Skin ADV
Lunedì 24 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Al lago di Braies

Al lago di Braies

di Eliana Lombardi



22.09.2018 Vestone Valsabbia

23.09.2018 Val del Chiese

24.09.2018 Anfo

22.09.2018

22.09.2018 Roè Volciano

23.09.2018 Villanuova s/C

23.09.2018 Villanuova s/C

23.09.2018 Gavardo

23.09.2018 Gavardo

22.09.2018 Bagolino






13 Dicembre 2015, 09.50
Lavenone
Valsabbini

Arrivederci partigiano

di val.
L'hanno accompagnato questo sabato al cimitero di Lavenone per il suo ultimo viaggio. Antonio Paredi, l'ultimo partigiano di Lavenone, aveva 96 anni. L'avevamo intervistato dieci anni fa

Ecco l'articolo pubblicato allora sul Giornale di Brescia. Vallesabbianews non c'era ancora.
Chissà perchè l'avevamo chiamato Osvaldo...
--------------------------------------

LAVENONE – Infiltrato in questura a Brescia per conto del Corpo di Liberazione Nazionale, nella Brigata d’assalto Garibaldi “Michele Marino”, la 122 bis, con il nome di battaglia “Kepeu”, ha rischiato grosso subito dopo la Liberazione, quando è stato accusato di collaborazionismo dai partigiani valsabbini.

Un brutto quarto d’ora risolto grazie ad una telefonata dalla locanda “Alla lepre” vicina a casa.
E’ Osvaldo Paredi, classe 1919, di gennaio, l’ultimo partigiano di Lavenone, meccanico all’Ave di Vestone prima della seconda guerra mondiale, calzolaio seguendo le orme del padre e, per alcuni anni, gestore di una delle più frequentate “balere” della Valle Sabbia.

La guerra l’ha sorpreso al termine del servizio militare prestato a Durazzo.
Si trovava a Roma su un aereo nel luglio del ’43 quando gli americani, in quel momento “nemici”, presero a bombardare la capitale.
Dopo l’8 settembre è tornato a Lavenone a piedi e si è poi ritrovato a Brescia, di fronte agli americani diventati “amici”, quando il suo comandante, Bettoni, fece di tutto per evitare un ulteriore spargimento di sangue contribuendo a consegnare agli alleati la città già liberata.

Così ci ha raccontato il Paredi. Siamo andati a trovarlo per sentire del “suo” 25 aprile.
Lui ci aspettava ed ha rinunciato per una volta a salire con il suo piccolo fuoristrada fino al fienile con roccolo che possiede in “Sengrana”, proprio sul confine fra i comuni di Lavenone, Vestone e Pertica Bassa.

Con gli occhi lucidi almeno quanto il cervello, ha rivissuto con noi per ore la sua esperienza, arrivando fino ad acquattarsi dietro al tavolo di cucina per mimare quella volta che a Vobarno ha incontrato la colonna dei tedeschi in fuga.

«Il 25 aprile? Aspetta un momento – ci ha detto al momento di iniziare a srotolare la sua storia e i relativi documenti conservati in una cartelletta -. Ne ho fatta di strada, prima, ce n’è da raccontare, c’è da fare un libro».

Osvaldo Paredi ha rischiato molto, in quei frangenti, e ha avuto tanta fortuna.
Noi saltiamo a piedi pari fino al giorno in cui è diventato un partigiano: «Era il Natale del ’44 quando, i tedeschi che stavano al Milano di Idro, riuscirono a prendermi dietro casa, come disertore.
Per fortuna sono riuscito ad impietosire un ufficiale che, in cambio della promessa di arruolarmi nella Monterosa, mi ha lasciato andare: "entro tre giorni voglio vedere i documenti", mi aveva intimato.
Me li sono fatti fare, falsi, dai partigiani a Brescia, e sono rimasto lì, infiltrato in questura con il ruolo di “gappista”, quello che doveva avvisare se erano previsti rastrellamenti».

Ed è a Brescia con il suo comandante Bettoni che anche per Osvaldo Paredi arriva il giorno della Liberazione.
«Quella mattina eravamo in Piazza Loggia e gli americani sono arrivati a Sant’Eufemia – ricorda -. Lì hanno incrociato la coda della colonna di tedeschi in fuga, hanno sparato con i carri e hanno distrutto tutto ad altezza d’uomo.
Per fortuna è intervenuto Bettoni a fermarli. "Ve la consegnamo noi la città", gli ha detto "aspettate ad entrare".
E siamo corsi in Castello dove c’erano gli ultimi fascisti che non ne volevano sapere di arrendersi. Li abbiamo convinti, per questo che gli alleati non hanno avuto bisogno di sparare nemmeno un colpo per entrare».

«Sono tornato a casa dietro ai tedeschi, che prima erano andati verso il Garda, poi hanno dovuto risalire la Valsabbia. Sono arrivato a Lavenone il 26 sera.
Il 27 mattina sono venuti a prendermi quelli delle Fiamme Verdi che mi accusavano di essere fascista. Se non mi avesse risposto Bettoni al telefono, chiarendo chi ero e cosa avevo fatto al suo fianco, non so come sarebbe finita».

Poi il Paredi ci accompagna giù per le scale e ci fa vedere il suo ordinatissimo laboratorio da calzolaio... e la storia continua.

Ubaldo Vallini

.... Fino a Ieri qualla terrena. Per molto tempo ancora quella impressa col coraggio e con la dedizione negli affetti familiari.
Arrivederci.


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/08/2013 14:00:00
In ricordo del partigiano Amerigo Bagozzi Questa domenica mattina un'escursione sul sentiero "Giacomo Perlasca" fino a malga Paio Alto, nel Comune di Lavenone, dove il 26 agosto 1944 fu ucciso il partigiano delle Fiamme Verdi

10/09/2013 08:49:00
I pomodori dell'Osvaldo Due chili a pomodoro. Poco per entrare nel guinnes dei primati. Ma vuoi mettere la soddisfazione? Come quella che prova l'Osvaldo, che ha l'orto in Pergola a Bione

23/03/2017 18:06:00
Il partigiano Franco «Il partigiano Franco» è il titolo del libro di Anna Maria Catano che verrà presentato questo lunedì 27 marzo in città, alle 17.30 nella sala Alberi di Palazzo Martinengo Colleoni (ex Tribunale) in via Moretto 78 

27/04/2018 07:00:00
Il sentiero del partigiano «Campi» Verrà inaugurato martedì 1 maggio a Vobarno il sentiero dedicato al partigiano Cristoforo 'Rino' Campanardi. Appuntamento alle ore 8.15 in Largo Donatori di Sangue

19/09/2014 08:24:00
L'ultimo saluto al reduce e partigiano Saranno celebrati questo sabato nella chiesa di San Lorenzo a Promo di Vestone i funerali del reduce alpino Pietro Giacomini, partigiano delle Fiamme Verde



Altre da Lavenone
19/09/2018

Si sente male e va a sbattere

L’incidente lungo la 237 del Caffaro, a Lavenone. Ad avere la peggio una donna di Capovalle che ha perso il controllo della sua auto ed è finita contro la scarpata

17/09/2018

Colbrelli conquista per la seconda volta la Coppa Bernocchi

Il valsabbino, portacolori Bahrain-Merida, conquista l’edizione numero 100 della seconda gara del Trittico Lombardo, bissando il successo dello scorso anno. Sesto posto per Marco Frapporti (2)

16/09/2018

«Esprimi un desiderio»

Uno spettacolo coinvolgente e bellissimo quello di ieri – sabato – a Lavenone. Ce ne ha parlato un nostro lettore, inviandoci qualche foto della serata 

07/09/2018

Immagina un palazzo

Saranno l’inaugurazione del Palazzo De Toni-Brunori – recentemente restaurato – e la mostra “Alberi” ad aprire la rassegna culturale in partenza questa domenica, 9 settembre, a Lavenone  (3)

03/09/2018

Lavenone, un aiuto per rivitalizzare il borgo

Fondamentale l’intervento della cooperazione sociale, con il quale è stato possibile avviare un bar e un ostello 

11/08/2018

Così è morto Jannes Possi

La salma del noto pasticcere bresciano, recuperata dagli uomini del Soccorso alpino della Valle Sabbia, è stata ricomposta nell'obitorio del Civile di Brescia


10/08/2018

Morto nel dirupo dopo un volo di 500 metri

Jannes Possi, noto pasticcere bresciano, è precipitato col suo Fiorino dalla strada che dal Baremone porta al Maniva. Un volo di circa 500 metri


01/08/2018

Riscoprire il borgo di Presegno

Nelle serate di venerdì 3 e sabato 4 agosto sarà possibile farlo con una cena sotto le stelle tra luci, suoni e racconti e la rappresentazione di una commedia teatrale

19/07/2018

Sabato la Lavenone - Presegno

La manifestazione sportiva organizzata dall’Asp Lavenone in programma per questo sabato, 21 luglio, è aperta a podisti e ciclisti con bici da corsa e mountain – bike 

14/07/2018

Simona Frapporti seconda al Gran Prix

Ieri, venerdì 13 luglio, la pistard di Lavenone ha guadagnato un bel secondo posto al Gran Prix Città di Ascoli Piceno  (1)



Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia