Skin ADV
Sabato 24 Giugno 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


[Mura]


23.06.2017 Gavardo Villanuova s/C Paitone

24.06.2017 Mura

23.06.2017 Valtenesi

22.06.2017 Valsabbia

22.06.2017 Serle

22.06.2017 Anfo Valsabbia

22.06.2017 Vestone

23.06.2017 Agnosine

22.06.2017 Salò Garda

23.06.2017 Odolo






26 Luglio 2016, 14.30

Pillole di spicologia

Perché è importante il gioco per i bambini?

di Annalisa Croci
Per i bambini giocare sembra naturale e ovvio, mentre per gli adulti spesso rappresenta una “perdita di tempo”. È importante che i bambini giochino: ecco perché

È importante per lo sviluppo intellettivo del bambino, poiché quando gioca, ricorre alla creatività e acquisisce nuove modalità che gli consentono di relazionarsi con il mondo esterno.
Permette di sviluppare capacità cognitive e intellettive, ad esempio permette di conoscere le forme, colori, distanze e rapporti causa-effetto.

Inoltre il gioco sviluppa le potenzialità affettive e relazionali; infatti quando i bambini giocano insieme fanno esperienza l’uno dell’altro, anche il conflitto e disaccordo sperimentato è importante, perché influenza le abilità sociali e aiuta ad entrare in contatto emotivo. Così il bambino capisce che esistono nuove prospettive e nuovi modi di pensare o di giocare simili o diversi dai suoi.

Il gioco poi permette di modulare le azioni in base ai contesti, chiarire le intenzioni; giungere ad un accordo tra i bambini nel compiere le azioni. Il gioco può quindi assumere anche la dimensione di gruppo, pertanto entrare in un gruppo di gioco è un compito importante e permette di sperimentare accettazione, rifiuto, isolamento che rappresentano esperienze sociali che il bambino vivrà nell’inserimento nel gruppo- classe a scuola, nel gruppo dei pari e nella squadra sportiva.

Le attività ludiche crescono e si modificano di pari passo con lo sviluppo intellettivo e psicologico del bambino. Considerando che già a un anno e mezzo il bambino è in grado di camminare, correre, manipolare gli oggetti, si possono proporre numerose attività.
È possibile infatti utilizzare giochi reali e manuali, che sostituiscono la tecnologia, vi propongo alcuni esempi.

A partire dai 2 anni si possono proporre al piccolo giochi con le ruote, che si spingono, pastelli per disegnare, costruire torri di oggetti. In seguito automobili a pedali, tricicli, costruzioni semplici.
Dai 6 anni possono essere utilizzati giochi con la palla, puzzle, giochi in scatola.

È importante sottolineare che dai 6 anni e durante il periodo della scuola elementare i bambini aumentano le abilità sociali, infatti cooperano, giocano insieme e si organizzano. In questa età i giochi sono anche di gruppo e hanno regole, divenendo più complessi; così il bambino impara a coordinare il proprio comportamento con quello degli altri.

Molto importante: anche i genitori possono partecipare al gioco con i figli e interagire con loro, così tali attività diventano un momento di forte scambio affettivo.

Dott.ssa Annalisa Croci
Psicologa psicoterapeuta
www.ascoltopsicologo.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/04/2016 15:33:00
Giochi reali Spesso si vedono bambini, anche molto piccoli, utilizzare cellulare e tablet come attività ludica; in questi dispositivi si possono trovare infatti videogiochi, quiz, disegni da comporre. E’ possibile suggerire altri giochi? Sì.

16/05/2016 16:42:00
Giochiamo alle bancarelle Il gioco simbolico che perdura anche nell’età della scuola primaria: un’occasione di crescita e di sviluppo delle proprie capacità

29/10/2013 10:05:00
In piazza coi giochi di una volta Domenica prossima i giochi che un tempo facevano per strada i bambini rivivranno a Vobarno per iniziativa delll'associazione Facciamo Rivivere Vobarno

21/04/2012 07:00:00
Seridò apre le porte Da oggi fino al 1° maggio il Centro Fiera del Garda a Montichiari diventa un immenso parco giochi per bambini e famiglie.

15/10/2012 09:30:00
Paura del buio: come combatterla? La paura del buio fa parte di quelle fobie che si sviluppano già dal sesto mese di vita: i bambini si rendono conto dell'esistenza del mondo che gli circonda e riescono a sono in grado di distinguere fra situazioni sicure e di pericolo.



Altre da Pillole di Psicologia
24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

02/04/2017

Nessuno educa nessuno

ntinuano ad accadere fatti gravi come quelli di Genova dove nei giorni scorsi  è stata scoperta una vera e propria catena di attività che i minori fanno on line come quella di inviare foto e video hard ad amici e conoscenti tra cui anche adulti

20/03/2017

I ritirati

Li riconosci perché non li vedi. O meglio, sono quei ragazzi che si isolano per paura del mondo che in alcuni casi diventa vero proprio panico

04/03/2017

Paura della diversità e routine del pensiero

L’antropologo Ernesto De Martino diceva che “la routine è noiosa ma dà sicurezza, questa nostalgia dell’identico è molto difficile da modificare”. Insomma la tendenza è quella di "andare in cerca del simile", perchè ogni novità fa paura

02/03/2017

Il corpo dei nativi digitali

I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

19/02/2017

Giovani e crisi d'esperienza

“I Care” scriveva sulla lavagna della sua canonica Don Milani. Egli voleva che i suoi allievi sviluppassero un interesse profondo per le questioni della vita e per tutti i problemi circostanti. E oggi?

10/02/2017

Se a un giovane manca l'idea di futuro

Da Pino Maiolo una riflessione, sull'onda dello sconcerto causato dalla lettera di Michele, il friulano che a trent'anni ha deciso di farla finita e che in queste ore sta rimbalzando sui giornali, in tv e sul web

08/02/2017

Gelosia fra fratelli

Spesso la nascita di un fratellino modifica l’equilibrio della famiglia e crea gelosie. Ecco alcuni consigli

24/11/2016

A Villanuova con Crepet

Pubblico delle grandi occasioni a Villanuova sul Clisi per la serata condotta da Paolo Crepet  sulle nuove dipendenze e l'emergenza creativa. Per noi c'era anche Armando Ponchiardi. Video


21/11/2016

Le nuove dipendenze e l'emergenza educativa con Crepet

Mercoledì al teatro Corallo di Villanuova sarà ospite il noto psichiatra e sociologo Paolo Crepet, studioso dell'adolescenza e delle dinamiche familiari, che presenterà il suo ultimo libro “Baciami senza rete”

Eventi

<<Giugno 2017>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia