Skin ADV
Giovedì 23 Maggio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Profumi nella roccia

Profumi nella roccia

di Gianfranco Fenoli



22.05.2019 Valsabbia

21.05.2019 Salò Valtenesi

21.05.2019 Valsabbia Provincia

22.05.2019 Gavardo

22.05.2019 Vobarno

21.05.2019 Roè Volciano Valsabbia

21.05.2019 Odolo

21.05.2019 Vobarno

21.05.2019 Roè Volciano

22.05.2019 Vestone



29 Giugno 2014, 07.32
Mura
Territorio

L'isola di Bongi

di Ubaldo Vallini
Il laghetto artificiale che da quasi un secolo produce energia elettrica con l'acqua del Tovere si sta riempiendo di terra. A rischio anche l'approvvigionamento idrico per gli elicotteri antincendio

Qualcuno l’ha subito battezzata “Isola di Bongi”, in onore al nome dell’omonimo laghetto che la ospita e che per un tratto affianca la “intercomunale” fra Mura Savallo e la Pertica Alta.
Subito il nuovo appezzamento di terreno è stato apprezzato dall’erbetta verde e persino da qualche arbusto, che non ci hanno messo molto ad andare ad abitarlo.

Si sta anche espandendo, tanto che per il prossimo anno, congiungendosi con la riva Nord, potrebbe diventare una penisola. E c’è il rischio che entro un lustro l’Isola di Bongi si possa divorare il lago intero.

Ad Umberto Corsini, che dopo una pausa di cinque anni è tornato ad essere sindaco, abbiamo chiesto se ha già spiegato ai pescatori del paese che il loro laghetto lungo 130 metri presto diverrà un parco per farci il pic-nic.

Scherzi a parte, il problema è noto già da alcuni anni: «Trattasi di laghetto artificiale, creato nel 1918 dalla Società Elettrica Bresciana per alimentare la centrale idroelettrica che c’è a Piani di Mura – ci spiega l’Umberto murense -. Titolare della concessione ora è Enel Green Power, da alcuni anni stiamo chiedendo di svuotare il lago dal fango accumulato e confidiamo di riuscire a risolvere presto il problema, approfittando del fatto che la centrale è ferma per alcuni lavori di manutenzione lungo la condotta forzata che la alimenta».

Il lago di Bongi
è meta di numerosi pescatori, che rischiano sempre più di impigliare la lenza, e di gitanti del fine settimana che approfittano dell’apertura del ristorantino gestito da Mauro Abatti, che col sostegno dei Cavalieri del Garda organizza anche gite a cavallo.

A preoccupare il sindaco, tuttavia, non sono tanto le ripercussioni turistiche, quanto l’ormai manifesta impossibilità di utilizzare il lago per rifornire di acqua la “benna” degli elicotteri antincendio, che troppo spesso sono costretti ad operare in zona senza avere altre possibilità per approvvigionarsi.

«Abbiamo calcolato che ci sono da rimuovere almeno 20 mila metri cubi di materiale che si è depositato nel tempo sul fondo del lago fino a raggiungerne la superficie – aggiunge Corsini -. Il problema, ci dicono dall’Enel, è che quel terreno deve essere sistemato in apposite discariche e si tratta di un’operazione troppo costosa. Un dilemma che si ripresenterebbe allo stesso modo anche con altri bacini alpini dello stesso tipo».

In questo momento, anche a causa del fermo della Centrale, l’acqua del Tovere che alimenta il bacino esce da sopra lo sbarramento.
Normalmente viene convogliata in una condotta interrata lunga 4 chilometri che con una minima pendenza raggiunge le vasche di accumulo sistemate nei pressi della frazione Olsenago.
Di lì parte la condotta forzata che dopo aver “sifonato” un dosso precipita per quattrocento metri di dislivello, alimentando turbine da un milione di KW.
Possibile che ad Enel convenga perdere tutto quanto?

