Skin ADV
Lunedì 19 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




17.11.2018 Barghe Valsabbia

19.11.2018 Vestone Capovalle Valsabbia

18.11.2018 Salò Valsabbia Garda

18.11.2018 Storo

19.11.2018 Valsabbia Provincia

18.11.2018 Vestone Valsabbia

18.11.2018

19.11.2018 Casto Serle

18.11.2018 Vobarno

19.11.2018 Vobarno



13 Febbraio 2018, 08.56

Eppur si muove

La condizione del fachiro e i cercatori di merda

di Leretico
E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico

Qualche decennio fa, in tempo di calessi e di cavalli, uno strano personaggio si adoperava indefesso nel suo singolare mestiere.
Come accompagna lo sciacallo le carovane e il delfino le navi” così egli inseguiva i quadrupedi che sfrecciavano lungo le strade della regione Iblea e raccoglieva “le ciambelle che a intervalli regolari quelli sgravano sul terreno a guisa di fumanti pietre miliari”.
Si tratta del “venditore di letame”, meglio detto nella lingua di quella terra “‘u fumiraru”, descritto da Gesualdo Bufalino nel suo “Museo d’ombre” (1982).

Anche noi, che frequentiamo le vie mediatiche moderne, proprio qui, siamo costretti nostro malgrado a fare il mestiere del “fumiraru”, raccogliendo le impressioni che il mondo ci elargisce “a guisa di fumanti pietre miliari”.
Correndo a perdifiato lungo queste dolorose strade, si sentono rumori lontani, provenienti da una piazza affollata.

L’agorà, la piazza della politica, produce strepiti invece di parole, rumori gutturali impastati di rabbia più che dialoghi, tanto che anche il più illuso eremita è costretto nolente a tendere l’orecchio, nonostante la vita dedicata alla fuga dal mondo, proprio da quel mondo.

Il rumore è decisamente superiore alla media e non basta confidare nel fatto che il periodo elettorale sia solitamente foriero di mirabolanti esercizi verbali, promesse incommensurabili, deiezioni verbali multiple da incontinenza ideologica che scompariranno come neve al sole di marzo, giusto dopo la scadenza del voto. Stavolta la contrizione interiore non basta.

Al bailamme usuale si è aggiunta una sensazione nuova
, che emerge inconstatata dalle ultime vicende tragiche di Macerata: il destino, il garbuglio gaddiano, ha concentrato nella cittadina marchigiana una “depressione ciclonica” micidiale, che ha generato un torbido scompiglio difficilmente spiegabile con la singola causa apparente.

Una ragazza tossicodipendente, dopo qualche mese di residenza tormentata, ha lasciato la comunità di recupero in cui stava tentando di tornare a una vita normale: si è arresa.
Appena fuori ha cercato affannosamente la sostanza che tanto le era mancata durante il periodo di recupero: la sua terribile dominatrice. Sapeva quale fosse il modo più veloce di procurarsela ed è andata a bussare alla porta dell’inferno.

L’incontro con i nigeriani spacciatori di Macerata ha avuto purtroppo un epilogo imprevisto: Pamela è morta e il suo ingombrante cadavere è stato fatto a pezzi.
Il macabro ha invaso completamente la scena. Gli uomini della morte hanno rubato la vita di una ragazza avvenente, fragile indifesa, debole, innocente.
Questa rappresentazione è stata assorbita dall’immaginario popolare come l’acqua su un campo riarso, ben preparato nel tempo. I cuori hanno gridato vendetta.

Il fanatico, altro personaggio necessario in questa tragedia, ha preteso il suo ruolo: ecco comparire quindi Traini, a colpi di pistola e bandiera italica sulle spalle, novello giustiziere sterminatore.
Ha ottenuto il suo momento di gloria, ha colpito alcuni neri per strada, colpevolissimi ai suoi occhi solo perché neri, sostituti perfetti dei presunti responsabili della morte della ragazza.

Ora, quelli che si sentono Liberi e Uguali, gli epigoni della rivoluzione francese del 1789, forse i “figli dell’ottantanove” di sciasciana memoria (Il cavaliere e la morte – 1988), hanno colto la palla al balzo.
Non è sembrato lor vero di poter risuscitare il fascismo squadrista identificandolo in modo così perentorio, così conclamato, con il Traini. Un dono dal cielo insomma.

Come il diavolo non è nulla senza l’acqua santa, così hanno fatto tornare l’ombra dell’onda nera in torbace dall’avello della storia, nel periodo elettorale più adatto, più congeniale, più vantaggioso. È stato un segno del destino, appunto, e guai farselo scappare.
E allora via alle manifestazioni antifasciste, antileghiste, antiforzaitalia, antipatitodemocratico soprattutto, e forse anche antimovimentocinquestelle.

Un’orgia di “anti” pur di ritrovare l’essenza, il motivo per cui esistere, una ragione di fondamento.
I grandi vecchi nostalgici della sinistra hanno partecipato al rito, alla sacra manifestazione di sabato scorso, e come potevano mancare?
Ricercavano l’identità perduta, come l’arca sul monte Ararat, la cercavano come il sacro Graal, per contrasto, come fanno gli adolescenti nell’insicurezza dell’età. Non l’hanno trovata. Peccato.

È uno schema fisso, narratologicamente perfetto, quello di Macerata; generato da una realtà quasi letteraria, usata per raccontare una tragedia popolare in cui, di solito, il linciaggio, è l’esito finale.

A questo punto, poiché non vogliamo essere strappati al nostro sentire per essere ingoiati da questa falsa e manipolata rappresentazione, dovremmo seguire il suggerimento di Ennio Flaiano (Diario degli errori – 1976) e metterci “nella condizione dei fachiri”: seduti sul nostro tappeto di chiodi dobbiamo, nell’immobilità della meditazione, respingere il dolore.
Concentrati su ciò che potrebbe fatalmente ferirci, ma su cui fondiamo il nostro essere qui e ora, dobbiamo disegnare un’altra dimensione in cui inscrivere questi fatti.

La “lunga transizione” di cui alcuni storici parlano
per descrivere l’incapacità italica, dopo il delitto Moro, di abbandonare definitivamente le contrapposizioni mitiche e ideologicamente impostate tra comunismo e fascismo, l’incapacità di riconoscere come legittimo l’avversario politico, sembra non essere ancora terminata.

Quando l’incertezza per il futuro si fa
, per ragioni contingenti come i fatti di Macerata, più angosciante, ecco che quei miti sepolti vengono riesumati per rievocare uno scenario perduto che non vorremmo mai più rivivere ma che risulta l’unico che eternamente funziona negli italici meccanismi inconsci collettivi e, proprio per questo, nelle certezze che esso è in grado di generare come cornice di senso riconoscibile, pur nella tragica negatività della sua continua riproposizione.

Ma c’è di peggio: viene bloccato quel minimo esercizio di ragione che farebbe intravedere quanto labile e strumentale sia la connessione tra l’immigrazione e la morte di Pamela Mastropietro.
Se è infatti vero che i nigeriani presunti responsabili dell’omicidio sono degli immigrati, non è assolutamente vero che il loro atto criminale derivi dal fatto di essere degli immigrati.

Se si abdicasse alla ragione si permetterebbe quindi ai Traini di turno, e a tutti quelli che dal suo atto vogliono trarre un macabro vantaggio elettorale e politico, di far passare il messaggio che sia corretto condannare e punire l’immigrato perché immigrato, comunque colpevole perché presente dove non avrebbe dovuto, invece di punire l’omicida perché criminale.

Difficile scegliere la ragione, quando parla contro la superficiale attitudine di cedere alle più basse passioni.
Difficile scegliere la condizione del fachiro.

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID75175 - 13/02/2018 09:52:59 (bernardofreddi)
Che il Traini si proclami fascista e che, volendo compiere una vendetta, abbia colpito nel mucchio persone disarmate (a metà strada fra le rappresaglie della RSI e le bombe degli anni '70), è un fatto. Che i 4 o 5 nigeriani di Macerata - al netto del probabile omicidio e del certo vilipendio del cadavere - fossero richiedenti asilo dediti a ricompensare la comunità che li ha accolti avvelenando i suoi figli più deboli, è un altro fatto.


ID75177 - 13/02/2018 14:18:09 (Dru) senso critico
Scusa ma ho letto gli ultimi due capoversi, troppo lungo il resto, ma già... la ragione è il nesso dunque dire che non è affatto vero che tra immigrato e violenza ci sia nesso significa assumere come vero che tra nigeriano nero e immigrato e squartatore non vi sia alcun nesso e vuol dire dunque che non è assolutamente vero che il nigeriano abbia squartato, ardua sentenza di chi oggi lo voglia provare... ecc...ecc... voglio qui dire che non si può per piacere tuo tenere alcuni nessi e cancellarne altri, questo si significa non aver alcuna ragione.


ID75178 - 13/02/2018 15:12:57 (Dru) io ho ragione di te
significa te sei contnuto in me e come? tramite un vincolo. ma come può te essere in me tramite un vincolo? non può infatti se già in me te non sei nessun vincolo può fare in modo che lo sia se non contraddittoriamente... ecc..


ID75179 - 13/02/2018 15:14:32 (Dru) dietro la ragione
c'è molta confusione nelle tue parole.. con simpatia


ID75180 - 13/02/2018 15:18:28 (Dru)
secondo le tue parole chiunque oggi è innocente fino a prova contraria che significa fino che non si dimostri che il vincolo tra il fatto e il nigeriano sussista e cioè, proprio seguendo il tuo ragionamento, mai, in quanto il fatto non è vincolabile con quanto la magistratura dice del fatto e questo mai... o sempre, allora come dice o dirà il magistrato per volontà di potenza e non per ragione anche io posso dire che i nigeriani sono tutti violenti... si fa per ragionare appunto.. ogni riferimento è puramente casuale


ID75188 - 14/02/2018 04:24:24 (doc)
Non ho nessuna voglia di entrare nella solita e noiosa polemica, preconcetta, tra Leretico, che leggo sempre con attenzione e Dru. I problemi che sottintendono i due gravi e interconnessi episodi di cronaca nera, avvenuti a Macerata, ci balzano violentemente agli occhi: il dramma della tossicodipendenza, l'immigrazione di massa tra paesi disastrati da fame e guerre e i nostri disastrati dalla continua perdita di valori, la pazzia degli uomini di qualsiasi colore, la criminalità dilagante, la ricomparsa prepotente di quei valori razzisti che tanti drammi hanno portato all'umanità. Se penso che a ciò bisogna aggiungere il surriscaldamento del pianeta ( tenacemente perseguito dai fautori della crescita globale) e le sue drammatiche conseguenze, sono estremamente preoccupato per il futuro del nostro piccolo pianeta azzurro. Purtroppo la Politica è latitante: Trump, Putin, Xi Jinping, espressione delle grandi potenze sono personaggi da incubo. E i nostri? Mala


ID75197 - 14/02/2018 09:31:02 (Giacomino) I nostri sono altrettanto surriscaldati
da una campagna elettorale che non fa presagire niente di buono.


ID75198 - 14/02/2018 09:36:12 (Dru)
non è necessario entrare in polemica se si ha la pazienza di guardare al fondamento delle tue preoccupazioni. Differentemente è solo polemica.


ID75199 - 14/02/2018 09:37:16 (Dru)
sei un medico e sai che quando un paziente ti indica la propria cura è in polemica con la scienza, lo sai perché sai dei fondamenti della scienza.


ID75200 - 14/02/2018 09:37:38 (Dru)
significa autocoscienza.


ID75201 - 14/02/2018 09:37:51 (Dru)
della scienza


ID75202 - 14/02/2018 09:39:24 (Dru)
dici che non ti interessa la polemica ma resti a livello di polemica. Con simpatia


ID75207 - 14/02/2018 14:02:34 (Dru)
https://it.blastingnews.com/salute/2018/02/i-nanorobot-sono-in-grado-di-distruggere-ogni-tipo-di-tumore-002357805.html


ID75276 - 21/02/2018 12:21:02 (Pseudosofos) I fachiri e le parole
Mi piace la lucidità di pensiero e la perizia scrittoria dell’Eretico. Davvero gustoso l’articolo: in mezzo a molta opinionistica di bassa fattura, si elevano come stimolo al lume naturale della ragione le sue parole. Le parole. Magari le parole potessero stimolare sempre la ragione è il buon senso! Ma, ahimè, anche le sagge parole dell’Eretico, che pur muovono la consapevolezza, non bastano da sole a convincere chi le legge a diventare simili ai fachiri (una metafora molto potente). Tutto il corpo del fachiro è in meditazione, non solo la sua testa. Diventare fachiri è affare anche di desiderio, volontà e spiritualità. Elementi della vita con cui la ragione può accordarsi armoniosamente, ma che non è essa stessa a produrre direttamente, come sognano tutti gli illuministi. Grazie di cuore.


ID75353 - 26/02/2018 23:42:49 (Leretico) Le parole
Le parole hanno davvero il potere di stimolare. Io, come lei, spero stimolino la ragione, il buon senso e l’umanità. Grazie per la sue parole.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
19/08/2014 13:12:00
Non ci resta che andare a Rimini Il conte zio, anonimo e malefico di mazoniana memoria, ben si presta a rappreesntare la realtà odierna, in questa interpretazione che ne dà il nostrro Leretico


28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


01/04/2014 07:25:00
Due cretini sempre utili La recente notizia che i servizi segreti erano implicati nel rapimento Moro sin dal 16 marzo 1978 ha  riacceso le polemiche sull'identità degli individui in sella alla Honda blu che spararono ad Alessandro Marini quella mattina in Via Fani.

07/03/2014 07:55:00
La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera

01/05/2018 08:30:00
La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...



Altre da Politica e Territorio
19/11/2018

Inutili idioti

Avere una coscienza critica non implica in alcun modo stare dalla parte di Pd, Forza Italia ed Unione Europea

19/11/2018

Acqua pubblica, vince il «sì»

A livello provinciale si è registrato un forte astensionismo, ma chi si è recato alle urne ha votato quasi all’unanimità per la gestione pubblica. Vediamo com’è andata nei Comuni della Valle Sabbia  (11)

19/11/2018

Mens sana in corpore sano: il Centro Sportivo Karol Wojtyla

Gentile Direttore, l’avvio dei diversi campionati, con il vivace andirivieni di ragazzi/e dal Centro Sportivo dedicato al Santo Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla), è stato l’occasione per ricordare...


19/11/2018

Zanardi nuovo segretario provinciale del Pd

È il sindaco di Villanuova il successore di Michele Orlando scelto dagli iscritti al partito alla guida della Federazione di via Risorgimento (2)

18/11/2018

Nuovo circolo per Fratelli d'Italia

Alla presenza del senatore Gianpietro Maffoni è stato inaugurato ieri a Vestone il circolo “Valle Sabbia” di Fratelli d’Italia, che sarà coordinato da Edoardo Teotti (6)

18/11/2018

Risorse per l'Antincendio boschivo

85 mila euro per le squadre Aib bresciane della Protezione civile e 40 mila euro in più all’Alto Garda per incendio di Tremosine

17/11/2018

Di contraddizione in contraddizione

Quando scrivo: “il rosso non rosso” cosa appare? Appare la contraddizione. Se dicessi che non appare nulla, negherei che “il rosso non rosso” sia stato scritto. Eppure, è lì da vedere, l’ho appunto scritto. Così anche in politica...
(64)

17/11/2018

Alunni con disabilità, nuovi approcci di assistenza e inclusione

La Scuola dell’Infanzia “Quarena” di Gavardo apripista di una sperimentazione su disabilità e inclusione scolastica

17/11/2018

Sportelli Suap e Sue, Valsabbia in rete

La nuova convenzione siglata dalla Camera di commercio e dalla Comunità montana semplificherà la gestione degli sportelli unici dedicati alle attività produttive e all'edilizia

16/11/2018

Domenica l'election day del Pd

Questa domenica 18 novembre gli iscritti del Partito Democratico sono chiamati a rinnovare i circoli, la segreteria provinciale e quella regionale. Per il Pd bresciano in campo il sindaco di Villanuova Michele Zanardi e quello di Padenghe Patrizia Avanzini

Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia