Skin ADV
Martedì 23 Maggio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Papaveri sopra Crone

Papaveri sopra Crone

di Simonetta Lombardi



22.05.2017 Provincia

22.05.2017 Salò

21.05.2017 Provincia

22.05.2017 Idro Vestone Casto Roè Volciano

22.05.2017 Mura

22.05.2017 Muscoline Valtenesi

21.05.2017 Vestone Serle

21.05.2017 Barghe Villanuova s/C

21.05.2017 Valsabbia Giudicarie Storo

22.05.2017 Storo






11 Marzo 2016, 08.54

Genitori & Figli

Bamboccioni... si diventa

di Giuseppe Maiolo
C’è un termine che pronunciato qualche tempo fa da un politico ha suscitato subito scalpore e irritazione al punto tale che è subito diventato impopolare: è la parola bamboccione

Per la verità non è un bel vocabolo, tantomeno rappresentativo (come vorrebbe essere) di una generazione. È solamente espressivo ed evocativo.
Fa venire in mente immediatamente uno di quei bambolotti che usano i piccoli per giocare e divertirsi.
Paciocconi, morbidi e teneroni, sono serviti come immagine metaforica per alludere ai nostri giovani, quelli del nostro tempo che sembra non crescano mai.

Adolescenti o giovani adulti che a lungo coccolati dalle nostre mille attenzioni, iperprotetti e difesi ad oltranza da genitori ansiosi e preoccupati, appaiono intenzionati a non andarsene mai di casa.
Possiamo incolpare la crisi economica, i costi della vita sempre più elevati o la crescente difficoltà a trovare un lavoro che impedisce di diventare autonomi e indipendenti. Ma di sicuro c’è anche qualcosa d’altro leggiamo dalle statistiche che una buona parte della disoccupazione giovanile è fatta di ragazzi che non cerca un lavoro. 

Forse è doveroso chiedersi se non vi sia anche un eccessivo accudimento familiare a far sì che oggi l’adolescenza si rappresenti come un’epoca lunga e interminabile capace di trattenere i giovani, e per un tempo infinito, al calduccio delle coltri profumate e in una cameretta ancora stracolma di  animaletti di peluche che convivono con sofisticati strumenti digitali.

Vale la pena di domandarsi cosa sta accadendo se queste nuove generazioni di ragazzi all’apparenza spavaldi e sicuri, per paura di crescere, scelgano di non uscire di casa e isolarsi dal mondo convinti che la realtà virtuale sia molto più rassicurante della vita e delle relazioni esterne.
Di certo si tratta di un fenomeno nuovo, per certi versi allarmante.
L’isolamento sociale, l’angoscia delle relazioni e la sfiducia nel futuro stanno mortificando i sogni e annullando la progettualità tipica dell’adolescenza, come tempo del desiderio e dei cambiamenti. Ora questa esistenza è piuttosto statica si vive alla giornata, tanto alla fine c’è sempre qualcuno che soccorre e provvede. 

Per fastidiosa che sia l’immagine del bamboccione che è stata evocata, la rappresentazione di un adulto che rimane piccino, di un Eterno fanciullo che non cresce è una realtà fastidiosa ma certamente non nuova.
In passato il Peter Pan di turno era quello che se ne stava sempre attaccato alla sottana materna. Era il figlio prediletto, quello più coccolato e viziato, a volte ma non sempre l’ultimo della nidiata.

Lo chiamavano il “cocco di mamma”
e a lui venivano risparmiate le fatiche, i doveri e le scelte.
Protetto e difeso da ogni possibile pericolo quel piccino diventava sovente un adulto fragile e insicuro che si defilava di fronte alle responsabilità e rimaneva nascosto dietro l’ala protettiva della madre.
Con lei in particolare manteneva nel tempo un rapporto di totale dipendenza e lasciava che fosse questa a decidere per lui e a dirgli cosa doveva o non doveva fare. Poteva formarsi una famiglia, ma portava sua moglie a vivere in casa. Se sceglieva per sé la donna da fare sua sposa, prima di tutto doveva andar bene alla mamma. Oppure si prendeva una moglie-madre con cui poter fare il figlio coccolato e guidato. Insomma cresceva fisicamente ma restava piccolo dentro.

Allora come oggi però, si restava puer o  bambocci quando vi prevaleva qualcuno che dava soddisfazione ai suoi bisogni ancor prima di averli e di manifestarli. 

Giuseppe Maiolo
www.officina-benessere.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/09/2015 11:12:00
L'arte di negoziare con i figli Riprende il percorso per GENITORI IN FORMAzione con un altro ciclo di incontri che si terranno nei vari comuni della Valle Sabbia nei prossimi mesi. Questo mercoledì l'appuntamento è a Sabbio Chiese con Giuseppe Maiolo. L'abbiamo intervistato


10/12/2012 07:03:00
I segnali del disagio. Parte prima Spesso i genitori si rivolgono al terapeuta per affrontare le problematiche dei figli. Non sempre però è possibile motivare il figlio a fare un percorso psicologico su di sé.

06/05/2015 09:41:00
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

21/07/2014 10:15:00
In vacanza coi figli Il tempo della vacanza è il tempo in cui cambiano i ritmi quotidiani e andare in vacanza con i figli richiede programmazione e preparazione

09/11/2015 07:27:00
Genitori: saper fare o saper essere? È  cresciuta nel corso degli ultimi anni la percezione che la funzione educativa sia ormai un’azione complessa e difficile..



Altre da Genitori e Figli
03/05/2017

Prevenire il Cyberbullismo

Sul cyberbullismo è noto l’impegno del Parlamento italiano che, almeno al Senato, ha approvato un disegno di legge per la tutela dei minori vittime di aggressioni e offese sul web. Tuttavia...

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

10/04/2017

Il coraggio di educare

Li incontro quasi ogni giorno ormai, andando nelle scuole e parlando con loro di Internet, dei social, delle attività che si fanno e dei rischi che si possono correre in rete...

02/04/2017

Nessuno educa nessuno

ntinuano ad accadere fatti gravi come quelli di Genova dove nei giorni scorsi  è stata scoperta una vera e propria catena di attività che i minori fanno on line come quella di inviare foto e video hard ad amici e conoscenti tra cui anche adulti

20/03/2017

I ritirati

Li riconosci perché non li vedi. O meglio, sono quei ragazzi che si isolano per paura del mondo che in alcuni casi diventa vero proprio panico

02/03/2017

Il corpo dei nativi digitali

I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

01/03/2017

Il «gioco» del sexting

Cyberbullsmo, e sexting, continuano ad essere fenomeni emergenti e gravi di questo nostro tempo tecnologico

10/02/2017

Se a un giovane manca l'idea di futuro

Da Pino Maiolo una riflessione, sull'onda dello sconcerto causato dalla lettera di Michele, il friulano che a trent'anni ha deciso di farla finita e che in queste ore sta rimbalzando sui giornali, in tv e sul web

23/01/2017

Cogliere il disagio in adolescenza

Durante l’adolescenza è importante stare attenti ai segnali che vengono inviati dai giovani come sbalzi di umore, pessimismo, isolamento relazionale. Anche se tristezza e pessimismo non vogliono dire depressione

31/12/2016

Senza biglietto

In cinque, non volevano pagare il biglietto dell'autobus. Li ha convinti un agente della Locale e alla fine i senza biglietto erano otto. E' successo a Barghe (14)

Eventi

<<Maggio 2017>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia