11 Aprile 2018, 10.30
Eco del Perlasca

Limbo virtuale

di Adriana Galati

Un film dai mille messaggi profondi che sfortunatamente accomunano la nostra società, un opera cinematografica che è in grado di farci riflettere su tutto quello che al giorno d'oggi molte persone sono costrette a vivere


Sto parlando di DISCONNECT il cui contenuto merita di essere guardato solo da chi ha la forza e la volontà di cogliere quello che il regista vuole trasmetterci.

Oltre al tema del tentato suicidio di un ragazzino umiliato e deriso, c'è una realtà che accumuna ogni singolo personaggio, ovvero il senso di solitudine.
Una tematica che è strettamente attuale e riguarda la maggior parte degli adolescenti.

Ci si può sentire soli in famiglia, tra gli amici, in mezzo ad una folla di sconosciuti e la domanda che sorge spontanea è il perchè di questa sensazione che ti logora dentro facendoti sentire dannatamente inadatto in qualsiasi situazione e che ti potrebbe portare come nel caso di uno dei protagonisti a fare del male a qualcun'altro per sentirsi partecipe di un qualcosa che egli stesso sa di essere sbagliato.

Ma siamo noi a sentirci soli o sono gli altri a farci sentire tali?
Viviamo in una società dove avere l'ultimo modello di telefono sembra essere la gara più ambita da tutti gli ostentatori, come se possedere qualcosa di marca e con un prezzo sempre più elevato ti facesse sentire amato o apprezzato. il telefono sembra essere il nostro migliore amico, lo portiamo sempre con noi aspettando dei messaggi che sono in grado di farci sentire un po meno soli e quando non ne arrivano inizi a farti mille domande e paranoie, sul fatto che magari quello sbagliato sei tu.

Postiamo foto su internet per ostentare quanto sia fantastica la nostra vita e questa situazione ci sta letteralmente sfuggendo di mano.
Si posta quando si è a tavola per far visionare le pietanze che stiamo degustando, si posta quando siamo fuori con degli amici, alcuni postano persino quando vanno a fare la spesa convinti che dall'altra parte ci sia qualcuno a cui interessi veramente quanti etti di prociutto prenderà.

Diamo un importanza smisurata a dei like e qualcuno penserà: come un mi piace possa cambiargli realmente la vita, ma è palesemente la realtà di tutti gli adolescenti e gli adulti di oggi e andrà sempre a peggiorare.

Siamo costantemente connessi, abbiamo perso la capacità di goderci un momento senza il bisogno di condividerlo.
Ma se fossimo in grado di separarci da ogni apparecchio elettronico e una volta tanto uscissimo e parlassimo senza il nostro telefono fra le mani, questa sensazione di solitudine sparirebbe?

Le persone ritroverebbero i veri valori della vita? Saprebbero apprezzare un istante in più con i loro figli, genitori senza sprecare quel tempo online?
Si ritroverebbe la capacità di godersi le proprie emozioni e sentimenti? Non resta che avere il coraggio di disconneterci e iniziare a vivere la realtà.

Adriana Galati  4AG


Vedi anche
23/01/2016 15:41:00

Il Perlasca in Inghilterra Torna dopo un anno, uno dei progetti più richiesti e qualificanti che si possono sperimentare frequentando l'Istituto Superiore di Valle Sabbia

21/01/2013 07:00:00

Zattere di salvataggio A Odolo sono attivi due hotspot che permettono agli utenti di navigare gratuitamente col telefono cellulare in Internet. Sono compatibili con un protocollo sviluppato dalla protezione civile

30/03/2015 07:01:00

Internet ancora sottovalutato dalle imprese in Valle Sabbia Sono  pochissime in Valle Sabbia le aziende che riconoscono il web come strumento di vendita comunicazione ed un reale valore aggiunto nelle strategie di comunicazione

22/05/2018 09:28:00

Finalisti nazionali Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"

21/03/2016 07:27:00

Tanti auguri Wikipedia Il sapere libero online spegne 15 candeline



Altre da Eco del Perlasca
27/05/2020

Camici ante Covid

Sono quelli forniti a gennaio da un’azienda valsabbina ai ragazzi dell’Itis Perlasca, perché potessero affrontare in piena sicurezza e comodità le attività di laboratorio

27/05/2020

Torneremo a ballare!

Articolo scritto in riferimento a quello condiviso con noi dalla nostra professoressa di italiano, di Diego Bianchi, pubblicato il 20 marzo “quando torneremo a ballare”.

22/05/2020

I videogiochi

I videogiochi hanno la fama di incitare la violenza e diminuiscono le capacità cognitive dei ragazzi? Dipende

02/05/2020

Emergenza e sciacalli

I problemi che affliggono la nostra nazione sono tanti, ma purtroppo c’è ancora qualcuno che punta il dito, al posto di collaborare, per racimolare due voti in più, vediamo chi

19/04/2020

L'UE ai tempi del Corona

Il virus sta danneggiando i guadagni della comunità europea, portando confusione e paura, ma come agiranno i nostri politici? Con egoismo o con voglia di cambiamento?

27/03/2020

L'uomo e il virus

Rinchiuso in casa da giorni penso a come tutto questo si stia evolvendo, alla nostra evoluzione, al cambiamento e al fatto che questa è la nostra era: l’era dell’uomo

04/03/2020

Pesci come chiavi

Le sardine stanno riscontrando un incredibile successo, ma cosa sono? Perché ottengono così tanta popolarità? Cosa c’entrano con la politica? Scopriamolo

18/02/2020

A scuola col geologo

Qualche tempo fa le classi terza, quarta e quinta del Liceo hanno seguito in aula magna una conferenza organizzata dall’ordine dei Geologi della Lombardia con il dottor Gianantonio Quassoli

16/02/2020

L'influenza dei social

I social sono ormai una parte integrante della nostra società: da WhatsApp a Facebook, da Snapchat a Instagram. Quasi tutti possediamo almeno una di queste applicazioni sopra elencate, ma ci siamo mai domandati veramente cosa possano causare se utilizzati scorrettamente?

12/02/2020

Il male c'è, ma non solo quello

Giovedì 16 gennaio gli studenti della sede di Idro hanno incontrato Don Aniello Manganiello, un uomo del fare, che da ormai vent’anni si batte giorno dopo giorno per combattere la camorra, sempre a favore dei più deboli