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID46104 - 29/06/2014 09:55:55 (bado68) siamo in italia!!!!
come al solito ci risiamo con la burocrazia italiana,non mi pare che del terreno sceso dalle montagne vada sistemato in apposite discariche.Che poi secondo me' questo e'lo stesso problema che abbiamo anche al lago d'idro,che ci sono delle guerre per un metro piu' o meno di livello (che secondo me non c'entra nulla perch io mi ricordo che da bambino quando il lago era pescosissimo e bello di fronte a casa mia per arrivare alla barca dovevo scendere 20 e piu' metri)e non si prende in considerazione di dragare di nuovo il lago come facevano una volta,


ID46106 - 29/06/2014 10:57:58 (Ernesto)
trarne utili e niente spese!!!!poi quando collassa abbandono totale,,,,,,la politica imprenditoriale degli ultimi 30anni,,,,,,,,,,,,,ecco perch siamo ridotti cosi,,,,,,,


ID46107 - 29/06/2014 11:26:33 (Tc) Ernesto...
Parole da incidere nel marmo...grande Ernesto...


ID46111 - 29/06/2014 13:29:56 (robvi) Sono cose semplici ...
.. che tutti possono capire, tranne evidentemente i nostri amministratori !C'è un laghetto che si riempie di terra che scende dal fiume; cosa si fa quando è pieno (anzi magari un po' prima che si riempia)? Si vuota e tutto torna come prima! Ma in Italia per fare una cosa così semplice, si tirano in ballo mille enti, tutti che chiedono e nessuno che fa ... e come al solito nessuno vorrà pagare.Date a me il lago, la diga e la centrale e pago tutto io !Povera Italia ...


ID46116 - 29/06/2014 15:51:50 (PETER72)
Concordo anch'io con Ernesto, se si vuole la macchina bella non basta comprarla e guidarla, ma bisognerebbe anche poi mantenerla: l'imprenditoria nostrana invece vuole viaggiare continuamente su rombanti e lussuose vetture per poi delegarne ad altri il pagamento del bollo e dei vari tagliandi da fare... L'impresa elettrica infatti ha sfruttato l'invaso per decenni per la produzione di energia e adesso che questo andrebbe svuotato dai detriti del torrente accumulati nel corso degli anni, lo dovrebbe fare invece il comune o qualche altro ente. Come al solito privatizziamo gli utili e socializziamo le perdite... Parlando con amici della Valcamonica comunque, mi raccontavano che questa situazione simile per tutti gli invasi alpini, sfruttati al massimo per decenni, sono tutti ora sottoutilizzati causa l'accumulo di detriti e la loro mancata rimozione


ID46117 - 29/06/2014 16:01:32 (Denis66) ......................
Il terreno in appusite DISCARICHE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!MA scherziamo è terra sabbia e sassi.....vogliono mangiarci ancheli'...Succedera' come tutti i laghi Alpini...I VERDI non vogliono dragare i fondi per recuperare sabbia,che poi viene anche pagata,cosi' poi le acque sono inquinate e gli alvi troppo alti cosi' poi succedono le alluvioni......Caro sindaco faccia un investimento per il suo comune,Prenda la centrale in affitto o in altro modo,cosi' lo gestite e nessuno potra' dire niente.....Dato che fate pagare come altri comuni la raccolta FUNGHI....come se hai comuni costasse qualcosa............


ID46123 - 29/06/2014 18:15:59 (mark) pesca?
sarà meta di numerosi pescatori (quanto numerosi poi non so...) ma lo sconsiglio assolutamente a chi ama pescare. Molto meglio l'Eridio!


ID46144 - 30/06/2014 23:51:35 (pampurio1980) sei un babao
Ma cosa ne sai tu di quanta gente pesca al lago di Bongi ? Se proprio vuoi saperlo siamo piú di 60 pescatori tesserati su una popolazione di circa 800 abitanti, il che non mi pare poco !!!!!!!senza contare tutta la gente che viene da fuori, che quasi ogni fine settimana riempie le sponde del laghetto per pescare rilassandosi in mezzo alla natura. Purtroppo il degrado del lago non dipende solo dalla societa elettrica ma anche la pubblica amministrazione ci ha un po abbandonati. Quest'anno la provincia non ha fatto la semina delle trote prima della apertura stagionale...e nessuno ne conosce il motivo... nemmeno il presidente dei pescatori di mura.


ID46615 - 06/07/2014 15:04:52 (BreBeMissile)
macchè rifiuto speciale... se non ci sono fabbriche e grossi abitati a monte, il fango che ha riempito il bacino artificiale è solo un ottimo fertilizzante!!e comunque basterebbe fare un paio di carotaggi per accertare l'assenza di inquinanti pericolosi negli strati di fango.non facciamoci soffocare dalla burocrazia...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/06/2015 17:54:00
Scontro a Mura Per fortuna nessun danno alle persone, ma un bella botta se la sono data, le due auto entrate in rotta di collisione a Mura Savallo


13/06/2017 09:00:00
Mura Savallo: una donna sul ponte di comando Si chiama Nicola Angiola Flocchini, per tutti Nicoletta, ed è il primo sindaco donna nella storia di Mura Savallo

08/07/2014 16:28:00
Giro della Corna di Savallo Prenderà il via dalla località Paludi a Mura l’escursione in programma nel tardo pomeriggio di questo sabato 12 luglio, organizzata dall’associazione Mura Friends

22/01/2013 09:00:00
A Mura Savallo con le ciaspole Sabato sera la terza edizione della Ciaspolata al chiaro di luna organizzata dall'associazione Mura Friends con partenza e arrivo dalla Pieve di Savallo.

23/10/2015 06:33:00
I 91 della Ninì Tanti auguri a Elisabetta Crescini, di Mura Savallo, che proprio oggi, venedì 23 ottobre, raggiunge la bella età dei 91 anni




Altre da Mura
03/05/2019

Furto di gasolio

Approfittando della chiusura domenicale di una cava a Mura, un 35enne è stato sorpreso mentre stava prelevando del gasolio da una ruspa

11/04/2019

Soggiorno forzato

Brutta avventura quella di un camionista russo che ha provato a risalire lungo la “Strada dei Dossi” col suo bilico Renault

07/04/2019

Le nozze d'oro di Carla e Valeriano

Tantissimi auguri a Carla e Valeriano Ravani di Mura che proprio oggi, domenica 7 aprile, festeggiano 50 anni di matrimonio (1)

16/02/2019

Un film western nel Savallese

Si intitola “Il sangue del cielo” e sarà girato a marzo tra Casto e Mura. Script e regista un giovane cineasta di Briale, studente dell’accademia Laba di Brescia 

30/01/2019

Bando Emblematici provinciali 2018, fondi per la Pieve di Mura

Ci sono anche la parrocchia di S. Maria Assunta e il comune di Mura fra i cinque vincitori del bando 2018 di Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità Bresciana destinato alla valorizzazione e rigenerazione dei beni comuni

30/01/2019

Per venticinque metri, fin nel greto del torrente

Brutta avventura quella di un uomo di Pertica Alta che dopo essere uscito di strada con la sua auto è precipitato per più di venti metri nel greto del torrente sottostante. Non sembrerebbe grave. VIDEO


15/01/2019

Multe per i furbetti del sacchettino

Sono una decina e interesseranno episodi di abbandono rifiuti registrati nelle scorse settimane a Bione, Idro, Mura e Roè Volciano (7)

14/12/2018

Poste rilancia nei piccoli Comuni

Anche una rappresentanza di amministratori valsabbini a Roma per l’incontro di Poste Italiane per presentare nuovi servizi nei Comuni sotto i 5 mila abitanti (2)

01/12/2018

Maternità? Si grazie

La filiale di Vestone di Eurointerim, questo mercoledì, ha consegnato a una mamma di Mura un assegno/premio come incentivo alla natalità per i dipendenti (1)

22/11/2018

Cade da un muretto, poi nella scarpata

Elicottero in azione a Mura, dove un uomo di 64 anni è precipitato mentre lavorava lungo la condotta che porta l’acqua dal lago di Bongi alla centrale dell’Enel. Aggiornamento

(2)

Eventi

<<Maggio 2019>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia