27 Marzo 2019, 07.57
Equilibrio

Miti da sfatare sul Mal di Schiena.

di Dott.ssa Sara Maifredi

Nel Centro medico Eqilibrio, come in altri, il "Mal di Schiena" è una delle problematiche più ricorrenti. Ecco le risposte a molte domande


Spesso i pazienti si sono ben documentati sull'argomento, hanno sentito diversi specialisti, ma rimangono molte domande e dubbi per i quali chiedono consiglio.
Proviamo a rispondere ad alcuni dei più frequenti.

"E' VERO CHE IL RIPOSO FAVORISCE LA GUARIGIONE?"

No. Qualora non ci fossero importanti lesioni alle strutture che compongono la colonna vertebrale, un riposo eccessivo non solo non velocizza il recupero e può risultare addirittura dannoso.
L'immobilità prolungata rischia di indebolire le ossa e la muscolatura.
Senza sforzarsi troppo ed ascoltando il proprio corpo occorre quindi riprendere gradualmente le normali abitudini di vita. Già dopo qualche giorno, in relazione all'entità del trauma e del dolore, è possibile praticare un'attività fisica moderata.

"IN CASO DI MAL DI SCHIENA BISOGNA EFFETTUARE IMMEDIATRAMENTE UNA VISITA MEDICA SPECIALISTICA?"

No. Oltre il 90% degli episodi di lombalgia regrediscono spontaneamente entro un mese dalla loro comparsa.
Per questa ragione non è utile sottoporsi ad una visita medica specialistica dopo pochi giorni.

"E' VERO CHE GLI ESAMI DIAGNOSTICI (RADIOGRAFIE, TAC ecc.) POSSONO INGANNARE?"

Si. A volte gli esami diagnostici mostrano lesioni del tutto asintomatiche nel paziente, senza riuscire ad individuare la reale causa di origine del mal di schiena.

"E' VERO CHE LO STRESS PUO' ESSERE LA CAUSA DEL MAL DI SCHIENA?"

Si. Le tensioni emotive contribuiscono a contrarre la muscolatura paravertebrale diminuendone l'elasticità.

"I FARMACI ANTINFIAMMATORI FANNO GUARIRE DAL MAL DI SCHIENA?"

No. I medicinali sono utili soltanto nella fase più acuta, per alleviare il dolore ma non agiscono sulle cause che ne hanno dato origine.
Il dolore è, inoltre, un campanello d'allarme importante da ascoltare. Un paziente che assume degli antidolorifici potrebbe erroneamente convincersi di essere guarito e affrontare, troppo precocemente, la piena ripresa lavorativa o sportiva.

"LA SCELTA DI UN MATERASSO RIGIDO E' FONDAMENTALE?"

No. Il mal di schiena che accompagna il risveglio di milioni di persone è dovuto principalmente alla posizione assunta durante il riposo. Minore importanza viene invece attribuita al materasso che comunque dev'essere compatto (né troppo rigido ne troppo molle) e di buona qualità.

"SVOLGERE ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI PUO' PREVENIRE LA LOMBALGIA?"

No. Spesso è più importante agire sulla componente elastica che non sulla forza muscolare. Nonostante una parete addominale tonica scarichi le vertebre lombari fino al 40%del loro lavoro, molte volte il dolore alla bassa schiena è causato da un'eccessiva contrazione della muscolatura lombare e che viene, ancor più, sollecitata in molti esercizi addominali, una tecnica scorretta potrebbe addirittura peggiorare la situazione.

"E' VERO CHE IL FUMO DI SIGARETTA PUO' CAUSARE IL MAL DI SCHIENA?"

Si. Il fumo, diminuendo l'ossigenazione dei tessuti, rende la muscolatura lombare meno efficace nel sostenere i carichi che gravano su questa zona.

"E' VERO CHE L'ATTIVITÀ FISICA PUO' ESSERE PERICOLOSA?"

Si. Esercizi mal eseguiti possono peggiorare ulteriormente una situazione già compromessa.
Bisogna sapere che, soprattutto nel primo periodo, è del tutto normale avvertire leggeri fastidi alla schiena durante esercizi e movimenti, anche corretti. Tutto ciò tende a scomparire, nel tempo, lasciando spazio a tutti i benefici derivanti dalla pratica regolare di attività fisica.

"IL NUOTO E' LO SPORT MIGLIORE PER LA SCHIENA?"

No. Non esiste l'attività fisica ideale, così come non esiste quella dannosa per la schiena. Inizialmente, bisogna scegliere un livello adatto alla propria condizione fisica, meglio affidandosi ad una figura esperta in grado di correggere eventuali errori e consigliare il percorso più adatto.
Il nuoto, anche se considerato da molti come l'attività migliore per la schiena, è in realtà uno sport dove i muscoli che stabilizzano la colonna vertebrale rischiano di essere scarsamente stimolati.

"E' VERO CHE LA CORSA SOLLECITA ECCESSIVAMENTE LA SCHIENA?"

No. Anche se la ripetizione continua di microtraumi contribuisce all'insorgenza del dolore lombare, se svolta in progressione e regolarità la corsa non è pericolosa per la schiena
L'attività che si intende praticare dev'essere commisurata alla propria condizione fisica indipendentemente dalla disciplina sportiva svolta.

"IN CASO DI ERNIA AL DISCO IL DOLORE AVVERTITO E' SEMPRE MOLTO INTENSO?"

No. A volte gli esami diagnostici evidenziano la presenza di una leggera protusione discale o di un'ernia del disco a cui viene imputata l'origine del dolore. In realtà l'ernia è una patologia abbastanza diffusa a volte asintomatica (circa il 25-30% delle persone che hanno un'ernia non soffrono di mal di schiena).
Anche per questo motivo oggi l'ernia al disco non viene sempre operata come succedeva in passato.

"SE IL DOLORE SI IRRADIA ANCHE LUNGO LA GAMBA, SONO INTERESSATE ANCHE LE STRUTTURE NERVOSE?"

Si. La cruralgia e la sciatalgia, originano quando vi è un interessamento delle strutture nervose vertebrali.

"MAL DI SCHIENA E LOMBALGIA SONO LA STESSA COSA?"

No. Il mal di schiena è una patologia che può interessare i diversi tratti della colonna vertebrale (cervicale, dorsale e lombo sacrale). Il termine sottolinea la presenza di dolore diffuso esclusivamente lungo la zona lombare. In senso stretto la lombalgia non è una patologia ma un sintomo doloroso che può insorgere per diverse cause.

"RESTARE IN PIEDI TROPPO A LUNGO PUO' CAUSARE IL MAL DI SCHIENA?"

Si. Le posizioni ferme mantenute a lungo possono far insorgere piccoli fastidi alla bassa schiena. Anche per questo motivo i lunghi viaggi in automobile sono particolarmente fastidiosi per chi soffre di mal di schiena. Variare spesso posizione consente di riposare una parte della muscolatura evitando che questa si contragga eccessivamente.

"RESTARE SEDUTI TROPPO A LUNGO PUO' AUMENTARE IL DOLORE?"

Si. Soprattutto quando si assume una posizione scorretta che viene mantenuta per molte ore.
Per questo motivo chi fa un lavoro sedentario è a rischio di mal di schiena come un lavoratore costretto a sforzi pesanti.
Usare una sedia con un buon sostegno a livello lombare può prevenire tali disagi. Oltre a variare spesso la posizione il lavoratore può difendersi dal mal di schiena alzandosi in piedi e camminando per qualche minuto.

"I TACCHI ALTI SONO DANNOSI PER LA SCHIENA?"

Si. Le scarpe con tacchi superiori ai 4-5 centimetri spostano in avanti il baricentro del corpo. Per mantenere l'equilibrio tale posizione dev'essere compensata da un inarcamento lombare che altera la distribuzione dei carichi sui dischi vertebrali.

Dott.ssa Sara Maifredi
fisioterapista



Vedi anche
31/12/2019 06:11:00

Cinque risposte dal sindaco Ve le ricordate le cinque domande rivolte al sindaco di Vobarno dal Comitato Salvabiblio? A largo giro di posta ecco le risposte del sindaco Paolo Pavoni

08/06/2008 00:00:00

Tre domande per un circo contemporaneo Tre risposte ad altrettante domande poste al Sig. Cristoforetti, direttore artistico della “Festa Internazionale del Circo Contemporaneo”, ci possono aiutare a comprendere meglio il senso e gli obiettivi della manifestazione da lui diretta.

15/03/2012 07:00:00

Ozono e mal di schiena 5 Abbiamo visto in precedenza le cause e la frequenza di una patologia che affligge 6-8 persone su 10: il mal di schiena. Ora la terapia.

06/03/2012 08:19:00

Ozono e mal di schiena 3 Tra le cause più comuni e frequenti di mal schiena annotiamo la Spondilolistesi, che è uno spostamento in avanti di un corpo vertebrale.

24/02/2012 09:12:00

Ozono e mal di schiena 2 Dopo le prime cause di mal di schiena esaminate la settimana scorsa, oggi ne vediamo altre.



Altre da Centro Medico Equilibrio
15/10/2019

Le ginocchia a X

Il ginocchio valgo, conosciuto più comunemente come “ginocchia a X”  è una deformità anatomica degli arti inferiori

10/10/2019

La capsulite adesiva

Spalla congelata, frozen shoulder, capsulite adesiva, sono tutti sinonimi che indicano una condizione dolorosa che interessa la spalla che si manifesta con rigidità articolare e limitazione nei movimenti

06/10/2019

Il neuroma di Morton

Il neuroma di Morton deve il suo nome al Dottor Thomas G. Morton, medico di Philadelphia, che nel 1876 scopri l'origine di questa sindrome molto dolorosa che colpisce il piede

01/10/2019

Torcicollo o cervicalgia

Il torcicollo è una situazione fastidiosa e dolorosa determinata da una deviazione laterale e rotatoria del capo con conseguente limitata mobilità o addirittura blocco del collo

25/09/2019

Ozonoterapia: cos'è e a cosa serve

E' una terapia che sfrutta l'ozono e l'ossigeno (ozono medicale) ed è in grado di contrastare una vasta gamma di patologie : dall'ernia del disco all'acne, passando per flebiti, fibromialgia, infezioni, emorroidi, artrosi, cellulite, ulcere, ustioni, osteoporosi

19/09/2019

Per gli amanti del ciclismo sportivo ed agonistico

Il Centro Medico Fisioterapico Equilibrio dispone di un nuovo servizio teso a migliorare le prestazioni ciclistiche, ossia la prova di messa in sella tramite test biomeccanico

05/09/2019

Quando bisogna andare dal fisioterapista?

Una domanda che spesso mi sento rivolgere dai miei assistiti è “Ma per quanto tempo bisogna fare fisioterapia?”

29/08/2019

Come prendersi cura delle ginocchia

C’è il gomito del tennista ma anche il ginocchio del corridore. Gli anglosassoni lo chiamano “runner’s knee”, una tra le condizioni dolorose più frequenti in chi pratica abitualmente jogging

29/08/2019

Cos'è l'artrosi cervicale

L’artrosi cervicale o spondilosi cervicale è il fenomeno artrosico che interessa la porzione cervicale della colonna vertebrale: essa causa tipicamente dolore e rigidità del collo, sebbene molte persone appaiono asintomatiche anche a lungo

22/08/2019

Osteopatia, rimedio per molti mali

Dalla dimenorrea al reflusso gastro-esofageo, dall'asma alla sinusite. Cose che cura l’osteopatia che non sapevi