Skin ADV
Mercoledì 18 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 





07 Marzo 2017, 15.44
Idro Bagolino Anfo Giudicarie
Eridio

Livelli del lago: parla Gilmozzi

di red.
L'assessore all'Ambiente della Provincia Autonoma di Trento, Mauro Gilmozzi, ha invitato la Regione Lombardia ad un tavolo che coinvolge tutti gli attori del territorio per la revisione del regolamento di gestione del lago datato 2002

In merito all'ipotesi paventata da molti, attorno al lago, circa l'intenzione del Trentino di accogliere come regola futura di regolazione del lago quella di metri 3,25 dettata dal regolamernto del 2002, chiarificatrice è la presa di posizione odierna della Provincia autonoma, ed in particolare dell'assessore Mauro Gilmozzi.

«L'Accordo sottoscritto da Provincia autonoma di Trento e Regione Lombardia recentemente a Tione - protocollo operativo temporaneo per la gestione coordinata del Lago d'Idro e dei serbatoi dell'Alto Chiese - ha una doppia valenza».
Così si legge su un comunicato della PAT diffuso qualche ora fa.

Riportiamo il comunicato nella sua forma integrale:

«Da un lato, la condivisione bilaterale dei criteri di regolamentazione del lago per assicurare un'escursione massima non superiore a 130 cm (livello minimo 367,20 m s.l.m.), con un effetto sospensivo rispetto a quanto previsto dal Regolamento del 2002 (escursione max. 325 cm); dall'altro, la decisione dell'assessore all'ambiente Mauro Gilmozzi, di invitare la Regione Lombardia ad un gruppo di lavoro, una "proposta aperta" e trasparente che coinvolge tutti gli attori del territorio, per la revisione del Regolamento, le cui norme tornerebbero in vigore quando cessa l'efficacia del Protocollo, ovvero nel 2020. L'invito è stato formalizzato in queste ore dall'assessore».
 
La proposta dell'assessore Mauro Gilmozzi al sottosegretario alla presidenza della Lombardia Ugo Parolo è precisa: quella di attivare fin da subito un gruppo di lavoro al quale affidare sia la concreta implementazione dell'Accordo, sia la definizione della proposta per attivare un percorso di coinvolgimento di tutti gli attori del territorio, finalizzato alla revisione del Regolamento 2002, in una logica di tutela e valorizzazione del lago.

«Al centro delle nostre azioni - ribadisce l'assessore Mauro Gilmozzi  - c'è innanzitutto la tutela e la valorizzazione del lago nel rispetto e nell'interesse delle popolazioni che ci vivono.
E' proprio per questo impegno assunto insieme e pubblicamente, che mi permetto ora di avanzare la proposta di lavorare di concerto con la Regione Lombardia».

Già a Tione, in sede di firma del protocollo, a metà febbraio scorso, l'assessore Gilmozzi e il sottosegretario alla presidenza della Lombardia Ugo Parolo avevano sottolineato il ruolo centrale del Lago d'Idro:
«Le acque del fiume Chiese, che confluisce nel Lago d'Idro, alimentano le centrali idroelettriche trentine, garantiscono la vita delle popolazione locali e l'agricoltura lombarda.
Su questi aspetti lavoriamo insieme per trovare risposte ad esigenze precise.
Alle popolazioni locali dobbiamo garantire opportunità di sviluppo e qualità della vita».
 
Che due amministrazioni diverse - Provincia autonoma di Trento e Regione Lombardia - condividano regole comuni per garantire le modalità di regolazione del lago d'Idro, concordando di avvalersi di un Regolatore idraulico (nominato di concerto), ha un significato pregnante non solo per l'equilibrio ecologico del lago e dell'economia turistica dell'area lacustre ma anche in prospettiva futura.

Il Protocollo operativo temporaneo
di cui all'Accordo in questione, infatti, ha validità fino alla conclusione dei lavori di messa in sicurezza del lago e, comunque non oltre il 31 dicembre 2020.

In questo Protocollo si prevede che l'escursione del livello del lago sia contenuta entro 130 cm rispetto alla quota di massima regolazione (attualmente consentita a 368,50 m slm dal ministero delle infrastrutture e trasporti- Direzione generale delle dighe).
Ma ciò rimane valido fino alla fine del 2020, dopo entrerebbero in vigore le norme contenute nel Regolamento del 2002 che indica detta escursione in 325 cm.

Il gruppo di lavoro proposto alla Regione Lombardia dall'assessore all'ambiente Mauro Gilmozzi, nella consapevolezza degli impegni assunti, ha la finalità di avviare un percorso condiviso per stabilire i livelli idrici più favorevoli non solo alla vita del lago e del suo ambiente, ma anche all'equilibrato contemperamento degli interessi in gioco.

Poco meno di tre anni ci separano dalla fine del 2020, un tempo utile e sufficiente affinché due Enti come Provincia autonoma e Regione Lombardia trovino una condivisione piena nell'interesse della collettività.

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71364 - 07/03/2017 17:16:29 (Cipi2) risposta
Dire che il protocollo operativo temporaneo garantisca un'escrusione di 1.30m è assolutamente fuorviante. L'escursione di 1,30m è garantita dalle opere esistenti non adatte a sopportare escusioni maggiori(secondo registro dighe ecc..) e solo con le nuove opere si potranno avere escursioni maggiori. Ciò significa che le opere vengono fatte solo per permettere escursioni maggiori...il resto (sarò categorico) è fuffa...


ID71372 - 07/03/2017 21:49:06 (Leonardo10) e i comuni lacustri?
Per una volta concordo con Cipi2, questa è solo fuffa. Un ente gestore partecipato da Regione Lombardia e provincia di Trento avrò il compito di tutelare precisi interessi. A valle degli agricoltori e dei produttori di energia (Lombardia), a monte delle dighe trentine (Provincia di Tn). Perchè dell'ente gestore non fanno parte anche i comuni lacustri? Chi lo ha firmato?


ID71374 - 07/03/2017 22:01:35 (blb) il paese delle meraviglie
... e senza dubbio una buona notizia...gia 'annunciata per altro... praticalmente se ho ben capito Trento Regione e Lombardia si trovano il 16 febbraio e firmano per il ritorno all' escursione post opere a 3,25...quelli della Lombardia non fanno quasi in tempo a tornare a casa con la macchina che vengono richiamati da Gilmozzi per risedersi al tavolo a ridiscutere della regola... boh .... il paese delle meraviglie... viste le premesse forse e' il caso di vedere i fatti prima di gioire


ID71379 - 08/03/2017 09:06:54 (blb) aggiungo:
Questa notizia da ragione a chi aveva sollevato forti perplessità e contrarie prese di posizione sulle decisioni inerenti alla futura regolazione dell'accordo appena concluso


ID71394 - 09/03/2017 10:19:54 (alex.marini)
Gilmozzi predica bene e razzola male. A gennaio scrive che non ritiene utile coinvolgere i rappresentanti delle comunità locali nella definizione e nel controllo delle regole per la gestione idrica poi a marzo annuncia di voler fare gli interessi delle comunità locali http://www.trentino5stelle.it/accordo-trentino-lombardia-sul-lago-didro-si-addensano-nubi-fosche/


ID71400 - 09/03/2017 14:04:51 (Cipi2) schifo
Gilmozzi in clima elettorale...Prima concorda in esclusiva con RL l'escursione post opere a 3,25 e poi chiede che la gestione sia condivisa?verba volant scripta manent.. ripeto: fuffa!


ID71943 - 07/05/2017 17:12:34 (Dru) Se votate me
Vi prometto che installerò una portaereri nel lago.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2017 07:15:00
«Rapporto annuale» Le opere per regolare il lago, i suoi livelli e l'ultimo accordo firmato dal sindaco Nabaffa, all'ordine del giorno del convegno aperto a tutti atteso per questa domenica a Idro

27/12/2016 08:09:00
Grazie ad un emendamento dei 5Stelle Anche il Consiglio provinciale di Trento è d'accordo: Gilmozzi «i livelli del lago dovranno avere un'escursione contenuta: lo vogliamo noi, lo vuole la Lombardia»

01/07/2015 07:11:00
Acque trentine per l'agricoltura lombarda E' stato sottoscritto ieri a Trento un accordo sull'utilizzo delle acque del Chiese, che prevede maggiore disponibilità dei bacini a monte del lago d'Idro. Scongiurati così danni economici per l'agricoltura e livelli troppo ballerini per il lago


07/01/2017 08:05:00
Livelli del lago, partita ancora aperta Le precipitazioni sono scarse, il lago d'Idro riesce ad ogni modo a garantire il minimo deflusso vitale al fiume Chiese. Coi lavori per le nuove opere di regolazione al via, quella dei livelli, è una partita ancora tutta da giocare

14/11/2016 09:15:00
Ecco l'accordo sull'Eridio Accordo sottoscritto fra Regione Lombardia e Provincia di Trento, da noi anticipato settimane fa. Fissate le nuove regole per l'utilizzo dell'acqua del lago a scopo irriguo, prevista la costruzione di nuove opere di regolazione, di un percorso ciclopedonale e del collegamento in galleria con la Valvestino



Altre da Anfo
17/10/2017

Avviso pubblico dal Comune di Anfo

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Anfo relativo alla convocazione di una Conferenza di Servizi per la procedura di Vas - Variante Piano del Governo del Territorio

14/10/2017

Il «vaso» di Anfo

Chi sia la novella “Pandora” ad Anfo, in questo momento, non è facile da capire. L’omologo “vaso”, però, sembra proprio che sia stato aperto

13/10/2017

«Silurato» ad Anfo il vicesindaco

Bufera sull'amministrazione comunale di Anfo, dove il vicesindaco, eletto col maggior numero di preferenze, è stato suo malgrado degradato a consigliere semplice. Alla base di tutto una vicenda nel mirino del Demanio, che potrebbe portare altri sviluppi


09/10/2017

«Sulle tracce di un eroe dimenticato»

Si terrà il prossimo venerdì, 13 ottobre, alle ore 20.30 presso il Museo della Rocca d’Anfo la presentazione del libro di Emanuele Marini. L’autore conversa con lo storico Marcello Zane

09/10/2017

Omaggio teatrale alla beata Irene

Anche la beata Irene Stefani, originaria di Anfo, fra i protagonisti del primo Festival nazionale della Missione, atteso a Brescia dal 12 al 15 ottobre


04/10/2017

Malore ai Tre Capitelli

Uscendo dalla galleria lungo la 237 del Caffaro, fra i territori di Anfo e Idro, ha sbandato ed è finito contro il muro. Con lui c’era anche la moglie ed è andata bene: pochi danni fisici per entrambi

04/10/2017

«La Valle Sabbia rivoluzionaria e napoleonica»

Anticipiamo ai lettori di Vallesabbianews, la parte dell'intervento di Giancarlo Marchesi alla prima serata di “Gente di Vallesabbia”, dedicato all’edificazione della Rocca d’Anfo napoleonica

25/09/2017

Alta Valle Sabbia Soccorso, una famiglia al servizio degli altri

Inauguriamo il viaggio di Vallesabbianews all’interno dei gruppi di soccorso valsabbini con un’intervista a Carlo Beltrami, presidente di Alta Valle Sabbia Soccorso – gruppo di Ponte Caffaro

25/09/2017

Si ribaltano sulla 237, illesi

In due dentro ad una Punto, con l’asfalto viscido per la pioggia, si sono ritrovati ruote all’aria lungo la Provinciale fra la rotonda di Sant’Antonio e Ponte Caffaro



23/09/2017

Nuovi fondi per il collettore Anfo-Ponte Caffaro

All’interno di un finanziamento regionale destinato ai laghi prealpini, sono in arrivo in Valle Sabbia ben 1,6 milioni di euro per completare il sistema di depurazione (2)

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia