Skin ADV
Venerdì 21 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    





Odolo, il paese la sua gente

Il municipio

Inaugurato ufficialmente nel 2008 il muncipio di Odolo è ubicato in via Dino Carli al civico numero 62.
Si trova in un fabbricato che tradisce le sue origini settecentesche (1)

La parrocchiale dedicata a San Zenone

La chiesa parrocchiale che Odolo dedica a S. Zenone fu eretta nel 1667 sullo stesso luogo dove preesisteva una costruzione risalente al XIV secolo


La Fucina di Pamparane

Si tratta di un “Museo del Ferro” che fa parte del Circuito museale della Valle Sabbia. E’ collocato al civico 2 di via Massimo d'Azeglio. Locali donati dall’imprenditore Dario Leali al Comune di Odolo che si propongono di evocare il sapere dei forgiatori odolesi


07 Luglio 2018, 06.49
Odolo
Ambiente

Emergenza alla IRO, ecco cosa è successo

di val.
Una lunga notte di preoccupazione quella trascorsa a Odolo fra giovedì e venerdì, dopo che in serata uno dei sensori posizionati a controllo dei fumi dell’acciaieria della IRO ha segnalato un “preallarme” per la presenza di radioattività

Subito è scattata la procedura d’emergenza con il responsabile della sicurezza e l’esperto qualificato ad operare in questi casi, che hanno avviato l’evacuazione dei lavoratori, quelli che teoricamente avrebbero potuto rischiare la contaminazione.

Nel contempo sono stati avvisati i vigili del fuoco che sono intervenuti prima da Salò, poi col reparto specializzato Nbcr (nucleare biologico, chimico e radiologico) da Brescia e da Milano.
E’ toccato a loro in compito di valutare la situazione e di avvisare chi di dovere: in questo caso l’Arpa, ravvisata la necessità, avrebbero potuto coinvolgere anche Asst, soccorso medico o Protezione civile.

L’area è stata controllata
e c’è voluta tutta la notte per giungere alla conclusione che non c’era presenza di materiali radioattivi, ma che si trattava solo di contaminazione, a livelli molto bassi.

Ad ogni modo, mentre il laminatoio non ha mai cessato la produzione, è stato interrotto il processo di fusione continua del rottame per la produzione d’acciaio.
Nessun problema per l’acciaio prodotto fino al fermo produzione, che non presenterebbe tracce di radioattività.

“Off limits” invece la “zona fumi” che dovrà essere bonificata.
A questo proposito l’azienda dovrà presentare ad Arpa un piano di risanamento del reparto, che dovrà essere eseguito da una ditta specializzata: «Lo prevede la procedura e ci vorrà un bel po’ di tempo – ci hanno detto alla IRO -. Difficilmente riusciremo a far partire il forno prima di un mese».

E il personale? Una cinquantina gli addetti rimasti temporaneamente senza occupazione: a molti di loro verrà chiesto probabilmente di anticipare il periodo di ferie.

Ancora non è chiaro cosa possa essere stato a far scattare quell’allarme: «Probabilmente una sorgente radioattiva contenuta in un bussolotto di piombo, altrimenti i sensori del portale all’ingresso avrebbero rilevato il problema al passaggio del camion – ci spiegano alla IRO -. Sicuramente qualche cosa di minuscolo che nel forno ha subito un processo di sublimazione, per questo ne è rimasta traccia solo nei fumi e nulla nell’acciaio fuso».

Un “bussolotto” di quelli utilizzati normalmente per conservare delle fonti radioattive, nessuno alla IRO crede che possa essere stato infilato nel rottame di proposito, perché non conviene a nessuno provare a smaltirlo a quel modo: «Ogni tanto capita, lo si sente in giro ogni 6/7 anni e da noi è la prima volta».

La notizia che gli operai della IRO erano stati evacuati causa radioattività in azienda, ha allarmato mezza Valle Sabbia.
Non ce n’era motivo però.

E’ sufficiente infatti la lancetta fosforescente di un orologio
per far scattare i sensori al portale d’ingresso dove passano i camion.
A volte basta la naturale radioattività di certe terre refrattarie.

«L’allarme scatta anche se un autista è stato recentemente sottoposto ad un esame medico che prevede la somministrazione di un liquido di contrasto» ci dicono gli esperti.

Insomma, per finire nel forno insieme al resto del rottame, la fonte radioattiva doveva per forza essere schermata.
Questo non ha impedito ai sensori posizionati lungo tutto il processo produttivo di entrare in funzione e di bloccare tutto quando anche solo una traccia è stata rilevata nei fumi.

I sistemi di controllo insomma, alla IRO come nelle altre acciaierie, sono senza dubbio molto efficaci.  
 

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/07/2018 11:11:00
Scatta il preallarme, forno fermo alla IRO A Odolo un sensore sui fumi segnala la presenza di elementi radioattivi e parte la procedura d’emergenza. Allarme rientrato dopo una notte di preoccupazione

01/08/2010 07:00:00
IRO, sul bilancio il peso della crisi Un esercizio fortemente condizionato dalla difficile congiuntura mondiale: è la sintesi del 2009 per il gruppo Industrie Riunite Odolesi I.R.O. spa di Odolo.

16/09/2018 07:00:00
Fabbrica aperta per i 50 anni di Feralpi Il presidente di Confindustria Boccia, tante autorità e tanta gente per i festeggiamenti del prestigioso traguardo raggiunto del gruppo siderurgico di Lonato con origini odolesi, con l'acciaieria per l'occasione aperta al pubblico


26/03/2016 10:33:00
Leali Steel acquisisce l'impianto di Borgo Valsugana Il gruppo svizzero Klesch, già proprietario dell’ex acciaieria Leali di Odolo, ha acquisito anche l’impianto trentino del gruppo odolese

30/01/2007 00:00:00
Le associazioni odolesi trovano casa Questa è decisamente una stagione di grandi lavori per Odolo. La cittadina è infatti caratterizzata da alcuni interventi su strutture di interesse pubblico, tra le quali vi è la «Casa delle associazioni odolesi».



Altre da Odolo
16/09/2018

Strage di capre

Un gregge in mezzo alla strada, in piena notte, centrato in pieno da un furgone. Scena raccapricciante sulla tangenziale di Odolo (6)

12/09/2018

I 104 di nonna Elena

Oggi, 12 settembre, grandissima festa alla Casa di riposo di Odolo per festeggiare la dolcissima Elena Mabellini, di Sabbio Chiese, che compie la bellezza di 104 anni! (3)

06/09/2018

In scena il meglio della Signora Maria

Acque e Terre Festival questa sera propone sul palcoscenico di Odolo una delle indiscusse beniamine della rassegna, Paola Rizzi con “Tutta colpa del Piero”

05/09/2018

Sbatte contro le rocce e vola via in elicottero

Brutto incidente quello capitato ad uno motociclista di 40 anni che stava viaggiando lungo la 237 del Caffaro, in territorio di Vallio Terme. Qualche pasticcio nei soccorsi
(2)

31/08/2018

Per nonna Pia sono 86

Tantissimi auguri alla signora Pia di Odolo che proprio oggi, venerdì 31 agosto, festeggia il suo 86° compleanno (1)

30/08/2018

Detto, fatto

A Odolo sono arrivato gli 80 mila euro necessari per il ripristino della strada che porta al Monte Ere (1)

25/08/2018

Ex Leali Steel, ok dell'Antitrust ad Acciaierie Venete

Nessuna concentrazione che leda la concorrenza, così il gruppo di Padova supera l’ultimo ostacolo burocratico per l’acquisizione dell’acciaieria di Odolo (1)

20/08/2018

Odolo, un centro industriale

Il paese valsabbino gode di un’economia florida, ma ha per contro alcuni indicatori ambientali piuttosto sfavorevoli

15/08/2018

Aspettando le Memorie di Terra

Sarà come da tradizione quasi interamente dedicata al teatro, la seconda parte di Acque e Terre Festival, che da fine agosto a metà settembre conclude la quattordicesima edizione della rassegna


08/08/2018

Per Marco sono 32

Tanti auguri a Marco Leali, di Odolo, che oggi, 8 agosto, compie 32 anni



Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia