Skin ADV
Venerdì 22 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 

MAGAZINE


LANDSCAPE



20 Aprile 2016, 16.18

L'Eco del Perlasca

Onde o materia

di Francesca Saletti
Giovedì 17 marzo 2016 dalle 9.00 alle 11.00, presso l’aula video della sede di Idro dell’”Istituto d’Istruzione Superiore G. Perlasca", si è tenuta la conferenza dal titolo “Onde o Materia?”, col prof. Giuseppe Nardelli, fra filosofia e scienza

Il relatore, il Prof. Giuseppe Nardelli, docente di fisica della facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali della sede di Brescia dell’Università Cattolica, ha affrontato una delle più importanti scoperte degli inizi del XX secolo: il dualismo ondulatorio-corpuscolare della luce e della materia.
Vista la specificità dell’argomento ha partecipato alla conferenza il triennio del liceo scientifico che, possedendo le conoscenze fisiche e matematiche necessarie, ha potuto cogliere gli aspetti più significativi e approfondire un argomento di studio dell’indirizzo.
Era presente anche un piccolo gruppo di allievi dell’Istituto allberghiero.

La relazione si è rivelata molto proficua poiché non sono stati trattati solamente gli aspetti legati alla fisica, ma anche quelli filosofici: il dualismo ondulatorio-corpuscolare non ha portato solo alla nascita della fisica moderna, ma anche a una nuova visione della realtà.

Mentre la fisica classica di Newton e Maxwell vedeva onde e particelle come due realtà distinte con differenti fenomeni legati a esse, nello specifico riflessione, diffrazione, interferenza per le onde e i principi della dinamica per le particelle, la fisica moderna evidenziò delle interazioni tra queste due realtà: le onde si comportavano anche come particelle e viceversa.

Nel 1900
Planck per risolvere la questione della “catastrofe ultravioletta” formulò una nuova ipotesi: un atomo e un’onda elettromagnetica si scambiano energia mediante quantità discrete, ovvero “pacchetti” di energia chiamati quanti.

La luce nella fisica classica era considerata un’onda elettromagnetica e perciò nel 1905 Einstein per spiegare “l’effetto fotoelettrico” ricorse all’ipotesi di Planck sostenendo che la luce era formata da quanti di energia chiamati in seguito fotoni… ma i fotoni non erano altro che particelle prive di massa.
La luce quindi pareva essere composta da fotoni che non si comportavano come particelle “classiche”, ma avevano caratteristiche ondulatorie, poiché creavano  fenomeni come quelli d’interferenza e diffrazione, cioè fenomeni delle onde.

De Broglie poi dimostrò che allo stesso modo la materia, ovvero le particelle, presentavano non solo fenomeni corpuscolari ma davano anch’esse origine a fenomeni ondulatori come l’interferenza.
Divenne chiaro ormai che onde e particelle non erano due mondi distinti ma due facce della stessa medaglia.

Questa fu una vera e propria rivoluzione all’interno della fisica, ma perché anche una rivoluzione filosofica?
Il dualismo ondulatorio-corpuscolare della luce e della materia portò alla nascita della meccanica quantistica, branca della fisica moderna che aveva lo scopo di studiare la traiettoria, il moto e le caratteristiche di queste “nuove particelle-onde”, che prese forma grazie all’equazione di Schrodinger e al principio d’indeterminazione di Heisenberg.

Heisenberg col principio d’indeterminazione sottolineò come, mentre nella fisica classica si poteva determinare con precisione velocità, posizione, quantità di moto di una particella, nella meccanica quantistica questo non fosse possibile: per individuare la posizione di un fotone bisognava farlo interagire con un agente fisico (illuminarlo, ovvero farlo collidere con altri fotoni) ma così facendo si sarebbe interferito col sistema modificandone velocità e quantità di moto…

Era quindi impossibile conoscere simultaneamente
i valori di tutte le grandezze che caratterizzavano il sistema e definirne con certezza la traiettoria.
Per questo motivo anche l’equazione di Schrodinger non forniva la posizione della particella in un dato momento, ma descriveva la regione all’interno della quale era più alta la probabilità di trovarla.

Si parla quindi di rivoluzione filosofica poiché col dualismo si accantona una fisica deterministica, basta sulla certezza, per abbracciare una fisica probabilistica, basata sull’incertezza e sull’indeterminazione.
Ancora oggi non sappiamo descrivere con precisione la traiettoria di una particella, come può essere l’elettrone e, poiché tutta la materia è composta da particelle e tutto è materia, anche la realtà di per sé è sottoposta a questa legge dell’imprecisione.

La realtà a livello microscopico è legata al caos e alla probabilità, per questo motivo l’unica certezza è l’incertezza stessa.

Francesca Saletti – quinta liceo

Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
09/03/2016 06:59:00
Insuccesso scolastico, guarire si può La proposta arriva dall'Istituto Superiore Giacomo Perlasca, che dopo aver coinvolto studenti e docenti in un percorso ri-motivante, ora si rivolge ai genitori. L’appuntamento a Idro è per questo venerdì

11/11/2016 06:16:00
In strada con le coperte Singolare manifestazione quella degli studenti del Perlasca di Vobarno, alle prese con noie tecniche all’impianto di riscaldamento

22/05/2018 09:28:00
Finalisti nazionali Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"

02/01/2014 08:08:00
Corsi per adulti al Perlasca Da gennaio fino a giugno, a Idro e a Vobarno, è una lunga serie di proposte quella predisposta dall'Istituto Superiore Giacomo Perlasca agli adulti valsabbini

12/09/2012 08:15:00
Rivoluzione digitale Il Perlasca è uno dei 20 Istituti in tutta la Provincia ad aderire al progetto "Generazione web". E cresce: gli studenti hanno superato quota mille.



Altre da Eco del Perlasca
20/02/2019

Orban: vediamo chi è

Personaggio controverso, il primo ministro ungherese ha suscitato molte polemiche a causa delle sue leggi ostiche all’Europa


19/02/2019

Dalla parte del cane 4

La donna mi guarda, sta piangendo e le lacrime le scorrono sul viso rosso e caldo...

18/02/2019

World Chase Tag

La gente ormai è abituata a vedere sempre gli stessi sport, spesso a discapito di altri emergenti che vengono oscurati. Questi ultimi prendono piede tramite il web e i social

16/02/2019

Magazzino 18

In occasione della Giornata del Ricordo gli studenti delle classi quinte del Perlasca di Idro ricordano  la tragedia delle foibe e l’esodo istriano

15/02/2019

A scuola con il Soccorso alpino

Nei giorni scorsi gli studenti delle classi quarte hanno incontrato la V delegazione bresciana del Soccorso alpino e la squadra cinofila dei Volontari del Garda

12/02/2019

Dalla parte del cane 3

L’uomo si è ritrovato a 10 centimetri da me, stranamente mi ha accarezzato la testa fino al collo ma poi mi ha preso per il pelo del dorso e ha cominciato a tirare e a dire parole incomprensibili...

07/02/2019

Il sistema chirurgico «Da Vinci»

Ultimo prodigio della scienza medica nel settore della chirurgia mini-invasiva, questa macchina permette ai chirurghi di lavorare stando seduti comodi, mentre magari il loro paziente si trova a chilometri di distanza

05/02/2019

Dalla parte del cane 2

Dopo qualche tempo avevo imparato come muovermi dentro casa e fuori, stavo attento a non avvicinarmi troppo a quell’uomo perché chissà quali conseguenze ci sarebbero state se mi fossi trovato troppo vicino, sembrava un cane rabbioso a tre teste, letale..

03/02/2019

Impegno e sacrificio

Del successo di Sara Scalvini al programma Cuochi d’Italia, abbiamo parlato col professor Stefano Pirrone. Che è stato uno dei suoi insegnanti all’Alberghiero Perlasca di Idro

29/01/2019

Dalla parte del cane 1

Simile a un batuffolo di cotone imbevuto nell’inchiostro nero, avevo circa 40 giorni, non ricordo molto di quel giorno ma l’immagine del muso triste di mia madre non la scorderò mai...

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia