Skin ADV
Mercoledì 20 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 

MAGAZINE


LANDSCAPE



28 Gennaio 2019, 19.02

Eco del Perlasca

L'ultimo bambino uscito da Auschwitz

di Pietro Lorenzo Pelizzari
Oleg Mandic, ebreo ungherese, è stato l’ultimo ad uscire dal più grande campo di sterminio mai esistito all’età di soli 13 anni

Quest’intervista è stata presentata a noi studenti dalla professoressa Simona Baccolo che ha avuto la possibilità di parlare direttamente con Oleg Mandic.
Ogni volta che si avvicina la Giornata della Memoria io non posso fare a meno di ripensare a queste parole.
 
Cosa si ricorda di Auschwitz?

Mi ricordo ancora l’odore dolciastro dei corpi gettati in una buca visti all’età di 12 anni. “Quando hai dodici anni sei più curioso di quello che dovresti essere”.
Io non ho mai visto un uccello posarsi sul suolo del campo di sterminio dovuto all’area piena di fumo e della mancata presenza di erba. Mi sono ricordato di questo dettaglio solo dopo esserci ritornato.

Cosa fece dopo che vide la scritta“Arbeit macht frei” posta sul cancello dietro di lei?


Tornai in quel campo altre sei volte per ricaricare le batterie: altri vanno dallo psichiatra...io invece andavo al campo di concentramento.
5-6 anni fa sono partito da Berlino in auto con mia moglie, ma arrivato in hotel lei non si è più sentita di andarci.
Ero ugualmente felice: il sole era tramontato, il campo era chiuso ai turisti, ma io possedevo un pass particolare. Sono uscito solo un’ora dopo e quella esperienza è stata una delle cose più belle della mia vita.

Hai mai conosciuto amici o...Mengele?

Incontrai entrambi per lo stesso motivo.
Un giorno ebbi la febbre, superava i 38 gradi e fui sistemato in un reparto clinico dove conobbi Mengele.
In quel reparto con lui vi erano anche alcune coppie di ragazzi gemelli, essi entrarono 2 alla volta nello studio di Mengele, ma non uscirono mai.

Ai tempi non conoscevo il cosiddetto “Dottor Morte” anzi lo reputavo un signore giovane, distinto e beneducato.
Un giorno la febbre si alzò ad un livello pericoloso e fui trasferito in un reparto in quarantena e nella stessa stanza c’era un altro ragazzo che continuava a tremare. Facemmo immediatamente amicizia: gli parlavo del blu del mare e lui invece del giallo del grano, finché un giorno egli non tremò più.

Sapevate quello che succedeva?

Sapevamo che ognuno sapeva, ma non ne parlavamo.
L’aria era impregnata di odore di carne bruciata.

Le testimonianze che abbiamo grazie a questi personaggi che hanno vissuto direttamente quell’orrore ci portano a riflettere su quello che è successo e ciò che succede ancora.
Memorie che ci devono aiutare a non commettere gli stessi errori.

Pietro Lorenzo Pelizzari 1ªA amministrazione finanza e marketing

.in foto: Oleg Mandic internato all'età di 11 anni.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
18/01/2018 15:00:00
Oleg Mandic, l'ultimo bambino di Auschwitz Porterà la sua testimonianza questo venerdì, 19 febbraio, a Roè Volciano Oleg Mandic, da bambino prigioniero nel campo di steriminio di Auschwitz-Birkenau, con un incontro nelle scuole e uno aperto alla cittadinanza

30/01/2017 15:45:00
Oleg Mandic, l'ultimo bambino di Auschwitz Porterà la sua testimonianza venerdì prossimo, 3 febbraio, a Salò Oleg Mandic, da bambino prigioniero nel campo di steriminio di Auschwitz-Birkenau, con due incontri nelle scuole e uno aperto alla cittadinanza

01/02/2019 10:04:00
Oleg Mandic, testimonianza alle giovani generazioni Particolarmente partecipata la serata dedicata alla Giornata della Memoria, con il racconto dell’ultimo bambino uscito da Auschwitz alla platea di studenti

17/01/2018 15:00:00
Incontro con Oleg Mandic L’autore del volume «L’ultimo bambino di Auschwitz» sarà a Sabbio Chiese domani, giovedì 18 gennaio, per incontrare in mattinata gli studenti delle scuole medie e in serata tutta la popolazione

29/01/2019 10:07:00
Oleg Mandic a Villanuova L’autore del volume «L’ultimo bambino di Auschwitz» sarà a Villanuova sul Clisi questo mercoledì 30 gennaio, per incontrare in mattinata gli studenti delle scuole e in serata tutta la popolazione



Altre da Eco del Perlasca
19/02/2019

Dalla parte del cane 4

La donna mi guarda, sta piangendo e le lacrime le scorrono sul viso rosso e caldo...

18/02/2019

World Chase Tag

La gente ormai è abituata a vedere sempre gli stessi sport, spesso a discapito di altri emergenti che vengono oscurati. Questi ultimi prendono piede tramite il web e i social

16/02/2019

Magazzino 18

In occasione della Giornata del Ricordo gli studenti delle classi quinte del Perlasca di Idro ricordano  la tragedia delle foibe e l’esodo istriano

15/02/2019

A scuola con il Soccorso alpino

Nei giorni scorsi gli studenti delle classi quarte hanno incontrato la V delegazione bresciana del Soccorso alpino e la squadra cinofila dei Volontari del Garda

12/02/2019

Dalla parte del cane 3

L’uomo si è ritrovato a 10 centimetri da me, stranamente mi ha accarezzato la testa fino al collo ma poi mi ha preso per il pelo del dorso e ha cominciato a tirare e a dire parole incomprensibili...

07/02/2019

Il sistema chirurgico «Da Vinci»

Ultimo prodigio della scienza medica nel settore della chirurgia mini-invasiva, questa macchina permette ai chirurghi di lavorare stando seduti comodi, mentre magari il loro paziente si trova a chilometri di distanza

05/02/2019

Dalla parte del cane 2

Dopo qualche tempo avevo imparato come muovermi dentro casa e fuori, stavo attento a non avvicinarmi troppo a quell’uomo perché chissà quali conseguenze ci sarebbero state se mi fossi trovato troppo vicino, sembrava un cane rabbioso a tre teste, letale..

03/02/2019

Impegno e sacrificio

Del successo di Sara Scalvini al programma Cuochi d’Italia, abbiamo parlato col professor Stefano Pirrone. Che è stato uno dei suoi insegnanti all’Alberghiero Perlasca di Idro

29/01/2019

Dalla parte del cane 1

Simile a un batuffolo di cotone imbevuto nell’inchiostro nero, avevo circa 40 giorni, non ricordo molto di quel giorno ma l’immagine del muso triste di mia madre non la scorderò mai...

14/01/2019

Progetto DAE

«Scuola della Valle, per la Valle, con la Valle, nella Valle» questo lo slogan da mettere in pratica. Anche per le emergenze di tipo cardio-vascolare


Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia