Skin ADV
Lunedì 26 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 

MAGAZINE


LANDSCAPE



28 Gennaio 2019, 19.02

Eco del Perlasca

L'ultimo bambino uscito da Auschwitz

di Pietro Lorenzo Pelizzari
Oleg Mandic, ebreo ungherese, è stato l’ultimo ad uscire dal più grande campo di sterminio mai esistito all’età di soli 13 anni

Quest’intervista è stata presentata a noi studenti dalla professoressa Simona Baccolo che ha avuto la possibilità di parlare direttamente con Oleg Mandic.
Ogni volta che si avvicina la Giornata della Memoria io non posso fare a meno di ripensare a queste parole.
 
Cosa si ricorda di Auschwitz?

Mi ricordo ancora l’odore dolciastro dei corpi gettati in una buca visti all’età di 12 anni. “Quando hai dodici anni sei più curioso di quello che dovresti essere”.
Io non ho mai visto un uccello posarsi sul suolo del campo di sterminio dovuto all’area piena di fumo e della mancata presenza di erba. Mi sono ricordato di questo dettaglio solo dopo esserci ritornato.

Cosa fece dopo che vide la scritta“Arbeit macht frei” posta sul cancello dietro di lei?


Tornai in quel campo altre sei volte per ricaricare le batterie: altri vanno dallo psichiatra...io invece andavo al campo di concentramento.
5-6 anni fa sono partito da Berlino in auto con mia moglie, ma arrivato in hotel lei non si è più sentita di andarci.
Ero ugualmente felice: il sole era tramontato, il campo era chiuso ai turisti, ma io possedevo un pass particolare. Sono uscito solo un’ora dopo e quella esperienza è stata una delle cose più belle della mia vita.

Hai mai conosciuto amici o...Mengele?

Incontrai entrambi per lo stesso motivo.
Un giorno ebbi la febbre, superava i 38 gradi e fui sistemato in un reparto clinico dove conobbi Mengele.
In quel reparto con lui vi erano anche alcune coppie di ragazzi gemelli, essi entrarono 2 alla volta nello studio di Mengele, ma non uscirono mai.

Ai tempi non conoscevo il cosiddetto “Dottor Morte” anzi lo reputavo un signore giovane, distinto e beneducato.
Un giorno la febbre si alzò ad un livello pericoloso e fui trasferito in un reparto in quarantena e nella stessa stanza c’era un altro ragazzo che continuava a tremare. Facemmo immediatamente amicizia: gli parlavo del blu del mare e lui invece del giallo del grano, finché un giorno egli non tremò più.

Sapevate quello che succedeva?

Sapevamo che ognuno sapeva, ma non ne parlavamo.
L’aria era impregnata di odore di carne bruciata.

Le testimonianze che abbiamo grazie a questi personaggi che hanno vissuto direttamente quell’orrore ci portano a riflettere su quello che è successo e ciò che succede ancora.
Memorie che ci devono aiutare a non commettere gli stessi errori.

Pietro Lorenzo Pelizzari 1ªA amministrazione finanza e marketing

.in foto: Oleg Mandic internato all'età di 11 anni.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
18/01/2018 15:00:00
Oleg Mandic, l'ultimo bambino di Auschwitz Porterà la sua testimonianza questo venerdì, 19 febbraio, a Roè Volciano Oleg Mandic, da bambino prigioniero nel campo di steriminio di Auschwitz-Birkenau, con un incontro nelle scuole e uno aperto alla cittadinanza

30/01/2017 15:45:00
Oleg Mandic, l'ultimo bambino di Auschwitz Porterà la sua testimonianza venerdì prossimo, 3 febbraio, a Salò Oleg Mandic, da bambino prigioniero nel campo di steriminio di Auschwitz-Birkenau, con due incontri nelle scuole e uno aperto alla cittadinanza

01/02/2019 10:04:00
Oleg Mandic, testimonianza alle giovani generazioni Particolarmente partecipata la serata dedicata alla Giornata della Memoria, con il racconto dell’ultimo bambino uscito da Auschwitz alla platea di studenti

17/01/2018 15:00:00
Incontro con Oleg Mandic L’autore del volume «L’ultimo bambino di Auschwitz» sarà a Sabbio Chiese domani, giovedì 18 gennaio, per incontrare in mattinata gli studenti delle scuole medie e in serata tutta la popolazione

29/01/2019 10:07:00
Oleg Mandic a Villanuova L’autore del volume «L’ultimo bambino di Auschwitz» sarà a Villanuova sul Clisi questo mercoledì 30 gennaio, per incontrare in mattinata gli studenti delle scuole e in serata tutta la popolazione



Altre da Eco del Perlasca
13/07/2019

Organi di... zucchero

Dal nome potrebbe sembrare quasi come uno scherzo di “buon” gusto, invece è una tra le più moderne (e sperimentali) tecniche per ricreare organi e tessuti partendo, appunto, dallo zucchero

11/07/2019

Pagare poco, pagare tutti

Siamo davvero così sicuri che il problema fondamentale dell’Italia attuale sia l’immigrazione? Il divario fra ricchi e poveri non interessa più a nessuno?

17/06/2019

Intervista al preside

Noi della redazione del Perlasca di Idro, visto che quest’anno scolastico è per il professor Antonio Butturini l’ultimo e che fra pochi mesi potrà godersi la meritata pensione, l'abbiamo intervistato


07/06/2019

«Giochi senza età», un incontro tra generazioni

Gli studenti dell’indirizzo grafico del “Perlasca” di Vobarno hanno realizzato una brochure e un cortometraggio dedicati agli ospiti della Fondazione Casa di Riposo di Roè Volciano. Un’esperienza significativa per studenti, docenti e anziani 

20/05/2019

Il Perlasca che «spakka». E le donne ringraziano

Quattro studenti rapper sono stati premiati a Brescia al concorso “Io mi fido di Te”, per un testo contro la violenza sulle donne

14/05/2019

L'altalena dei ricordi

La mia nostalgia vagava tra vecchie foto. Ne ritrovai una scattata due anni prima, sembrava passato così tanto tempo, ma quel giorno lo ricordo come se fosse ieri...

13/04/2019

Cattamucì

Vivo in un piccolo paese vicino alle montagne, è il solito posto dove tutti si conoscono e i ragazzi vanno ancora al parchetto a fare casino.. (2)

12/04/2019

Il cuore artificiale, o meccanico

Questa fantastica macchina, nata in Russia 1937 e diventata un punto di riferimento per il trapianto di cuori solo negli anni duemila, permette di sostituire completamente e talvolta permanentemente il cuore umano

03/04/2019

I sapori vincenti della Valle

Intervista a Sara Scalvini, vincitrice di “Cuochi d’Italia” e direttrice del ristorante e trattoria “del Viandante"

02/04/2019

NonCascoNellaRete

A metà marzo, gli studenti delle classi 3ª dell’istituto Perlasca di Idro e di Vobarno, hanno partecipato al progetto - BullOUT NonCascoNellaRete – con la Polizia Postale

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia