Skin ADV
Domenica 23 Aprile 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




22.04.2017 Vobarno

21.04.2017 Gavardo

21.04.2017 Bione

21.04.2017 Provincia

22.04.2017 Vestone

21.04.2017 Gavardo

21.04.2017 Salò

22.04.2017 Bagolino

22.04.2017 Bagolino

21.04.2017 Gavardo



13 Febbraio 2017, 09.51

Eppur di muove

Fenomenologia del mediocre post-moderno

di Leretico
C'é una corrispondenza indicibile, tra la mediocrità dei cretini e l'immoralità dei potenti

Nel finale del suo splendido giallo-non-giallo "A ciascuno il suo" (1966) Leonardo Sciascia fa pronunciare al prete Don Luigi Corvaia, un lapidario giudizio sul professor Laurana, protagonista suo malgrado della vicenda narrata e ucciso dalla mafia: "Era un cretino".
E la sua cretineria consisteva nel non aver capito come funzionava la società in cui viveva.

Quella sua ostinata ricerca della verità in una comunità malata
, veniva cancellata, insieme alla sua vita, come insulso corpo estraneo, eliminata come minaccia fatale. E la malattia diventava virtù, mentre la virtù si trasformava in malattia.
Il lettore nel finale rimane quindi dibattuto nel dilemma se pensare che davvero Laurana fosse un cretino, e per questo condannabile come incapace disadattato, oppure che la società in cui viveva fosse veramente esecrabile perché fondata sul peggio: la difesa egoistica dei privilegi, del potere e della ricchezza, sui privilegi e con il potere costruita.

Così Sciascia ci vuole far comprendere che quando in una società l'attitudine alla corruzione si è consolidata e ai vertici siedono i più usati frequentatori di tale qualità, chi a tale potere si oppone non può che essere considerato un cretino.

Avviene in pratica una sorta di fantastico ribaltamento
, fantastico nel senso dell'incredibile, e guai rendersene conto, pena la potenziale eliminazione.
In questo genere di società cristallizzata, solo gli ingenui, gli innocenti più che i santi, possono minacciare di scardinare il sistema, di scoperchiare il pentolone in cui bolle il brodo della decadenza, solo loro possono far inceppare gli ingranaggi della macchina che punisce i più deboli, i meno adusi, i colpevolmente innocenti.

Il cretino sarebbe dunque "inconsapevole" della realtà, è sopratutto "inconsapevole" di essere tale.
Ma in Sciascia c'è, nonostante tutto, una visione positiva, che consiste nel prefigurare una possibilità, dall'interno, che qualcuno possa minacciare lo "status quo". C'é ancora ottimismo insomma.

Tale possibilità si riduce quasi al lumicino quando invece il cretino si insedia in un posto di potere pubblico. E tale evento, purtroppo molto diffuso, può accadere perché il cretino ha potuto trasformarsi, evolversi nel frattempo da ingenuo in "mediocre post-moderno".

Lo possiamo riconoscere subito se ben guardiamo: il mediocre, l'evoluto cretino, è ambizioso e per ottenere ciò che altrimenti non potrebbe mai raggiungere, cerca aderenze politiche, oppure si mette addirittura in campo, si fa eleggere.
Tramite la politica ottiene incarichi insperabili ma sempre desiderati. Vive solitamente all'ombra di una figura più potente, ma persegue con tenacia il proprio occulto scopo personalissimo, senza capire che i suoi movimenti sin dall'inizio sono palesi, sono immediatamente identificati: altrimenti non sarebbe un cretino originario.

Il mediocre diventa micidiale quando per una imperscrutabile combinazione astrale di interessi, per un misterioso volere superiore, comincia ad essere indicato come "intelligente".
Si confonde la sua caparbietà, nel credere di essere ciò che non è, per qualità positiva.

Il mediocre, fregiatosi di questo pubblico riconoscimento, che nel suo contorto ragionare è stato conquistato valorosamente sul campo per i numerosi lavori sporchi portati a termine, comincia ad ambire a posizioni più remunerative.
Inizia a desiderare una carriera, ai suoi occhi dovuta, e per questo mette in campo ciò che conosce: la sua capacità di comprarsi il consenso con favori, regalie, ammiccamenti, denari verso chi crede lo possa far avanzare.

Acclarata la sua pusillanimità, i potenti lo lasciano fare per ottenere dei vantaggi o per non incorrere in fastidiose polemiche che invece proprio a lui chiedono di risolvere, cosa che incentiva il mediocre ancor più nei suoi progetti di grandezza e di soddisfazione.
Così si allea con altri mediocri e li protegge usando lo stesso potere di cui sta godendo immeritatamente.

Crea una rete di mediocrità che dilaga nell'istituzione in cui si trova, per nostra sfortuna, ad operare.
Facilita la strada dei violenti, dei senza scrupoli, degli egoisti e degli irresponsabili, perché in essi vede il mezzo per scalare le gerarchie, per superare ostacoli per lui solitamente insormontabili.

Se tutto va bene, quando la combinazione astrale cambia allineamento, quando il vento di favore smette di gonfiare le vele del mediocre post-moderno, tutto si smonta e un po' si recupera, ma se tutto va male, ossia se il suo potere si consolida allora le conseguenze sono distruttive.

Per rendere innocuo il mediocre basterebbe pochissimo
: innanzitutto è necessario identificare quali sono i suoi obiettivi.
Egli non dice mai apertamente di avere scopi personali, per paura di vederseli circoscritti e negati. Si nasconde dietro frasi di circostanza, attende senza opporsi, prende tempo sulle decisioni importanti, è ambiguo con chi potrebbe bloccarlo.

Ma nel frattempo sfrutta qualsiasi occasione per farsi notare.
Si fa bello con il lavoro altrui che da solo non saprebbe compiere, si pavoneggia di fronte ai più potenti solo perché potrebbero accelerare la strada che si è prefigurato di percorrere.
Per smascherarlo è necessario dunque avere il tempo di osservarlo nei comportamenti, collegare le sue azioni ai suoi scopi latenti, individuare mezzi e fini.

Interiormente, segretamente, e soprattutto ipocritamente, si compiace con sussiego della sua capacità strategica, ma non si accorge che il suo progetto è chiaro a chi lo vuole leggere e lo sa leggere.
Si capisce allora come la crescita del mediocre dipenda dal cinismo di chi lo incentiva e ha il potere di incentivarlo; si comprende come il mediocre avanzi perché c'è un potere che scientemente e colpevolmente approfitta di lui, corrisposto; si può capire come il mediocre sia utile per un disegno più grande che sempre nasconde qualcosa di poco chiaro, moralmente riprovevole, che sporcherebbe le mani di chi gerarchicamente sta sopra.

C'é una corrispondenza indicibile, insomma, tra la mediocrità dei cretini e l'immoralità dei potenti, una relazione circolare tanto più distruttiva quanto più è nascosta.
Si potrebbero portare esempi eclatanti del patto silenzioso tra mediocri e potenti, motivo per cui perdurano e, spesso indisturbati, distruggono ciò che a volte è stato costruito in anni e con molti sacrifici.

Non sprechiamo quindi tempo nel descrivere i vari dittatori e despoti che hanno costellato la storia del mondo e che si sono serviti dei mediocri per compiere le loro più basse nefandezze.

Ricordiamoci invece che il "mediocre post-moderno" può radicarsi anche nei nostri paesi, nelle nostre istituzioni più vicine e più necessarie che, pensate per essere utili alla comunità, diventano campo d'azione di questi insipienti egoisti, che non si fermerebbero davanti a nulla, nemmeno di fronte al dolore e alla disperazione dei propri simili.

Guardiamoci le spalle e facciamo in modo di non subire l'arroganza del mediocre, la più disgustosa perché subdola, la più deprecabile perché becera come la fonte da cui proviene.
Escludiamoli dalla nostra vita e dal nostro lavoro, se possiamo.
 
Leretico
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID70995 - 13/02/2017 16:49:59 (sonia.c) sempre GRANDE Leretico....GRANDE Sciascia..
Chapeau. (non è molto che ho finito di leggere "a ciascuno il suo" ) grazie ..



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/04/2014 07:25:00
Due cretini sempre utili La recente notizia che i servizi segreti erano implicati nel rapimento Moro sin dal 16 marzo 1978 ha  riacceso le polemiche sull'identità degli individui in sella alla Honda blu che spararono ad Alessandro Marini quella mattina in Via Fani.

07/03/2014 07:55:00
La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera

12/07/2014 06:22:00
Aspettative Mondiali, delusioni bestiali E' il gioco delle aspettative a rendere più o meno bruciante una delusione calcistica come quella subita dai brasiliani. Ed è sempre l'impatto emotivo a generare conseguenze macroeconomiche


23/06/2014 06:18:00
Yara: il mostro è servito La madre di Massimo Giuseppe Bossetti, visti i risultati dell'analisi sul DNA del figlio, ha dichiarato che ha conosciuto Giuseppe Guerinoni, ma non carnalmente

10/03/2015 07:33:00
Sesso o amore? Mi chiedevo in questi giorni come si potesse rispondere a quella nervosa affermazione del senso comune che, preannunciata da uno stringere a pugno le dita di entrambe le mani a mo’ di mungitura aerea, così recita: “Ma in pratica?”



Altre da Politica e Territorio
22/04/2017

Anche la naturopatia con l'Assistenza domiciliare

Nell’ambito dei servizi offerti dai Servizi sociali di Prevalle, è partita una sperimentazione di Assistenza domiciliare che integra le prestazioni socio-assistenziali con interventi di naturopatia

22/04/2017

Il caso della servitù perpetua

A chi tocca dare il consenso sull'utilizzo pubblico della sala dell'oratorio a Carpeneda di Vobarno? Intanto la minoranza di Insieme per Vobarno fa l'assemble all'aperto. Tema: i progetti di espansione di Valsir (4)

21/04/2017

Un grande evento per il turismo valsabbino?

Come dimostrato dal caso della passerella per Montisola, i “grandi eventi” sono utili per far conoscere anche località piccole e attirare turisti. È possibile pensarlo anche per il turismo valsabbino?

21/04/2017

Autovelox per fare cassa

Codacons segnala che nella manovra correttiva dei conti pubblici una norma permetterà alle Città Metropolitane di utilizzare i soldi delle multe per pagare vigili e costruire strade (1)

21/04/2017

«Fratelli X Sport», integrazione con lo sport

Una rete più ampia di associazioni sportive gavardesi e nuove iniziative per il progetto di inclusione sociale di ragazzi disabili o con situazioni di disagio sociale attraverso la pratica sportiva, giunto al secondo anno

21/04/2017

Pic nic all'aria aperta

Già, e poi chi pulisce? Comportamenti virtuosi e anche no, nei boschi valsabbini il giorno di Pasquetta, per la tradizionale gita fuori porta (2)

20/04/2017

Formazione e tirocini per trovare lavoro

Sarà ancora più articolato quest’anno il progetto “My Town – Prevalle per i giovani” promosso dall’Amministrazione comunale di Prevalle e rivolto ai giovani prevallesi alla ricerca di un’occupazione

19/04/2017

Il Decreto Minniti è una soluzione?

Negli scorsi giorni il Parlamento ha dato il primo via libera al Decreto Minniti sull’immigrazione. Il provvedimento intende rispondere a delle esplicite richieste della Commissione europea di un’azione più efficace sui rimpatri e nella gestione dei richiedenti asilo

19/04/2017

Verso il sistema Porta a Porta

È in programma questo giovedì sera a Serle un incontro pubblico rivolto alla cittadinanza per illustrare il nuovo sistema di raccolta differenziata che entrerà in funzione dal prossimo anno

14/04/2017

Cittadini del mondo

Un concorso letterario sul tema delle relazioni al tempo dei social network è stato proposto ai bambini e ai ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado di Villanuova

Eventi

<<Aprile 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia