Skin ADV
Lunedì 23 Gennaio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Castello di Tenno

Castello di Tenno

di Eliana Lombardi



21.01.2017 Bione Roè Volciano

21.01.2017 Sabbio Chiese Prevalle

23.01.2017 Giudicarie Storo

21.01.2017 Odolo Valtrompia

21.01.2017 Muscoline

22.01.2017 Gavardo

22.01.2017 Vobarno

22.01.2017 Muscoline

22.01.2017 Bione

23.01.2017 Anfo



26 Luglio 2016, 14.30

Pillole di spicologia

Perché è importante il gioco per i bambini?

di Annalisa Croci
Per i bambini giocare sembra naturale e ovvio, mentre per gli adulti spesso rappresenta una “perdita di tempo”. È importante che i bambini giochino: ecco perché

È importante per lo sviluppo intellettivo del bambino, poiché quando gioca, ricorre alla creatività e acquisisce nuove modalità che gli consentono di relazionarsi con il mondo esterno.
Permette di sviluppare capacità cognitive e intellettive, ad esempio permette di conoscere le forme, colori, distanze e rapporti causa-effetto.

Inoltre il gioco sviluppa le potenzialità affettive e relazionali; infatti quando i bambini giocano insieme fanno esperienza l’uno dell’altro, anche il conflitto e disaccordo sperimentato è importante, perché influenza le abilità sociali e aiuta ad entrare in contatto emotivo. Così il bambino capisce che esistono nuove prospettive e nuovi modi di pensare o di giocare simili o diversi dai suoi.

Il gioco poi permette di modulare le azioni in base ai contesti, chiarire le intenzioni; giungere ad un accordo tra i bambini nel compiere le azioni. Il gioco può quindi assumere anche la dimensione di gruppo, pertanto entrare in un gruppo di gioco è un compito importante e permette di sperimentare accettazione, rifiuto, isolamento che rappresentano esperienze sociali che il bambino vivrà nell’inserimento nel gruppo- classe a scuola, nel gruppo dei pari e nella squadra sportiva.

Le attività ludiche crescono e si modificano di pari passo con lo sviluppo intellettivo e psicologico del bambino. Considerando che già a un anno e mezzo il bambino è in grado di camminare, correre, manipolare gli oggetti, si possono proporre numerose attività.
È possibile infatti utilizzare giochi reali e manuali, che sostituiscono la tecnologia, vi propongo alcuni esempi.

A partire dai 2 anni si possono proporre al piccolo giochi con le ruote, che si spingono, pastelli per disegnare, costruire torri di oggetti. In seguito automobili a pedali, tricicli, costruzioni semplici.
Dai 6 anni possono essere utilizzati giochi con la palla, puzzle, giochi in scatola.

È importante sottolineare che dai 6 anni e durante il periodo della scuola elementare i bambini aumentano le abilità sociali, infatti cooperano, giocano insieme e si organizzano. In questa età i giochi sono anche di gruppo e hanno regole, divenendo più complessi; così il bambino impara a coordinare il proprio comportamento con quello degli altri.

Molto importante: anche i genitori possono partecipare al gioco con i figli e interagire con loro, così tali attività diventano un momento di forte scambio affettivo.

Dott.ssa Annalisa Croci
Psicologa psicoterapeuta
www.ascoltopsicologo.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/04/2016 15:33:00
Giochi reali Spesso si vedono bambini, anche molto piccoli, utilizzare cellulare e tablet come attività ludica; in questi dispositivi si possono trovare infatti videogiochi, quiz, disegni da comporre. E’ possibile suggerire altri giochi? Sì.

16/05/2016 16:42:00
Giochiamo alle bancarelle Il gioco simbolico che perdura anche nell’età della scuola primaria: un’occasione di crescita e di sviluppo delle proprie capacità

29/10/2013 10:05:00
In piazza coi giochi di una volta Domenica prossima i giochi che un tempo facevano per strada i bambini rivivranno a Vobarno per iniziativa delll'associazione Facciamo Rivivere Vobarno

21/04/2012 07:00:00
Seridò apre le porte Da oggi fino al 1° maggio il Centro Fiera del Garda a Montichiari diventa un immenso parco giochi per bambini e famiglie.

15/10/2012 09:30:00
Paura del buio: come combatterla? La paura del buio fa parte di quelle fobie che si sviluppano già dal sesto mese di vita: i bambini si rendono conto dell'esistenza del mondo che gli circonda e riescono a sono in grado di distinguere fra situazioni sicure e di pericolo.



Altre da Pillole di Psicologia
24/11/2016

A Villanuova con Crepet

Pubblico delle grandi occasioni a Villanuova sul Clisi per la serata condotta da Paolo Crepet  sulle nuove dipendenze e l'emergenza creativa. Per noi c'era anche Armando Ponchiardi. Video


21/11/2016

Le nuove dipendenze e l'emergenza educativa con Crepet

Mercoledì al teatro Corallo di Villanuova sarà ospite il noto psichiatra e sociologo Paolo Crepet, studioso dell'adolescenza e delle dinamiche familiari, che presenterà il suo ultimo libro “Baciami senza rete”

08/11/2016

Sos Compiti

La scuola è iniziata da qualche mese ed è tempo di compiti, verifiche; inizia la routine per tutti: bambini, adolescenti, insegnanti e genitori

27/10/2016

«Genitori non siete soli: noi ci siamo»

Tre incontri con altrettanti esperti, per affrontare le tematiche più "calde" nel rapporto fra genitori e figli in età adolescenziale. E' la proposta di amministrazione comunale e parrocchia Santa Giulia, a Paitone. A partire da venerdì prossimo 4 novembre

14/10/2016

Senza studio e senza lavoro: neet generation?

Come si orientano i giovani oggi, quali obiettivi hanno? Per alcuni è indeterminatezza 

01/09/2016

Pronti... via: a settembre tutti a scuola!

A settembre riaprono le scuole e per tutti i bambini è un momento di passaggio e rientro, che può essere temuto o atteso con gioia poiché si ritrovano amici e compagni di classe. Come è possibile per i genitori aiutare i propri figli a superare questo momento serenamente?

20/08/2016

Il Phubbing: una nuova forma di trascuratezza

A tutti sarà capitato almeno una volta di stare di fronte a una persona, amico o familiare, che mentre noi parliamo guarda il cellulare, risponde ad una mail o interagisce sul suo social (1)

22/07/2016

Grooming: la pedofilia in Internet

Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico (1)

10/07/2016

HappyBook si fa... in tre

Per il ciclo "HAPPY BOOK. Un libro, un autore e... un drink in giardino", venerdì 15 luglio a Puegnago, l'appuntamento è con "Legami Familiari", tre libri sull'educare


26/05/2016

Perché la musica accompagna le nostre azioni?

La musica è accessibile a tutti, pertanto viene utilizzata in più contesti e con diversificate funzioni. Perché è uno strumento e una compagnia così diffusa? (1)

Eventi

<<Gennaio 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia