Skin ADV
Mercoledì 24 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Riflesso

Riflesso

di Paolo Salvadori



22.04.2019 Bione

22.04.2019 Vestone Sabbio Chiese Odolo

23.04.2019 Vestone

22.04.2019 Garda

22.04.2019 Villanuova s/C

22.04.2019 Roè Volciano Valsabbia

22.04.2019 Gavardo

23.04.2019 Pertica Bassa

23.04.2019 Val del Chiese

23.04.2019 Bione Provincia






25 Gennaio 2019, 08.30
Pertica Bassa
Racconto

La montagna e il suo magico mistero

di Rosalba Francinelli
Un giorno decisi di fare una passeggiata. Dovevo salire in alto, lassù, dove le aquile svolazzano nel cielo libero. Volevo dall’alto raccontarvi le bellezze, le emozioni di quel meraviglioso mondo conosciuto da pochi 

Arrivai esausta sotto il Monte Tegaldine, precisamente a “Osero”, ove la mia sosta a una breve fonte ebbe la giusta ricompensa di poter sorseggiare una fresca acqua pura, una cosa quasi impossibile oggi, con acqua solo imbottigliata e asportata, oppure clorata. 
 
Mi specchiavo in quella fontana e vedevo il cielo e le rocce del Tegaldi. Un canto all’improvviso di un gallo forcello, un richiamo alla danza dell’amore della sua compagna, un vero incanto. Quarant’anni fa vidi quassù dei faggi di tenera età. Scolpii incidendo un cuore. Ebbene, lo cercai e lo trovai ancora incarnato in quel faggio. Il cuore era a pezzi, ma lo aveva conservato, lo abbracciai.
 
Provate ad abbracciare un albero, è una sensazione meravigliosa, unica, se volete piangere guardate la roccia lassù in alto, lei di pianto se ne intende, perché dall’alto vede, sente e ascolta tutto quello che l’uomo fa. E l’uomo sta distruggendo queste meraviglie. L’uomo non sa amare la natura perché non ha mai voluto conoscerla, ed è per questo che la usa, cerca di portarle via sempre un pezzetto in più, di restringerne il cerchio per servirsene per qualcosa di negativo. 
 
A volte l’uomo costruisce e poi abbandona, ed ecco perché pezzetto dopo pezzetto questa natura rigogliosa si fa meno bella. 
La natura è un patrimonio ambientale, e ora da quassù posso dirvi cosa vedo. Guardo questo immenso e meraviglioso posto, l’erba è alta, quasi mi fa solletico alle ascelle da quanto è alta, ma  penso che arriverà l’estate e l’erba sarà pronta a rigenerarsi come fa una bella donna quando si mette in ordine i capelli. Allora tutto riacquisterà il suo posto.
 
Il mondo della pastorizia è fatto di fatiche all’aria aperta che fanno sentire le loro voci. Un mondo arcaico forte, quello dei malgari ormai quasi tutti scomparsi. Bisogna levare tanto di cappello a chi ha saputo con tenacia e forza andare avanti. Ma quassù c’è ancora un po’ di equilibrio. Ci sono dei veri malgari, portatori di una tradizione. Con i casari tengono pulito questo mistero di montagna,  un incanto di nostro Signore. 
 
Loro sanno ascoltare ogni giorno la voce della montagna tra boschi e rocce. Sanno gustare l’ebrezza della sera di un tramonto e di un’alba. Nelle notti di sonno sanno ascoltare la foresta dove dormono i segreti. Sento dire a volte “El Malghès, che vita”. Questo è un incredibile lavoro curato in ogni passaggio lento e costante. E’ una passione che ti porti dentro fin da fanciullo. Un lavoro da lodare che viene portato avanti da pochi, che non tutti conoscono bene.
 
Poi ci sono i cacciatori, c’è chi fa un po’ di fracasso, ma c’è anche il vero cacciatore che si trascina quassù in silenzio una storia piena di ricordi, amori e gioie del proprio cuore. 
 
Abbasso gli occhi un momento e intravedo Località Po, allora il cuore si spalanca, vedo la cascina e tante altre ristrutturate e non c’è n’è una senza capanno. I cacciatori sanno fare anche questo, rendere il luogo accogliente e fare del loro capanno un insieme perfetto. 
 
Da settembre le piante si colorano di un rosso vivo e acceso curando la loro postazione e ne fanno una reggia per tutto il periodo di apertura della caccia. Alzandosi di buon mattino per portarsi ancora con il buio sul posto, i cacciatori si riuniscono all’alba con il cuore che sobbalza. 
Località Po, l’estate davanti al fienile, avvolti da un palcoscenico grande, silenzioso, si possono ascoltare i campanelli delle pecore e delle capre disperse fra prato e boschi che se ne vanno a brucare erba fresca. 
 
Sono attimi di batticuore, sembra perfino di togliere dal cassetto antico una storia quasi dimenticata, quando lassù i nostri nonni resistevano alle fatiche e al dolore. A volte i pastori, davanti ai vecchi fienili, si chiedono chi vi avrà abitato un tempo, quale mistero celino. Si parla dei racconti nelle stalle, tra il fiato umido dei bovini che le riscaldavano, e dei canti dei contadini che risuonavano fino in fondo alla valle perché cantavano con passione e con vero cuore. 
 
Al mattino si sentiva l’eco della campana della chiesa di Avenone, quando suonava l’Ave Maria, cosa c’è di più bello, Signore, di un suono diffuso nella vallata che amplifica il dono? Poi l’erba appena falciata, diventando fieno secco imbiondito ai raggi del sole, faceva esaltare la sua fragranza. 
 
Sono profumi di una volta, ora si sentono poco, ma si percepisce la rinascita che permetterà all’autentica bellezza di mostrarsi di nuovo. Diamo merito ai contadini, preziosi e insostituibili, per quello che fanno ancora oggi, tribolando ma riuscendo a vivere bene con quel poco che hanno. Ma dove stiamo andando? Troppo contro corrente. La gente ora crede di sapere tutto, vogliamo piegare la natura, piegare anche la potenza di Dio. Questo non lo permetterà. 
 
Termino qui ora il mio racconto, un viaggio alternativo alla riscoperta della forza da cui dobbiamo ancora imparare molto, salvaguardando il nostro territorio.
 
L’aquila ha volato con me, accompagnandomi, e insieme abbiamo visitato le maestosità del territorio e tanto altro. Abbiamo visto tutto questo. Per me è stato particolarmente suggestivo salire fin qui a piedi e scendere fino a valle, perché qui c’è un angolo di paradiso che Dio ci farà sempre conoscere e diffondere. 
 
Per un momento ho voluto tenervi compagnia, perché vivere la montagna significa fatica, attenzione ma anche grande trasporto e concentrazione. Amiamo la nostra terra e i suoi escursionisti, ma anche i lavoratori che trovano tempo e dedizione per riunirsi e collaborare per una completa e dinamica vita in montagna e per l’espressione di tutto il suo potenziale.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID79339 - 25/01/2019 08:58:00 (Iva) BRAVA
COMPLIMENTI PER IL TUO ARTICOLO E TI PORGO UN SALUTO



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/09/2012 08:02:00
Complessità: il mistero dell'emergenza In natura ci sono fenomeni che ci lasciano letteralmente affascinati, entusiasti.

06/02/2008 00:00:00
Testimonianze di natura, sport, avventura Prenderà il via questo venerdì 8 febbraio una serie di incontri sul tema della montagna intitolato “Testimonianze di natura, sport, avventura” organizzati dalla Commissione Cultura e dalla Biblioteca del Comune di Gavardo.

17/05/2012 17:12:00
Mistero sul Monte Cavallo La montagna che già ospita il «sercol» riporterebbe sulla sua superficie antichi geoglifi di origine celtica. Lo studio di Franco Liloni.

07/07/2011 07:00:00
Sentieri del gusto e del mistero Cibo per lo stomaco e per la mente, col gusto del mistero, quello promesso dal Comitato “Feste de Paes” di Villanuova per la prima edizione di “Sentieri del Gusto”.

18/10/2017 10:59:00
Mistero: scarsa mira o assoluto zelo? Questa fotografia è stata scattata in via Giuseppe Frua, a Roè Volciano. E non è semplice da interpretare



Altre da Pertica Bassa
23/04/2019

Gemellaggio tra la scuola italiana e francese

In occasione del ponte del 1° Maggio i ragazzi delle scuole di Pertica Bassa faranno visita ai coetanei francesi di Saint André de Chalencon con cui sono gemellati

03/04/2019

Antonietta è arrivata a 105

Tanti auguri ad Antonietta Levrangi, di Levrange, che nella "sala lilla" della Fondazione Passerini ha festeggiato i suoi primi cinque anni... dopo i cento


28/03/2019

Grand Prix, una sfida in sei gare

Presentata ieri a Brescia la sesta edizione del Grand Prix di Corsa in Montagna della Vallesabbia e Alto Garda, un circuito che ogni anno sale di livello

19/03/2019

Fondi per i Comuni di montagna

Ci sono anche alcuni Comuni valsabbini fra i beneficiari di un apposito finanziamento per progetti dedicati al commercio e per il terzo settore

11/03/2019

Bacchetti, valorizzazione del territorio

Il sindaco di Pertica Bassa conclude con soddisfazione il suo secondo mandato amministrativo nel quale ha puntato alla valorizzazione in chiave turistica e sportiva. Gli abbiamo chiesto se si ricandiderà

28/02/2019

Scuole, in arrivo fondi per l'adeguamento antincendio

Anche gli edifici scolastici di alcuni Comuni valsabbini saranno destinatari dei fondi stanziati dal Miur per l’adeguamento alla nuova normativa antincendio 

17/02/2019

CiaspoPertiche, risveglio invernale

Anche quest’anno un grandioso successo per la tradizionale camminata serale organizzata dalla Polisportiva di Pertica Bassa, nonostante la scarsità di neve  

10/02/2019

Bonomi aggiusta la mira, a Montichiari è podio con Kira

Altra soddisfazione per l'Azienda Agricola Bonomi Ennio di Pertica Bassa, premiata al concorso per le bovine di razza Bruna andato in scena alla Fiera agricola zootecnica di Montichiari (4)

06/02/2019

Sabato al via la «Ciaspopertiche»

Una camminata sulla neve che includerà anche delle tappe gastronomiche quella organizzata per questo sabato, 9 febbraio, dalla Polisportiva Pertica Bassa

16/01/2019

Un anno proficuo per i lavori pubblici

Il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici di Pertica Bassa Ennio Bonomi elenca i lavori effettuati nel corso del 2018 e i bandi regionali a cui il Comune ha partecipato, con i relativi esiti 

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia