Skin ADV
Giovedì 21 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




19.06.2018 Idro

19.06.2018 Val del Chiese Storo

20.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Idro Vestone Treviso Bs Lavenone Valsabbia

19.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Vobarno Mura Garda

19.06.2018 Vallio Terme

21.06.2018 Mura

20.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Val del Chiese





01 Marzo 2017, 17.16
Muscoline Valtenesi
Ambiente

Discarica abusiva

di red.
Materiale da demolizione, classificabile come rifiuto speciale. E' quanto hanno rinvenuto durante un servizio di controllo del territorio i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Gavardo e Vobarno nel comune di Muscoline

Il deposito incontrollato di rifiuti speciali è stato individuato all'interno di un capannone nella zona artigianale del Comune di Muscoline.
 
I militari, dopo aver proceduto agli accertamenti del caso ed aver quantificato e qualificato i rifiuti presenti, hanno provveduto a sottoporre il capannone e l’area antistante ad un sequestro preventivo.

All’interno dell’edificio sono stati rinvenuti circa 60 metri cubi di rifiuti provenienti da demolizioni edili (laterizi, calcinacci, asfalto, calcestruzzo), nonché 50 metri cubi circa di rifiuti misti derivanti invece da attività edilizia ed idraulica (cartongesso, taniche in plastica e in metallo, imballaggi in plastica, bancali in legno, guaine dismesse di lana di vetro e plastica, una cabina doccia con vasca idromassaggio fuori uso).

Una discarica in piena "regola" insomma.
Il proprietario del capannone è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per "culpa in vigilando", non essendosi preoccupato di evitare che tali reati fossero perpetrati all’interno della sua proprietà. Toccherà a lui smaltire correttamente i rifiuti attualmente presenti nel capannone.

Ovviamenete sono in corso accertamenti che mirano ad individuare gli effettivi autori degli abbandoni.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71248 - 02/03/2017 08:18:44 (griso) Abusiva e incontrollata...
Non mi pare trattasi proprio di discarica abusiva e incontrollata... lo vedo più come un deposito temporaneo custodito e coperto prossimo ad uno smaltimento controllato. Non credo che il titolare avesse intenzione di riempire il suo capannone di materiale di risulta da demolizione edile, meglio indicati come "rifiuti speciali", che non saprei proprio cosa di speciale possano avere...


ID71250 - 02/03/2017 09:25:07 (GGA) Verissimo
concordo con griso, mi pare che questi burocrati stiano anche esagerando e parecchio. Vogliono bloccare chiunque lavori, volgiono bloccare l'italia, a me pare sia questo l'obbiettivo. tempo fa avevano sequestrato alcune aree perche contenevano materiale edile da demolizioni.Pare che chi demolisce si debba mangiare i materiali facendoli sparire subito.Cerchiamo di agevolare e indirizzare chi lavora invece di bloccare... e la penso cosi dappertutto.I nostri burocrati si fanno grossi con queste notizie. bha.....poi ci meravigliamo se le ditte chiudono o delocalizzano all'estero.


ID71253 - 02/03/2017 12:10:54 (Tc) ...
Ci sono leggi che indicano come smaltire i rifiuti da demolizione edilizia e vanno smaltiti secondo le leggi,dove ogni impresa o privato si deve attuare in tal senso,non abbandonarli o se preferiamo 'stoccarli' in un capannone,dove non si sa di chi sara' questo o quello,che solo Dio sa,se verranno realmente smaltiti o lasciati li dentro o peggio ancora gettati a terra da qualche parte...lo smaltimento deve essere fatto con criteri di cernita,separando il riutilizzabile dal non riutilizzabile e questo per legge lo devon fare tutti avvisando poi il proprio comune,del come e dove sara' smaltito...tocca poi ai comuni farsi onere di questi controlli e ben vengano,in troppi fanno come gli pare,altro che fermare l'Italia,se non ci fosse stato il controllo,come sarebbe andata a finire?


ID71261 - 02/03/2017 19:03:32 (r.perini@safgroup.it) Noi
abbiamo totalmente perso la capacit di giudicare le cose giuste da quelle sbagliate. Avvocati, periti, analisi , tempo e tanti tanti soldi per arrivare al nulla. Bastava solo un po' di buonsenso e la cosa si poteva risolvere in due giorni, ora serviranno 7 anni per arrivare alla prescrizione. Bravi !!


ID71277 - 03/03/2017 17:29:36 (elimar63) elimar63
Pazzesco abbiamo persone preposte al controllo che non sono in grado di distinguere una discarica da un deposito di materiale temporaneo, messo al coperto. Solo per il fatto che hanno la divisa si sentono dei padreterni, purtroppo privi di conoscenze e buon senso ed incapaci di ragionare. Bisognerebbe fare pagare a loro i conti dei vari avvocati periti ect, e poi vorrei ricordare a queste persone che sono pagati con i nostri soldi e pertanto dovrebbero agire a tutela della collettività evitando eccessi di zelo solo perchè portano una divisa che neppure si meritano.Vergogna



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/10/2017 17:15:00
Altri bracconieri nella rete dei Forestali Prosegue l’azione di contrasto al bracconaggio, che ha visto impegnati i carabinieri forestali di Vobarno in quel di Brescia e i colleghi di Gavardo a Vallio e Serle

21/11/2017 07:58:00
Nei guai bracconiere di Levrange Posizionava trappole del tipo “Sep” ed è stato sorpreso dai carabinieri forestali di Vestone. In azione ad Agnosine e Roè anche i colleghi di Vobarno

02/09/2017 11:29:00
Forestali valsabbini in azione a Remedello Ancora una volta i Carabinieri Forestali delle Stazioni  di Gavardo, Brescia e Vobarno hanno brillantemente portato a termine una specifica attività finalizzata al contrasto dell’odiosa pratica del bracconaggio che impoverisce la fauna mettendo a rischio la sopravvivenza di numerose specie protette

25/01/2018 07:02:00
Sfasciacarrozze abusivi nei guai Sei le persone denunciate dai carabinieri forestali di Vobarno, in Valle Sabbia e a Carpenedolo. E nei guai sono finiti anche alcuni loro clienti


15/02/2018 07:04:00
Nei guai un anziano di Provaglio Appiccando un fuoco di ripulitura ha rischiato di bruciare il bosco intero. Eventualità scongiurata dall'arrivo dei carabinieri forestali, che hanno spento l'incendio e hanno denunciato l'uomo. Millecento i metri quadri andati in fumo




Altre da Valtenesi
04/06/2018

Premiati due film italiani

L’undicesima edizione si chiude con la vittoria di due pellicole italiane e una grande affluenza di pubblico durante otto giorni all’insegna del cinema sul Lago di Garda

03/06/2018

4° Memorial Ilario Roberti

Si corre con partenza da Nuvolento e arrivo in Piazza don Baldo a Puegnago, la quarta edizione della gara intitolata alla memoria di Ilario Roberti, scomparso prematuramente colpito da leucemia


29/05/2018

Una panchina rossa contro la violenza

Questo sabato, 2 giugno, la presentazione dell’iniziativa che ha visto tre associazioni culturali del territorio unirsi per dire "no" alla violenza sulle donne  (6)

28/05/2018

Per un turismo lento e sostenibile

Sabato 26 maggio, a Padenghe è stato inaugurato il nuovo tratto della passeggiata a lago che collega porto Villa Garuti a Rio Maguzzano

27/05/2018

Yamaha fuori controllo

Avrebbe fatto tutto da solo, perdendo il controllo della motocicletta che è andata a sbattere contro due auto prima di fermarsi (4)

15/05/2018

Rischio sismico, come comportarsi

È in programma questo mercoledì sera a Calvagese della riviera un incontro pubblico con esperti per parlare di terremoti, prevenzione e comportamenti in caso di emergenza

12/05/2018

Il «pensatoio» del Garda

Restiamo sempre incredibilmente affascinati dallo splendido paesaggio della Rocca di Manerba del Garda, dalla sua scogliera a picco sul lago, dalla brulla vegetazione della vetta, e dalla natura che la circonda 

05/05/2018

Litiga in famiglia, lo arrestano per spaccio

I carabinieri intervengono per una lite e poi trovano sostanze stupefacenti. A finire nei guai un 23enne della Valtenesi.



04/05/2018

Presi con le mani nella... legna

Vittima del furto, lo stesso imprenditore vobarnese passato alle cronache a novembre del 2015 per aver esploso colpi di fucile contro i ladri (1)

27/04/2018

Tempo di cambio gomme

C’è tempo fino al 15 maggio per mettere da parte le “invernali” e montare le “estive”.  Non è solo questione di normativa, ma anche di convenienza. Ne abbiamo parlato con Stefano di Scalo Gomme

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia