, gli eventi in programma

Ecco alcune delle iniziative in programma questa domenica, 2 giugno, in Valle Sabbia e dintorni per celebrare il 73° anniversario della Festa della Repubblica 


31/05/2019

Prevalle, a Palazzo Morani c'è Damiano Giustacchini

In continuità con la precedente amministrazione, i prevallesi hanno eletto sindaco l’ex assessore ai Lavori Pubblici Damiano Giustacchini con la sua “Prevalle Centrodestra Insieme”

22/05/2019

Prevalle, confronto a due

Nel paese alle porte della Valle Sabbia si confrontano la lista della maggioranza uscente, con forte connotazione politica, “Prevalle CentroDestra Insieme”, con candidato sindaco Damiano Giustacchini, e la lista civica “Uniamo Prevalle” con candidato Andrea Prina

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia