07 Maggio 2016, 08.45
Prevalle
Scuola

A volte può succedere...

di John Comini

Un’avventura a due passi da casa, per gli alunni della classe terza della primaria di Prevalle, l’escursione didattica alla grotta dove fu ritrovato lo scheletro dell’ursus spelaeus


A volte può succedere che alcuni bambini tornino a casa dopo una giornata di pioggia, sporchi e stanchissimi, gridando: “È stata la più bella gita della mia vita!”. A volte può succedere che un gruppo di persone lavorino gratuitamente per far partecipare i bambini di una scuola ad un’esperienza unica (ma si spera ripetibile). A volte può succedere che la cultura di un territorio venga trasmessa direttamente ad una sessantina di scolari, e che il tempo preistorico e contemporaneo quasi magicamente si tocchino.

Tutto è successo un lunedì di una giornata piovosa: il maestro Angelo Mora ed i maestri delle classi terze della scuola primaria di Prevalle si son guardati e si son chiesti: “Che facciamo? Si parte o rimandiamo? Le previsioni danno bello per oggi…” (a volte può succedere che le previsioni del meteo non ne imbrocchino una…).

E così si è partiti, in fila e attenti alle macchine sulla statale. Ma ci sono i Nonni vigile con le loro casacche fosforescenti e la loro simpatia (il Baffo, grande milanista, un po’ depresso per una certa squadra di Frosinone…). E poi ci sono i Vigili del Comune di Prevalle, sempre gentili e a disposizione delle iniziative della scuola. Ci fermiamo un attimo perché il maestro Angelo Mora ci fa osservare il cippo che indicava il confine tra Goglione di Sotto e Goglione di Sopra.

E poi la strada comincia a salire, pioviggina ma cappelli e tele cerate proteggono gli avventurieri verso il Buco del Frate (monumento naturale regionale che si trova nella sella fra il Monte Budellone ed il Monte Paitone).

All’ingresso ecco attenderli una squadra di Alpini e di Volontari della Protezione Civile, alla guida del signor Ondei. Tra gli alpini c’è il mitico “Cecco” Maioli, col suo fedele cappello alpino compagno di tante avventure, uno dei primissimi “esploratori” del Gruppo Grotte Gavardo.

E proprio il fondatore, l’Highlander maestro Simoni (96 anni, non so se mi spiego…), accompagnato dall’esperto “allievo” (era stato suo studente) Angelo Lando, era venuto in classe qualche giorno prima a parlare del Buco del Frate e a trasmettere ai bambini, lucido e intenso come un saggio filosofo, la passione per l’archeologia.

Sì perché a volte può succedere che le passioni non vadano in pensione, e fin da giovane dedicava il tempo libero suo e degli amici Sandro Dusi, Alberto Grumi, Silvo Venturelli, Alfredo Franzini alla ricerca di tracce del passato. E proprio nel Buco del Frate (a proposito, chissà perché quel nome? Una banda di  
di briganti che assaliva i viandanti travestita da frati? Un eremita che qui ha vissuto? Vallo a sapere…) il maestro Simoni & C. avevano trovato lo scheletro di un ursus spelaeus, che ora si trova in bella vista presso lo splendido edificio quattrocentesco nel centro storico di Gavardo.

I bambini sono scesi a gruppi nelle profondità della grotta, aiutati dai volontari, aggrappandosi a corde predisposte appositamente o a scale ed alla luce dei fari alimentati da due generatori di corrente all’esterno.

A volte può succedere che una grotta buia e fredda ricrei l’incanto della scoperta, dello stupore. Le stalattiti, gli anfratti, le varie rocce carsiche, la discesa sdrucciolevole, il fango, l’argilla, hanno suscitato un’emozione intensa. E quando il signor Lando ha mostrato, laggiù, nel semibuio, la lampada al carburo che usavano i primi esploratori, si è creata davvero una vera magia.

A volte può succedere che persino la possibilità di incontrare i pipistrelli, antichi abitatori della grotta, sia una speranza e non una paura. E poi c’è stata la ripida salita, aggrappati alle scale e sollevati dalle robuste braccia degli alpini, e quindi l’uscita dall’altra parte del Buco del Frate, dove bambini e maestri hanno potuto riposare, raccontarsi l’esperienza e rifocillarsi (qualche bambino ha unito gli ombrelli aperti ed ha formato una specie di tenda multicolore).

A volte può succedere (ma succede spesso) che un alpino accenda un fuoco, che un altro faccia scaldare le salamine, che un altro ancora tiri fuori vino rosso e pane: allora la festa è grande, e pare che persino qualche alpino si sia stupito di come il vino sia stato gradito da alcune maestre... Narra la leggenda che un maestro abbia proposto di lasciare dentro la grotta la propria moglie, ma pare che non si possa…. E non è finita: nel pomeriggio, nonostante la lieve pioggerella, su per le balze del Budellone, per vedere lo splendido panorama e per giocare a riconoscere dov’è il Municipio, la scuola, la propria abitazione. E infine la discesa, piuttosto ardita, con alcuni maestri che facevano lo scivolo. E così il tempo è volato, come in tutte le cose belle.

A volte può succedere che una giornata uggiosa diventi una giornata indimenticabile. A volte può succedere che i bambini infangati dai capelli ai piedi (chissà quante lavatrici…) siano stati molto vicini al luogo dove regna la felicità.

Maestro John Comini


Commenti:
ID66059 - 07/05/2016 13:58:29 - (giobia) - BENE

QUESTE SONO GIORNATE CHE LE SCUOLE DOVREBBERO ORGANIZZARE PIù SPESSO. COMPLIMENTI AGLI ORGANIZZATORI ED AI VOLONTARI

ID66062 - 07/05/2016 17:22:58 - (paolocatterina) - Insegnare e vivere l'avventura è vera cultura!

Una cronaca esaltante, maestro John!!!Quella grotta che riserva sorprese da millenni riesce a trasmettere emozioni ai piccoli... che imparano con gran divertimento... e ai grandi... che insegnano la vita.

ID66072 - 08/05/2016 13:08:32 - (Tc) - ...

peccato che in zone limitrofe,molte siano state tappate,perche' situate in cave...fine che avrebbe fatto anche il Buco del Frate,se qualcuno non avesse trovato resti preistorici...e chissa' quanti altri ce ne saranno ancora in giro...se vediamo foto di 5oanni fa ci renderemo conto di com'era quella sono li,prima che partissero concessioni cavatorie come noccioline...

Aggiungi commento:
Vedi anche
15/05/2015 14:50:00

Alunni speleologi Mercoledì 6 maggio gli alunni delle classi terze della scuola primaria “Don Lorenzo Milani” di Prevalle si sono calati nel profondo delle stanze che costituiscono l'imponente grotta naturale Buco del Frate

09/02/2008 00:00:00

A rischio la zona del Buco del Frate Pubblichiamo la lettera che il Sindaco di Prevalle ha inviato al Presidente della Provincia e all'Assessore all'Ambiente chiedendo un incontro e un aiuto concreto per salvaguardare la zona del Monumento Naturale del Buco del Frate.

23/03/2008 00:00:00

Buco del frate a rischio, Paitone è sotto accusa Di recente si è molto parlato del possibile ampliamento degli Ambiti estrattivi fra Gavardo, Prevalle e Paitone sui pendii dei monti Budellone e Paitone, ma soprattutto attorno alla grotta carsica (e monumento naturale) del «Buco del frate».

09/04/2018 07:11:00

Dentro e fuori con le Penne nere In previsione della gita in programma con le scolaresche per la prossima settimana, gli alpini e la Protezione civile di Prevalle hanno risistemato l’area esterna al Buco del Frate

04/09/2009 10:26:00

Emozioni sotterranee nel «Buco del frate» Domenica, gli esperti dell'Associazione speleologica bresciana, guideranno chi lo vorrà alla scoperta del «Buco del Frate», l'interessante grotta carsica che si trova a Paitone.



Altre da Prevalle
12/07/2020

Dopo la tempesta, la conta dei danni

Anche in bassa e media Valle Sabbia la furia del nubifragio di ieri pomeriggio è stata devastante. A Serle il vento ha scoperchiato due abitazioni; allagato anche stavolta il sottopasso della 45bis a Prevalle

11/07/2020

I 77 di Enzo

Tantissimi auguri a Vincenzo Romano di Prevalle che proprio oggi, sabato 11 luglio, festeggia il suo compleanno

10/07/2020

Omicidio Mantovani, il sangue è di un indagato

Le ultime indicazioni dei Ris di Parma sono chiare: il sangue ritrovato a casa del 50enne G.B. appartiene a uno dei due indagati

05/07/2020

Sottopasso allagato: «Ogni volta rivivo il mio dramma»

È la testimonianza di Maria Luisa Massardi, la madre della giovane Sara Comaglio, che perse la vita proprio a causa del tunnel allagato. Novità sul fronte giudiziario

02/07/2020

Sottopasso allagato, un evento che si ripete

La bomba d'acqua che ieri mattina ha sferzato con violenza Garda, Valtenesi e Valle Sabbia ha nuovamente provocato l'allagamento del sottopasso di Prevalle sulla 45bis, un problema che si pensava ormai risolto

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

01/07/2020

Smottamenti e allagamenti

Problemi alla viabilità come conseguenza del violento temporale che si è abbattuto nella tarda mattinata di oggi. Ripercussioni sulla 45 bis e sulla provinciale a Roè Volciano

01/07/2020

Prevalle, riaperto il bar del circolo Acli

Sanificato e riorganizzato secondo le linee guida anti-covid19, il bar del Centro sociale di Prevalle riapre i suoi spazi alla popolazione, all'insegna di un responsabile ritorno alla normalità dopo l'emergenza

25/06/2020

Il giudice Albertano riapre le degustazioni con l'autore

L'ultimo giallo della saga di Enrico Giustacchini sarà protagonista dell'appuntamento cultural-gastronomico di questo venerdì, 26 giugno, a Prevalle. La rassegna riprende nel rispetto delle norme anti Covid

20/06/2020

Quattro incidenti in poco più di un'ora

Tre a Gavardo e uno a Prevalle, tutti lungo la tangenziale 45bis, gli incidenti che si sono verificati oggi pomeriggio in un breve lasso di tempo