Skin ADV
Lunedì 23 Gennaio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Castello di Tenno

Castello di Tenno

di Eliana Lombardi



21.01.2017 Bione Roè Volciano

21.01.2017 Sabbio Chiese Prevalle

23.01.2017 Giudicarie Storo

21.01.2017 Odolo Valtrompia

21.01.2017 Muscoline

22.01.2017 Gavardo

22.01.2017 Vobarno

22.01.2017 Muscoline

22.01.2017 Bione

23.01.2017 Anfo



01 Settembre 2016, 14.41

Pillole di spicologia

Pronti... via: a settembre tutti a scuola!

di Annalisa Croci
A settembre riaprono le scuole e per tutti i bambini è un momento di passaggio e rientro, che può essere temuto o atteso con gioia poiché si ritrovano amici e compagni di classe. Come è possibile per i genitori aiutare i propri figli a superare questo momento serenamente?

Ad esempio infondere entusiasmo per far sentire la voglia di tornare, poiché il ritorno a scuola non deve essere una fonte di stress per bambini e ragazzi dopo la fine del riposo estivo. Bisogna aiutarli a mettere da parte paure e angosce.

Con le vacanze gli orari sono diventati più flessibili, quindi consiglio di reintrodurre un ritmo che prepari alla routine della scuola, ad esempio un paio di settimane prima dell’inizio sarebbe importante anticipare l’orario per andare a dormire e anticipare anche la sveglia; abituandolo poco alla volta alla sveglia per la scuola.

Importante è regolarizzare anche gli orari dei pasti, compresa la colazione che è fondamentale per iniziare la giornata con energia, con una leggera merenda a metà mattina o pomeriggio.

Un aiuto ad un sereno rientro può essere dato dalla scelta dello zaino, l’astuccio e il diario, secondo i gusti di ogni bimbo, queste scelte rappresentano un aspetto gratificante e positivo dell’inizio anno scolastico.

Evitare di far sentire l’ansia che ha il genitore per l’inizio, cercare di fidarsi dell’ambiente e delle maestre a cui si lascia il piccolo per tutto il resto dell’anno, caricando con entusiasmo questo passaggio, senza ovviamente esagerare.

È utile organizzare il tragitto per la scuola e conoscere gli orari di inizio e fine lezioni, cercando di anticipare al bambino chi lo andrà a prendere o chi lo porterà.

È normale che sia per i piccoli che per i genitori ci sia la paura per il distacco, specialmente nel periodo della scuola materna, importante è no far passare l’idea che sia un distacco di sofferenza, che non si è convinti, altrimenti i figli con difficoltà si inseriranno e si staccheranno da mamma e papà. Un aiuto può essere rassicurare il figlio che a scuola trascorrerà una parte della giornata, poi sarà ancora a casa con mamma o papà e potrà svolgere numerosi giochi.    

In alcuni casi rientrare a scuola, può essere vissuto come un vero e proprio incubo, per esempio il bambino può manifestare ansia e paura del tornare tra i banchi e affrontare la realtà scolastica. Tutto ciò  crea uno stato di malessere generale, che non deve essere sottovalutato; può essere però risolto con la vicinanza e l’affetto dei genitori, o nelle situazioni più gravi è utile rivolgersi a un esperto.

È comunque necessario comprendere le motivazioni che si trovano alla base di questo rifiuto, e affrontarle con estrema serietà.

Come gli adulti, anche i bambini possono soffrire della “sindrome da rientro”, che ha componenti psicologiche e fisiologiche, ma che fortunatamente tende a estinguersi in pochi giorni .

Buon inizio!

dott.ssa Annalisa Croci
PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA
Cel. 334/2357696
www.ascoltopsicologo.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/09/2012 09:00:00
Stress al rientro dalle vacanze Le vacanze al di là degli effetti benefici di riposo, divertimento, opportunità di fare incontri e esperienze, possono comportare uno stress al rientro al lavoro.

07/06/2013 07:00:00
Lo stress ingrassa, il rilassamento dimagrisce In questo secondo post sulle relazioni tra psicologia e metabolismo Gianpiero Rossi chiarisce come ansia, paura, stress limitino il dimagrimento, che invece è favorito da un rilassamento fisiologico e da un saper mangiare lentamente

23/11/2012 07:01:00
Progresso ed evoluzione Il progresso non si può imporre: è una direzione che quando viene scelta ci migliora e quando viene subita crea tensioni, rotture, regressioni. La scuola è ancora l'oggetto della nostra riflessione sull'urgenza del cambiamento.

13/01/2011 10:00:00
Pillole di Psicologia Pubblichiamo oggi il primo contributo di Paola per la nuova rubrica «Pillole di Psicologia»

08/11/2016 17:08:00
Sos Compiti La scuola è iniziata da qualche mese ed è tempo di compiti, verifiche; inizia la routine per tutti: bambini, adolescenti, insegnanti e genitori



Altre da Pillole di Psicologia
24/11/2016

A Villanuova con Crepet

Pubblico delle grandi occasioni a Villanuova sul Clisi per la serata condotta da Paolo Crepet  sulle nuove dipendenze e l'emergenza creativa. Per noi c'era anche Armando Ponchiardi. Video


21/11/2016

Le nuove dipendenze e l'emergenza educativa con Crepet

Mercoledì al teatro Corallo di Villanuova sarà ospite il noto psichiatra e sociologo Paolo Crepet, studioso dell'adolescenza e delle dinamiche familiari, che presenterà il suo ultimo libro “Baciami senza rete”

08/11/2016

Sos Compiti

La scuola è iniziata da qualche mese ed è tempo di compiti, verifiche; inizia la routine per tutti: bambini, adolescenti, insegnanti e genitori

27/10/2016

«Genitori non siete soli: noi ci siamo»

Tre incontri con altrettanti esperti, per affrontare le tematiche più "calde" nel rapporto fra genitori e figli in età adolescenziale. E' la proposta di amministrazione comunale e parrocchia Santa Giulia, a Paitone. A partire da venerdì prossimo 4 novembre

14/10/2016

Senza studio e senza lavoro: neet generation?

Come si orientano i giovani oggi, quali obiettivi hanno? Per alcuni è indeterminatezza 

20/08/2016

Il Phubbing: una nuova forma di trascuratezza

A tutti sarà capitato almeno una volta di stare di fronte a una persona, amico o familiare, che mentre noi parliamo guarda il cellulare, risponde ad una mail o interagisce sul suo social (1)

26/07/2016

Perché è importante il gioco per i bambini?

Per i bambini giocare sembra naturale e ovvio, mentre per gli adulti spesso rappresenta una “perdita di tempo”. È importante che i bambini giochino: ecco perché

22/07/2016

Grooming: la pedofilia in Internet

Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico (1)

10/07/2016

HappyBook si fa... in tre

Per il ciclo "HAPPY BOOK. Un libro, un autore e... un drink in giardino", venerdì 15 luglio a Puegnago, l'appuntamento è con "Legami Familiari", tre libri sull'educare


26/05/2016

Perché la musica accompagna le nostre azioni?

La musica è accessibile a tutti, pertanto viene utilizzata in più contesti e con diversificate funzioni. Perché è uno strumento e una compagnia così diffusa? (1)

Eventi

<<Gennaio 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia