Skin ADV
Mercoledì 17 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



20 Marzo 2018, 13.08

Eco del Perlasca

Mirtillo va allo stage

di Mirtillo
Vi siete mai chiesti che cosa pensa un gatto dell’alternanza scuola-lavoro? E della tecnologia usata da noi umani? Finalmente abbiamo una testimonianza

Mi stavo aggirando in casa per trovare qualcosa da fare, oggi sono già andato alla mia residenza sull’albero nel ‘mio’ giardino, un umile ramo rigido, in questo periodo di Gennaio è spoglio e purtroppo fa troppo freddo per restare fuori a lungo.
Poi mi sono ricordato che la Padrona resta quasi tutto il giorno in una stanza al piano di sotto con altri umani, stanno tutti seduti a guardare una specie di scatola luminosa e spesso trangugiano un liquido caldo e scuro dall’odore strano.

Non capisco perché facciano queste cose; a parer mio dovrebbero prendere la vita in modo più spensierato come me, rilassarsi un po’ e pensare solo alle carezze.
Davanti a quelle scatole non mi sembra che si rilassino! Anzi, hanno gli occhi strabuzzati e lo sguardo fisso sulla luce, sembrano ipnotizzati.

A volte mi spaventano davvero gli umani. I loro modi di fare sono strambi, sembra quasi che la scatola gli dica di fare così, come se fossero comandati.
Ma perché non si ribellano? Forse non sono ancora sviluppati e in grado di pensare come me, fanno quello che gli dice il loro padrone, la scatola, perché non sanno cos’altro fare se non servire qualcuno, un po’ come i cani.

Dopo aver attraversato il giardino sono sceso dalle scale di pietra e mi sono avvicinato alla stanza di sotto dall’esterno, ad un certo punto mentre stavo entrando, ho sbattuto contro qualcosa ma lì davanti non c’era niente.
Com’è possibile?! Con le zampe ho cercato di capire cosa avessi davanti e ho toccato qualcosa di invisibile, non era la prima volta che accadeva, ero già preparato allo scudo magico che gli umani mettono per proteggersi.

Ma io so come attraversarlo, ho studiato un metodo infallibile, se mi appoggio al vetro e pronuncio la formula magica gli umani verranno ad aprirmi. È tutta una questione di intonazione del miagolio, modestamente non tutti riescono a farlo, ad esempio quel cane insopportabile della Padrona non lo fanno entrare.
Non ha ancora capito che deve imparare a miagolare se vuole entrare ma tanto non lo capirà mai.

Ho pronunciato la formula e subito un’umana è venuta ad aprirmi, sembravano tutti così felici di vedermi, ho notato che c’erano anche altre due umane più piccole, ma perché fissavano la scatola luminosa anche loro?
Ciò che so con certezza degli umani è che quando sono cuccioli vanno in un posto con tantissimi altri umani della loro età, smettono di andarci solo quando i maschi hanno la barba e le femmine si colorano la faccia.

Perché queste due umane fissavano la scatola e non andavano via con gli umani della loro età? Non si può, c’è qualcosa che è andato storto, non capisco. Che questo sia sfruttamento di piccoli umani? Devo fare qualcosa.

Mi sono avvicinato a loro per capire qualcosa di più, nel vedermi hanno cominciato a parlare strano, la voce era più acuta e cercavano di prendermi, come di solito fanno i piccoli umani.
Sono riuscito a scappare e andare nell’altra stanza per farmi fare le coccole dagli altri umani. Ah, come erano bravi a fare i massaggi!

Ma purtroppo la pacchia è durata poco. Subito dopo mi sono ritrovato sul pavimento a rotolare e miagolare per cercare di attirare l’attenzione di qualcuno: com’è possibile che avessero smesso di guardarmi? Un povero gatto ora non può più avere delle coccole?

Che egoisti! Stavo per essere cacciato quando due angeli mi hanno preso e portato alla scrivania delle piccole umane, finalmente qualcuno a cui importa di me, le due umane hanno cominciato a massaggiarmi divinamente: ah non volevo più andarmene! Passavo dalle gambe di una e andavo dall’altra in continuazione, non riuscivo a decidermi, entrambe mi coccolavano senza smettere: ho forse scoperto il paradiso dei gatti?

Sono tornato i giorni successivi per farmi venerare come un re, però ogni tanto le cucciole di uomo smettevano di accarezzarmi e tornavano a guardare la scatola e schiacciare dei tasti sul tavolo.
Li schiacciavano così velocemente da non farmi capire più nulla, ma ero curioso di sentire che effetto facessero sotto le zampe quei piccoli tasti.

Così mentre le umane parlavano
, sono salito sul tavolo e con le zampe ne ho schiacciati un po’, perché non l’ho mai fatto prima? Era così bello sentire i pulsanti sotto le zampe, sotto la mia pressione si abbassavano e se alzavo la zampa tornavano come prima, sarei rimasto lì volentieri a schiacciarli tutti ma le umane si sono accorte, mi hanno preso di peso e mi hanno spostato sulla sedia di tela, sopra c’erano degli oggetti morbidi lasciati lì da una di loro.

Sembravano quasi impazzite
come se avessi fatto chissà cosa, ho solo schiacciato dei tasti, non penso sia un crimine!
Dopo avermi spaventato per niente, hanno cominciato a ridere, non so bene perché. Comunque, quando c’ero io nella stanza, sembravano tutti contenti: qualsiasi cosa facessi , gli umani sorridevano.
Va bene che sono bello ma così mi sembra un po’ esagerato, gli umani non stanno bene, proprio non ci stanno con la testa. 

Comunque ci sono delle volte in cui le piccole umane non vogliono proprio lasciarmi andare, come se io fossi necessario, probabilmente lo sono, ma troppe carezze potrebbero consumarmi, già perdo un sacco di peli, se continuano così di me rimarrà solo un piccolo cumulo di peli grigi.

Le cucciole d’uomo mi fanno pena,
così mi concedo sempre a loro.
Prima che io arrivi le vedo attraverso lo scudo invisibile e hanno lo sguardo quasi sofferente: allora, quando entro vado sempre da loro per fargli compagnia.
Se non possono coccolarmi a volte mi stravacco nella sedia di tela dietro di loro, è così morbida grazie anche ai teli che le umane indossano per uscire, mi sono fatto tante di quelle belle dormite su quei soffici tessuti mentre aspettavo che tornassero ad accarezzarmi. 

Mi sono persino addormentato sulle gambe
delle piccole umane mentre fissavano la scatola, per poco non cadevo per terra ma ho scoperto che conficcando le unghie nella pelle delle loro gambe, come se fossero dei rampini, non c’è nessun rischio di cadere.

Qualche volta gli altri umani non mi guardano per niente: sono troppo occupati a venire ammaliati dal fascio di luce della scatola.
A volte mi tocca riportarli alla realtà facendo rumore, spesso scelgo attentamente oggetti che cadendo facciano un bel fracasso, così li faccio cadere e tutti alzano lo sguardo quasi spaventati, dopo ridono tutti insieme. Si, ridono, perché forse si rendono conto di quanto siano ridicoli a dare ascolto ad una scatola luminosa al posto che coccolare me.

Le piccole umane sono rimaste qui solo per due settimane purtroppo, ma anche per fortuna, probabilmente sono scappate, hanno capito che è una follia fissare una luce emessa da una scatola.
Buon per loro, io invece dovrò restare qui a badare a questi altri umani, senza di me penso che sarebbero persi e non riuscirebbero più a sorridere se non stessi qui con loro.

Di Mirtillo (trad. a cura di Chiara D’Aniello 4AG, ITIS Vobarno)


Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
05/07/2008 00:00:00
L’Itis ha fatto scuola All’Itis di Vobarno, parte dell’Istituto di istruzione superiore della Valsabbia «Perlasca», credono molto agli stage di introduzione al lavoro e durante l’anno scolastico ben 100 ragazzi hanno vissuto esperienze di scuola-lavoro.

16/05/2014 10:32:00
Calcio femminile, uno stage a Prevalle Sono aperte le iscrizioni per uno stage di calcio femminile organizzato in forma gratuita per il pomeriggio del 2 giugno dall’Asd Prevalle 2010

19/01/2010 14:00:00
Il comportamento alimentare Sono sufficienti pochi accorgimenti per assecondare la natura del vostro gatto. Prassi in grado di migliorare, e di molto, il vostro rapporto con lui.

23/10/2016 14:36:00
Non trovo più il mio gatto «Vi prego, aiutatemi a ritrovarlo, lunedì 17 ottobre il mio gatto è scomparso nel nulla, a Roè Volciano 

02/03/2015 10:20:00
InterLabor, trampolino di lancio per entrare nel mondo del lavoro Al via la terza edizione del progetto della Cassa Rurale che promuove stage all’estero grazie alla partnership di alcune aziende del territorio



Altre da Habitat
17/10/2018

Invasione di cimici, danni all'agricoltura

Il protrarsi del caldo anche nel mese di ottobre ha provocato la proliferazione di insetti e parassiti con conseguenti danni alle coltivazioni


16/10/2018

Divieto di raccolta nei castagneti del progetto Sativa

Con un’apposita ordinanza l’amministrazione comunale di Serle ha vietato la raccolta di raccolta di castagne e marroni in alcune selve castanili interessate a un progetto di recupero


13/10/2018

«Ma vi sembra giusto?»

Da Vobarno arriva un grido di dolore per le sorti di Martina, una capretta capretta uccisa dai cani in battuta al cinghiale. Non in mezzo al bosco, ma in un recinto vicino alle abitazioni
(32)

09/10/2018

Depuratore del Garda a Muscoline? «Un'ipotesi assurda e insostenibile»

L’ipotesi dell’Aato di realizzare il nuovo depuratore dei paesi gardesani nel comune della Valtenesi per scaricare l’acqua nel Chiese trova da subito contrari l’Amministrazione comunale e gli ambientalisti (11)

04/10/2018

Agricoltori valsabbini in festa

Più di cento i commensali in agriturismo per la "Festa di fine raccolto" (1)

04/10/2018

Madre e figlio di capriolo abbattuti a Capovalle

Sulle loro tracce si sono scatenati sette bracconieri che non hanno avuto remore ad uccidere a colpi di fucile, insieme alla madre di circa tre anni, anche il cucciolo di pochi mesi
(11)

03/10/2018

Falciato lungo la 237 del Caffaro

E’ saltato all’improvviso sulla strada per attraversarla e l’automobilista non ha potuto fare nulla per evitarlo (6)

02/10/2018

Nel bosco reti e archetti

Il controllo palmo a palmo del territorio montano per le ricerche di Iuschra ha fatto rinvenire un cospicuo numero di trappole per la cattura illecita degli uccelli (1)

27/09/2018

Adt avanti tutta

Gli Amici della Terra Lago d'Idro e Valle Sabbia si sono riuniti in seduta pubblica insieme a Legambiente per fare il punto sulle azioni intraprese e da intraprendere per la salvaguardia del lago valsabbino e del corso d'acqua che gli dà origine
(2)

25/09/2018

In montagna con la Sat

Un’escursione sui monti di casa alla scoperta della fauna selvaggia e una visita in malga quella offerta nel fine settimana a 22 bambini e alle loro famiglie dalla Sat di Daone

Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia