25 Giugno 2020, 17.09
Odolo Lavenone
Compleanno

I cento «in prigionia» del Remigio

di Ubaldo Vallini

Tanti auguri a Remigio Garzoni, di Lavenone, che proprio oggi, giovedì 25 giugno, ha raggiunto il secolo di vita, con una salute invidiabile


«Non me lo sarei mai aspettato: non sono riusciti a farmi prigioniero in guerra e mi tocca esserlo oggi». Vuole essere una battuta di spirito quella di Remigio Garzoni, da un paio d’anni ospite della Soggiorno Sereno di Odolo dove, diciamolo subito, si trova benissimo.
Però nella sua battuta c’è del vero.

I cent’anni dalla sua nascita, infatti,
li ha dovuti festeggiare “blindato” nella struttura della rsa, coi familiari più stretti dall’altra parte di un vetro.
E’ forse un po’ triste, ma è quanto viene richiesto dalle normative studiate per contrastare la diffusione del virus, come tutti sappiamo.

Per l’occasione Remigio ha ricevuto anche una lettera di auguri da parte del sindaco di Lavenone, Franco Delfaccio, che in attesa di poterlo fare di persona e senza nulla di mezzo, l’ha ringraziato «per averci tramandato quei valori di riferimento che sono parte del nostro patrimonio e la nostra ricchezza, quei valori che ci parlano di dovere, spirito di sacrificio, della famiglia, di altruismo e di solidarietà».

Prigioniero, dicevamo.
Di occasioni per finire dietro le sbarre, o anche peggio, in effetti ce ne sono state tante, soprattutto in guerra.
Vicissitudini che Remigio è capace di rivivere tutt’ora, con dovizia di particolari.

Soprattutto in Albania
, dove l'hanno mandato dopo che è stato sul fronte francese e dove si trovava quel fatidico 8 di settembre, senza riuscire a rientrare in patria, ritrovandosi così in balia degli eventi.
Nel Paese delle aquile, infatti, i “nostri” hanno dovuto consegnare le armi ai partigiani e sono diventati in pratica degli schiavi.

«Tutti erano nostri nemici: i fascisti italiani, i partigiani locali, gli albanesi filotedeschi, i tedeschi».
Remigio se l’è cavata elemosinando vitto e alloggio in cambio di lavori umili in campagna, da clandestino, perché tutti cercavano gli ex soldati italiani per mandarli a lavorare ai forni.

«Ne sono morti più lì che durante la guerra – ricorda -. Una volta io e il Pozzi (un compagno di Treviso Bresciano col quale ha sempre fatto coppia e che ora non c’è più ndr.) ci siamo nascosti per quattro giorni in un buco senza mangiare per evitare di essere presi.
Lui si è anche ammalato, tutto gonfio soffriva come un cane, tanto che se avessi avuto un fucile l’avrei ammazzato lì.
Poi lui è guarito e mi sono ammalato io».

Dopo più di un anno trascorso a vivere di stenti, Remigio è riuscito a guadagnare un passaggio su una navicella inglese che riforniva i partigiani sugli scogli.
A Bari e poi a Trani, in ospedale, pesava 38 chili.
Col treno raggiunse Cassino e poi se la fece tutta a piedi fino a casa, dove arrivò il 21 luglio del 1945, giusto in tempo per festeggiare il suo 25esimo compleanno.

La sua Daria l'ha reso vedovo nel 1996, dopo avergli regalato tre figli: Franco, Adriana ed Ettore. E loro una squadra di nipotiti che l'adorano.

Una tempra eccezionale quella di Remigio: tre anni fa, quando finalmente gli è stata consegnata la meritatissima “Croce di Guerra”, siamo stati a trovarlo a Lavenone e l’abbiamo sorpreso a Lavenone mentre falciava il prato con la “ranza”.

Qualche acciacco l’ha rallentato nei tempi più recenti, senza impedirgli, da ospite della rsa e prima del Covid, di trascorrere ogni tanto in compagnia del figlio qualche giorno nella sua campagna, ad occuparsi di piante e di animali, come ha fatto per tutta la vita nel rolo di allevatore e contadino.

Dai Remigio, che l’anno prossimo veniamo a trovarti e ci racconti ancora qualcosa.

.in foto: il compleanno di Remigio festeggiato oggi: Remigio tre anni fa mentre falcia l'erba.



Vedi anche
11/06/2017 07:41

A Remigio la sua Croce di guerra Remigio Garzoni, di Lavenone, all'età di 97 anni ha finalmente ricevuto l'onorificenza che gli spettava, dopo aver combatturo in Francia e in Albania. Una tempra eccezionale la sua 

19/08/2015 15:17

Don Remigio Fusi è tornato alla casa del Padre Nato a Bagolino l’8 settembre del 1929, don Remigio fu uno dei primi collaboratori dei Silenziosi Operai della Croce

18/07/2019 08:45

«Wer Bist du (chi sei tu)?» E' stato presentato nei giorni scorsi a Casto il libro di Bruno Garzoni, comercialista valsabbino di Roè Volciano, che per una volta ai numeri ha sostituito le lettere, per indagare l'eterno tema umano: l'innamoramento

02/12/2006 00:00

Stagione eccezionale per Luigi Garzoni Luigi Garzoni, 16enne di Forno d’Ono di Pertica Bassa, studente allo Scar di Villanuova, mentre andr in giro con le stampelle potr esprimere lo stesso grande soddisfazione per l’ennesima annata trascorsa da vero campione di trial.

15/07/2016 10:10

Lode ad Alberto Complimenti ad Alberto Garzoni, di Roè Volciano che, giusto ieri, giovedì 14 luglio, ha conseguito la Laurea Triennale in Filosofia presso l'Università di Padova, con la votazione di 110 e lode



Altre da Lavenone
06/08/2020

Tamponamento davanti alla CPF80

Ad avere la peggio il conducente 72enne di una Yamaha, finito a terra dopo lo scontro. Chilometri di coda lungo la 237 del Caffaro

06/08/2020

Nuova piastra polivalente e nuovo marciapiede

Sono le due opere che saranno realizzate a Lavenone con i fondi regionali per il rilancio economico e produttivo post pandemia, ma in cantiere c'è dell'altro

03/08/2020

Vento forte ed energia

Un albero caduto sulla linea elettrica che affianca Via del Tram a Lavenone, ha tolto nottetempo energia elettrica a gran parte dell’abitato di Idro

23/07/2020

Giorgio Montini e Pietro Bonomi

Nella corrispondenza epistolare fra Giorgio Montini ed il figlio Giovan Battista, il futuro papa Paolo VI, anche il riferimento ad una famiglia di Lavenone. Una "chicca" riportata dal nostro Guido Assoni

21/07/2020

Taglio di strada

Esce con la Panda da una strada privata, senza accorgersi dell’arrivo dello scooter. Inevitabile l’urto

19/07/2020

Lavenone, buoni lavoro per le famiglie

Superata l'emergenza sanitaria ora gli strumenti di sanificazione degli ambienti vengono impiegati per la Rocca d'Anfo. Per il sostegno delle famiglie un apposito bando per buoni lavoro

17/07/2020

Per sempre felice

Non solo Lavenone, ma soprattutto Lavenone, piange la scomparsa di padre Fiorenzo Bertoli, il missionario ucciso dal Covid in terra brasiliana. Il sindaco Franco Delfaccio ne traccia lo spessore umano

16/07/2020

Padre Fiorenzo non è più fra noi

Se n’è andato ieri, dopo una decina di giorni di sofferenza, vittima del Covid-19. Originario di Lavenone, si trovava in Brasile, dov’era missionario dal 1985

15/07/2020

Gita all'antico ponte

È quella effettuata dai bambini del Centro estivo di Lavenone lunedì pomeriggio accompagnati dai volontari della Protezione civile alla scoperta del territorio

14/07/2020

Auguri Simona

Tanti auguri a Simona Frapporti, la fortissima ciclista di Lavenone, che oggi, 14 luglio, compie gli anni