Skin ADV
Mercoledì 26 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Spezie di Bukara

Spezie di Bukara

by Miriam



24.09.2018 Anfo

26.09.2018 Gavardo

24.09.2018 Vobarno Roè Volciano

25.09.2018 Val del Chiese

24.09.2018 Barghe

26.09.2018 Valsabbia

25.09.2018 Serle Provincia

25.09.2018 Bione Agnosine Odolo Preseglie

25.09.2018 Gavardo

26.09.2018 Casto






04 Luglio 2018, 17.53

Lettere

Appello di padre Alex Zanotelli ai giornalisti italiani

di Alex Zanotelli
Pubblichiamo volentieri un appello indirizzato ai giornalisti italiani da padre Alex Zanotelli, trentino d'origine, missionario comboniano

«Rompiamo il silenzio sull’Africa.
Non vi chiedo atti eroici, ma solo di tentare di far passare ogni giorno qualche notizia per aiutare il popolo italiano a capire i drammi che tanti popoli africani stanno vivendo

Scusatemi se mi rivolgo a voi in questa torrida estate, ma è la crescente sofferenza dei più poveri ed emarginati che mi spinge a farlo. Per questo, come missionario e giornalista, uso la penna per far sentire il loro grido, un grido che trova sempre meno spazio nei mass-media italiani, come in quelli di tutto il modo del resto.

Trovo infatti la maggior parte dei nostri media, sia cartacei che televisivi, così provinciali, così superficiali, così ben integrati nel mercato globale.

So che i mass-media , purtroppo, sono nelle mani dei potenti gruppi economico-finanziari, per cui ognuno di voi ha ben poche possibilità di scrivere quello che veramente sta accadendo in Africa.

Mi appello a voi giornalisti/e perché abbiate il coraggio di rompere l’omertà del silenzio mediatico che grava soprattutto sull’Africa.

È inaccettabile per me il silenzio sulla drammatica situazione nel Sud Sudan (il più giovane stato dell’Africa) ingarbugliato in una paurosa guerra civile che ha già causato almeno trecentomila morti e milioni di persone in fuga.

È inaccettabile il silenzio sul Sudan, retto da un regime dittatoriale in guerra contro il popolo sui monti del Kordofan, i Nuba, il popolo martire dell’Africa e contro le etnie del Darfur.

È inaccettabile il silenzio sulla Somalia in guerra civile da oltre trent’anni con milioni di rifugiati interni ed esterni.

È inaccettabile il silenzio sull’Eritrea, retta da uno dei regimi più oppressivi al mondo, con centinaia di migliaia di giovani in fuga verso l’Europa.

È inaccettabile il silenzio sul Centrafrica che continua ad essere dilaniato da una guerra civile che non sembra finire mai.

È inaccettabile il silenzio sulla grave situazione della zona saheliana dal Ciad al Mali dove i potenti gruppi jihadisti potrebbero costituirsi in un nuovo Califfato dell’Africa nera.

È inaccettabile il silenzio sulla situazione caotica in Libia dov’è in atto uno scontro di tutti contro tutti, causato da quella nostra maledetta guerra contro Gheddafi.

È inaccettabile il silenzio su quanto avviene nel cuore dell’Africa , soprattutto in Congo, da dove arrivano i nostri minerali più preziosi.

È inaccettabile il silenzio su trenta milioni di persone a rischio fame in Etiopia, Somalia , Sud Sudan, nord del Kenya e attorno al Lago Ciad, la peggior crisi alimentare degli ultimi 50 anni secondo l’ONU.

È inaccettabile il silenzio sui cambiamenti climatici in Africa che rischia a fine secolo di avere tre quarti del suo territorio non abitabile.

È inaccettabile il silenzio sulla vendita italiana di armi pesanti e leggere a questi paesi che non fanno che incrementare guerre sempre più feroci da cui sono costretti a fuggire milioni di profughi. (Lo scorso anno l’Italia ha esportato armi per un valore di 14 miliardi di euro!).

Non conoscendo tutto questo è chiaro che il popolo italiano non può capire perché così tanta gente stia fuggendo dalle loro terre rischiando la propria vita per arrivare da noi.

Questo crea la paranoia dell’“invasione”, furbescamente alimentata anche da partiti xenofobi.

Questo forza i governi europei a tentare di bloccare i migranti provenienti dal continente nero con l’Africa Compact , contratti fatti con i governi africani per bloccare i migranti.

Ma i disperati della storia nessuno li fermerà.

Questa non è una questione emergenziale, ma strutturale al sistema economico-finanziario. L’ONU si aspetta già entro il 2050 circa cinquanta milioni di profughi climatici solo dall’Africa. Ed ora i nostri politici gridano: «Aiutiamoli a casa loro», dopo che per secoli li abbiamo saccheggiati e continuiamo a farlo con una politica economica che va a beneficio delle nostre banche e delle nostre imprese, dall’ENI a Finmeccanica.

E così ci troviamo con un Mare Nostrum che è diventato Cimiterium Nostrum dove sono naufragati decine di migliaia di profughi e con loro sta naufragando anche l’Europa come patria dei diritti. Davanti a tutto questo non possiamo rimane in silenzio. (I nostri nipoti non diranno forse quello che noi oggi diciamo dei nazisti?).

Per questo vi prego di rompere questo silenzio-stampa sull’Africa, forzando i vostri media a parlarne. Per realizzare questo, non sarebbe possibile una lettera firmata da migliaia di voi da inviare alla Commissione di Sorveglianza della RAI e alla grandi testate nazionali? E se fosse proprio la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI) a fare questo gesto? Non potrebbe essere questo un’Africa Compact giornalistico, molto più utile al Continente che non i vari Trattati firmati dai governi per bloccare i migranti?

Non possiamo rimanere in silenzio davanti a un’altra Shoah che si sta svolgendo sotto i nostri occhi.
Diamoci tutti/e da fare perché si rompa questo maledetto silenzio sull’Africa.

*Alex Zanotelli è missionario italiano della comunità dei Comboniani, profondo conoscitore dell'Africa e direttore della rivista Mosaico di Pace

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/11/2009 12:00:00
«Maledetti voi» Padre Alex Zanotelli prende posizione contro chi ha votato per la privatizzazione dell'acqua. Lo fa con un appello generale alla mobilitazione.

21/04/2011 12:00:00
I poveri non ci lasceranno dormire In questo libro il grido di Alex Zanotelli sale lucido e chiaro: "Smettiamola di dire che non possiamo fare nulla per cambiare le cose!".

28/06/2013 07:00:00
A padre Zanotelli il premio Passione Civile Trabucchi d'Illasi Domenica 30 giugno, nella cornice di Villa Trabucchi, la consegna al missionario Comboniano del premio gemellato con Musica da Bere

08/09/2010 13:00:00
Alex, un sabbiense in nazionale Dopo aver incassato il titolo italiano e la Coppa Italia con il Sabbio Chiese, Alex Bianchi è stato convocato in nazionale.

09/03/2015 11:00:00
Padre Giuseppe Vaglia Come il destino riserva delle piacevoli sorprese anche nei momenti più tristi



Altre da Politica e Territorio
26/09/2018

«Servono riposte certe»

Legionella, Girelli (PD): “Regione crei una task force per accertare le cause e prevenire situazioni simili" (2)

26/09/2018

Il contributo del Comitato

A sostegno dell'attività didattica si schiera da sempre il Comitato genitori. Quello vobarnese è particolarmente propositivo ed ha avuto un ruolo determinante nel tessere i rapporti fra la scuola e Valsir. Così si esprime


26/09/2018

Il ringraziamento del sindaco

Fra i presenti alla cerimonia di consegna delle Lim vobarnesi, anche il sindaco di Vobarno Beppe Lancini. Riportiamo integralmente il suo messaggio


26/09/2018

Tredici Lim per le Elementari di Vobarno

Impegnata nel suo bilancio di sostenibilità, Valsir dona strumenti multimediali per 25 mila euro anche ai bimbi vobarnesi

26/09/2018

Dal progetto «GenerAzioni» la Carta della Buona Convivenza

Saranno presentati al pubblico questo giovedì sera i risultati della ricerca condotta a Vobarno che ha coinvolto enti, associazioni e terzo settore per un nuovo progetto di convivenza comune

25/09/2018

Aperta la nuova circovallazione

Dalle 16 di questo lunedì 24 settembre è possibile transitare lungo il nuovo viadotto-galleria, realizzato lungo la statale 237 del Caffaro tra Cologna e il bivio per la Valdaone (5)

25/09/2018

L'acqua che unisce

Appuntamento questo martedì sera a Idro con gli Amici della Terra e la consueta pubblica conferenza, per fare il punto sull’azione di salvaguardia del lago d’Idro e del fiume Chiese

23/09/2018

Nuova mensa per la primaria

È luminosa e colorata la nuova mensa scolastica che ha accolto all’inizio del nuovo anno scolastico gli alunni della primaria di Villanuova sul Clisi (1)

23/09/2018

Fonderie Mora, «Intervenga il commissario»

Cittadini e associazioni ambientaliste hanno inoltrato una lettera al commissario prefettizio per richiedere un incontro urgente sulla situazione ambientale relativa alla fabbrica gavardese (5)

22/09/2018

Percorsi di crescita con «Semplicemente Open»

Tante le proposte rivolte ai ragazzi della Scuola Secondaria di I grado “G. Verga” di Prevalle dell’iniziativa di “Scuola Aperta” messa in campo dall’Amministrazione Comunale e dall’Istituto comprensivo

Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia