Skin ADV
Lunedì 19 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 

MAGAZINE


LANDSCAPE



12 Aprile 2019, 07.09

Eco del Perlasca

Il cuore artificiale, o meccanico

di Davide Lancellotti
Questa fantastica macchina, nata in Russia 1937 e diventata un punto di riferimento per il trapianto di cuori solo negli anni duemila, permette di sostituire completamente e talvolta permanentemente il cuore umano

I primi esperimenti
Il primo esemplare di cuore artificiale fu creato da Vladimir Demichov nell’allora URSS nel 1937, non si sa molto dei suoi esperimenti, ma viene comunque considerato il primo creatore di questa macchina.

Solo qualche anno dopo, nel 1952, un gruppo di chirurghi americani impiantò, per 50 minuti, un cuore artificiale che sostituì completamente il miocardio durante l’intervento.

Sebbene non fu nemmeno un’ora, questa viene considerata una pietra miliare della chirurgia perché fu il primo caso di sopravvivenza in cui una macchina sostituì il cuore.
Dopo questo esempio, molti ricercatori si sono dilettati nella creazione di un cuore che potesse essere permanente.

I modelli oggi approvati all’uso
Ce ne sono davvero pochi completamente approvati dalle società competenti nei singoli stati, quindi non è poi così raro trovare paesi dove effettuano dei trapianti illegali, come in Cina o in Messico (Stati che tra l’altro permettono molte terapie che non sono approvate in altre nazioni).
Ad ogni modo, la FDA ne ha autorizzati due.

Il primo è il “cuore artificiale completo e provvisorio CardioWest”, che ottenne la sua autorizzazione nel 2004. All’inizio fu ideato come cuore permanente, ma oggi viene solo usato come mezzo di transito in operazione dove il cuore abbia avuto un collasso biventricolare.
Ci sono stati più di 1000 interventi con questo tipo di cuore, con circa 200 pazienti salvati ogni anno. Inoltre, durante la sperimentazione clinica, il New England Journal of Medicine ha accertato che c’è stato il 79% di pazienti salvati durante il trapianto.

Il secondo modello è il “Cuore sostitutivo AbioCor” che è stato ideato anch’esso come cuore permanente. Esso è però approvato solo per pazienti che hanno malattie cardiache all’ultimo stadio e che interessano entrambi i ventricoli. Il suo primo impianto è stato nel 2009 e, su 15 trapianti riusciti, un paziente è riuscito a vivere per ben 512 giorni.

Funzionamento
Per prima cosa deve essere distinto dal VAD (assistente meccanico cardiaco) perché questo cuore rimpiazza completamente quello biologico, a differenza della tecnica sopracitata, il cui unico scopo è assistere il cuore.

La procedura è uguale a quella di un trapianto di un organo biologico, solo che in questo caso la macchina che si sta inserendo funziona ad energia elettrica ed è fatta di puro metallo.

Una volta inserito il nuovo cuore, lo si collega alle vene e arterie principali e gli si dà energia, mettendolo in moto.
Curiosamente, questo meccanismo pompa il sangue, come un miocardio normale, ma non avrà un battito perché non ci sono muscoli che si contraggono e rilassano, perciò in un EGC il paziente mostrerà la linea piatta.

Il post-operatorio
Come un trapianto normale, anche in questo caso ci sono i rischi di rigetto ed infezione, che richiedono sempre terapie ad hoc che talvolta portano pure all’espianto del cuore perché completamente rigettato.

Oltre alle normali complicazioni post-operatorie, in questo caso ci sarà un’altro problema piuttosto considerevole, il fatto che questo cuore richiede energia.

L’unico modo per fornire energia è collegare una batteria, che dura al massimo un paio di giorni e che richiede sostituzioni continue, inoltre, essendo una macchina, può avere dei problemi meccanici legati a difetti di fabbrica (anche se molto rari) oppure ad errori chirurgici fatti durante l’impianto.

Tutti lo possono ricevere?
Teoricamente sì, ma essendo una macchina complessa si usa solo nei casi in cui il paziente sarebbe deceduto se avesse continuato a tenere il suo cuore dentro al petto.

Sfortunatamente, non può essere impiantato nei bambini per due motivi.
Il primo è che i bambini crescono, mentre una macchina non può crescere, perciò servirebbero molteplici interventi di adattamento.

Per seconda cosa queste macchine non possono essere costruite sotto una certa dimensione, il che rende impossibile l’impianto nei più giovani.
Molti team sono alla ricerca di una soluzione al secondo problema, anche se la strada è molto ripida e chiederà molti anni di sperimentazione, ad ogni modo non potrebbe mai essere una soluzione definitiva, al massimo un cuore temporaneo in attesa di trovare un donatore deceduto.

In ogni caso, ricevere un cuore biologico resta la migliore opzione, ma, vista la scarsa disponibilità di cuori “veri” in rapporto al numero di richiedenti, queste soluzioni possono anche essere permanenti, sebbene con delle complicazioni.

Sono convinto che prima o poi si avrà un cuore che sostituisca completamente e soprattutto permanentemente quello biologico, così si ridurrebbe al minimo il numero di morti per indisponibilità di organi, anche perché il cuore, proprio per la sua conformazione di “semplice pompa”, è l’organo più facile, nonché l’unico, che per ora può essere ricreato meccanicamente.

Resto fiducioso nello sviluppo della scienza medica, tutto per salvare vite.

Davide Lancellotti

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
25/05/2017 11:23:00
I fattori di rischio cardiovascolare Un incontro dedicato alla salute del cuore quello organizzato questo venerdì sera presso la casa di riposo La Memoria di Gavardo, in collaborazione con l’associazione Con cuore per il cuore

29/08/2009 07:36:00
Passeggiata del Cuore Ci sarà anche il cardiologo gavardese dott. Franco Pasini alla "Passeggiata del Cuore" in programma per questa domenica con meta il Salto

23/12/2015 10:30:00
Consegnato il secondo defibrillatore È stato consegnato in occasione dei mercatini di Natale il secondo defibrillatore donato dall’associazione Fallo col cuore, nata in ricordo di Simone e Alessio Quaini

07/02/2019 07:13:00
Il sistema chirurgico «Da Vinci» Ultimo prodigio della scienza medica nel settore della chirurgia mini-invasiva, questa macchina permette ai chirurghi di lavorare stando seduti comodi, mentre magari il loro paziente si trova a chilometri di distanza

17/07/2019 09:00:00
In Irlanda con l'Avis, un'esperienza fantastica Un’avventura che ha arricchito il cuore quella sull’isola di smeraldo organizzata dall’Avis di Vestone: il fascino della natura, dai prati con ventotto tonalità di verde alle scogliere a picco sull’oceano, all’amicizia nata fra i partecipanti



Altre da Eco del Perlasca
13/07/2019

Organi di... zucchero

Dal nome potrebbe sembrare quasi come uno scherzo di “buon” gusto, invece è una tra le più moderne (e sperimentali) tecniche per ricreare organi e tessuti partendo, appunto, dallo zucchero

11/07/2019

Pagare poco, pagare tutti

Siamo davvero così sicuri che il problema fondamentale dell’Italia attuale sia l’immigrazione? Il divario fra ricchi e poveri non interessa più a nessuno?

17/06/2019

Intervista al preside

Noi della redazione del Perlasca di Idro, visto che quest’anno scolastico è per il professor Antonio Butturini l’ultimo e che fra pochi mesi potrà godersi la meritata pensione, l'abbiamo intervistato


07/06/2019

«Giochi senza età», un incontro tra generazioni

Gli studenti dell’indirizzo grafico del “Perlasca” di Vobarno hanno realizzato una brochure e un cortometraggio dedicati agli ospiti della Fondazione Casa di Riposo di Roè Volciano. Un’esperienza significativa per studenti, docenti e anziani 

20/05/2019

Il Perlasca che «spakka». E le donne ringraziano

Quattro studenti rapper sono stati premiati a Brescia al concorso “Io mi fido di Te”, per un testo contro la violenza sulle donne

14/05/2019

L'altalena dei ricordi

La mia nostalgia vagava tra vecchie foto. Ne ritrovai una scattata due anni prima, sembrava passato così tanto tempo, ma quel giorno lo ricordo come se fosse ieri...

13/04/2019

Cattamucì

Vivo in un piccolo paese vicino alle montagne, è il solito posto dove tutti si conoscono e i ragazzi vanno ancora al parchetto a fare casino.. (2)

03/04/2019

I sapori vincenti della Valle

Intervista a Sara Scalvini, vincitrice di “Cuochi d’Italia” e direttrice del ristorante e trattoria “del Viandante"

02/04/2019

NonCascoNellaRete

A metà marzo, gli studenti delle classi 3ª dell’istituto Perlasca di Idro e di Vobarno, hanno partecipato al progetto - BullOUT NonCascoNellaRete – con la Polizia Postale

17/03/2019

Un tuffo nel passato ricordando Leonardo Da Vinci

A 500 anni dalla morte del genio italiano, anche noi studenti lo ricordiamo

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia