Skin ADV
Lunedì 23 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    





Odolo, il paese la sua gente

Il municipio

Inaugurato ufficialmente nel 2008 il muncipio di Odolo è ubicato in via Dino Carli al civico numero 62.
Si trova in un fabbricato che tradisce le sue origini settecentesche (1)

La parrocchiale dedicata a San Zenone

La chiesa parrocchiale che Odolo dedica a S. Zenone fu eretta nel 1667 sullo stesso luogo dove preesisteva una costruzione risalente al XIV secolo


La Fucina di Pamparane

Si tratta di un “Museo del Ferro” che fa parte del Circuito museale della Valle Sabbia. E’ collocato al civico 2 di via Massimo d'Azeglio. Locali donati dall’imprenditore Dario Leali al Comune di Odolo che si propongono di evocare il sapere dei forgiatori odolesi





20 Dicembre 2016, 10.30
Odolo
Riconoscimenti

La Croce di Gerusalemme a Nicola Bianco Speroni

di Redazione
Il riconoscimento attribuito dai Frati Francescani della Custodia di Terra Santa all’imprenditore odolese, per la sua attività filantropica

L’ha ricevuta Nicola Bianco Speroni, odolese amministratore della società Valsabbia Investimenti, è vice presidente dell’Associazione Franceschetti SFERA Onlus impegnata in progetti di cooperazione internazionale e Segretario del Rotary della Valle Sabbia.

Fu Papa Leone XIII con decreto del 2 maggio 1901 ad istituire una decorazione religiosa che benediceva e incoraggiava i pellegrini che si recavano in Terra Santa. Oltre ad essere un segno, la decorazione è un gesto che Fra Francesco Patton, Custode della Terra Santa, Guardiano del Santo Monte Sion e del Santissimo Sepolcro di NSJC e Ministro Provinciale dei Frati Minori che vivono in tutto il Medio Oriente conferisce per ringraziare chi si impegna a servizio della Terra Santa.

La Decorazione reca da un lato, nel mezzo dove le aste s’incrociano, una piccola effige di Leone XIII, con l’iscrizione Leo XIII P.M. creavit, Anno MCM (Istituita da Papa Leone XIII, anno 1900). Intorno, su ciascuna delle aste della croce più grande, sono rappresentati i misteri dell’Annunciazione di Maria Santissima, la Natività del Signore, il suo Battesimo, l’istituzione dell’Eucaristia.

Vi si legge questa espressione: L’amore di Cristo Crocifisso ci ha attirato - Christi Amor Crucifixi traxit nos. Dall’altro lato, al centro della Croce, c’è l’immagine di Cristo Risorto; intorno: Gesù che prega al Getsemani, Gesù flagellato, Coronato di spine, Crocifisso. All’estremità si legge: Signum Sacri Itineris Hierosolymitani.

La Provincia di Terra Santa dei frati francescani
fu istituita addirittura nel 1217 e visitata da San Francesco in persona; successivamente nel 1333 grazie ai Reali di Napoli i frati ottennero il possesso legale - in nome e per conto della cristianità - dei Luoghi Sacri della Galilea, della Giudea, della Siria e della Giordania tra questi, solo per citare i più importanti: la Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme, la Basilica della Natività a Betlemme e quella dell’Annunciazione a Nazareth.

Ancora oggi i frati francescani gestiscono in Terra Santa 24 parrocchie e 14 scuole distribuite tra Israele, Palestina, Giordania, Cipro, Libano e Siria. Queste scuole sono frequentate da circa 10.000 studenti dei quali la maggior parte non sono cattolici e neppure cristiani. Gestiscono anche 4 case per malati e orfani e 6 case per accogliere i pellegrini, 2 case di riposo, 630 immobili che accolgono famiglie in stato di necessità oltre ad una serie di altre piccole realtà di assistenza sociale e ambulatoriale. Numerose sono anche le borse di studio garantite a giovani che desiderano affrontare gli studi universitari.

Le scuole sono certamente la punta avanzata dell’impegno dei frati in Terra Santa, un impegno che guarda lontano, un investimento sul futuro per costruire la pace. Il Custode Fra Francesco ama ripetere che la pace necessita di tempi lunghi, non si costruisce in 6 mesi o in 6 anni ma quando per generazioni si lavora per creare cultura e accoglienza reciproca. Nelle scuole gestite dai frati i ragazzi cristiani quando sono tanti sono il 50%, quando sono pochi sono il 20% ma vivendo insieme cristiani e non cristiani si riducono i pregiudizi e le ostilità. Recentemente a Emmaus la popolazione ha chiesto ai frati di aprire una scuola anche se nel paese vi è una sola famiglia cristiana, oggi la scuola è già attiva e al momento non vi sono studenti cristiani.

La situazione più difficile oggi è - come ben noto - quella della Siria dove la guerra è scoppiata nel lontano 2011, sono dunque quasi 6 anni ormai di guerra ininterrotta che ha portato oltre la metà della popolazione della Siria a non vivere più là dove viveva prima della guerra. La sola città di Aleppo ha perso oltre il 50% degli abitanti e i cristiani che erano oltre 300.000 non sono oggi più di 30.000, di questi oltre 14.000 famiglie gravitano per un sostegno sulla Parrocchia dei Frati Francescani che non hanno mai lasciato Aleppo e la Siria. “C’è bisogno di assicurare i bisogni primari – conferma Fra Francesco – ma c’è bisogno soprattutto di tenere viva la speranza, se no qui non resterà più nessuno”.

La testimonianza importante dei Frati in Terra Santa
è data proprio dalla loro presenza con una identità chiara e definita che è fondamentale per dialogare e creare rapporti di rispetto e fiducia reciproca. Il Medio Oriente ci insegna - a tutti noi oggi – che per poter dialogare bisogna avere una identità, bisogna sapere chi si è e da dove si arriva, non si può pensare di creare dialogo rinunciando alla propria identità o rinnegando la propria cultura.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/04/2017 08:00:00
La Repubblica Islamica dell'Iran Un territorio grande cinque volte l’Italia, sfugge a qualsiasi stereotipo diffuso in Occidente. Ce lo racconta Nicola Bianco Speroni che l’ha percorsa incontrando politici, religiosi e studenti sulle tracce di due documentaristi dell’Ottocento

04/08/2011 18:00:00
«Odolo è ben altro» Nicola Bianco Speroni ci chiede ospitalità, convinto che il reportage valsabbino di una rivista bresciana offra un'immagine distorta della realtà odolese.

18/11/2007 00:00:00
L'assessore dice la sua Fra le lettere al direttore quella di Nicola Bianco Speroni. Una missiva che si inserisce nella discussione sulle spinose tematiche ambientali che lo vedono protagonista come odolese e come amministratore. Pubblichiamo volentieri.

08/10/2007 00:00:00
«Il futuro dell’energia passa dal risparmio» Il direttore generale di Asm Elio Tomasoni, nei giorni scorsi è stato ospite a Odolo del Rotary Valsabbia.
Nicola Bianco Speroni, segretario del sodalizio, ci fa una sintesi del suo intervento. Argomento interessante, pubblichiamo volentieri.

29/03/2007 00:00:00
Banca d'Italia risponde alle domande del Rotary «Serve ancora la Banca d’Italia?», titolo provocatorio per un incontro promosso a Odolo dal Rotary Valsabbia del Centenario, guidato da Nicola Bianco Speroni, a cui è stato invitato a rispondere il direttore della filiale di Brescia Marcello Callari.



Altre da Odolo
21/10/2017

«Fucina pop-up!»

Nel pomeriggio di questa domenica 22 ottobre appuntamento al Museo del Ferro della Fucina di Pamparane a Odolo per un laboratorio creativo e una dimostrazione di lavoro al maglio

19/10/2017

Emanuele, storico dell'arte da 110 e lode

Congratulazioni ad Emanuele Busi, di Odolo, che lunedì scorso si è laureato in Storia dell'Arte all'Università di Padova conseguendo il massimo dei voti


18/10/2017

Moto contro bici, due all'ospedale

La manovra azzardata di un ragazzino in bicicletta, sembra, all’origine di un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze assai più serie

18/10/2017

«Altri Sguardi»

La rassegna teatrale torna in Valle Sabbia con un cartellone di altissimo livello, con alcuni nomi di prim’ordine della scena nazionale

05/10/2017

A Odolo col presidente di Distretto

In attesa del Bando territoriale per la Vallesabbia, che vede protagonisti Club valsabbino  ela Fondazione della Comunità Bresciana, il governatore del Distretto 2050 del Rotary ha visitato Odolo e la Valle Sabbia


02/10/2017

54 candeline per il presidente

Tanti auguri a Marsilio Benini, di Odolo, presidente di Pronto Emergenza, che proprio oggi, lunedì 2 ottobre, compie 54 anni


30/09/2017

Silvia la psicologa

Congratulazioni a Silvia Solazzi di Odolo che ieri venerdì 29 settembre, ha conseguito la laurea in Psicologia presso l'Università Cattolica di Brescia

29/09/2017

Al riparo da sorprese con NetFair.eu

Conoscere fino in fondo clienti e fornitori per poterli scegliere in piena consapevolezza. E’ quanto promette Netfair.eu, il nuovo “consulente globale” per l’imprenditore


25/09/2017

Pellegrini dalla Conca d'Oro a San Felice

Ha avuto come meta il santuario della Madonna del Carmine a San Felice del Benaco il pellegrinaggio a piedi delle sette parrocchie dell’erigenda Unità pastorale della Conca d’Oro

24/09/2017

Prevenzione delle malattie oculari

Questo martedì 26 settembre in via Sant’Apollonia a Odolo sarà presente un camper attrezzato con oculisti per visite gratuite della vista


 

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia