Skin ADV
Lunedì 22 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








20.04.2019

20.04.2019 Idro Vallio Terme

20.04.2019

21.04.2019 Bagolino

20.04.2019 Garda

20.04.2019 Val del Chiese Storo

20.04.2019 Anfo

21.04.2019

21.04.2019 Villanuova s/C Valsabbia

21.04.2019 Vobarno






27 Novembre 2018, 06.37
Lavenone Valsabbia
Viabilità

«Se tutto va bene»

di Ubaldo Vallini
Lentamente, comunque facendo dei passi in avanti di mese in mese, procede l'iter per la realizzazione della Variante di Lavenone. Se tutto va bene, i lavori prenderanno il via entro il 2019

Se tutto va bene, il 2019 potrebbe essere l’anno buono per vedere le ruspe al lavoro nel realizzare la Variante alla 237 del Caffaro, nel tratto fra Vestone Nord e Idro.

«Se tutto va bene», mette le mani avanti Giovanmaria Flocchini, il presidente della Comunità montana, al quale abbiamo chiesto se a riguardo ci sono delle novità.

Infatti, se è risaputo che i tempi per realizzare opere pubbliche sono terribilmente lunghi, quelli che dovrebbero portare alla costruzione dei pochi chilometri di strada che permetteranno di bypassare Lavenone appaiono eterni.

Dopo il biennio 2016-17 trascorso da parte della Provincia di Brescia a valutare appalti e ad attendere gli esiti dei ricorsi sulla loro assegnazione, sembrava che il 2018 potesse essere l’anno buono per vedere le prime ruspe in azione.

Invece, anche dopo il pronunciamento dei giudici e l’assegnazione in via definitiva dei lavori al raggruppamento di imprese (Rti) formato dalla capofila Cooperativa Muratori e Cementisti di Ravenna e dalla Giudici Spa, non tutto è filato liscio.

«Regione Lombardia, per potersi pronunciare con un parere sulla Valutazione di impatto ambientale, ha chiesto alla Provincia di Brescia alcune integrazioni sul progetto definitivo e quest’ultima a sua volta ha voluto del tempo in proroga per poterlo fare - ci dice Flocchini, che dalla Comunità montana segue l’iter passo passo -. Una volta che la Regione avrà detto la sua, toccherà alla CMC di Ravenna, nel giro di qualche mese, predisporre un progetto esecutivo e dare l’avvio ai lavori.
Insomma, in estate del prossimo anno dovremmo essere in dirittura d’arrivo e cominciare a fare i conti coi tre anni di tempo che avrà l’impresa per consegnare i lavori».

Il “se tutto va bene” è d’obbligo.
Se è vero che non sono più possibili ricorsi per l’aggiudicazione dell’appalto, infatti, fra le criticità potrebbe esserci il fatto che a Milano l’iter è piuttosto complesso ed il parere lo dovranno dare diversi assessorati: Paesaggio, Ambiente, Trasporti... e non è detto che tutto possa filare liscio.

L’opera costerà 55 milioni di euro
, per metà messi a disposizione dalla Provincia autonoma di Trento e l’altra metà dalla Regione Lombardia.
Si prevede la realizzazione di due tunnel lunghi uno un chilometro e l’altro 400 metri, due viadotti sul Chiese e due “rotonde”: una in località Gargnà a nord di Vestone, l’altra in prossimità delle paratoie del lago d’Idro.

Questa seconda rotatoria servirà anche per indirizzare il traffico sul nuovo ponte che costerà altri 4,5 milioni di euro ed oltrepasserà l’incile del lago.
E’ questa una soluzione molto attesa a Idro: il vecchio ponte sta mostrando segni inequivocabili di cedimento e l’attuale stretta immissione del traffico ad angolo retto sulla 237 del Caffaro, soprattutto nelle ore di punta o in estate col viavai dei turisti, è diventata ormai insostenibile.

.in foto: Lavenone, repertorio


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78630 - 27/11/2018 08:08:17 (Ernesto) nes
ma a nozza si collegano a ponte re?????altrimenti siamo da punto a capo,,,,


ID78631 - 27/11/2018 09:50:07 (Bagosso)
Se tutto va bene......siamo comunque nell'eternita'......


ID78632 - 27/11/2018 10:49:23 (el capelà)
Il guaio è che nessuno spinge veramente


ID78633 - 27/11/2018 13:59:04 (anfobs) E VESTONE?
Cosa aspettano gli amministratori di Vestone a chiedere una variante che passi all'esterno del centro abitato ? I residenti sono costretti a respirare i gas di scarico di camion e auto. Noi che siamo obbligati ad attraversare Vestone e Nozza ci troviamo spesso in coda. Meno traffico nei paesi=più salute e tranquillità per tutti.


ID78636 - 27/11/2018 23:43:12 (PETER72) Se tutto va bene...
...Google mi dice che se parto da Bagolino in meno di un'ora e venti minuti arrivo a Brescia. Allora parto e però trovo il traffico dei mezzi pesanti, un senso unico alternato per dei lavori stradali, un incidente che blocca la tangenziale, eccetera... e arrivo dopo tre/quattro ore! Così è anche la nostre burocrazia, se tutto va bene....


ID78718 - 02/12/2018 16:56:55 (BreBeMissile)
non so se il "question time" sia previsto anche in Regione Lombardia, ma ci vorrebbe un'interrogazione alla giunta regionale da parte di qualche politico della valle per avere chiarimenti su quali siano queste modifiche e a che punto sia il relativo iter... A me sembra che ci stiano prendendo per i fondelli, da anni. In altre zone della Lombardia, invece, aprono nuove superstrade di fondovalle e ne pianificano il proseguimento con nuovi lotti, come ad esempio in Valtellina con la S.S.38



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/11/2016 09:47:00
Assegnato l'appalto Sarà il raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) fra la Società cooperativa Muratori & Cementisti di Ravenna e la Giudici Spa di Rogno (BG), a realizzare il lotto alla Variante della 237 del Caffaro, fra Vestone e Idro

19/12/2018 08:23:00
Nubi sulla Variante di Lavenone Il colosso CMC di Ravenna, capofila del raggruppamento di imprese che ha vinto l’appalto per la realizzazione della Vestone-Idro, si ritrova in forte crisi finanziaria

03/12/2015 07:00:00
Variante di Lavenone, a gennaio si aprono le buste Prosegue l'iter per l'assegnazione dei lavori per la realizzazione della Variante Vestone-Idro


13/05/2015 06:55:00
«Pezze» di giunto a Carpeneda Nonostante le frequenti chiusure per manutenzione, soprattutto nelle lunghe gallerie, non fanno della Variante alla 237 del Caffaro una strada sicura, anzi. Il caso dei "giunti" di Carpeneda


20/06/2018 06:45:00
Variante di Lavenone, pochi mesi ancora «La Variante di Lavenone? Faccio fatica a sbilanciarmi sui tempi, quando le questioni non dipendono totalmente da noi, ma il 2019 potrebbe essere per davvero l’anno buono per veder cominciare i lavori»



Altre da Valsabbia
22/04/2019

Dalle invernali alle estive

Il cambio gomme in autunno è obbligatorio, fino al 15 aprile (se non si vuol viaggiare con le catene). Non viene imposto di fare altrettanto a primavera, se il codice velocità lo permette. Forse però conviene. Ne abbiamo parlato con Stefano di Scalo Gomme


21/04/2019

Quotidianità in tempo di guerra

Con l’avvicinarsi del 25 aprile prendono il via le celebrazioni per il 74° anniversario della liberazione. Le persone, dirette testimoni dei fatti avvenuti durante la 2°guerra mondiale, ci stanno lasciando

20/04/2019

A Pasqua si corre ...con lo sconto

Il comitato organizzatore della Ivars Tre Campanili ha deciso di fare un bellissimo regalo a tutti i Runners che vogliono iscriversi il giorno di Pasqua

18/04/2019

Potature

«In 50 anni non ho mai visto tagli di questo tipo. Si tratta di potature brutte, inefficaci e probabilmente anche inutilmente costose» (6)

18/04/2019

Buona Pasqua da Avis Vallesabbia

Auguriamo una Pasqua serena ovunque voi siate. Ai donatori, ai riceventi. A chi è al lavoro e a chi è in vacanza. Ai volontari delle altre associazioni, a tutti proprio a tutti (1)

18/04/2019

Il miglior bilancio degli ultimi 10 anni

La Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, a pochi giorni dall’Assemblea, presenta conti lusinghieri, ottenuti senza derogare al ruolo di motore economico e sociale assunto sul territorio. VIDEO


17/04/2019

Stanziamenti per l'Antincendio boschivo

Raddoppiate rispetto all’anno scorso le risorse assegnate da Regione Lombardia ai parchi e alle Comunità montane per le squadre Aib


17/04/2019

Valli Resilienti, il punto a Lavenone

In occasione di un incontro che ha avuto luogo lunedì a Vestone, Valli Resilienti ha fatto il punto sulle azioni intraprese fino ad ora per lo sviluppo socio-economico delle "zone alte" di Valsabbia e Valtrompia


16/04/2019

21 milioni per le Valli Bresciane

Grazie ad un accordo quadro sullo sviluppo territoriale, a Valcamonica, Valtrompia e Valsabbia dalla Regione Lombardia arrivano 10 milioni di euro per la realizzazione di interventi per 21 milioni


15/04/2019

L'India ama il marmo bresciano

Presso il Consolato dell’India a Milano un incontro dei rappresentanti delle aziende estrattive del marmo di Botticino e degli amministratori locali per agevolare l’esportazione verso il paese asiatico

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia