Skin ADV
Domenica 23 Luglio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




21.07.2017 Valsabbia Garda Valtenesi

22.07.2017 Roè Volciano

21.07.2017 Muscoline

22.07.2017 Preseglie

21.07.2017 Sabbio Chiese Preseglie Valsabbia

21.07.2017 Vestone Treviso Bs

21.07.2017 Vestone

22.07.2017 Muscoline

21.07.2017 Bione

22.07.2017 Vobarno Valsabbia






11 Giugno 2017, 07.41
Lavenone
Valsabbini

A Remigio la sua Croce di guerra

di Ubaldo Vallini
Remigio Garzoni, di Lavenone, all'età di 97 anni ha finalmente ricevuto l'onorificenza che gi spettava, dopo aver combatturo in Francia e in Albania. Una tempra eccezionale la sua 
 
Ha sempre fatto il contadino e “quàter palanche”, come dice lui, le ha fatte con la licenza per la monta taurina ai tempi in cui allevava bestiame a Castel Antic, il pianoro che sovrasta la frazione idrense di Lemprato, divenuta poi famosa per la presenza di un villaggio retico, ancora da scavare.

Lui è Remigio Garzoni,
farà i 97 il prossimo 25 giugno e finalmente, nei giorni scorsi, ha ottenuto la meritatissima Croce di Guerra.
«Sosteneva che l’avevano consegnata a chi di guerra ne aveva fatta meno di lui - dicono in famiglia -, ci siamo informati e lo scorso 2 giugno, festa della Repubblica gli abbiamo fatto una sorpresa».

Remigio, che a lungo degli anni sotto le armi non ne aveva neppure voluto parlare, ha ringraziato commosso.

Ha raccontato della chiamata del 21 giugno del ’39 che l’ha colto non ancora ventenne, e della leva che presto è diventata guerra vera, sul fronte francese nel 4° Battaglione mitraglieri: «Mi avevano scelto perché ero bravissimo a smontare e rimontare la Breda, più veloce di me c’era solo un legionario tedesco».

Le manovre a Lecco e un breve soggiorno a Bolzano, hanno preceduto il trasferimento col piroscafo Città di Milano fino in Albania.
Ci è arrivato il 6 gennaio del ‘41: «Avevano trovato del petrolio e noi dovevano difendere i pozzi».
Così, tornando a casa una sola volta, fino al fatidico 8 settembre del 1943.

E qui il Remigio se l’è vista davvero brutta:
«Consegnate le armi ai partigiani, siamo diventati degli schiavi, abbandonati a noi stessi.
Tutti erano nostri nemici: i fascisti italiani, i partigiani locali, gli albanesi filotedeschi, i tedeschi».

Lui se l’è cavata elemosinando vitto e alloggio in cambio di lavori umili in campagna, da clandestino, perché tutti cercavano gli ex soldati italiani per mandarli a lavorare ai forni.

«Ne sono morti più lì che durante la guerra – ricorda Remigio -. Una volta io e il Pozzi (un compagno di Treviso Bresciano col quale ha sempre fatto coppia e che ora non c’è più ndr) ci siamo nascosti per quattro giorni in un buco senza mangiare per evitare di essere presi.
Lui si è anche ammalato, tutto gonfio soffriva come un cane, tanto che se avessi avuto un fucile l’avrei ammazzato lì.
Poi lui è guarito e mi sono ammalato io».

Dopo più di un anno trascorso a vivere di stenti Remigio è riuscito a guadagnare un passaggio su una navicella inglese che riforniva i partigiani sugli scogli.
A Bari e poi a Trani, in ospedale, pesava 38 chili.

Una tempra eccezionale:
ancora oggi il Remigio ama lavarsi al mattino nel Chiese che scorre accanto al terreno vicino a casa, a Lavenone e ancora è lui a falciare l’erba del prato, con la “ranza”, naturalmente. 

.in foto: coi nipoti; coi tre figli ; mentre falcia il prato davanti all'azienda di uno dei suoi figli.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID72289 - 11/06/2017 13:13:22 (Dru)
Il Remigio scorre un poco anche nelle mie di vene e sono felice di vederlo sorridere contento.


ID72292 - 11/06/2017 16:43:24 (genpep)
dopo le doverose felicitazioni a questo eroe di una guerra scellerrata sono sempre più convinto che andrebbe fatto uno studio approfondito e soprattutto imparziale sulle vicende di quei tempi tanto lontani ma ancora troppo vicini.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
19/08/2015 15:17:00
Don Remigio Fusi è tornato alla casa del Padre Nato a Bagolino l’8 settembre del 1929, don Remigio fu uno dei primi collaboratori dei Silenziosi Operai della Croce

30/10/2015 09:03:00
Cento anni della Grande Guerra Questa sera a Castel Condino la conclusione delle iniziative dedicate al centenario della Grande Guerra promosse dall'associazione Fanti, con una conferenza alla presenza di monsignor Luis Romera, rettore della Pontificia Università della Santa Croce di Roma

02/12/2006 00:00:00
Stagione eccezionale per Luigi Garzoni Luigi Garzoni, 16enne di Forno d’Ono di Pertica Bassa, studente allo Scar di Villanuova, mentre andrà in giro con le stampelle potrà esprimere lo stesso grande soddisfazione per l’ennesima annata trascorsa da vero campione di trial.

15/07/2016 10:10:00
Lode ad Alberto Complimenti ad Alberto Garzoni, di Roè Volciano che, giusto ieri, giovedì 14 luglio, ha conseguito la Laurea Triennale in Filosofia presso l'Università di Padova, con la votazione di 110 e lode

12/06/2014 06:50:00
I cinquanta della Croce di Corna Blacca Festeggiamenti ad alta quota, domenica prossima, fra le valli Trompia e Sabbia. L’occasione è il cinquantesimo anno dalla posa della croce di ferro che sovrasta la cima della Corna Blacca, teatro di epiche imprese di uomini di montagna e di lotte partigiane



Altre da Lavenone
16/07/2017

Bimbo di Lavenone perde due dita

E' bastato un attimo, approfittando di un momento di disattenzione del papà e dello zio che stavano tagliando la legna con una "circolare" (5)

14/07/2017

Auguri Simona

Tanti auguri a Simona Frapporti, la fortissima atleta di Lavenone, seconda ieri agli Italiana a Dalmine, che oggi, 14 luglio, compie 29 anni

11/07/2017

Giovedì in assemblea

Proprio per parlare di utilizzo delle acque del lago e del fiume Chiese, Amici della Terra e Legambinete, hanno organizzato una pubblica assemblea in municipio a Idro, per le 21 di giovedì 13 (2)

09/07/2017

Quando passò il vicerè

Sulla visita in Valle Sabbia di Ranieri Giuseppe Giovanni Michele Francesco Geronimo d'Asburgo, arciduca d'Austria (Pisa, 30 settembre 1783 – Bolzano, 16 gennaio 1853), primo viceré del Lombardo-Veneto (2)

02/07/2017

Doppio intervento a mezzogiorno

Quasi in contemporanea sulle arterie principali della Valle Sabbia sono avvenuti due incidenti, entrambi con moto coinvolte: a Lavenone e a Bagolino (3)

02/07/2017

Su e giù per la Valsabbia e la Valtenesi

È partita ieri da Bagolino e proseguirà oggi e nel prossimo fine settimana la Marcia della solidarietà “In cammino e di corsa per la Vita” promossa dall’Aido provinciale, con una significativa tappa ieri a Lavenone

29/06/2017

Suor Lucia, religiosa da 60 anni

Tanti auguri per i suoi 60 anni di professione religiosa da parte di tutta la sua famiglia a suor Lucia Baga, originaria di Lavenone, ora residente a Roma

26/06/2017

Rambo in vetta alla prima Bronzone Trail

Il “camoscio di Lavenone” mette il sigillo alla prima edizione del Bronzone Trail, gara di 21 km e 1650 m d+ con partenza da Paratico (Bs) e arrivo ai Colli di San Fermo (Bg) (2)

25/06/2017

Fra Anfo e Lavenone, paura per un bimbo di 5 anni

Cade e picchia la testa, papà lo carica in auto con le sorelline per portarlo al Pronto soccorso, ma arrivato a Lavenone si accorge che il bimbo sta male parecchio e chiama il 112

17/06/2017

Fuori strada alla galleria del tram

Se l'è vista davvero brutta il motociclista 29enne che stava salendo lungo la 237 del Caffaro ed è arrivato "lungo" alla curva dove c'è la galleria del vecchio tram, fra Vestone e Lavenone  (4)

Eventi

<<Luglio 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia