Skin ADV
Lunedì 20 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Riflessi sull'acqua

Riflessi sull'acqua

by Simonetta



18.11.2017 Gavardo

18.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017 Prevalle

19.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017

18.11.2017 Giudicarie Storo

18.11.2017 Villanuova s/C Valsabbia

19.11.2017 Idro Garda

19.11.2017 Storo

18.11.2017 Prevalle






31 Dicembre 2013, 07.00

Pillole di Psicologia

Uomini ordinari, custodi di avventure straordinarie

di Sandra Vincenzi
Raccontare, narrarsi, imparare per storie, appartiene al genere umano ed è fonte di sorprendenti scoperte e conoscenze. Comincio dalla storia di Glenn Doman e del suo Gruppo di Ricerca e Riabilitazione

Siamo a Filadelphia, negli Stati Uniti d'America degli anni '40. Un giovane fisioterapista, Glenn Doman, finisce l'Università con ottimi risultati, e inizia il suo lavoro nel campo della rieducazione e riabilitazione degli adulti. Si tratta di adulti che per eventi traumatici (incidenti, cadute...) o per patologie (ictus, emorragie cerebrali....) si ritrovano a non poter più camminare, parlare, usare le mani, ed essere autonomi come lo erano prima dell'evento.
Il giovane fisioterapista utilizza tutte le tecniche che la medicina di allora aveva introdotto: cure come il calore (lampade a raggi infrarossi, apparecchi per diatermia, ecc.) e manipolazioni agli arti lesi: ginnastica, chirurgia ortopedica per il trapianto dei muscoli o il cambiamento di qualche struttura ossea per raggiungere vari risultati meccanici, e stimolazione elettrica per aiutare a conservare i muscoli paralizzati.
 
Oltre agli adulti, nel Centro di Riabilitazione dove lavora Glenn, visitano anche bambini che allora erano chiamati “deboli di mente” e che oggi, grazie alle scoperte del suo Gruppo di Ricerca, chiamiamo cerebrolesi, sia che si tratti di adulto che di bambino. Le due tipologie di utenti avevano una cosa in comune: tranne per i casi gravi che richiedevano l'intervento chirurgico al cervello, nessuno di loro migliorava mai. Erano i tempi in cui la maggior parte dei professionisti in campo medico aveva imparato a scuola che i cervelli lesi erano al di là di ogni cura.
 
Glenn, profondamente sconfortato dai risultati del suo lavoro, incontra uno dei Grandi della Medicina di tutti i tempi, in quanto uno dei primi chirurghi del cervello umano: il Dottor Temple Fay, professore di neurologia e di neurochirurgia. “Mi aveva invitato ad unirmi a lui in sala operatoria. E nei 16 anni che seguirono, fatti di ore, di giorni, di settimane e mesi vissuti accanto a Fay, non credo siano mai passati 15 minuti consecutivi senza che egli mi insegnasse qualcosa”.
 
“Qualcuno disse una volta che l'ignoranza non consiste tanto nel non sapere, quanto invece nel sapere tante cose non vere.  Temple Fay mi insegnò che avevo un intero mondo senza fine in cui potevo cercare le risposte e che l'unico limite che mi fosse posto, su dove potessi cercarle, era il limite della mia conoscenza e mi fece realizzare quanto realmente limitata fosse quella conoscenza. Fece in modo che io capissi, che la risposta al perché i miei pazienti da ictus cerebrale raramente camminavano, parlavano o usavano correttamente l'opposizione pollice-indice, poteva non trovarsi nei muscoli della gamba, della lingua o del pollice, ma nel loro cervello ferito. Mi insegnò a credere che quei misteri potevano essere risolti dalla nostra comprensione di come funzionava il sistema nervoso, prima negli animali che ci hanno preceduti, per poi capire l'uomo e il cervello umano.”
 
Nacque così un Gruppo di Riabilitazione ed i successivi anni '50 segnano il decennio della scoperta. A Glenn si aggiunge nel lavoro la moglie fisioterapista Hazel, il fratello fisiatra Robert, ed ovviamente il Dottor Temple Fay. Il Gruppo cominciò a porsi la domanda del perché i pazienti, adulti e bambini cerebrolesi, non migliorassero, o comunque i risultati, raffrontati all'investimento, non fossero per niente soddisfacenti.
“Ci si presentò ovvia una risposta. Se i risultati del nostro lavoro erano insignificanti, chissà come sarebbero stati  quegli stessi bambini che avevamo in cura se non fossero stati curati affatto! Naturalmente, sarebbero stati in condizioni peggiori, molto peggiori! Li avevamo senz'altro aiutati a restare allo status quo.
Cominciammo a cercare un modo per confermarlo. Il mezzo c'era: in tutti quegli anni avevamo visto e valutato molti bambini che non erano poi venuti da noi per la cura, perché i genitori non potevano permettersi  economicamente la cura o dei quali non si interessavano abbastanza per farli curare. Cercando nei nostri schedari, annotammo i loro nomi e andammo a trovare i genitori, chiedendo il permesso di rivalutare i bambini gratis, per assicurarci che, rimasti senza cure, fossero in realtà peggiorati.
 
Giungemmo ad una conclusione del tutto sorprendente: i bambini non sottoposti a cure stavano meglio, in modo quasi schiacciante, di quelli curati. Fra i bambini non curati, i migliori avevano fatto più progressi dei migliori del nostro gruppo e i peggiori non erano nelle condizioni dei nostri, che erano realmente peggiorati. La prova era schiacciante: non solo il nostro lavoro era stato del tutto inefficace, ma i bambini non curati stavano meglio dei nostri che avevamo seguito così a lungo e con passione.
“Ci vollero molti anni di ricerca sul modello “normale di sviluppo” del bambino, per arrivare a constatare che l'evoluzione dell'uomo – che il bambino ripercorre negli stadi evolutivi, per esempio motori, dai movimenti riflessi del tronco e del corpo, allo striscio che gli permette di spostarsi sul pavimento come gli animali anfibi, all'andare a carponi, come qualsiasi mammifero terrestre, al raggiungere la postazione eretta ed imparare a camminare – segue le tappe della filogenesi, cioè l'evoluzione del mondo, la Storia con la S maiuscola.
 
Ritornando ai bambini cerebrolesi tenuti in cura presso il Centro di Riabilitazione, che non avevano fatto progressi, a differenza di quei bambini che alle loro case non avevano intrapreso cure mediche riabilitative, scoprimmo che ai bambini cerebrolesi non era stata data l'opportunità per uno sviluppo normale. Scoprimmo che il pavimento è come il campo sportivo del bambino sano. Nessuno dei nostri bambini cerebrolesi era mai stato sul pavimento. Il bambino cerebroleso, che era stato curato intensamente ed estesamente e con ogni mezzo che avessimo potuto immaginare, aveva raramente, o mai, l'opportunità di stare sul pavimento in modo da poter tentare di strisciare e poi gattonare e infine camminare. Era un fatto enormemente sconcertante, ma era vero. Se non era sul pavimento, con i fratelli e le sorelle sani dov'era? La verità era che era in ogni luogo, tranne dove doveva essere. Era chiuso in un apparecchio ortopedico, in un gesso, in una sedia a ruote, su di un tavolo verticale; era in un lettino speciale, era sulle stampelle, sui bastoni, in braccio a sua madre; in breve era dovunque fuorché sul pavimento. E noi ce lo avevamo messo! Anche nei casi in cui lo mettevamo sul pavimento era a pancia in su, in modo da essere sicuri che respirasse bene, senza soffocarsi, e perché si divertisse a guardare il mondo attorno a lui (come una giostra), mentre doveva essere a faccia in giù, in posizione prona. Quelle madri che non ci avevano affidato i loro figli, così facendo ci avevano impedito di immobilizzare i bambini per curarli, e li avevano invece portati a casa, messi sul pavimento e lasciati liberi di fare quel che piaceva a loro. Potevamo ora constatare che, a quei bambini “non privilegiati” piaceva strisciare o gattonare. I bambini avevano istintivamente dimostrato più buon senso del nostro mondo altamente specializzato.”
 
...Esco in punta di piedi, a questo punto della storia, per non dover sacrificare le ulteriori svolte e scoperte che hanno cambiato la vita non solo a milioni di bambini e adulti cerebrolesi nel mondo, e alle loro rispettive famiglie, ma anche a chi è portatore di un cervello sano, non ferito, come vedremo nel prossimo contributo.
Per questo fine anno, mi auguro che anche oggi, come allora, la professionalità, la chiarezza mentale, e soprattutto l'onestà – intellettuale e anche professionale – di pretendere risultati da qualsiasi ambito, continui ad accompagnarci e prevalga sugli interessi di parte (economici, di mantenimento del potere). Alcune applicazioni concrete e pratiche: chiarezza e onestà sulle nuove sperimentazioni in campo medico e riguardo alle medicine alternative; sulle vaccinazioni e i loro effetti (di prevenzione ma anche effetti collaterali come i danni cerebrali che possono verificarsi per taluni bambini);  competenza su metodi di cura per ridurre i deficit, sia nel bambino che nell'adulto e dare così speranze concrete a migliaia di persone che lottano quotidianamente con queste problematiche; ed infine pretendiamo “il pavimento”, ovvero l'opportunità per chiunque (lavoratori, giovani, aziende, immigrati, disabili,  ecc.) di misurarsi sul terreno della crescita. Buon lavoro a tutti!
 
Glenn Doman, Che cosa fare per il vostro bambino cerebroleso, Armando Editore, 1975
 
Dott.ssa Sandra Vincenzi

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID39894 - 31/12/2013 09:06:16 (sonia.c) quando si parla di scoperte scientifiche o mediche.
emerge un'altro aspetto:come la medicina ufficiale ,spesso ,ostacoli per molto tempo le ricerche per poi appropriarsene parzialmente .. non so se certe tecniche di doman vengano seguite o no, dalla fisioterapia ufficiale. per quelo che ne so,l'aspetto più importante, per Doman:il recupero di bambini malati entro e non oltre il primo anno di età, non è ancora ben compreso. spesso purtroppo fra diagnosi e accertamenti si perde tropo tempo.almeno a mè è successo! adesso sò che mio figlio,ha corso il serio rischio di ritrovarsi ANCHE paralizzato. se la sua forma non fosse stata "benigna"!l'anno perso ,avrebbe "inficiato" non poco il recupero!.(?)so che ,per esempio,adesso molti medici (non tutti) sconsigliano i seggiolini ,box e incentivano il tappeto,è una cosa buona in generale. per le terapie sono del parere che ,quando sono cosi particolari ,solo seguirle con costanza e partecipazione totale,possa portare a certi risultati. è


ID39895 - 31/12/2013 09:10:19 (sonia.c) è certamente ..
una scelta personale non facile. (solo dopo un anno mi sono sentita dire:lo sa che era benigna la sua ipotonia? lo sa che poteva essere una forma maligna e restare paralizzato? ) loro, lo avranno anche visto subito il decorso benigno ma, se fosse stato il contrario,sarebbe stato trattato allo stesso modo! avrebbero aspettato fin dopo l'anno..parlo comunque di 19 anni fa..


ID39903 - 31/12/2013 13:30:01 (sonia.c) libri testimonianze di vita che ho letto e consiglio
Maria Simona Bellini:vestita di nuvole. David M elton:. Todd.storia di un padre. Carla Piccoli dal maso:come cerchi nell'acqua. ma la testimonianza che mi ha colpito di più,per la sua tenace e anche un pò folle determinazione,è stata quella di Linda Scotson. l'amore che vince il male. quando non hai più nulla da perdere,trovi la forza di sfidare l'impossibile...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/01/2014 07:28:00
Possono bambini molto piccoli imparare a leggere? Col metodo Doman, oggi, i bambini con danni cerebrali di soltanto due o tre anni, imparano regolarmente a leggere; e con lo stesso metodo è possibile iniziare bambini normodotati alla lettura, anche entro il primo anno di vita. Come si è arrivati a scoprire ciò, ce lo racconta proprio Glenn Doman, nel libro citato a fine pagina.

17/12/2013 11:45:00
Ciò che cambia il mondo «... Ragazzi, oggi vi voglio raccontare una storia. E' la storia di un bambino.... C'era questo bambino che non riusciva a leggere e scrivere...

17/05/2011 12:00:00
Dimmi come ami In letteratura molti autori hanno cercato di capire quale fosse il linguaggio di uno dei sentimenti piu’ primitivi e profondi che accomuna da sempre il genere umano, l’amore.

09/11/2014 07:00:00
Il Potere Metabolico dell'Integratore C – Consapevolezza La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


14/02/2014 15:11:00
Bambini prodigio? Iniziamo questo contributo con un rapido giro del mondo, alla ricerca di  bambini che fanno cose straordinarie.
Venite con me a Melbourne, in Australia alla fine degli anni sessanta.



Altre da Pillole di Psicologia
16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

02/04/2017

Nessuno educa nessuno

ntinuano ad accadere fatti gravi come quelli di Genova dove nei giorni scorsi  è stata scoperta una vera e propria catena di attività che i minori fanno on line come quella di inviare foto e video hard ad amici e conoscenti tra cui anche adulti

20/03/2017

I ritirati

Li riconosci perché non li vedi. O meglio, sono quei ragazzi che si isolano per paura del mondo che in alcuni casi diventa vero proprio panico

04/03/2017

Paura della diversità e routine del pensiero

L’antropologo Ernesto De Martino diceva che “la routine è noiosa ma dà sicurezza, questa nostalgia dell’identico è molto difficile da modificare”. Insomma la tendenza è quella di "andare in cerca del simile", perchè ogni novità fa paura

02/03/2017

Il corpo dei nativi digitali

I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

19/02/2017

Giovani e crisi d'esperienza

“I Care” scriveva sulla lavagna della sua canonica Don Milani. Egli voleva che i suoi allievi sviluppassero un interesse profondo per le questioni della vita e per tutti i problemi circostanti. E oggi?

10/02/2017

Se a un giovane manca l'idea di futuro

Da Pino Maiolo una riflessione, sull'onda dello sconcerto causato dalla lettera di Michele, il friulano che a trent'anni ha deciso di farla finita e che in queste ore sta rimbalzando sui giornali, in tv e sul web

08/02/2017

Gelosia fra fratelli

Spesso la nascita di un fratellino modifica l’equilibrio della famiglia e crea gelosie. Ecco alcuni consigli

Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia