Skin ADV
Giovedì 18 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 

MAGAZINE


LANDSCAPE



20 Febbraio 2019, 14.50

Eco del Perlasca

Orban: vediamo chi è

di Tommaso Franzoni
Personaggio controverso, il primo ministro ungherese ha suscitato molte polemiche a causa delle sue leggi ostiche all’Europa

Viktor Mihàly Orbàn nasce a Székesfehérvár, città ungherese di oltre 102.000 anime, nel 31 maggio del 1963, in carica come primo ministro dal 2010.
Già all’età di 14 anni dimostra un interesse considerevole per la politica, segretario dell’organizzazione giovanile comunista (KISZ), ma come altri politici a lui vicini, come ad esempio il vice-premier italiano Matteo Salvini, cambia totalmente sponda passando dal rosso alla destra.

Figlio di ricchi imprenditori, riesce a frequentare scuole di alto livello, fino a laurearsi in giurisprudenza nel 1981 presso l'Università Loránd Eötvös di Budapest.
Il presidente ungherese successivamente ottiene una borsa di studio dalla Fondazione Soros per studiare Scienze Politiche al Pembroke College di Oxford. Uno dei suoi docenti era il famoso politico e filosofo Zbigniew Pelczynski.

Nel 1991 fonda il movimento anticomunista che nel 1995 diventa Unione Civica Ungherese, soprannominato “Fidesz’’, partito con ideali liberali, conservatori e diffidenti nei confronti delle politiche sociali, euroscettici, populisti, nazionalisti e sovranisti (sostengono il controllo della sovranità nazionale a discapito delle politiche sovranazionali).
Dal 1998 al 2002 ottiene il potere politico con una coalizione con Fidesz, Forum Democratico Ungherese (MDF) e Partito dei Piccoli Proprietari Indipendenti (FKGP).

Dopo la crisi economica mondiale del 2009 e con l’inizio dei flussi migratori verso l’Europa, Orbàn, con i suoi ideali forti e decisi, come il populismo e il nazionalismo, inizia ad ottenere, dalla paura di persone povere che hanno perso il lavoro, sempre più consensi.
Lo stesso avvenne in Germania dopo la crisi di Wall Street dalla quale ricavò vantaggio un uomo che nei successivi anni causò oltre 6 milioni di morti e una disastrosa guerra che piegò metà mondo.

Quindi, nel 2010, Viktor Mihàly Orbàn ottiene il potere politico con Fidesz, con la totale maggioranza ai seggi.
Orbàn, con la possibilità di fare quasi qualsiasi riforma, ha assunto sempre più potere fino a controllare quasi totalmente la stampa nazionale e a creare leggi antidemocratiche verso i migranti, violando le norme dell’Ue.

Tra i provvedimenti c’è anche qualcosa di positivo, come ad esempio l’investimento economico riguardo l’aumento del tasso dell’incremento naturale (differenza fra i nati e i morti in un determinato territorio), sostenendo economicamente famiglie che decidono di fare figli.
Purtroppo questo personaggio esegue riforme sociali ed economiche sbagliate, come la perdita della tutela sui figli per le famiglie che non possiedono un reddito adeguato.

L’errore più grave però avviene con l’approvazione e l’entrata in vigore della legge sugli straordinari, legge soprannominata dall’opposizione:’’legge della schiavitù’’.
Questa legge toglie quasi tutti i diritti ai lavoratori, perché essa riguarda l’obbligo ai lavoratori di svolgere oltre 400 ore annue di straordinario, senza essere pagati. Li costringe inoltre a lavorare anche oltre le 40 ore settimanali e con la prospettiva di essere pagati non subito, ma entro tre anni.

Il ministro giustifica questa riforma, dicendo che attrarrà multinazionali, portando posti di lavoro, ma deve ricordarsi che se ti trovi in Europa, multinazionali vuol dire Unione europea.
Peccato che il governo ungherese stia violando costantemente alcune sue fondamentali norme, come quella tutelante il Welfare, e così l'Ungheria sta rischiando di essere espulsa dall’Europa.
Le grandi ditte, a questo punto, rimarrebbero all’interno del mercato unico europeo per beneficiare del libero scambio, spostando le sedi e lasciando a casa milioni di lavoratori, fregando Orbàn e le sue stesse leggi.

Speriamo che l’Ue faccia valere la sua autorità senza “cacciare’’ l’Ungheria e che gli ungheresi capiscano in che falsa democrazia vivono, per il bene delle loro famiglie, per il bene dell’Europa e per il bene del mondo intero.

Il populismo è pericoloso e va eliminato ADESSO.


Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
22/05/2018 09:28:00
Finalisti nazionali Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"

23/01/2016 15:41:00
Il Perlasca in Inghilterra Torna dopo un anno, uno dei progetti più richiesti e qualificanti che si possono sperimentare frequentando l'Istituto Superiore di Valle Sabbia


23/11/2017 08:03:00
Normali che si sentono fortunati Solo grazie all'incontro con la diversità è possibile crescere in consapevolezza. Lo sanno bene i ragazzi dell'Itis Perlasca di Vobarno, per come hanno trascorso la loro giornata di autogestione programmata


03/02/2013 09:00:00
L'Itis di Vobarno mette... l'ala Mezzo milione di euro per dotare la sede vobarnese del Perlasca di sei nuove autle. E la risposta ad esigenze improrogabili di spazio per la scuola che viene scelta da un numero sempre maggiore di studenti.

14/03/2013 07:47:00
Sponsor per il grafico Ce la farà la Valle Sabbia ad essere all'altezza della sua scuola? Una domanda che si stanno ponendo in molti in questi giorni, specie all'interno del Giacomo Perlasca



Altre da Eco del Perlasca
13/07/2019

Organi di... zucchero

Dal nome potrebbe sembrare quasi come uno scherzo di “buon” gusto, invece è una tra le più moderne (e sperimentali) tecniche per ricreare organi e tessuti partendo, appunto, dallo zucchero

11/07/2019

Pagare poco, pagare tutti

Siamo davvero così sicuri che il problema fondamentale dell’Italia attuale sia l’immigrazione? Il divario fra ricchi e poveri non interessa più a nessuno?

17/06/2019

Intervista al preside

Noi della redazione del Perlasca di Idro, visto che quest’anno scolastico è per il professor Antonio Butturini l’ultimo e che fra pochi mesi potrà godersi la meritata pensione, l'abbiamo intervistato


07/06/2019

«Giochi senza età», un incontro tra generazioni

Gli studenti dell’indirizzo grafico del “Perlasca” di Vobarno hanno realizzato una brochure e un cortometraggio dedicati agli ospiti della Fondazione Casa di Riposo di Roè Volciano. Un’esperienza significativa per studenti, docenti e anziani 

20/05/2019

Il Perlasca che «spakka». E le donne ringraziano

Quattro studenti rapper sono stati premiati a Brescia al concorso “Io mi fido di Te”, per un testo contro la violenza sulle donne

14/05/2019

L'altalena dei ricordi

La mia nostalgia vagava tra vecchie foto. Ne ritrovai una scattata due anni prima, sembrava passato così tanto tempo, ma quel giorno lo ricordo come se fosse ieri...

13/04/2019

Cattamucì

Vivo in un piccolo paese vicino alle montagne, è il solito posto dove tutti si conoscono e i ragazzi vanno ancora al parchetto a fare casino.. (2)

12/04/2019

Il cuore artificiale, o meccanico

Questa fantastica macchina, nata in Russia 1937 e diventata un punto di riferimento per il trapianto di cuori solo negli anni duemila, permette di sostituire completamente e talvolta permanentemente il cuore umano

03/04/2019

I sapori vincenti della Valle

Intervista a Sara Scalvini, vincitrice di “Cuochi d’Italia” e direttrice del ristorante e trattoria “del Viandante"

02/04/2019

NonCascoNellaRete

A metà marzo, gli studenti delle classi 3ª dell’istituto Perlasca di Idro e di Vobarno, hanno partecipato al progetto - BullOUT NonCascoNellaRete – con la Polizia Postale

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia