Skin ADV
Martedì 18 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Rododendro nano

Rododendro nano

di Clementino Ferrari



16.06.2019 Villanuova s/C Prevalle

17.06.2019 Garda

16.06.2019 Casto

16.06.2019 Preseglie

17.06.2019 Gavardo Vallio Terme

16.06.2019 Gavardo Valsabbia

17.06.2019 Idro Vobarno Valsabbia

16.06.2019 Preseglie

16.06.2019 Vestone

17.06.2019 Vobarno



02 Febbraio 2019, 06.17

L'opinione

I 47 che sconvolsero l'Europa

di Ernesto Cadenelli
Potrebbe essere il titolo di un film. Invece il riferimento è alla drammatica vicenda dei 47 profughi che per 12 giorni ha tenuto sotto scacco quasi tutti i ministri del Governo italiano e le cancellerie europee

Non fosse perché si è speculato sulla pelle di questi poveretti, ci sarebbe da fare una grande risata.
Ma come! con gli sbarchi ormai vicino allo zero (fonte Salvini), 47 persone da far sbarcare e ridistribuire in Europa rappresentano uno sconquasso sociale, tale da distogliere l’attenzione dai problemi reali a partire dal  preoccupante precipitare della situazione economica?

E c’è bisogno del contemporaneo impiego di più ministri, sul pezzo 24 ore su 24? Non hanno altro cui pensare per il bene degli italiani?
I vice- premier mi ricordano Cip e Ciop dei fumetti. Parecchie persone normali si chiedono come ciò sia pensabile e possibile.

Non vi è alcun dubbio che la indifferenza dell’Europa, sin qui mostrata, pesi negativamente nella gestione di queste terribili situazioni e sull’opinione pubblica.
Però non si può fare contrasto facendo ricadere sulle vittime ulteriori feroci sofferenze, ingaggiando ogni volta bracci di ferro assurdi e inconcludenti.
Il caso poteva e doveva essere risolto con rapidità, lo sbarco e il ricollocamento in Europa, senza alimentare costantemente campagne razziste. 

Provo a dare una mia lettura del perché siamo in questo “cul de sac”.
Innanzitutto Lega e 5 Stelle si sono opposti, votando contro, alla modifica del trattato di Dublino, principale imputato di questa situazione.

Il trattato prevede che gli sbarcati siano a carico del 1° Paese di arrivo (di norma Italia, Grecia, Spagna per ovvie ragioni geografiche).
La successiva ripartizione avviene su adesione volontaria dei singoli Stati.
Perché queste forze politiche hanno votato contro la sua modifica?

L’Europa, così com’è ridotta, non è in grado di fare passi in avanti nella gestione dell’immigrazione come di altre partite, ad esempio politica estera o politica fiscale.
La ragione principale è data dalla resistenza degli Stati Nazionali a cedere parte delle loro competenze all’istituzione comunitaria.
Per capirci sul modello Banca centrale. E il Governo Italiano in fatto di sovranismo è campione.

Non puoi fare il sovranista e poi pretendere solidarietà!
Ma c’è di più: seppur a fatica i Paesi che hanno dato disponibilità all’accoglienza di 47 persone (sic!), alla fine sono stati i soci fondatori dell’Unione.
Gli amici di Salvini dalla Polonia, all’Ungheria, all’Austria, alla Repubblica Ceca, non ne vogliono nemmeno sentir parlare. E costoro dovrebbero essere la nuova frontiera di alleanze future dell’Italia in Europa? L’alleanza dei populisti e sovranisti? Finchè siamo in tempo pensiamoci!

C’è poi la richiesta del Tribunale dei Ministri di poter processare il Ministro dell’Interno per il sequestro degli oltre 150 naufraghi recuperati in mare dalla nave Diciotti cui venne impedito l’attracco per diversi giorni.

Dopo le prime reazioni da bullo, il ministro “Spaccamonti” ha cambiato idea e chiede al Senato di essere salvato. Forse qualcuno gli avrà consigliato di riflettere sui rischi e conseguenze di una tale sfida.
Addirittura siamo arrivati all’assurdo che tutto il Governo vorrebbe autoaccusarsi.

Tutti ci ricordiamo quelle giornate terribili per i profughi e i battibecchi tra ministri 5 Stelle e Lega, gli interventi di buon senso del Presidente della Camera e infine la “moral suasion” del Presidente della Repubblica per una rapida soluzione del caso. Oggi pur di evitare una crisi di Governo intonano il “...vogliamoci bene, eravamo tutti d’accordo...”.

Il fatto è grave perché la Diciotti non è una nave qualsiasi: è una nave della marina militare italiana che ha un equipaggio militare italiano e gli si impedisce di entrare in un porto italiano.
E’ un particolare non da poco.

Oggi si fa girare velina che ci fosse una segnalazione di presenza di terroristi nel gruppo
.
Poco plausibile, visto che lo stesso ministro ha affermato che una volta sbarcati si sono perse le tracce di buona parte dei profughi.
Se fosse vera una cosa simile, verrebbe da chiedersi come facciamo a sentirci sicuri? Pensi che ci siano potenziali terroristi e poi non li segui? Forse è meglio che Salvini svolga un po' più seriamente il  ruolo che occupa e smetta la campagna elettorale permanente.

Questa bufala fa il paio con l’affermazione che nel gruppi dei 47 non c’erano minorenni da sbarcare e poi si è scoperto che erano ben 15.
I 5 Stelle rischiano di andare nel pallone su questa vicenda, Salvini verrà comunque salvato dal centro-destra.

Per la verità si stanno perdendo le tracce anche di coloro che stavano seguendo un percorso di inserimento sociale e lavorativo e che sono stati espulsi e buttati in mezzo alla strada con la chiusura del CARA di Castelnuovo di Porto, la riduzione degli SPRAR e le ulteriori chiusure di centri accoglienza annunciate.
Larga parte di queste persone purtroppo rischiano di tornare a essere invisibili, con tutti gli annessi e connessi che ne possono derivare. Altro che sicurezza per gli italiani.
Pagherà in termini elettorali? Boh!

Avremmo bisogno di un salto di qualità nelle politiche sulla gestione dei fenomeni migratori cominciando a dire con chiarezza e forza che l’Italia e l’Europa, a fronte del calo demografico e conseguente invecchiamento, necessiteranno sempre più di lavoratori giovani.

Per l’Italia, in particolare, serve avviare una politica di governo degli ingressi e dei flussi migratori accompagnata da percorsi certi di formazione, integrazione e avvio al lavoro, superando definitivamente la legislazione vigente ferma ancora al reato di clandestinità che come si può constatare non ha risolto nessun problema né di regolarità, né di sicurezza.

Del resto è l’allarme che viene lanciato dal mondo imprenditoriale, anche valsabbino. 
Usare meno pancia e più testa.


Ernesto Cadenelli
Vobarno febbraio 2019


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID79491 - 02/02/2019 11:01:48 (PETER72) Eccone...
a n'altro!... direbbe Alberto Sordi. Una marea di contraddizioni tutte messe insieme in poche righe tanto per denigrare un po' l'attuale governo gialloverde. La più bella: "l'Italia necessita di lavoratori giovani"; sì, per lasciarli a passare mesi e mesi in alberghi e residence a spese dello Stato come facevano i governi precedenti paladini dell'accoglienza! E poi con la disoccupazione giovanile che c'è in Italia...


ID79494 - 02/02/2019 14:09:42 (Tc) ...
Nell'immediato dopoguerra,dove in un Italia distrutta non v'era nulla,i nostri italiani migravano a spese proprie in paesi dove appena sbarcati li mettevano in quarantena,in baracche fatiscenti e spesso ammassati come bestie in stalla,con stipendi da fame,eppure ce l'han fatta e chissa' perche' ora molti di questi paesi non ne vogliono altri di emigrati...questi baldi giovani,che spesso emigrano da dove guerra non c'e'...gia' si lamentano della location fornita,del cibo loro dato, e perche' non c'e' la copertura wi-fi gratuita per i loro Iphone...allora penso,che ci sara' di cosi difficile da capire???


ID79498 - 02/02/2019 15:26:15 (Jongrapewine)
Non merita risposta ... continuate ardere e a bollire nel vostro ruolo e brodo di perdenti


ID79500 - 02/02/2019 18:14:26 (Jongrapewine)
ps Lo yacht è ancor sotto sequestro ... GRAZIE ZUCCARO AVANTI TUTTA !!


ID79513 - 03/02/2019 18:03:53 (And75) 28 marzo 1997
Il compagno Cadenelli non si ricorda che il suo amico Prodi, quando era presidente del consiglio, dopo aver già attuato il Blocco navale e la chiusura dei porti (decreto legge del 15/3/1997), aveva attuato una severa politica di respingimenti, che prevedeva addirittura l'impiego di navi militari per obbligare i barconi a tornare verso l'Albania... Quel Giorno una motovedetta albanese carica di donne e bambini, la Katër i Radës, fu speronata nel canale d’Otranto dalla Sibilla, una corvetta della Marina militare italiana che ne contrastava il tentativo di approdo sulla costa italiana. Si rovesciò in pochi minuti: morirono 81 persone, ne sopravvissero 32... ABBIA LA DECENZA DI NON VENIRE A FARCI LA MORALE E LE LEZIONI SULLA GESTIONE DELL'IMMOGRAZIONE!


ID79514 - 03/02/2019 18:31:42 (aldosan)
And75. L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati criticò il blocco navale ordinato dal governo Prodi in quanto illegale, essendo stato istituito unicamente attraverso un accordo intergovernativo con l'Albania. Mica erano tutti d'accordo nemmeno allora. Da dove arriva l'idea che non si possa criticare ciò che sta facendo Salvini perchè l'ha fatto anche Prodi?


ID79515 - 03/02/2019 18:41:08 (And75)
Non è questione di critica o meno... è l'atteggiamento di chi ha la memoria corta e vuol dare lezioni agli altri, quando ha fatto peggio! Io non voto Salvini e mi stanno sulle balle i 5 stelle e non sono certo un sostenitore di questo governo, che dovrebbe pensare a problemi più importanti... Ma anche la sinistra dovrebbe incalzarli su altri argomenti invece di pensare a difendere solo i migranti, altrimenti Salvini la prossima volta prende il 40%...


ID79520 - 04/02/2019 09:56:56 (Jongrapewine)
And75 lasciali nel loro brodo tanto ormai contano come il 2 di coppe e a ragionare coi somari si perde tempo e si infastidisce la bestia


ID79521 - 04/02/2019 10:07:54 (aldosan)
Anche io And75 sono convinto che la questione sbarchi venga utilizzata dalla Lega come paravento per nascondere ben altre manchevolezze. Sono però convinto anche che stiamo assistendo ad una deriva autoritaria preoccupante, che incoraggia frange estremiste come lo sono gli ultras da stadio (Jongrapewine qui sopra ne è un esempio autorevole) che non perdono tempo a ribadire quanto siano forti loro che sono tanti. A discutere nel merito delle questioni non ci provano nemmeno perchè a loro non interessa: seguono il "capitano" ad ogni peto solo perchè da bullo nazionalpopolare ha sdoganato anche la loro imbecillità. E intanto passano come corrette azioni di tipo squadrista che con la volontà di risolvere i problemi non c'entrano niente. La risposta qual è? Prima era peggio? Mala tempora currunt.


ID79524 - 04/02/2019 10:31:44 (bernardofreddi)
"Governo degli ingressi" è la parola chiave. Ma gli ingressi si governano anche respingendo chi non ha diritto ad entrare e magari espellendo (sul serio) chi delinque. Sono d'accordo con il sign. Cadenelli che l'Italia ha bisogno di LAVORATORI: prendiamoli e teniamoceli stretti, ma SOLO LORO e le loro famiglie. E piantiamola di dare dei razzisti a tutti quelli che si preoccupano per l'immigrazione, coma fa la destra che chiama comunisti tutti quelli che si azzardano a parlare di giustizia sociale.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/04/2013 19:44:00
La squadra di ministri del governo Letta Nel tardo pomeriggio di ieri il Presidente del Consiglio Enrico Letta ha sciolto la riserva e comunicato la nuova squadra di Ministri della Repubblica che si appresta a guidare il Paese: 21 ministri (8 senza portafoglio) di cui ben 7 donne

13/01/2017 10:00:00
Anfo attende Nonostante le ripetute promesse al sindaco di Anfo i profughi al Tre Casali ci sono ancora tutti. Smentite invece le voci che indicavano 18 nuovi arrivi in quel di Vobarno

18/08/2016 10:07:00
L’Europa che funziona: il programma Erasmus+ Europa sì, Europa no... Stiamo attenti a non buttare, insieme all'acqua sporca, anche certi bimbetti che invece devono essere incentivati


18/05/2018 08:00:00
Chi governa? Sembra si sia arrivati alla stretta finale. A breve sapremo se il governo Lega - M5s andrà in porto… 

18/11/2011 08:00:00
Il nuovo Governo Monti Dopo il giuramento di mercoledì 16 novembre al Quirinale il nuovo governo italiano è ormai formato: presidente del Consiglio Mario Monti, 12 ministri con portafoglio e 5 senza portafoglio.



Altre da Politica e Territorio
18/06/2019

Armani presenta la squadra

Varata la giunta, il nuovo primo cittadino di Idro presenta i progetti principali da realizzare, cominciando da quelli già appaltati ereditati dalla precedente amministrazione


17/06/2019

Caseificio: approvato il bilancio 2018

Nelle scorse settimane, l’Assemblea del Caseificio Sociale Valsabbino di Sabbio Chiese ha approvato l’esercizio 2018. VIDEO


14/06/2019

In battello sull'Eridio

Questo sabato, 15 giugno, riprendono le corse del battello Idra che permette di navigare sul lago d’Idro facendo tappa nelle località più suggestive. Tre le corse giornaliere previste, che a breve diventeranno quattro 

14/06/2019

La voce gavardese del PD

Il Circolo del Partito Democratico di Gavardo picchia duro sul ruolo fin qui avuto nella partita del depuratore gardesano dal presidente della Provincia: "Arrogante e inadempiente, è ora che se ne vada".
(7)

14/06/2019

E la Regione?

«Chi ha rappresentato Regione Lombardia in occasione del vertice romano sulla depurazione del Garda?». Se lo chiede il Consigliere Gianantonio Girelli, che nel merito ha presentato un'interrogazione


13/06/2019

Grandi, nel segno della continuità

Forte della riconferma per il secondo mandato, il primo cittadino di Capovalle riparte riconfermando l’intera giunta e con il proseguo dei progetti già avviati

13/06/2019

Primo consiglio comunale per il sindaco Benedetti

Martedì scorso il giuramento in Municipio e l’assegnazione di ruoli e deleghe. Priorità a idee e progetti dei giovani per animare il paese 

12/06/2019

Paitone riparte con Alberto Maestri

Nella prima seduta consiliare della nuova Amministrazione il giuramento del neosindaco, l’assegnazione delle deleghe e la definizione delle priorità del mandato

11/06/2019

Un anno e mezzo in Fondazione

Il Consiglio d'amministrazione della Irene Rubini Falck, con le Amministrative, è giunto alla sua naturale scadenza. Con il presidente Formisano ed il vice Cobelli, abbiamo fatto il punto


11/06/2019

Le priorità del sindaco Aristo

Diritto allo studio e viabilità fra i primi impegni della nuova amministrazione targata “Insieme per Preseglie”

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia