Skin ADV
Martedì 18 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Rododendro nano

Rododendro nano

di Clementino Ferrari



16.06.2019 Villanuova s/C Prevalle

17.06.2019 Garda

16.06.2019 Casto

16.06.2019 Preseglie

17.06.2019 Gavardo Vallio Terme

16.06.2019 Gavardo Valsabbia

17.06.2019 Idro Vobarno Valsabbia

16.06.2019 Preseglie

16.06.2019 Vestone

17.06.2019 Vobarno



06 Febbraio 2019, 17.39

L'opinione

Decreto «insicurezza»: la questione migrante

di Valsabbin* Refrattar*
«Con questo terzo intervento continuiamo l’analisi delle norme contenute nel decreto sicurezza, approvato lo scorso dicembre, soffermandoci su quell’aspetto di “lotta all’immigrazione” in esso contenuto»...

(qui il primo articolo)
(qui il secondo articolo)

Le norme prese in considerazione in questo articolo sono quelle contenute nel titolo I: “Disposizioni in materia di rilascio di speciali permessi di soggiorno temporanei”. 
Questa sezione si sviluppa in una ventina di capitoli, con l’intento di normare l’accesso, il concentramento, la selezione, e la messa a lavoro della manodopera migrante sul territorio nazionale.

L’analisi è assai complessa e richiederebbe molto spazio, cercheremo quindi di analizzare le situazioni dove è più evidente la contraddizione tra la propaganda con cui è ammantato questo decreto e la realtà normativa e sociale.

Lo facciamo partendo dall’articolo 2
“Prolungamento della durata massima del trattenimento dello straniero nei centri di permanenza per il rimpatrio e disposizioni per la realizzazione dei medesimi centri” dove vengono definite le modalità per la costruzione di quelli che possono essere definiti campi di concentramento, non meno brutali di quelli costruiti in Libia conseguenti agli accordi tra l’allora ministro degli esteri Minniti (Pd) e i vari clan libici. 

In questi campi verranno rinchiusi i migranti al fine di selezionarli come forza-lavoro, o di espellerli incrementando così anche i profitti della macchina delle espulsioni.
Citiamo testualmente: “Al fine di assicurare la tempestiva esecuzione dei lavori per la costruzione, il completamento, l’adeguamento e la ristrutturazione dei centri (...), per un periodo non superiore a tre anni (…) è autorizzato il ricorso alla procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara”.

La solita Italia del malaffare dell’emergenza utile solo per fare profitto.

Viene inoltre prolungata la detenzione delle persone in attesa di espulsione, da 90 a 180 giorni, gran bel regalo per le cooperative ed i consorzi che si sono o che si aggiudicheranno gli appalti, ed ennesima menzogna di chi millanta di volere espellere tutti gli “irregolari” in tempi brevissimi.

Continuiamo poi con l’articolo 6, che tratta l’incremento dei fondi per finanziare il giro d’affari dei rimpatri.
Anche qui citiamo testualmente: “Al fine di potenziare le misure di rimpatrio, il Fondo (…) è incrementato di 500.000 euro per il 2018, di 150.0000 euro per il 2019, e di 150.0000 euro per il 2020”.

Senza entrare nel merito del concetto di rimpatrio ricordiamo solo che chi con una mano utilizza soldi pubblici per rimpatriare persone è lo stesso che con l’altra si è intascato 49 milioni di euro illecitamente e non si è nemmeno costituito parte civile nel processo ai ladroni, rendendosi così corresponsabile del furto.
Quantomeno dubbia la sua posizione.

Da bambini ci hanno insegnato che è ladro chi ruba o tiene il sacco aperto ma anche chi si gira dall’altra parte per non vedere.

Se analizziamo l’affare che sta dietro al meccanismo delle espulsioni
, i rimpatri prevedono costi e procedure onerosi il cui costo medio si aggira attorno ai 6.000 euro a persona e rileviamo che, nel 2017, lo Stato ha realizzato 7.000 rimpatri a fronte dei 32.000 previsti.

Dopo il “decreto sicurezza”, 40.000 persone verranno espulse dai centri di “accoglienza” senza essere rimpatriati e senza documenti per lavorare entrando di fatto in una situazione di “clandestinità” (cifra che sarà destinata ad aumentare con il ridimensionamento della “seconda accoglienza”).
Ci rendiamo così conto di quanta ipocrisia ci sia dietro ai discorsi della propaganda ufficiale e di come i problemi non vengano risolti e di come queste norme andranno solo ad aumentare il disagio sociale.

A partire dal capitolo 18, vengono articolati i nuovi permessi di soggiorno, con l’introduzione di cinque nuovi tipi: per protezione speciale, per calamità, per cure mediche, per atti di particolare valore civile e per casi speciali.

Tutti questi permessi sono caratterizzati
dalla revoca di alcune misere tutele che erano garantite in precedenza, come l’impossibilità di accedere al servizio sanitario o alla difesa legale gratuita, fino ad arrivare alla riduzione del tempo di permanenza sul territorio nazionale.

L’intento è quello di trasformare il “profugo umanitario” in un migrante economico e come tale sfruttabile, con permessi di soggiorno sempre più precari e con tempistiche di permanenza legate alle esigenze dell’economia nazionale.

I cosiddetti “centri di seconda accoglienza” (SPRAR) ora potranno “accogliere” o solo minori non accompagnati (quindi le famiglie saranno deportate nei CPR centri di permanenza per il rimpatrio) o chi ha già ricevuto una delle tipologie di permesso di soggiorno temporaneo.

I cosiddetti “richiedenti asilo” verranno concentrati nei vecchi e nei nuovi CPR diffusi su tutto il territorio nazionale, un vero e proprio arcipelago di lager dove concentrare manodopera a disposizione di Stato ed imprenditori che lucrano sull’accoglienza, togliendoli dalla vista.
Lo stato spenderà quindi soldi per la loro detezione anziché investirli in progetti di inserimento in cui lavorerebbe la gioventù formata italiana.

Alla faccia dei modelli virtuosi di accoglienza diffusa.

Ciò che è sicuro e che balza immediatamente all’occhio, è il regalo ulteriore fatto agli imprenditori italiani per avere a disposizione subito una grande massa di potenziali schiavi iper-ricattabili e che si dibattono in condizioni di sopravvivenza disumane.
La classe imprenditoriale e terra tenente ricava profitto dallo sfruttamento della manodopera “clandestina” una media di 12,7 miliardi all’anno; nel mezzogiorno d’Italia “clandestino” è un lavoratore straniero su tre.

Negli ultimi anni, a causa degli accordi stipulati dall'UE con i governi di paesi che si affacciano sul Mediterraneo (Libia, Tunisia, Marocco, Egitto e Algeria e paesi di transito come il Niger), oltre che attraverso protocolli d'intesa tra le polizie, il controllo delle frontiere esterne funziona sempre meglio, con un calo degli sbarchi pari a -87,12% rispetto al 2016 e -80,42% rispetto al 2017 (dati del ministero dell'interno dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018).

Guardando alla stretta sull’accoglienza, vediamo la diminuzione del finanziamento pro capite che passa dal tetto massimo dei 35€ a cifre che vanno dai 19 ai 26 € (il coupon giornaliero che arriva al migrante è di 2,50€, quando le cooperative rispettano le regole) e che comporta sempre meno servizi formativi ai migranti.

Con le nuove regole di accesso alle strutture d’accoglienza, si prediligeranno i grossi centri (Cas centri accoglienza straordinaria e Cara centri accoglienza per i richiedenti asilo) con una rimessa in discussione del (comunque poco utilizzato) sistema Sprar.

Vediamo come sia chiaro l’intento di non mettere “in sicurezza” la questione immigrazione ma anzi l’intento è quello di sregolare la gestione creando un migrante non istruito, a cui non viene insegnata una lingua, che non viene inserito in alcun percorso lavorativo, sempre più precario, insicuro e ricattabile.
Spinto a delinquere per sopravvivere tornerà così utile al gioco politico messo in piedi

Abbiamo voluto chiamare questo articolo “questione migrante” con un chiaro riferimento alla tristemente nota questione ebraica.

Allora gli ebrei furono additati come anti patrioti, ladri e accusati di qualsiasi problema; per loro la propaganda portò all’approvazione delle norme che dapprima li isolarono e poi li eliminarono, norme speciali che furono pensate anche per le altre fasce o segmenti della società come per gli asociali, gli oppositori politici, i portatori di handicap, gli omosessuali insomma tutti i “diversi“.

Oggi sappiamo come è andata, sappiamo quanta sofferenza c’è stata e sappiamo chi è stato sconfitto e come è stato sconfitto.

Sappiamo quanto disprezzo prova il potere per i poveri e come se ne serve per dividere la società potendo prosperare e fare affari impunemente.

Oggi le nostre armi vogliono essere una penna, una tastiera e un cervello pensante.

Non spegnete il cervello, non fatevi fregare dalla sicurezza, perché la storia ci insegna che le prime vittime della sicurezza sono i poveri e le nostre libertà.

Valsabbin* Refrattar*

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID79541 - 06/02/2019 19:46:29 (Jongrapewine)
ahahahahaha


ID79542 - 06/02/2019 19:52:07 (And75)
Ma sì... buttatela sempre sul nazismo e sugli ebrei, che otterrete consenso! Basta strumentalizzazioni! Questo non è il Governo che avrei voluto, non li ho votati e non li voterò, ma a forza di leggere tutte queste "analisi" di parte, mi cominciano a stare simpatici...


ID79543 - 06/02/2019 21:00:39 (Tc) ...infatti...
pur tentando di non fare un ragionamento di pancia,ma il piu' coerente possibile,non riesco a capire che caspita centra la storia degli ebrei con tutto questo,ma non ci azzecca proprio per niente,quando si vuol mettere troppe cose sotto la lente,si finisce col farsi sfuggire sempre qualcosa che forse meglio nemmeno dire...


ID79544 - 06/02/2019 21:31:58 (PETER72) Va be'...
Speriamo che cada presto questo governo a trazione gialloverde così poi si potrà costruire una bella TAV sotto il Mar Ionio e tutti quelli che vorranno venire in Italia troveranno immediata accogliente ospitalità.... Sogna, Sogna Valsabbino Refrattario!


ID79545 - 06/02/2019 22:17:00 (Jongrapewine)
valsabin refratar ahahahahaha


ID79546 - 07/02/2019 08:22:18 (andrea.ira.z) andrea.ira
se non riuscite a fare il collegamento dovreste iniziare a dubitare delle vostre capacita logiche.


ID79547 - 07/02/2019 08:59:55 (Jongrapewine)
da che pulpito ciò


ID79549 - 07/02/2019 11:03:11 (DiegoA) Parlano di soldi
Sentir parlare di soldi da chi ha dato 20.000.000.000 di euro per salvare le banche rosse e 90.000.000.000 di euro condonati per le slot fa solo e unicamente ridere. Abbiate almeno un po' di decenza.


ID79550 - 07/02/2019 11:26:36 (Cipi2)
sul duiscorso slot dia una letta a questa inchiestahttps://www.fanpage.it/la-vera-storia-dei-98-miliardi-di-euro-condonati-ai-signori-delle-slot-machine/sul discorso banche concordo che sia una vergogna e ricordo la bella vicenda nostrana di credieuronord.


ID79551 - 07/02/2019 11:31:02 (Cipi2)
ladroni a casa nostra.


ID79552 - 07/02/2019 12:22:02 (Tc) andrea.ira.z
fossi in te dubiterei del contrario...ma veramente pero'...;-)


ID79555 - 07/02/2019 19:19:46 (VENTONORD11) Imbarazzante
Noto che la maggior parte dei commenti all'articolo , sono veramente imbarazzanti , denotando una profonda ignoranza ed una bassissima cultura.Si puo' essere contrari a quanto esposto nell' articolo , che e' almeno scritto in italiano corretto e con una sua logica. I commenti sembrano scritti da persone semi-analfabete , in un italiano raffazzonato , mettendo tutto o sull' insulto o sulla rissa da Bar Sport.


ID79556 - 07/02/2019 19:45:07 (Cicciotiracca)
Te ghe riat chèl che 'lga fat le scœle alte!


ID79557 - 07/02/2019 20:12:29 (Jongrapewine)
A mi son alfabeta e scapa da ridderre cuando cuesti aCULturatti scrivvono cueste barselette a puntate


ID79558 - 07/02/2019 20:41:16 (Cicciotiracca)
Io scherzavo.


ID79559 - 07/02/2019 21:00:20 (VENTONORD11) CONFERMA
Quinta elementare ? Forse anche terza media.Non oltreIl giornale consigliato e' la Gazzetta dello sport.Il piu' letto in Italia , e conferma che grande cultura che ha il nostro popolo.Libri ? Direi nessunoMeglio che si parli di calcio


ID79560 - 07/02/2019 21:20:05 (Tc) ventodelnord11
nella mia totale ignoranza,gli unici libri che leggo, sarebbero gia' complicati dalla sola copertina per molti...ora mi sto addentrando nella monografia della revisione degli Sphodrinae mondiali...un lavoraccio...e' comunque un modo per acculturarsi,cosi,tanto per far capire che anche se mi son fermato alle medie,non sto di certo fermo ''a pettinar le zebre''... :-D


ID79561 - 08/02/2019 01:19:21 (VENTONORD11) conferma
In effetti hai ragione molti italiani sono diventati ormai peggio degli scarafaggi. Infatti votando con le zampe , guarda chi hanno votato. Persone rozze , volgari e sicuramente molto incapaci per non dire di peggio.


ID79562 - 08/02/2019 01:33:33 (Tc) ventodelnord11
fortuna che c'e' Internet che da una mano...;-)


ID80031 - 19/03/2019 09:38:25 (Cipi2) perchè
perchè è la conseguenza di politiche repressive e securitarie. se vuole farsi un'idea è stato trattato in 3 articoli su questo giornale.http://www.vallesabbianews.it/index.php?idn=1



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2019 08:42:00
Decreto insicurezza, pronti via! Neanche il tempo di terminare le riflessioni sul tema e sono subito arrivati i primi effetti nefasti del decreto n. 113 il cosiddetto "decreto sicurezza" approvato lo scorso 5 ottobre e analizzato in tre articoli su questo giornale

13/05/2011 08:43:00
Decreto Sviluppo: l’INU “boccia” il decreto L’Istituto Nazionale di Urbanistica esprime preoccupazione per alcune norme contenute nel Decreto approvato dal Consiglio dei Ministri il 5 maggio 2011

31/01/2019 07:30:00
Decreto sicurezza: caccia al povero Tre articoli con l’intenzione di smontare pezzo per pezzo «l’alone propagandistico che circonda il “Decreto sicurezza”. Ce li manda il “gruppo di discussione Valsabbin* Refrattar*”. Pubblichiamo il secondo

25/01/2019 07:17:00
Decreto «insicurezza» Tre articoli con l’intenzione di smontare pezzo per pezzo «l’alone propagandistico che circonda il “Decreto sicurezza”. Ce li manda il “gruppo di discussione Valsabbin* Refrattar*”. Pubblichiamo il primo

19/04/2017 14:48:00
Il Decreto Minniti è una soluzione? Negli scorsi giorni il Parlamento ha dato il primo via libera al Decreto Minniti sull’immigrazione. Il provvedimento intende rispondere a delle esplicite richieste della Commissione europea di un’azione più efficace sui rimpatri e nella gestione dei richiedenti asilo



Altre da Politica e Territorio
18/06/2019

Armani presenta la squadra

Varata la giunta, il nuovo primo cittadino di Idro presenta i progetti principali da realizzare, cominciando da quelli già appaltati ereditati dalla precedente amministrazione


17/06/2019

Caseificio: approvato il bilancio 2018

Nelle scorse settimane, l’Assemblea del Caseificio Sociale Valsabbino di Sabbio Chiese ha approvato l’esercizio 2018. VIDEO


14/06/2019

In battello sull'Eridio

Questo sabato, 15 giugno, riprendono le corse del battello Idra che permette di navigare sul lago d’Idro facendo tappa nelle località più suggestive. Tre le corse giornaliere previste, che a breve diventeranno quattro 

14/06/2019

La voce gavardese del PD

Il Circolo del Partito Democratico di Gavardo picchia duro sul ruolo fin qui avuto nella partita del depuratore gardesano dal presidente della Provincia: "Arrogante e inadempiente, è ora che se ne vada".
(7)

14/06/2019

E la Regione?

«Chi ha rappresentato Regione Lombardia in occasione del vertice romano sulla depurazione del Garda?». Se lo chiede il Consigliere Gianantonio Girelli, che nel merito ha presentato un'interrogazione


13/06/2019

Grandi, nel segno della continuità

Forte della riconferma per il secondo mandato, il primo cittadino di Capovalle riparte riconfermando l’intera giunta e con il proseguo dei progetti già avviati

13/06/2019

Primo consiglio comunale per il sindaco Benedetti

Martedì scorso il giuramento in Municipio e l’assegnazione di ruoli e deleghe. Priorità a idee e progetti dei giovani per animare il paese 

12/06/2019

Paitone riparte con Alberto Maestri

Nella prima seduta consiliare della nuova Amministrazione il giuramento del neosindaco, l’assegnazione delle deleghe e la definizione delle priorità del mandato

11/06/2019

Un anno e mezzo in Fondazione

Il Consiglio d'amministrazione della Irene Rubini Falck, con le Amministrative, è giunto alla sua naturale scadenza. Con il presidente Formisano ed il vice Cobelli, abbiamo fatto il punto


11/06/2019

Le priorità del sindaco Aristo

Diritto allo studio e viabilità fra i primi impegni della nuova amministrazione targata “Insieme per Preseglie”

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia